I miei Video clips furlans

Loading...

13 ott 2009

Misereri (s)

Gregorio Allegri

Il prin miserere al jere un cjant che par cent e dîs agns al jere cjantât dome te capele Sistine e che guai di guai nissun al si sarès insumiât di cjantâ di fûr de capele ni tant mancul di trascrivi le partizion cence fâsi scomunicâ o magari fâsi brusâ vîf come Gjordano Bruno.
Ma tal 1770, un canai ch'al veve podût scoltâ il cjant, tornant a cjase al jere rivât a trascrivilu dut di memorie e cualchi timp dopo, forsit so pâri, al veve vindût le partizion a Charles Burney, un musicist inglês ch'al stave fasint un libri su le storie de musiche ch'al à publicât tal 1771.Il pape, cuant ch'a lu à savût al varès ben vût voe di tignî peraule parcé ch'al crodeve che le partizion a fos stade robade ma cuant ch'al à savût cemût che chel hacker al veve fat, a si dîs ch'a i vedi dome dât une penitince da fâ. Tal sît dal vatican, a pretindin ancje che il pape al vedi fat di chel canai, un cavalîr dal speron daur, ma nissun al à mai sintût il canai vantâsi di chest fat.Invezit, ducj a san che chel canai a nol jere âltri che Mozart che po al à fat ancje lui le sô version.

Charles Burney by Joshua Reynolds

Del miserere, non abbiamo di sicuro mai sentito tutte le versioni ma la più conosciuta per il momento e forse quella cantata da Zucchero con Pavarotti o Bocelli. Ma da dove viene la prima composizione? Strano a pensarci, é stata conosciuta grazie a un hacker che l'aveva rubata in Vaticano per darla poi a un inglese che la pubblicó senza complessi...
Nel 1771 ! 
Sí perché il genio trafugatore non era altro che Mozart quattordicenne che poi fece la sua versione e l'inglese non era altro che lo storico Charles Burney. Del papa Cemente XIV che avrebbe dovuto scomunicare Mozart, si sà che invece non lo fece. Del compositore Gregorio Allegri si sà che la compose nel 1660 e che per 110 anni il miserere era rimasto segreto e a solo uso e piacere dei papi.
Adesso, farei volentieri una versione anch'io a solo uso e piacere mio e che terró segreta fino a quando un hacker non me la freghera nel computer credendo di trovare chissà cosa.
La prossima volta che andate nella cappella Sistina, immaginatevi là col papa in ginocchio in mezzo ai vescovi e cardinali. Il coro incomincia il miserere e due preti incominciano a spegnere una a una tutte le candele in modo che dieci minuti dopo tutto finisca nelle tenebri. Momento di panico. Poi un lucignolo riappare dalla porta da dove siete entrati per aver visitato l’appartamento di Lucrezia Borgia. Di candela in candela, la luce torna e potete infine accendere anche la vostra per uscire a tirar il fiato come facevano nel 1600.

1 commento:

Anonimo ha detto...

invece della luce della candela perchè non usiamo gli occhi della lupa ? ;-)))
C.