I miei Video clips furlans

Loading...

29 set 2009

Il vaso gufo / Il vâs çus

So cjalais achi dongje a diestre in te liste dai blogs, o cjatarês un furlan argjentin ch'al esulte.
Di fat, da lui, a scomence le vierte cuant che da nô al scomence l'atom. Al mi plasarès vê une cjase a là e une achi e vivi dome in primevere e istât. Ce disêso? Intant, par consolâus us met cualchi rôse tal vâs çus.

Se guardate qua vicino a destra nella lista dei blog, troverete un friulano d'Argentina che esulta.
Infatti, da lui incomincia la primavera mentre da noi incomincia l'autunno. Mi piacerebbe aver una casa in Argentina ed una qua. Potrei vivere cosí solo in primavera ed estate. Cosa dite? Intanto per consolarvi mi ho messo qualche fiore nel vaso gufo.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Tant biel ancje chest vas, Jaio. Cundipì che a mi i gufs e lis civetis a mi plasin cuissà ce tant. Une copie di civetis a mi son stadis par ains su le teraze dal bagno, sot le gronde dal tet da le cjase. Chest an po stai ca vedi fat San Martin di atris bandis.

Vevi za viodut il blog di Galliano. Jo scielzares di vivi sol in primevere.

Mandi
Done Bete

Jaio Furlanâr ha detto...

Biele chê des çuitis. Nô o vin invezit lis parussulis sôre de puarte de terace. Ce nininis che son!Le Vierte dut l'an, chel sí ch'al sarès biel ma indulà vatu a cjatâ le stesse stagjon quatri vôltis? Cun dôs, al é bielzà plui pussibil. Lassimi fâ un insium:-)

Neve ha detto...

Benedet di Jaio, tu as il gno stes desideri, hai simpri sumiat di podei trasferimi di un'atre bande quant cal ven l'atom a chi di nò, pero las çiuvitas mis plas ma i ten a las usançes di une volte: chel'atri ant pa la prime volte i'ndai jodude une e da dongje, ere di buinore buinore e lavi avore e poc dis dopo o ai disfat dos machines alore mior che mi stedin lontanes, ançje se tai ultims dis andè une ca mi çjante ogni not fur dal balcon di çjamare! :S No mi plas!
O mi smenteavi la robe plui important: Biel il vas, bravo!

Anonimo ha detto...

Due volte ho notato delle civette che cantavano .
La prima è poi morto mio padre , la seconda mia madre.
E dire che questi animali mi piacciono tantissimo , come i gufi , le aquile ed i falchi.
Pare che le civette , nella solo sapienza , annuncino appunto la morte o comunque qualcosa di non simpatico.
Forse si tratta di stare un po' attenti e magari di prendere qualche piccola cautela.
Due giorni fa ho sognato 7 carri funebri , tutti uguali precisi che passavano a lato della mia chiesa.
Vicino me , con il vestito a lutto , c'era il Sindaco del mio paese ( una biondina , anche giovane ) ed un ex assessore ( uno stomizzato ) che aveva in mano un mazzo di fiori viola , molto fitto.
I vecchi mi dicevano che sognare i fiori era il peggior segno di morte.
Ho avuto altri sogni terribili e solo dopo gli eventi li ho interpretati.
Ho quindi imparato a vivere alla giornata e comuqne non ho paura di morire , ma con tutto quello che ho da fare e che ho quindi in sospeso , mi spiacerebbe.
Mandi.
Sandro.

Anonimo ha detto...

Bello il vaso.
Sandro.

Jaio Furlanâr ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jaio Furlanâr ha detto...

No sai se i çus (Gufi) a puartin le stesse malegjigje (Scalogne). A mi somein plui serios che lis civuitis. O sai ancje ch'a 'nd é int che fâs colezion di çus (Statuetis). In Francês, civuite a si dîs chouette, e par dî: ce ninin, ce biel,ce fortune...A si dîs: C'est chouette:-)
Par finî, a si crôt dome a ce ch'a si ûl crodi:-) Mi, mi larès ben di crodi che s'o ai voe di vivi dome in vierte e istât o scuen scomençâ a vierzi il gno pensâ:-)
Mandi

Anonimo ha detto...

Po ben, alore, se lis çuitis a son ladis vie vorà dì che no varai plui fastidis, parcè so ves di dai credit a lis credincis o vares masse di ce contà

il mal e la muart a fasin part da la vite

Jai une colezion di 4 çuitis e un çus comprats tra Villach, Vignesie, Comacchio e Chioggia.

Mandi
DoneBete

Anemone Viola ha detto...

Biel, mi plas tantiscim, ancje las rosces che tu as metut.

Galliano ha detto...

Dentri di siis mes, tornin a fevelâ
e tu saràs tu a esultâ
cjapin ce che nature nus da
se no dut un ,macel deventarà.

Mandi, stami ben, Galliano

Jaio Furlanâr ha detto...

Ostie, simpatic il Gallian, al mi à mitût dut in rimis daurman.
O volarès distès contâ cualchi primevere in plui cuant ch'a sarà l'ore di tirâ le cuarde:-)

Anonimo ha detto...

da dove ti è nata l'idea del vaso gufo?
lo trovo simpatico, anche se di notte lo metterei senz'altro fuori...

buine gnot
capucine

Jaio Furlanâr ha detto...

In poesia, presumo, quando scrivi una parola, non sai mai come sarà la prossima.Nel disegno succede la stessa cosa. Una linea, una curva o una dritta, un rilievo, una tetta, un pensiero, un riflesso, un caso, una rabbia, un sorriso e non sai dove vai a finire.Poteva essere un vaso goffo
ma per caso é gufo.Anche i fiori, la notte stanno meglio di fuori. Concedo:-)