I miei Video clips furlans

Loading...

15 mag 2009

Pecha Kucha

A Udin, tal teatro San Giorç il 29 di avrîl a vevin tirât vie dutis lis cjadreis par fâ stâ plui int ma di fat a no si jere plui di un centenâr. I condutôrs talians e an chê manie di cjacarâ par cjacarâ e prime di rivâ al sodo a scuegnin fâ il zîr dal mont di bant.Disin subite che inpins a si si indurmidís di mancul ma une vôlte ch'al scomence cui invidâts, a no tu âs timp di durmî parce che ogn'un al à par presentâ lis sôs ideis juste 20 fotos da comentâ in 20 seconts parom.Il rest dal timp al é fat par provocâ incontros jenfri chei ch'a an ideis e chei ch'a an i bêz ma soredut, jenfri chei ch'a no an ni chel ni chel ma ch'a volaressin savê cemût fâ par jessi come chei âltris.

A Bruxelles, ieri sera, lo stile era diverso. I presentatori non vanno sul palco per monopolizzarlo e vanno diritto al sodo e comunque ti succeda, troverai un posto per sedere aspettando il turno di quello che t'interessa  per vedere cosa presenterà di originale. Pecha Kucha vuol dire in giapponese il suono della conversazione e l'idea é da provocare incontri tra designers, architetti e gente che se non hanno petrolio hanno delle idee.Ma per fare la loro presentazione dispongono solo di 20 secondi per ognuna delle 20 immagini proposte. Il resto del tempo serve a provocare incontri fra quelli delle idee e quelli dei soldi ma sopratutto a far chiaccherare quelli che non hanno ne idee ne soldi.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

20 secondi per ognuna delle immagini proposte?
uno stimolo intellettivo non da poco...cosa non può, la creatività...

Mandi Jaio, buona domenica!
Capucine

Jaio ha detto...

Infatti! Buona somenica anche a te.