I miei Video clips furlans

Loading...

30 mag 2009

L'influenza Magritte

Museo Magritte Bruxelles

O savin ch'a Magritte a i plaseve di fâ scherzos e le sô opare a no é âltri che une sucession di scherzos che, piturâts a son deventâts oparis.Le idee a é chê di fâcji pensâ ce che prime no tu pensavis, al diseve. Al é deventât pitôr par câs. A i dave fastidi di piturâ ma al scuignive fâlu par ilustrâ lis sôs ideis. Chi o vês il video dal museu ch'a si vierç martis ch'al ven.

Martedì 2 si apre il museo Magritte. Questa volta ve lo dico con un video che vi mostra l'interno e l'esterno.

28 mag 2009

La bande di Sandri / The Sandri band

Le bande di Sandri nus dà une cerce di ce ch'al puès deventâ une vilote furlane sa si met un tic di salse di New Orleans: Al fâs deventâ furlans ancje i australians.Sandro é un friulano di Melbourne che scorrazza il continente con la sua band di australiani friulanizzati portando in giro un repertorio fatto di canzoni friulane arrangiate con molto gusto e buon umore. Da ascoltare assolutamente!

26 mag 2009

Elezions/ Elezioni


Da me, lis elezions a son pe Europe e ancje regjonâls. a si cjacare di scission da un piès e nol sarès plui strani a di nissun se il paîs  al si sformàs. Spietant di savê il risultât des elezions, cualchidun a Bruxelles al veve mitût in scene un balcon surealist ae Magritte.
Cualchidun âltri al dîs che pal 2025, le cjarte de europe a sarà come achi sot. Staiso cun chei furlans ch'a toscànin o chei forèscj ch'a furlànin? Jó nos us dîs nuje ma cuissà di ce bande ch'o larês a finî?

Da me, le elezioni non sono solo per l'Europa ma anche regionali (dove si parla di scissione da un bel pó) e non sarebbe strano a nessuno se succedesse che le tre regioni del Belgio diventassero indipendenti.
Aspettando le nuove elezioni, qualcuno a bruxelles ha fatto una messa in scena e addobbato il

 suo balcone alla Magritte. Qualcun'altro dice che per il 2025 la cartina dell'Europa sarà cosí.
Voi di che parte siete? Dalla parte dei friulani italianizzanti o degli stranieri che friulanizzano? Mangiar polenta non basta. Chissà dove andrete a finire:-)

25 mag 2009

Agne Lene al telefono / Zia Lena al telefono

Cuntune grande bocje di ridi o jeri daûr a scoltâ Agne lene ch'a cridave al so gjat.
No i vevie robât une polpete tant ch'a jere al telefono?
Can dal ostie!A sintîle jê, a no veve mai vidût un gjat cussí lazaron e cussí maleducât. 
Da une bande a si lamentave al telefono cun le sô amie Gjildine, e di chê âltre a cridave sule brute bestie.Cussiché, le Gjildine a no saveve mai sa i cjacarave a jê o al gjat. E il tùi a nol saveve se i compliments a jerin par lui o par cui.
Le Gjildine che forsit no à mai vût un tùi in vite sô, a sà che il gjat di agne Lene a nol và mai su le taule, ma mai di mai tant che jê a é aí. Invesit cuant ch'al é di bessôl cun agne Lene, il gjat al và fintramai sui armârs de cusine.
E al é cussí ch'al continue di mangjâ le polpete prime di tacâ a lecâsi par ben lis moschetis. Cuant che agne Lene a varà finît di tabajâ al telefono, se dut a i và ben come al solit, al varà in premi ancjemó une polpete.Ma parcé, ogni vôlte ch'a i dà le seconde polpete jê a i cride?
Il gjat al pense ch'a an di sei compliments. Alore al spiete.



Con una grande voglia di ridere, ascoltavo la zia Lena mentre gridava al suo gatto. Non gli aveva forse rubato una polpetta? Disgraziato! A sentirla, lei non aveva mai visto un gatto cosí birbante e cosí maleducato. Da una parte lo stava dicendo al telefono alla sua amica Gildina e dall'altra gridava alla bestiaccia. Cosicché, la Gildina non sapeva mai con chi la zia Lena stava parlando. Con lei o col gatto? Il gatto invece non sapeva se i complimenti erano per lui o per chissà chi altro.
La Gildina che forse non ha mai avuto gatti in vita sua, sà che il gatto, quando lei é in casa, non và mai sul tavolo ma quando é solo con la zia Lena, va anche sui mobili della cucina.
Cosí mentre la zia continua di gridare in quel aggeggio nero, il gatto finisce di mangiarsi la sua polpetta prima di leccarsi con cura i baffi. Quando la zia avrà finito, se tutto và come al solito, in premio avrà ancora una polpetta. Ma perché mai ogni volta che gli dà la seconda polpetta lei lo sgrida? Il gatto pensa che le sue grida siano dei complimenti . Allora aspetta!

22 mag 2009

Lelo Cjanton al é lât/Aurelio Cantoni se n'é andato

Come Pasolin, ancje Lelo Cjanton al é nassût tal 1922 dome che lui al é muart il 20 e vuê al é il funerâl.
I artiscj a son da celebrâ plui che no ducj e Lelo al é stât un grant. Par fai un salût, o ai pensât di zontâ cualchi note tes sôs peraulis e di cjantâ in coro La so cjase dal bosc cul jutori di cualchi vissin.

Come Pasolini, anche Aurelio Cantoni é nato nel 1922 ma lui é morto solo l'altro giorno ed oggi ci sarà il funerale. Per accompagnarlo, per fargli un saluto, ho pensato di aggiungere qualche nota alle sue parole e di cantare in coro la sua " Casa vicino al bosco" con l'aiuto di cualche vicino.

21 mag 2009

O ce biel cjistiel a Udin

Lis gnovis peraulis
O ce biel o ce biel cjistiel a Udin (x2)
O ce biel cjistiel a Udin o ce biel di lâ lassù (x2)
E lâ sù a lâ sù cun tune pueme (x2)
E lâ sù cun tune pueme ti ven voe di fâ l'amôr (x2)
Se lâ sù, sù pe ribe a ti cji strache (x2)
Andé chê agute frescje 'te fontane cuintri il mûr (x2)


Cjistiel = Castello=Castel=Chateau=Zamek=Kasteel



Chê âltre dí, pe presentazion dal so libri, Dario Zampa al veve cjapât le ghitare e al veve intonât La casetta in Canadà che se no mi sbali nus ven dai agns 50. Le cjante cun altris cjantis par talian par un libri in furlan a no mi ere lade jù ben, soredut che o ai viodût un controlôr di sussidis che al jere lí par viodi cemût che a lave le serade. Alore, o met in circulazion chiste gnove version dal cjistiel. Cuissà che forsit il Zampa a no i vegni voe di adotâle ancje lui pal so prossim libri?
Cence gambiâ le melodie, o ai cjapât le prime strofe e le ai fate finî cence sbrissâ vie sù le zoventût come in te version cjantade. Chest,  par podê continuâ a stâ sul cjisciel zence lâ ator pal Friûl di bant o cjacarâ di cjargniei. In font, o ai rispietât le tradizion ch'a ere chê di cjapâ une melodie popolâr e zontâ altris peraulis a secont dal puèst o dal gust di chei ch'a vevin voe di cjantâ.
 Par me, le melodie a é masse romantiche par no doprâle fint insomp cun peraulis ch'a restin sul sogjet. Naturalmenti, so vês chê di zontâ le vuestre, no stait a vê pôre di fâlu.

Le villotte, sono tipiche canzoni friulane di autori sconosciuti, che sono state tramandate da un villaggio all'altro (di vile in vile) e delle cuali si conosce spesso dei testi differenti per via del fatto che, spesso, la gente riteneva più facilmente la melodia e allora riinventava le parole secondo le occasioni o il piacere dell'autore. Arturo Zardini, le conosceva tutte ed é da lí che é nata la sua passione per la musica corale. Questa, del castello di Udine é forse la più conosciuta con La Ligrie (L'allegria) e L'âgo frescjo di Ludario (L'acqua fresca di Ludaria) Tutte e tre, hanno in comune dei testi che incominciano su un soggetto e se ne vanno poi a zonzo altrove. Questo é dovuto appunto alle differenti versioni che esistevano e che infine, sono state messe insieme per farne una sola versione, che é quella che ci rimane e che forse, non ha niente da vedere con la versione originale.
A quei tempi, uno intonava una strofa e tutti poi la ripetevano in coro, non come adesso che tutto é fatto per mettere in valore l'individualismo.
Due settimane fa, a Udine, Dario Zampa, che da trent'anni fà il menestrello su e giù per il Friuli, per la presentazione del suo libro Contis e Contadis, aveveva incominciato la serata con "La casetta in Canadà"... che non m'era andata giù molto bene perché m'aspettavo a una serata tutta friulana. Cosí, nel caso che per il prossimo libro gli mancasse qualcosa nel repertorio, potrebbe forse adottare invece le nuove parole del Cjistiel:-)

Dario Talpe al Feeling di Udin pe presentazion dal so libri Contis e Contadis.

18 mag 2009

Stelutis alpinis di Arturo Zardini


Vuê un classic de musiche furlane. Une composizion di Arturo Zardini cjantade in somp di une mont da un grop di zovins che  sa son furlans a lu son sôredut tal Zardin:-) .

Oggi un classico della musica friulana. Una composizione di Arturo Zardini cantata in coro da un gruppo di giovani che dall'accento, non sono friulani

Vedi poi anche altre video con canzoni friulane 



Se tu vens cassù ta cretis,
là che lôr mi àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis:
dal gnò sanc 'l è stât bagnât.
Par segnâl, une crosute
jé scolpide lì tal cret:
fra chês stelis nàs l'erbute,
sot di lôr jò duâr cuièt.
Ciòl, su, ciòl une stelute:
je a' ricuarde il nestri ben.
Tu i darâs n'e bussadute,
e po plàtile tal sen.
Quan che a cjase tu sês sole
e di cûr tu préis par me,
il gnò spirt atôr ti svole:
jò e la stele sìn cun te.

Se tu vieni quassù tra le rocce,
laddove mi hanno sepolto,
c'è uno spiazzo pieno di stelle alpine:
dal mio sangue è stato bagnato.
Come segno una piccola croce
è scolpita lì nella roccia:
fra quelle stelle nasce l'erbetta,
e sotto di loro io dormo sereno
Cogli cogli una piccola stella:
a ricordo del nostro amore.
Dalle un bacio,
e poi poggiala sul tuo seno.
Quando a casa tu sarai sola
e di cuore pregherai per me
il mio spirito ti sarà accanto
io e la stella siamo con te.

If you come here into the mountains
Where they laid me 'neath the sod
There's a meadow full of eidelweiss
That was once wet with my blood
Just look for a little cross
That is etched there in the stone
'Neath the grass among the flowers
Where I sleep all alone

Si tu viens ici haut sur les sommets
Où ils mont enterré
Il y a un endroit plein d'edelweiss
Qui à été mouillé par mon sang
Il est marqué par une croix
Sculptée sur le roc
Entre les fleurs pousse une herbe fine
Et la dessous je dors tranquille.
Cueille donc une petite fleur
En souvenir de notre amour
Tu y donneras un petit baiser
Et tu la cacheras dans ton coeur
Quand à la maison tu seras  seule
Et tu prieras pour moi
Mon esprit atour de toi volera
Et moi et la fleur on sera avec toi

17 mag 2009

Eurovisione: Norvegia vince.


Aveniment grandiôs chel di jar a Moscje. Le Russie a veve voe di mostrâ ch'a sà fâ plui di ducj e invesit di 20 milions e a spindût 35  par fâ di chest aveniment un vêr grant spetacul. Us vevi dite che il Cirque du Soleil al varès partecipât ma nissun al si sarès spietât tancj fastos e tante tecnologjie. 
A si é dite che le metât dai schermos a leds dal mont a si cjatavin concentrâts al stadio olimpic di Moscje ma di fat, ancje i plui grancj specialiscj dal spetacul a jerin lí par fâ le lôr part. No soi di chei ch'a si entusiasmin facilmenti, massime par chest gjenar di concors ch'o no cjali da agns e indulà, che i trê cuarts des cjançons a somein fatis dutis pal stès compositôr talmenti che ducj a vueli someaa a chel dal ant prime. 
Ancje chiste vôlte al jere compagn dome che le cualitât dai interpretes a mi é someade plui âlte che tai videos des TV e che il sfuarçs de regjie par metiu in valôr a mi son someâts plui impuartants che mai.Achi al mi a someât che ancje chei ch'a son cuintri l'Europe, par cualchi ore, a si son ducj sintûts europeos.
Come simpri, la Rai e à mancjât le ocasion e a l'invît di mandâ un partecipant a no à nancje rispuindût. Par jê, i talians a no son interessâts e alore a fâs come sa nol esistès. Come ch'a veve fat cui Beatles 40 agns indaûr...



-Il vincitore Aleksander Rybak (Alessandro Pescatore in russo) sta in Norvegia da quando suo padre, violinista, decise di lasciare Minsk per ragioni economiche..
-Appena  si é sentito intonare la sua canzone tutti hanno saputo che avrebbe vinto. Perfino io:-)
- Nel 1974, la Rai disse che non poteva fare il servizio sull'eurovisione per via che la Cinquetti presentava, (un mese dopo il referendum sul divorzio), la sua canzone intitolata "Si". 
-Il Belgio é stato eliminato fin dal principio con un rock fatto da una brutta copia di Elvis Presley ma é forse il paese che ci guadagna di più visto che gli effetti speciali, la scenografia e le luci sono stati assicurati da differenti ditte belghe.
-Per l'introduzione e la finale, come già detto, Le Cirque du Soleil, s'é incaricato di far sognare e meravigliare la gente del mondo intero e far andar in delirio la gente nello stadio. Le votazioni questa volta sono incominciate con la Russia che ha fatto un collegamento con gli astronauti nello spazio...Davvero, se non avete visto lo spettacolo, per via della Rai, avete mancato qualcosa.
-Se siete di quelli sempre pronti a firmare una petizione, firmate anche quella che dovrebbe incitare la Rai a riconsiderare la possibilità di tornare l'anno prossimo. Chissà? Forse potreste finire anche voi in Norvegia per far qualcosa di made in Italy.
-Molti considerano all'estero che la canzone italiana stia perdendo in popolarità, da quando la Rai ha deciso di chiudersi in casa. E vero che sono almeno dieci anni che non si sente più una canzone italiana all'estero.
In ogni caso, gli assenti hanno sempre torto:-)
-La cantante della Turchia é una ragazza di nazionalità belga e la cantante russa é di nazionalità Ucraina.
-La canzone vincente ha ottenuto 387voti vontro i 236 e 37 del secondo e terzo. Mai nessuno ha ottenuto un risultato cosí.
La Francia, é l'unico paese che non ha dato nessun punto alla Norvegia.
Altri paesi vincitori:- L'inghilterra perché quasi tutte le canzoni erano in lingua inglese.
                                   - La Russia per il suo grande colpo mediatico.
Mistero: Chissà perché la Russia ha presentato la canzone "Mamo" (Mamma) in lingua ucraina cantata da una cantante ucraina che ha un fratello nazionalista che và in giro a distruggere i monumenti in memoria dei caduti?
Opzione: Il suo amichetto é il figlio dell'organizzatore:-)

Parole della canzone vincente: Fairytale

Years ago when I was younger
I kinda’ liked a girl I knew.
She was mine, and we were sweethearts,
That was then, but then it’s true

I’m in love with a fairytale
Even though it hurts.
‘Cause I don’t care if I lose my mind;
I’m already cursed

Every day we started fighting,
Every night we fell in love.
No one else could make me sadder,
But no one else could lift me high above

I don’t know what I was doing
But suddenly we fell apart.
Nowadays I cannot find her.
But when I do we’ll get a brand new start

I’m in love with a fairytale
Even though it hurts.
Cause I don’t care if I lose my mind;
I’m already cursed

She’s a fairytale
Yeah
Even though it hurts.
Cause I don’t care if I lose my mind;
I’m already cursed


15 mag 2009

Pecha Kucha

A Udin, tal teatro San Giorç il 29 di avrîl a vevin tirât vie dutis lis cjadreis par fâ stâ plui int ma di fat a no si jere plui di un centenâr. I condutôrs talians e an chê manie di cjacarâ par cjacarâ e prime di rivâ al sodo a scuegnin fâ il zîr dal mont di bant.Disin subite che inpins a si si indurmidís di mancul ma une vôlte ch'al scomence cui invidâts, a no tu âs timp di durmî parce che ogn'un al à par presentâ lis sôs ideis juste 20 fotos da comentâ in 20 seconts parom.Il rest dal timp al é fat par provocâ incontros jenfri chei ch'a an ideis e chei ch'a an i bêz ma soredut, jenfri chei ch'a no an ni chel ni chel ma ch'a volaressin savê cemût fâ par jessi come chei âltris.

A Bruxelles, ieri sera, lo stile era diverso. I presentatori non vanno sul palco per monopolizzarlo e vanno diritto al sodo e comunque ti succeda, troverai un posto per sedere aspettando il turno di quello che t'interessa  per vedere cosa presenterà di originale. Pecha Kucha vuol dire in giapponese il suono della conversazione e l'idea é da provocare incontri tra designers, architetti e gente che se non hanno petrolio hanno delle idee.Ma per fare la loro presentazione dispongono solo di 20 secondi per ognuna delle 20 immagini proposte. Il resto del tempo serve a provocare incontri fra quelli delle idee e quelli dei soldi ma sopratutto a far chiaccherare quelli che non hanno ne idee ne soldi.

14 mag 2009

Museo Magritte / Musée Magritte / Magritte's Museum

Si vierç il 2 di zugn il gnûf museo dedeât a Magritte. So vignîs a Bruxelles...

Inaugurazione del nuovo museo Magritte a Bruxelles, Il 2 Giugno.







Foto: Place royale by me

13 mag 2009

Eurovisione Dragone

Achi a nol si trate plui di circo che parcé che i atôrs a san fâ i saltinbancs ma a deventin atôrs di un spetacul fat par fâ insumiâ. 
No savarès mostrâ fotos parcé che cuant ch'a tu sês drentiil Cirque du soleil al é proibît di fâ fotos. e chel, forsit al é l'unic difiet. Le organizazion a é fate benissim e par fâ i biliets a si puès fâlu dome par internet. Daspó, ogni vôlte ch'a fasin alc a cj'al fasin savê. Cussi o ai a pene ricevût un messagjo ch'al dîs che sabide, pe finâl a Moscje dal concors Eurovision, 60 artiscj dal circo a parteciparan al spetacul de sieradure dal concors. Da no pierdi e da filmâ par vê le rivincite. Us ricuardi che il spetacul al é stât creât da Franco Dragone, un talian fi d'emigrât in Belgjo. Achi un filmut fat in te mostre di Dragone.

Qua non si tratta più di circo perché gli attori, se sono saltimbanchi qua rimangono degli attori per farti uno spettacolo da sogno. Non saprei mostrarvi foto, anche se sono andato a veder lo spettacolo quando il Cirque du Soleil passava di qua. Infatti l'unico difetto é che le foto sono proibite e che i guardiani all'interno te lo fanno sapere subito.
L'organizzazione invece é straordinaria, sia per lo spettacolo che per la vendita dei biglietti fatta solo via internet. Una volta iscritto, ricevi tutte le novità ed é cosí che ho saputo in esclusiva che sabato, per la chiusura dell'Eurovisione ci saranno più di 60 artisti in uno spettacolo favoloso che ormai, solo coi miliardari russi puó succedere. Non dimenticate di filmare. Vi ricordo che lo spettacolo é stato creato da Franco Dragone, un figlio di emigrato in Belgio.

12 mag 2009

L'impostôr

Lis ûltimis sôs oparis a pêsin un Kg  parom. A son sacs di plastiche peâts cun tun spâli in te parêt. Sa tu âs voe di capî ce ch'al é l'art di vuê a tu âs di sbusâ il sac e po cjalâ il savalon colâ par tiare. 
-Atu capît? 
-No?
-O torni a scomençâ. 
Finalmentri a capissin ducj e a si metin ducj a sbusâi i sacs par no fâsi rompi lis balis. 
-Chiste a é art. 
-Art di convinci, al dîsarès chel...
-Art di savê cjapâ le int pal cûl, al dîsarès chel âltri.
-Po ben, art ancje chel.
-Il salon dal Contemporary Art al jere viert dôs setemanis. 
-Tal inprin, al veve domandât che  i spazíns a no nêtin il savalon ch'al reste par tiare ma il diretôr dal salon a i veve dite che cussí , il savalon al lave a finí dapardut e ch'a nol podeve tolerâ ch'al fasedi une concurince sleâl ai vissins e nol podeve fâ netâ ducj i pàs fats cul savalon ator de fiêre. 
-Scriveitlu ben. Dissal al gjornalist.
-Ma cuâl îsal l'obietîf de tô art?
-L'obietîf al é di produsi imagjinis par ativâ la ricezion spetoriâl e sveâ i sens dal spetatôr, solecitâ il so sens critico-artistic latent e sburtâlu a rindisi cont de so non-neutralitât de cuâl al é praticamenti saturât.  
-Ma ce vino di cjatâ di artistic in tun sac di savalon?
-Percepî, al significhe sostrâ dal sac ce ch'al cj'interesse e fasint cussí, ricognossi ce ch'al cji é util.
Progjets pal futûr?
-Si, un grant  progjet susidiât pe regjon che cun l'ajût de universitât ai varès di cjapâ un ant di lavôr ma al spere jessi pront pal ant ch'al ven. 
-Ancjemó alc cul savalon?
-No, piês, imagjinis virtuâls fatis col ordenadôr dai students de universitât e deformadis cun le proiezion  in tune mieze sfere di trê metros ma, sito, no puès dî nujâltri.
-Pôre de concurince?
-Eh al dí di vuê a si à di stâ atents.
-Ma ao di scrivilu o no scrivilu?
-Scriveitlu!
Cualchi setemane dopo tal capanon di un antiquari, l'artist al ven par negoziâ il prêsit di sfere di trê metros e al si sfree bielzà lis mans cul pinsîr. Al bastarà taiâle in doi e al varà dôs emisferis invesit di une.
-Trop costie? -No, spiete, no sta a dîmilu subite, a tu âs di fâmi un prêsit. No sino artiscj ducj e doi? Jenfri artiscj a si scuen udâsi. Fâmi un biel prêsit.
- Po ben, par te, parce ch'a tu sês un artist o cji fâs un prêsit speciâl, ma veramenti speciâl, eh?
E a i conte il dopli.
No sara lui ch'al sponsorizarà i impostôrs.