I miei Video clips furlans

Loading...

6 ago 2009

Doi chilos di argile / Due chili d'argilla

Cjapait doi chilos di tiare, dait jù cualchi pache, cualchi sberle, cualchi dreçade e piçade, cualchi stuarzude e po cualchi cjarece seont le pensade. . Daspó o lu slaparotais
e lecais cun tun massedament di âghe e polvar colorât e o lu meteis tal fór. Sa us và ben al puès vignî fûr alc di bon. Chest al é il vâs che par câs al mi jere vignût fûr che âltre dí e che cu le malve di Done Bete al varès di plasê ancje a Berluscon. Parcé chel po? Ma...Par che lu ofrisi a une des sôs feminis. Ce sao jó?

Prendete due chili di argilla e mollategli giù qualche pugno, qualche sberla, qualche pizzicotto e poi storgetela, raddrizzatela, lisciatela con qualche carezza secondo il vostro pensiero. Poi la inzaccherate e leccate con un pennello vestito di un miscuglio d'acqua e polvere colorata e la mettete nel forno a 1200°. Se avete fortuna potrebbe uscire fuori vestito di nuovo come un vaso che per caso offrirete al primo degli ultimi pensieri o all'ultimo pensiero che vi rimane in testa. Semmai siete indecisi lo tenete per voi.


4 commenti:

Anonimo ha detto...

p.s.:
comprerei l'argilla solo per (il gusto) di mollargli dei bei cazzotti!:-)

psps: ma il forno così alto con questo caldo?

certo che vederti forgiare l'argilla deve essere qualcosa di squisito.

Neve ha detto...

A jè bielisime la sensazion da l'argile ta las mans...

Jaio Furlanâr ha detto...

Il forno si trova in un angolo remoto nel laboratorio a 20m dietro casa e funziona solo la notte Buon WE

Jaio Furlanâr ha detto...

Al é come vê la nêf ma ae mancul frêde:-)
Mandi e bon WE