I miei Video clips furlans

Loading...

30 ott 2009

Il dí dai muarts e Ognissanti

Lis imigradis di Udin, tai agns 50, a jerin lis siervis cjargnielis che i borghesuts, grancj e piçui, a paiavin bielzà in nêri ancje se propit a no jerin immó rivâts i nêris de Afriche. Jê a veve vût furtune. Le copie di merecans i voleve bon e a varès volût puartâle in Americhe se chest a nol vès fat masse pôre a sô mâri e alore, a jere finide in Svuizare in tun paisut plen di cjargniei:Couvet.

Alà, a veve tirât su i trê fruts come une mâri pal so paron divorziât ch'al tignive un albergo. Cussí a si jerin maridâts e a i veve dât ancje une cuarte frute che a jere deventade le plui cjargnele de famee ma ancje inzegnîr.

Nuje matrimoni in glêsie parcé che pal plevan, maridâ un divorziât al jere come vê la peste.

Alore jê a jere lade di chê âltre bande de strade tal templi protestant. Miôr di cussí a si mûr a veve dite. E ben, al é ce che a à fat...Cincuante agns dopo. Scuâsit par ridi.

Cussí, un centenâr di nô ch'a vignivin da ducj i paîs fûr che da l'Italie,o sin ducj lâts al templi protestant pal funerâl e o ai da dî che li, nissun plevan al si cjape par un vescuf o par un pâri eterno. Lí, ancje un pastôr di doi metros al fâs dut plui sempliç e plui curt. Nuje dies irae par intimidî i omps o de profundis par sbregâ lâgrimis aes feminis, nuje dramatisazions,dome cualchi toc di musiche classiche fate al orghin dae so femine. Il rest dal funerâl al é come dapardut: Un discorsut su le biografie, un pater noster da spedî in caelis par meti miôr cualchidun in terrae ma cence benedizions benedetinis o siamaneschis cun âghe salade ai fedêi inzenoglâts. No, li ducj impins o sentâts.

Di fûr, il sorêli al nus faseve fieste tai vôi. A si dismenteâve i pinsîrs nêris e i nêris des cotulis a someavin plui clârs e plens di sperancis.

Il non di cheste cjargnele, jenfri lis tombis cjamadis di francês e todescs al starà in buine companie cun chei âltris cjargniei e furlans li dongje.Sí parcé che Rina Agostinis a jere une dai sessante davarês ch'a si cjatavin a Couvet tai agns 60. Mi lu à dite le ûltime dai moicans des cjargnielis ancjemó aí che mi à dât lis fotos: Siore Ane Bubolin. So ricognossês cualchidun, di sigûr al sarà muart da un piès. Si nó,o sarês o masse zovins o no avonde cjargniei o ben come me, di un âltri paîs.

Lant fûr dal simiteri, o soi passât pe scuele elementâr.

Une maestrute bionde come une madone a cirive di fâ capî alc a une dai svuizaris di doman: Une frutine africane.

So passarai di chê bande il dí dal so funerâl, o il dí dai muarts, us fasarai cualchi altre riflession su le vite ch'a ven di une bande tant che a s'in và di chê âltre.Si no, o scuignarês fâlu vuâltris.




Le immigrate di Udine, negli anni 50 erano sopratutto le carniche che i piccoli e grandi borghesi utilizzavano come serve pagandole in nero ancor prima che arrivino le africane. Ma lei aveva avuto fortuna. La coppia di americani per i quali lavorava ,le voleva bene e l'avrebbero presa con loro per andare in America se non fosse stata la paura dei parenti. Cosí, si trovó a Couvet, in Svizzera, in un paesello pieno di carnici e friulani. Là, nel ristorante-albergo del padrone divorziato, faceva anche da madre ai suoi tre figli ed é cosí che si sposarono ed ebbero un'altra figlia che se diventó la più friulana di tutti gli svizzeri divenne anche ingegnere. Per il matrimonio, oltre al civile, ci voleva il religioso ma sposare un divorziato per la chiesa cattolica era come aver la peste. Salvo per la chiesa protestante e li bastava attraversar la strada. Meglio di cosí si muore, disse lei. Ed é cosí che al funerale eravamo un centinaio di noi nel tempio protestante.Lí, tutto più semplice. Niente oro e statue. Niente drammatizzazione ad oltranza.Tutti inpiedi o seduti, nessuno in ginocchio.Niente preti che si prendono per vescovi o padri eterni, solo un pastore di due metri per condurre la cerimonia con l'aiuto di sua moglie organista. Niente dies irae per intimidire gli uomini o de profundis per far piangere le donne, solo musica classica tra un discorsetto sulla biografia della eroina del giorno e un pater noster da spedire in caelis per metterla meglio in terrae. Di fuori il sole ci faceva festa negli occhi e ci schiariva i pensieri neri come le gonne di circostanza che sembravano più colorate. Al cimitero, tra le tombe zeppe di nomi francesi e tedeschi, il nome di Rina Agostinis ormai cambiato in Langenegger riposerà tra altri nomi non solo friulani ma perfino del suo proprio paese. Infatti, negli anni 60 c'erano più di una sessantina di carnici suoi compaesani.

Me lo ha detto l'ultima dei moicani e cioé di Ovaro ancora in vita che mi ha anche fornito le foto.

Se riconoscete qualcuno, di sicuro sarà morto da un pezzo. Altrimenti o siete troppo giovani oppure abitate in un'altro paese come me.Uscendo dal cimitero, se avete fortuna di passare per una scuola elementare e cogliere qualche immagine meno triste spero che i pensieri cupi sulla vita che se ne và vi lasci una buona impressione con la vita che continua.


7 commenti:

Anonimo ha detto...

Il commento lo trovi su Cjargne Online , onde non disturbare questo salotto.
Mandi Celestin.
Exanba.

Neve ha detto...

Pensi di iesi l'uniche protestante restade in Cjargne dopo la muart di me none. Oltre a Udin na ca iè la glesie a le un gruput a TRamonc di sore o di sot e ançje li l'è une glesiute. il protestantesim da nò le stat portat da migranz svizars tornaz in patrie cun chest nuf pinsi. Quant chi eri piçjiule mi cjapavin duc in gir ma cumo da grande and'è in tanç ca mi domandin e a vularesin jesi como me.

Jaio Furlanâr ha detto...

A si puedarès lâ in glêsie o al templi une vôlte parom:-)Tant, il diu al é simpri chel:-)

Anonimo ha detto...

o ai un libri che al trate dai "I processi dell'inquisizione nella Bassa Friulana" e in chest contest a si cjacare propite di int ca jere tornade da la Svuizare e, chel ca scrîf Nêf a mi lu à fat visà.
Achì il discors al rivuarde l'etimologjie dai cognons: "SANTAROSA - Il cognome è formato dai nomi personali femminili di Santa e Rosa. 1740: Santarosa Osvaldo, oriundo di Palse sotto Concordia. Nel 1913 Santarosa Pietro fu Pietro, nativo di S. Michele al Tagliamento, agricoltore.
SBAIZ - Il cognome rientra nel vasto gruppo dei patrionimici, vale a dire che è originato dal luogo di nascita o di provenienza. Nel caso specifico dalla forma tedesca Schweiz del nome geografico 'Svizzera', subendo con il tempo una trasposizione di fonemi: w in b, con pronuncia della e in a alla tedesca. Che gli Sbaiz provengano da qualche zona (cantone) della Svizzera-Tedesca è testimoniato in un processo che l'Inquisizione di Venezia intentò nel 1569 contro pre' Santo Sbaiz curato a Ronchis. L'accusa formulata nei suoi confronti era di “detenzione di libri proibiti”, poiché, come si evince da una testimonianza nel processo, gli vengono mandati da uno suo zio prete fuggito nelle terre de heretici, come venivano allora definiti i paesi tra cui alcuni cantoni svizzeri che avevano aderito alla riforma luterana. 1490: Leonardus Sbaici, proveniente da Tramonti di Sotto. È uno dei cinque cognomi più diffusi nel comune." (Benvenuto Castellarin)
http://www.comune.ronchis.ud.it/default.asp?id=363

DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Ce interessant done Bete! No me spietavi.Orson Welles al diseve une dí a proposit dai svizars che tant che lôr a fasevin in pâs i lôrs arlois a cucù in Italie a fasevin il rinassiment e plen di vueris:-)
Ma chê di Calvin, ch'al veve metût sù lis scuelis a gratis tal 1558, a é une rôbe ecezionâl. Daspó, par tornâ a Ginevra al veve dât come condizion che le religjon a veve di stâ separade dal stât...Rôbis che da nô, invezit, no son dal dut scontadis nancje al dí di vuê.
Mandi e grazie ancje dal coment su Contecurte.

Neve ha detto...

Chest mi soi dismenteade di di:
Lassù andè un sol!

Jaio Furlanâr ha detto...

Graziis Nêf, mi fâs plasê di velu savût. Tegnicji dûr.