I miei Video clips furlans

Loading...

28 mar 2009

Verlaine


Semai une dí us sucêt di tornâ a cjase di buinore, cirît di impensâsi di chiste poesie, magari dome dal prin viers e, recitaitle ae vuestre biele tant ch'o i dais lis rôsis ch'o varès a pene robât pe strade magari tai orts di chei âltris. 
Se come me o varês vût le furtune di vê une amant comprensive, a nol sarès strani se plui tart o decidarês di fâi  un macet di rôsis in dí, par dute le vite.

Semmai vi succedesse di tornar a casa al mattino presto, cercate di ricordarvi di questa poesia. Magari solo dei primi versi che reciterete alla vostra bella porgendole il mazzo di fiori,frutti e rami che avrete appena colto per strada magari nei giardini degli altri...
Se come mé, avrete la fortuna che la vostra amante vi capisca, di sicuro che le farete poi la promessa di porgerle un mazzetto al giorno ogni mattino e per tutta la vita:-)

Vé achi pomis, flôrs e rams
E po vé achi il gno cûr ch'a nol bat che par vô
No stait a sbregâlu cun lis vuestris blancjis mans
E ch'ai vuestris vôi chest umil regâl al sêti biel

O rivi ancjemó cuviert de rosade
Che il vint dal matin al ven a glaçâmi tal cernêli
Sufrît che la me strachece ai vuestris pîst a si poni
E ch'a s'insumii di cjârs moments  ch'a le rilassarà 

Sul vuestri sen lassait rundulâ il gno cjâf
Ancjemó dute sonore des vuestris ûltimis bussadis
Lassaitle cuietâsi de buine tempieste
e ch'o duarmi un pôc se vô o ponsais.

Ecco qui dei frutti, dei fiori e dei rami
E poi ecco qui il mio cuore che batte solo per voi
Non strappatelo con le vostre bianche mani
E che ai vostri occhi l'umile regalo sia gradito

Arrivo ancora coperto di rugiada
Che il vento del mattino mi ghiaccia sulla fronte
Soffrite che la mia stanchezza ai vostri piedi si riposi
E che sogni di cari momenti che la calmeranno

Sul vostro seno lasciatemi rotolar la testa
Ancor tutta sonora dei vostri ultimi baci
Lasciatela calmarsi della buona tempesta
E che io dorma un po se voi riposate



4 commenti:

Anemone Viola ha detto...

Se il muros al torne a cjase a bunore...beh...al pos ancje tegnisi las rosces e dut ce che al po ve cjapat su par strade...ma dolà ese stat fin che ore?!??! e no...no me la conte juste!

Bune domenie Jaio!

Anonimo ha detto...

favolosi gli ultimi versi...
Verlaine,che romanticone...:-)
mandi!
Chapu

Jaio ha detto...

Alore plui nue macèts par dute le vite:-)?
Puès dâsi ancje che cuant ch'al à volût jentrâ tal jet al jere cussí glaçât ch'al si é fat parâ fûr. Puès dâsi ancje ch'a nondere nancje un vâs par meti lis rôsis.Puès dâsi ch'a no i vêti mai perdonât e al é di sigûr par chel che vuê, nissun a si ricuarde di jê:-)

Jaio ha detto...

Ciao Cap, Di sicuro, per poterli scrivere, cualcuna l'aveva ispirato e se non avesse mai fatto quello che voleva fare coi versi, chissà quanti di noi ha ispirato. Chi é quel uomo che dopo chissà quale combattimento non gli piacerebbe entrare nel letto caldo di una donna e perdersi tra le lenzuola?