I miei Video clips furlans

Loading...

21 giu 2009

Cûl dal rincûl / La fortuna del rinculo




















O lu ai fat presoché cussí: O ai cjapât cualchi ûf par trai cuintri cun rabie e  no ju ai tirâts par nuje ma mi soi imagjinât i sclipignots ch'o varès podût fâ sule lastre di vêri so ju vès tirâts.
A misdí, le lastre di vêri a sarà pronte par lâ sule taule de terace a fâ biele figure sot dai plats, i vêris e il bon umôr ch'al cji met il vin bevût in buine companie.



L'ho fatto all'incirca cosí: Ho preso delle uova da scaraventare con rabbia ma invece non le ho tirate per niente ma mi sono immaginato le zacchere e gli schizzi che avrei potuto fare sulla lastra di vetro se avessi tirato le uova. A mezzogiorno, la lastra sarà pronta per andar sul tavolo a far bella figura sotto i piatti, le posate, i bicchieri ed il buon umore che ti dà il vino quando é bevuto in buona compagnia.

4 commenti:

Aldo ha detto...

dalla tua immaginazione è venuto fuori anche un Cuore (anche se sanguinolento), questo è comunque importante

Jaio Furlanâr ha detto...

Succede che il cuore torni a galla:-)

Anonimo ha detto...

mi piace molto...
se poi mi dici che contiene
l'essenza del tuorlo...
touchè!

Chapù

Jaio Furlanâr ha detto...

Se pensi quello che penso pensiamo la stessa cosa:-)