I miei Video clips furlans

Loading...

4 giu 2009

El balantom / Il balantuomo


Aromai al jere ore di lâ. Lis balis di cjarte ch'al tirave tal cestin a no i lavin plui drenti. Come ogni vinars, viers las 3 al meteve il cestin tal cjanton e sentât cu lis gjambis su le scrivanie al tirave drenti une bale di cjarte di tant in tant come par viodi s'al smicjave just. Chel vinars, al veve scomençât plui adore e il prin sfuei di cjarte fruçât in bale, al jere stât l'invît dal plevan par une opare di beneficenze.
-Ch'al ledi in mone, al sà bateâ dome mulis.
Jenfri un tai e chel âltri, prime al tirave lis publicitâts a pene rivadis, daspó lis notis  di siervizi ch'a no i interessave o ch'a lu fasevin lâ in bestie e finalmenti dut ce ch'a i capitave, seont il numar dal tai. Al numar 20 al alternave il tai e il tîr  cun tune blesteme, parce che di spès le bale a no i lave plui drenti.
Al jere dîs agns ch'al cirive di vê un frut cun le sô femine e  ancje  chiste vôlte al varès vût  di sigûr une frute. 
Tal cestin, le ûltime analisi a lu diseve ma lui al jere sigûr, ancjemó prime di lei, ch'al sarès stât une frute. Come simpri. E al in veve bielzà cinc. -Cinc mulis e nissun mascjo! E alore vie: Tal cestin!
Al fruçave stiçât i sfueis di cjarte  par butâ in balis dute le sô rabie tar chel cestin di miarde e tal cestin chiste vôlte le sô bale a no jere entrade ni al prin colp ni al secont porco. 
Miarde.Chest par lui, al voleve dî ch'al veve bevût avonde e ch'al scuignive tornâ a cjase. Bevi di plui al varès volût dî ch'al scuignive fâ balis cun plui rabie e bevi tant vin di scuignî spiegâ il parcé ch'al vaive. Daspó, il fiasco di nêri al jere vueit e da butâ vie ancje chel.
A cjase, come ogni vinars, le sô femine y varès fat une scenade e difat, seben ch'a lu judave a montâ i scjalins, come simpri, a no fermave i rimproveros e, a pene insomp des scjalis, par fâle tasê i veve sburtade vie disint: 
-Une femine ch'a sà fâ dome frutis a no à che da tasê! 
Po al jere entrât te cjamare cence acuargisi che le sô femine, cun le pocade, a rundulave jù pes scjalis e tant ch'al pojave il so cjavon sul cussín jê a tacave a lamentâsi sentade sul zerbin.
Tal indoman cun  l'abort de sô femine al veve pierdût il frut ch'al spietave da  10 agns!


Il pallantuomo
Erano dieci anni che aspettava di avere un figlio con sua moglie e anche questa volta di sicuro avrebbe avuto una bambina.  Nel cestino, le analisi lo dicevano ma lui lo sapeva senza leggere, ne era sicuro come sempre che era una femmina. La sesta. Ne  aveva già cinque. Allora via, nel cestino. Come ogni venerdi, metteva il cestino in un'angolo e coi piedi sulla scrivania, mandava giù un sorso di vino, prendeva un foglio e lo accartocciava per farne una pallotta che poi gettava nel cestino a due metri di distanza. Incominciava con le pubblicità appena ricevute, poi le circolari di servizio che non gli interessavano ed infine secondo il numero di bicchiere, tutto quello che gli capitava tra le mani. Questa volta, anche l'invito del parroco per una beneficenza.
-Che vada al diavolo. Sà batezzare solo femmine!
Al ventesimo bicchiere, alternava il tiro e il sorso con una bestemmia perché spesso 
la palla di carta non voleva entrare nel cestino e questa volta la palla non era entrata né al primo colpo né alla seconda bestemmia. Era il segno che si era imposto, e allora era ora di tornar a casa. Bere di più, voleva dire far palle con più rabbia e bere tanto vino da dover poi spiegare il perché piangeva. E poi il fiasco era vuoto.
A casa, come sempre, sua moglie gli avrebbe fatto una scenata e poi lo avrebbe aiutato a salir le scale per metterlo a letto ed é cosí che fece anche questa volta e lui arrivato in cima alle scale, stizzito, l'aveva spinta via come per dire che non aveva più bisogno di lei e mentre lui arrivava al letto, lei con la spinta, rotolava giù per le scale e quando infine lui accasciava la sua testona sul cuscino lei, stornita incominciava a lamentarsi seduta per terra sullo zerbino. 
L'indomani, con l'aborto di lei, perse il bambino che aspettava da dieci anni.


1 commento:

Anemone Viola ha detto...

a sucet simpri cusì. Bisugne imparà a godisi ce ca si a e no cirì une robe, iludisi di vele e dopo disperasi parcè che a no è...la vite a è une, biele o brute no vin di ruvinale pui dal dovut. Puar frut.

mandi Jaio