I miei Video clips furlans

Loading...

25 mag 2009

Agne Lene al telefono / Zia Lena al telefono

Cuntune grande bocje di ridi o jeri daûr a scoltâ Agne lene ch'a cridave al so gjat.
No i vevie robât une polpete tant ch'a jere al telefono?
Can dal ostie!A sintîle jê, a no veve mai vidût un gjat cussí lazaron e cussí maleducât. 
Da une bande a si lamentave al telefono cun le sô amie Gjildine, e di chê âltre a cridave sule brute bestie.Cussiché, le Gjildine a no saveve mai sa i cjacarave a jê o al gjat. E il tùi a nol saveve se i compliments a jerin par lui o par cui.
Le Gjildine che forsit no à mai vût un tùi in vite sô, a sà che il gjat di agne Lene a nol và mai su le taule, ma mai di mai tant che jê a é aí. Invesit cuant ch'al é di bessôl cun agne Lene, il gjat al và fintramai sui armârs de cusine.
E al é cussí ch'al continue di mangjâ le polpete prime di tacâ a lecâsi par ben lis moschetis. Cuant che agne Lene a varà finît di tabajâ al telefono, se dut a i và ben come al solit, al varà in premi ancjemó une polpete.Ma parcé, ogni vôlte ch'a i dà le seconde polpete jê a i cride?
Il gjat al pense ch'a an di sei compliments. Alore al spiete.



Con una grande voglia di ridere, ascoltavo la zia Lena mentre gridava al suo gatto. Non gli aveva forse rubato una polpetta? Disgraziato! A sentirla, lei non aveva mai visto un gatto cosí birbante e cosí maleducato. Da una parte lo stava dicendo al telefono alla sua amica Gildina e dall'altra gridava alla bestiaccia. Cosicché, la Gildina non sapeva mai con chi la zia Lena stava parlando. Con lei o col gatto? Il gatto invece non sapeva se i complimenti erano per lui o per chissà chi altro.
La Gildina che forse non ha mai avuto gatti in vita sua, sà che il gatto, quando lei é in casa, non và mai sul tavolo ma quando é solo con la zia Lena, va anche sui mobili della cucina.
Cosí mentre la zia continua di gridare in quel aggeggio nero, il gatto finisce di mangiarsi la sua polpetta prima di leccarsi con cura i baffi. Quando la zia avrà finito, se tutto và come al solito, in premio avrà ancora una polpetta. Ma perché mai ogni volta che gli dà la seconda polpetta lei lo sgrida? Il gatto pensa che le sue grida siano dei complimenti . Allora aspetta!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

furbizia e ingenuità nel gatto...
sublime!
a presto:-)
Chapù

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Incomparabile, simpatico "gattaccio"! Dispettoso e furbetto quasi quanto il mio coniglio nano (Matisse).
Mi ricorda un po' il cartoon di Garfield....eheheh...!
.
Luciana - comoinpoesia
.

Neve ha detto...

Pindulin al pindulave, moschetin a lu cjalave, pindulin a lè colat, moschetin lu à mangiat... e jo i ai fumat a moschetin cul matarel!

Jaio Furlanâr ha detto...

Nêf,lis tôs neveadis par furlan a fasin simpri plasê tal chest Sahara o chest desert di gobos:-)

Neve ha detto...

Disin che a cheste nèf cjargnele ai plas vignì a sbancja in furlanie, grazie.

Jaio Furlanâr ha detto...

Come ch'o soi cjargniel ancje jó,(Prât, Davâr) il desert a nol podeve sei che in te basse:-)