I miei Video clips furlans

Loading...

7 ott 2009

Kiwy berry /Mini kiwi

Grant come une âsin di ùe a no si bute vie nue, biele le rime J e si mangje in tun bacon.

Alore vuê une gnove pome. Ma îse une pome o une baule? I merecans le clamin pluitost baule: Kiwiberry. Di fat, il gust al é chel dal kiwi ma dome s'al é ben madûr. Dal kiwi, al à ancje dutis lis vitaminis ma in plui concentrât.

 Cun ducj i dams dal incuinament in te botaniche salvadie ch’a ‘nd é pal moment, o no si puès dî che chiste gnove baule a no sedi vignude fûr ben. Ma îse gnove ?

O vês bielzà provât le ùe cence semencis che cumó a tirin sù in Grecie, in Cile, in spagne, in France (Ancje chê nêre) e un pôc dapardut, no ? Ancje chescj mini kiwi a scomencin a sei tirâts sù in Italie, in Svizare, in Gjermanie e fintramai in Belgjo come chescj a 2,60€ indulà che chist an a é le prime vôlte ch'a son mitûts sul marcjât. Duncje, a puedaressin sei tirâts sù ancje in Cjargne parcé che le plante a resist fint sot i trente grâts (E no jé gnove ma vecje e origjinarie de Siberie !) e a rint un grum di plui che tirâ sù alcâltri, freulis,moris,e vie vie. Cjalait i filârs di mini kiwis in te foto.

Al si dîs ancje che il kiwiberry al vedi 1.40 plui di vitaminis e antiosidants che il kiwi tout court che, o savês, pe vitamine C al à bielzà 3 vôltis plui dal limon!

 In Svezie, te universitât di Oslo, e an cjatât che doi kiwis in dí a  gambiin le viscositât dal sanc come  cun tune aspirine. Duncje, cuissà alore I mini kiwis! Sa tu ju viodis passâ tal negozi, no sta privâcji  di chest gnûf plasê ch’a tu puès vê parsôre de cinturie.

Altris plasês come chest



Oggi un nuovo frutto.Ma forse é piuttosto una bacca. Gli americani la chiamano Kiwiberry. Infatti, non é altro che un kiwi in miniatura. Ha lo stesso gusto se é ben maturo ed hà anche le stesse vitamine, anzi, 1,4 volte di più…Allorché il kiwi ha già tre volte più di vitamina C che un limone ! Grande come un acino, si mangia con la buccia in un boccone.

Sarà un ennesimo prodotto dell’agricoltura tipo OGM ? Ma no, é originario dalla Siberia, Cina, e Korea.Se lo fosse, direi che é uscito fuori molto bene. Avevamo già l’uva senza semi che veniva dal Cile, poi dalla Grecia e dalla Francia e finalmente viene un pó da tutte le parti. Chi se ne lagnerebbe ? Adesso abbiamo i kiwiberries che incominciano ad essere prodotti in piccola quantità, nelle Americhe ma anche in Italia, Svizzera, Germania e perfino dal Belgio come quelli della mia foto (260E) La pianta, che puó resistere a delle temperature invernali di meno 30° potrebbe dunque crescere ovunque. Basta trovare i semi…

Rende peró molto di più che le fragole, le more, i lamponi. La pianta dura di più, produce di più e i frutti si conservano di più e sono facili da spedire. Dunque, se li vedete passare in un negozio, non privatevi di questo nuovo piacere che potete avere sopra la cintura J

Secondo uno studio dell’università di Oslo, due kiwi al giorno sarebbero l’equivalente di un’aspirina per ridurre la viscosità del sangue per quelli che rischiano l’infarto. Se leggete l’inglese, trovate altre informazioni qua.

Altri post correlati

8 commenti:

Neve ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Neve ha detto...

Bundì Jaio, mai çerçat il RAMBUTAN ca no le il rangutan :) le un frut ros dut pelos ca mil fas ançje un poc di pòre a jodilu cusì però là ne polpe blance e buenissime e un chic gros e sil spele come il lychee o litchi. Ma chesç kiwi mi fasin pensa a i mandarins cines ca meteve sot sgnape me non quant chi eri piçiule, ai eri cusì bons, no coventave spelaju e no vevin chics.

Jaio Furlanâr ha detto...

Oilà Nêf,no, no ai mai cercât il rambutan ma se lu viôt passâ, o no mancjarai di provâ.O ai ancje le passion des pomis.
Chei mandarins cinês ch'a tu dîs forsit a son chei che a si cjate pes stradis di Gjenove. O ai un arbul in tun vâs da plui di dîs agns ch'al mi é stât dât da un client. Chel ch'al mi plâs di plui al é l'odôr dai flôrs. Ce bon ch'a sintin!
Mandi o voi a vore (Un plan plui bas:-) o soi di presse par viodi se chel ch'o ai fat jar al é vignût fûr ben.

Neve ha detto...

Alore Jaio, eri vignut fur ben ce chi tu vevis preparat?
I mandarins a si clamin kumquat e si a iè une plantute da vas da tigni ançje sul balcon e a ha un profum buenisim. a mi fas pensà a me none...
Cè gole cumò!!

Anonimo ha detto...

anoruns fa, me sûr ca vîf in Canada, a mi veve mandât un volantin di supermarket par fami viodi lis varietâts di frutam ca cjatavin olà e par savè se a fossin stâs a vendi ancje achì.
O viôt (ai tirat fûr il volantin) i Prickly Pears da la Colombie che al je il nestri Fîc da Indie; i Litchis, ca dîs Neve, dal Sud Afriche che a chei timps no ju cognossevi; i Kumquats (mandarin cines) da Israele; lis Curubas da la Colombie, ca je une altre varietat dal "frutto della passione" (passiflora); la Guava dal Brazil, da la famee da le Mirtaceae; las Granadillas da la Colombie, ca fâs part ancje je da la passiflora; las Carambolas produsude in Israele ma origjnarie da Indonesia, India e Sri Lanka; la Sucar Cane prodote in USA, propite i bastonuts da la cjane; lis Plantain da la Colombie, a somein a lis bananis ma a dovaressin jessi une vore lungjs; i Tamarillos da la Colombie ca si voltive par tiare.

Orpo, ce pignate di macedonie co ai fat!
Mandi
DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Oh Bete, ce tantis referencis! Di sigûr che in Canada e an plui che da nô. Peró a varà dismenteât i ferâluts ch'a saressin lis Phisalis
ch'a tu cjatarâs achihttp://furlanar.blogspot.com/2008/05/fisalis-physallis.html
e ch'a vegnin de Columbie ancje chei.

Jaio Furlanâr ha detto...

Nêf, o ai scuignût fâ un post dome par rispuindi ae to domande. O bêf il té po o scjampi a fâ chel di doman:-)
Mandi

Anonimo ha detto...

lis Phisalis
cuant ca mi telefonarà me sor i lu domandi. No stin oris a tabajà par contasi "news" di chistu tipo
DoneBete