I miei Video clips furlans

Loading...

30 nov 2009

Colôrs di stagjon / Season's colours / Colori di stagione




Posted by Picasa

Jò e Toni


Jó ch'o soi stât tirât sù daes muiniis e dai prêdis, so lèi ce ch'al dîs Toni Beline sui soi agns tal seminari, o mi sint di cjase. Dome ch'o no capís il parcé che cuant che o lu dîs jó o mi cjati come un marzian su le lune e invezit sa lu dîs lui, al é come s'al fós le predicje de domenie di buinore. Dut câs, al mi varès plasût ch'al fós stât scomunicât, cussí o varès fat dut par lâ a tignii companie. Ma no l'é stât scomunicât, alore no scrivarai nissun libri sù nissune fabriche. Andé avonde cussí.


Io che sono stato cresciuto e allevato  dalle suore e dai preti, leggendo ció che scrive Antonio Bellina sui suoi anni di semianirista, cuasi mi fa sentire a casa. Soltanto non capisco il perché, se lo dico io, sembro ad un marziano sulla luna ed in vece se lo dice lui sembra solo ad una predica di una messa domenicale. Comunque, se fosse stato scomunicato, l'avrei raggiunto a tutti i costi. Ma non é stato. Allora non scriveró nessun libro su nessuna fabbrica. Ce ne sono già abbastanza.

28 nov 2009

L'ûltin dai furlans / L'ultimo dei moicani

Achi di cent agns, chest blog al sarà forsit deventât une testemoniance di cê ch'al podeve jessi un dai ûltims furlans ma prime ch'al sucedi, o scuen zontâ ancjemó alc. Intant ch'o si domandais se sí o nó o vês di continuâ a lèi o scoltâ o cjalâ ce ch'al mi sucêt tal cjâf o podês scomenzâ a zujâ cul gno gnûf gadget achi dongje in âlt a diestre. Scriveit une peraule e fracait cerca par vê le rispueste.

So sês omps, di sigûr che le peraule frice o le cjatarês e so sês plevans, di sigûr o cjatarês ancje un ostie ma so sês feminis, nuie di grâf, il vuestri andicap a é une cualitât:Baste ch'o mi disedis cuâl pearaule che no vês cjatât:-)


Tra cento anni, questo blog sarà forse sparito per mancanza di petrolio nel mio cervello o per mancanza di elettricità nel mio computer. Se non fosse cosí, mi preparo a passare ai posteri come l'ultimo dei moicani nati tra le ghiaie del Tagliamento. Mentre vi chiedete perché leggere, ascoltare o guardare quello che mi succede in mente potete già incominciare a giocare col nuovo gadget appena aggiunto qua sopra a destra. Scrivete una parola e poi con un clic sul cerca troverete le risposte. Se siete maschi, di sicuro che troverete la parola figa e se siete preti , di sicuro anche come si dice in friulano la stessa cosa, ma se siete donne, (alle suore non ci credo più) niente di grave, il vostro andicap é una qualità:

Basta dirmi la parola che non avrete trovato:-)

27 nov 2009

Bye bye o dai dai Dubai?

A nol é tant che tornant da Milan, o ieri tal aereo cun tune violiniste che lavorave te orchestre dal hotel a 7 stelis Burj al Arab l'unic al mont a vê 7 stelis e un cjamp di tennis sospindût in somp dal gratecîl. A mi diseve che par lâ a lavorâ alà, a veve fat un grum di formalitâts e fintramai, a i vevin domandât dutis lis rôbis che i plasevin mangjâ e chês che no i plasevin, dut ce che i plaseve bevi o no, e ce musiche che i plaseve di sintî. Come che stave tal hotel, ducj a vevin dirit di sei tratâts come i clients.Dome che jê a no podeve vê nissune relazion cui oms sot pene di pierdi il puest imediatamenti. A no varès podût nancje lâ cul sceik indulà che lis mulis a fasin le file parcé che par ogni taconade a ricêvin 1000$. Le sô vite alà a jere stade noiôse. Nuie museos, nue mostris, nue culture dome masagjos, piscine, sauna... ma dopo trê agns, a veve avonde bêçs par comprâsi un apartament. Dubai , a cor le vôs,al é in faliment.No, nol à mai vût petrolio come i vicins, dome l'idee di un sceik di fâ dal so paîs il plui lussuôs dal mont pai oms di afars e turiscj i plui siors .Une me amie a mi diseve che là al fâs cussí cjâlt che par stâ in cjase a scuegnin vistîsi e invezit par lâ fûr, divieviestîsi a mi faseve dûl parce che da trê agns, ogni vôlte che a si cjate un murôs lui al piert il lavôr. Cumó ch'a à cjatât un inzegnîr inglês di Dubai, ce sucedaraial?Par savê di plui lait achi.



Dubai ha 59 miliardi di debiti ed ha chiesto sei mesi per poter riprendere il respiro.Che questo abbia subito fatto calare le borse nel mondo del 3% e che sia motivato, non lo so. Io aspetterei.L'arabo, in genere, é conosciuto per le sue grandi doti di mercante che condivide con gli ebbrei. Peró, in genere é anche molto generoso ed ama lo sfarzo. A Dubai, i soggetti di sua maestà lo sheicco bianco, hanno molti privilegi già alla nascita. Basta che un figlio riceva il suo nome di Mohamed e suo padre riceve una macchina. Due Mohamed = due macchine, e via via. Se poi vuole andare a studiare all'estero puó andare anche a Cambridge, tutto sarà pagato dall'emirato. A questo punto chi non vorrebbe essere emigrato? Ebbene, molto pochi colgono l'occasione di diventare specialista in qualsiasi cosa.
Il fatto é che se ci sono poveri a Dubai, nessuno li vede. Anche un povero ha diritto ad una casa e se la casa é troppo piccola ne puó chiedere una più grande. Allora perché far sforzi a studiare? Quando non c'é fame, non c'é bisogno. Ma lo sceicco persiste nel voler far di Dubai il centro d'attrazione della terra sia per i turisti fortunati che per gli uomini d'affari. Qua s'importa di tutto e si esporta anche senza importare. Materie prime e petrolio in testa. Ma quale petrolio? Quello dei vicini perché a Dubai non ce n'é. Comunquessia, i grattacieli crescono come funghi in un deserto che più deserto di cosí si muore.Tutta l'acqua viene dal mare e solo adesso incominciano ad utilizzare i pannelli fotovoltaici per l'elettricità. Immaginate il 2CDE building coi suoi poveri 40 piani che ha
davanti alle torri di 800m e perfino un chilometro di altezza...Che vergogna, solo 116m di altezza!
Ma no, qua ad ogni piano, gli appartamenti o hanno un giardino o una piscina. Quanto costi l'acqua dipende da quanto si consuma ma si arriva presto ai mille € al mese. Ma ci sono anche quartieri più popolari per via che tutti gli operai dell'edilizia e gli addetti ai servizi sono stranieri. A questo punto
ci si chiede cosa venga a farci il più bel palazzo per l'opera del mondo a Dubai. Mah. Di sicuro, sperano che con i grandi spettacoli possano importare anche i clienti. Al centro sportivo più grande del mondo, c'é già il campo privato del Manchester United ma per quanto tempo? Questa smisura sembra impossibile ma guardando le foto si vede poco di ció che sia. Per saperne di più...


Fai un clic per vedere il video corto ma esplicito

26 nov 2009

Il dûl improibît / La compassione proibita

Nissun nol sà s’al jere un duc o dome un muc ma al veve di sei avonde ben parcé ch’al veve maridât le fie di un re e che so fi, come lui, prime di deventâ sant, al jere deventât vescuf di Liegi. La lejende su di lui a é nassude tal 1250, plui di cinc cent agns dopo ch’al jere muart. Di ce storie si tratie ? Sant Ubert, patron dai cjaçadôrs e dai muardût dai cjans rabiôs al é nassût tal 600 e alc al timp dai « rois faineants » rés pucefadiis e ancje lui al passave il so timp dome a lâ a cjace.

Ma une dí a i é vignude une vision :

En cerf cun tune crôs luminôse jenfri i cuars . Rôbis da mats, ma d’in chê dí al si é mitût a fâ le cort al vescuf di Liegi. Cussí cuant ch’al é muart il vescuf al é lât sù lui. A partî di aí, a si à plui informazions. Tal paisut, al à fat fasint sù une glêsie pal vescuf muart che, dopo ch’al sedi deventât sant, al à scomençât a tirâ plen di pelegrins. E il paisut al é deventât une ponto di sitât. Muart ancje lui, al é lât sù vescuf so fi. Ce biel chest ! Ma il biel al é ch’al é deventât sant ancje chel.

Da murî da ridi so savin che Ubert al é deventât sant cui miracui che cualchi biograf interessât a i veve mitût sul so cont e a si dîs ancje che le storie dal cerf a sedi stade robade ae storie di un’âltri sant : Sant Arnolf da Metz e san Bonifaç dal caz o di no sai cuâl Italie medievâl.

Cent agns pluii tart, a Andage, un âltri paisut piçul piçul indulà ch’a in d’ere un convent grant grant, a son rivâts a vê il cuarp dal santon dai cuars e d’in chê dí, il paisut al si é clamât Saint Hubert e al é deventât cognossût tal mont intîr. Ancjemó vuê, lui ai let su internet, ogni ant, un centenâr di muardûts da cjans rabiôs, a van a fâsi benedî in te basiliche che date dal 1500, e a si dîs che da 800 agns, nissun al vedi cjapât le rabie. Rôbis da no crodi. S’o lais a Saint Hubert un 24 di novembar par vie di une rabie o saltarês fûr plens di borie di vê stât a mangjâ  tal ristorant ‘le saint Hubert’ dopo vê stât a preâ te glêsie. Ma cun dutis lis messis pai cjaçadôrs, cui puedial dî che so mangjais il sanc e il cuarp dal cierf o no fasês le comunion ?

Daspó, se in chel dí, tant ch’o mateais cul vêri dal aperitîf al bar o cjalais te television ce che fasin in Nepal ogni cinc agns o no varês plui nissun dûl, nissune pietât, nissune compassion, dome voe di cerçâ ancje vuâltris che cjar nêre inteneride cun mil precauzions par faus dismenteâ cul bordeaux , sêti il Katmandù dai pacifiscj che i 200 mil anemâi sacrificâts in tun colp di bant dome parcé che a crodin che cussí a varan le prosperitât. Dopodut, dutis lis scûsis a son buinis par copâ dal moment che il motîf al à alc di sant e lis messis celebradis pai vescufs in Italie pai cjaçadôrs a no son nuie di nuie. Nuie !



Per l’apertura della caccia, ero a Saint Hubert. La capitale europea della caccia che secondo la leggenda fino a che i protestanti non devastassero la chiesa nel 1558, c’era ancora il corpo intatto di Uberto stesso.

 Nelle foreste vicine, i cervi sono in libertà, Come al medio evo ? No, la  loro libertà adesso é sorvegliata, Organizzata. Devono pur finire nei piatti di tutti i ristoranti della regione, no ? Dopotutto, qui , i cacciatori sono protetti da un santo locale:-) Che la carne sia migliore perché é santificata, non lo so.

La leggenda di san Uberto, nasce nel 1250. Ossia 525 anni dopo la sua morte e dice che da duca, sia diventato prima eremita in un deserto del nord Europa (Sic), poi vescovo e poi santo dal giorno in cui, cacciatore impenitente ebbe un'apparizione strana: Un cervo con una croce tra le corna. Forse avrebbe potuto diventare il santo dei cornuti ma invece é diventato il santo dei cacciatori. E stato anche provato che la biografia di Uberto é stata copiata quasi punto per punto dalla biografia di san Arnolfo da Metz e san Bonifacio da non so che Corsica scritte già  nel 7° secolo. Perfino i tre miracoli principali sono uguali.

Nella basilica del 500, c'é anche la scultura lignea del cervo.

Questa leggenda, é appena buona per fare fumetti per i bambini e ninnoli per i turisti ma come al medio evo, anche gli adulti sono  pronti a credere qualsiasi cosa dal momento che in chiesa o in testa, ci si dà una scusa.

 Che siate credenti o non credenti, se passate di là andrete prima a visitar la chiesona tutta fatta di pietra e di marmo e poi finirete sulla piazza principale, al restaurant Le Saint Hubert, tutto fatto di piatti di selvaggina.

 Aspettando l’aperitivo al bar, col ditino per aria e il bicchiere in mano, dando uno sguardo allo schermo senza suono vedrete che in Nepal, proprio vicino a Katmandù, la méta dei pacifisti, per via di altre credenze, si sgozzeranno davanti ad un pubblico affascinato, 200 mila animali per invocare la prosperità.Allora, cosa v’importa delle messe celebrate da vescovi per i cacciatori ? Qua, all’apertura della caccia il piatto principale é il ragù o la bistecca di  cervo con un carpaccio al prosciutto di cinghiale per entrata.

Un buon bordeaux  vi aiuterà a fare una preghiera per dimenticare semmai avete una croce in testa o per dire una bestemmia se invece avete la testa in croce. Se poi volete far polemiche sul si o nó delle messe celebrate all’occasione dell’apertura della caccia, sul web c’é spazio per tutti e ogni giorno ce n’é una nuova.

 

24 nov 2009

L'arbul dal pape / L'albero del papa

I cjavai da tîr di jar a siervissin un grum pai lavôrs tai boscs ma cualchî vôlte a no bastin. Pal pape, al bisugnave un peç di 30 metros e alore a si à scuignût fâ vignî une scuâdre cu la grù. Cost pes spêsis cul traspuart a Rome: 30.000€. Un comitât al é nassût subite par impedî la grù di gruâ, i boscaiûls di taiâ e il pape di gjoldisi il so arbul ma nuie da fâ. L'arbul al é partît distès. Al é stât ofiert pai coltivadôrs di arbui di nedâl sperant di vendi plui di cent mil dome pe Italie.

I cavalli da tiro di ieri, nella regione servono molto per i lavori nei boschi ma questa volta ci voleva di più. Per tagliare un albero di 30m di altezza e portarlo sano e salvo a Roma, c'é voluto la gru. Malgrado molti si siano mossi per impedire questo scempio, l'albero é partito per Roma.
Arriverà piazza san Pietro il 4 dicembre. E stato offerto dai coltivatori di abeti che ogni anno esportano più di 3 milioni di alberi per le feste di natale tra cui 100.000 solo per l'Italia.

22 nov 2009

Cjavai da tîr / Cavalli da tiro


Domenica 22 Nov 2009.
A Libramont, nelle Ardenne belghe, sono andato a vedere il concorso annuale dei cavalli da tiro. 
A Libramont tes ardenis belghis, o eri lât a viodi il  concors anuâl di cjavai da tîr.

20 nov 2009

Beau et pas beaujolais

Jar, al jere ancje il dí dal Beaujolais nouveau. Seont i somelîrs, chest an al jere ancjemó piês che simpri e a lu vendaran dome in Japon indulà che no capissin nuje dal vin. Ma al jere ancje il dí indulà ch'al é stât elet il prin president de union, il belgjican Van Rompuy (Pronunziait ae inglês Rompai par no rompi masse). Nuie di straordenari. Chest om un ant fa al jere completamenti scognossût da ducj ma al jere stât elet prin ministri belgjican par vie ch'al jere il plui neutri par plasê ai doi partîts in majorance. Pe stesse rason al é stât elet dai europeos e il Tony inglês al é rivât l'ûltin. Par fuarce, un pro american come lui, al varès subite fat jentrâ le Turchie in te union parcé che i merecans a vuelin semenâ le discordie da nô par ch'a no si deventi plui fuarts di lôr. Alore vie il Tony.Ancje s'al jere simpatic.


Ieri era anche il famoso giorno nel quale il Beaujolais nouveau era messo in circolazione.

Secondo molti, questo vinaccio aspro quest'anno era ancora peggio degli anni scorsi.Ma non tutto é negativo. Ieri é stato eletto per la prima volta il presidente dell'unione europea. Il belga Van Rompuy (pronuncia Rompeui alla francese). Dire che un'anno fa, da sconosciuto, era diventato primo ministro del Belgio perché non c'era nessun altro che fosse abbastanza neutro per piacere abbastanza alle due comunità! Anche qua, l'idea era di poter piacere a tutti e a nessuno. Sopratutto non essere troppo vistoso. Dunque Tony Blair doveva essere l'ultimo in classifica.Pro americano al 100%, avrebbe subito fatto entrare la Turchia nell'unione per provocare scompiglio e con tutte le frenate dell'Inghilterra, già subite, gli europei gli hanno detto un secco NO.



Le zornade internazionâl dai cessos a colave ´jar ma nissun a nol à cjatât une poesie par furlan ni par talian tal bagn. Pecjât ch'o vin mancjât chiste ocasion di profumâ i vôi cun tun pinsîr ai puars biâts che no an chest privilegjo di podê tirâ le âghe par dismenteâ.

No ai ancjemó viodût une manifestazion pal dirit di vê un cesso ma cul lâ dal timp di sigûr a no mancjarà dopo chel dal VF day di Grillo. Di fat, se dopo vê otignût il dirit di mangjâ, il dirit di vê ne cjase, i dirit di lâ o di no lâ a vore, a nus tirassin vie il dirit di cagâ in tun cesso, a si sarès pronts par fâ le revoluzion.

Cuissà ce ch'a dirès Agne Lene?


Ieri si celebrava nel mondo intero la giornata dei cessi. Non sessi, non fessi messi in nessi ma ben cessi. In inghilterra c'era anche un concorso di poesia. Le poesie selezionate sarebbero poi state esposte nei cessi pubblici. Questa ricorrenza era infatti nata per attirar l'attenzione dei senza tetto del mondo intero , obbligati a fare i loro bisogni solo di straforo o di sfuggita. L'anno prossimo, forse anche la giornata internazionale delle vescie e delle lofe fatte con distinzione o senza complessi e profumate e santificate secondo di chi le annusa. Chissà che bella festa!

19 nov 2009

The eye-catcher / Il tire vôi / Attira sguardi


Nue discors vuê, o soi di presse.Juste  alc a pene fat par Lalla Chiffon une zovine stiliste francês che par vendi i soi braçalets al Salon de la mode de Paris in zenâr a mi domandave so vevi alc ch'al tiri i vôi. I braçalets a ju metarà tai dêts des manonis.


Niente discorsi oggi, ho premura. Allora solo qualcosa appena fatto per Lalla Chiffon giovane stilista francese che per vendere i suoi braccialetti al Salon du prêt-à-porter di Parigi del mese di gennaio mi chiedeva se avevo qualcosa che attiri l'attenzione. Metterà i suoi braccialetti nelle dita delle grandi mani.

Pas de grands discours. Lalla Chiffon , jeune styliste française presentera ses nouvelles créations au salon du prêt-à-porter de Paris à partir du 22 janvier. Ses bracelets attireront certainement les regards. Il seront exposé dans les doigts. Rendez-vous sur son site en faisant un clic sur giovane stilista ci-dessus.



18 nov 2009

Miss Shelve

Cuant ch'o no fâs nuie o fâs simpri alc. Chiste a é a pene saltade fûr.

Come dovrei chiamarla? Per ora si chiama Miss Shelve ( Mensola)
Posted by Picasa

17 nov 2009

Cjargnielis / Donne carniche

 
Cjiargnielis di jar, di vuê e da doman o viodarin.
Donne carniche di ieri di oggi e per domani vedremo.
Posted by Picasa

16 nov 2009

Il biel al nàs dal brut / Il bello nel brutto

 Si trate di art, di poesie, di sentiment e di coragjo.No us dîs diplui prime ch'o vedis viodût chest emozionant videoclip.
Se vi scappa una lacrima é forse perché siete sensibili ma non bisogna aver paura del bello.
Pazientate nel caricare, ne vale la pena!

15 nov 2009

(S)comunicazion? / (S)comunicazione ?


Da cuant ch'o ai mitût il post su le Fabriche dai prêdis, o ai plen di visitis vaticanis tal gno blog.No puès dius cemût ch'o lu sai senó a no vegnin plui:-) Cussí o ai scuviert che il gno post sù le fife dai papes, tes statistichis, al é un dai plui curiosâts...Ancje se nissun al à mai fat un coment:-)
Se une dí, da don Jaio, o mi cjatais vescuf di cualchi bande, o scuignarai lassâ il blog prime dideventâ sant:-)

I plui spiâts dal vatican:


Alcuni miei post aguzzano la curiosità di qualcuno in Vaticano de da quando ho
messo il post su La fabbrica dei preti, ancora di più. Se da semplice don Jaio un giorno diventassi monsignore, dovró lasciare questo blog per poter diventar santo:-)

Intanto ecco i più "vaticanati" dei miei post:


14 nov 2009

2012 Cataclisma dai Mayas o dai Gnognosauros?


No larai a fâmi vacinâ e no larai a viodi il film 2012. Ch'al sêti il film dal an parcé ch'al à costât 260 milions a nol m'impuarte. Seont cualchidun, al bisugnarès vê une barcjie su le terace o sul tet, jemplade di vivars e di argagns di susistence par podê sôrevivi cualchi setemane o ben lâ a fâ campegjo sui monts par sôre dai 2000 metros.Vuâltris ch'o stais in Cjargne o a pene sot dai monts o varês forsit plui facil di spietâ il vaporet di Vignêsie rivâ ae fermade de coriere cun magari cualchi gnognosauro drenti...Jó nó:-) Apontament achi di trê agns su chest blog...Amancul che no rivi a passâ chest invier parcé che, scetic, o no larai di sigûr nó a fâmi vacinâ pe influence merecane. I gnognosauri di Andrea Venier
Un mese fa avrei dovuto andare a Mosca ma all'ultimo minuto ho dovuto cambiare idea. Mi era già successo di comperare il biglietto prima di ottenere il visa che per andare in Russia, bisogna sempre far la fila come al medio evo. Cosicché,avevo perso l'aereo perché il visa era arrivato troppo tardi. Questa volta ero io in ritardo per il visa...Peccato, vi avrei potuto raccontare anche del film dell'anno: 2012. Non che sia un film russo, ma a Mosca, come in altre grande metropoli, il film era già arrivato. Invece vi so dire che molti moscoviti, escono dal cinema prima che il film sia finito. Che sia per via dello stress o per via della noia? Si dice che sia perché il film é troppo lungo. Comunque, al cataclisma non ci credo come non credo all'estinzione dei Gnognosauri di Dree Venier. Sembra troppo al virus dell'influenza e mi autovaccino da solo. Appuntamento nel 2012 su questo blog...A meno che non riesca a passar incolume questo inverno:-)


13 nov 2009

Francis Cabrel


Vuê un dai plui grants cjanteautôrs francês dal moment nassût tal 1953  di parints furlans.

Francis Cabrel al cjacare il francês cul acent dal sud de France ma al cjante cul acent american. Un biel acent indulà ch'al cîr di tirâ le sonoritât des peraulis su lis notis par fâlis sunâ come che i plâs a lui. Nuie di furlan in lui sa nol fos ch'al é riservât e che no i van lis mondanitâts. Al vîv simpri tal stès paisut di Astaffort ienfri Tolose a Bodeaux indulà ch'al é nassût.Al é leât ae sô tiare e ae so famee ma no i và di cjacarâ des sôs radîs furlanis e nissun al cognós il so vêr non. Cirint sul web, no ai cjatât nissun Cabrel in Friûl ma dome Cabrini. Chest non lu ai cjatât ancje in tun liceo di Astaffort d'indulà ch'al si é fat butâ fûr parcé che nol voleve studiâ par fâ musiche. Al à scomençât le so cariêre tal 75, daspó al à fat un grum di grancj sucessóns ma le so vite a é gambiade pôc. Al fâs un CD ogni 4 o 5 agns... Il rest a lu passe te so campagne indulà che cui soi fradis al fâs il so vin Domaine du Boiron. Us met une biele cjançon che no é propite le plui biele dal so repertori ma che mi plâs di scoltâ. Le cjançon le veve fate pal batêsin de so frute cui fruts dal paîs. Dome sîs mês dopo, cualchidun a i à dite ch'al varès di publicâle...




Oggi un cantautore francese nato nel 1953 da parenti friulani, probabilmente da Cividale.

Francis Cabrel é verosimilmente il nome d'arte perché non ho trovato nessun Cabrel nell'anagrafe di Udine e nelle pagine bianche. Ho invece trovato molti Cabrini e questo nome si trova anche nel liceo di Astaffort un paese tra Tolosa e Bordeaux. Si dice appunto che sia stato cacciato da questo liceo per via che non voleva studiare per poter far musica. Il suo primo successo viene nel 1975 con Petite Marie, una canzone dedicata alla ragazza che poi é diventa sua moglie. La canzone che potete ascoltare, invece l'aveva fatta per il battesimo della sua prima figlia e, si dice, solo dopo sei mesi qualcuno gli ha chiesto di pubblicarla.Vi metto il link per ascoltare altri suoi grandi successi. Malgrado sia considerato da molti come l'erede dei grandi come Brel, Becaud, Brassens, ha scielto di vivere nello stesso posto dove é nato. Da lí, escono i suoi CD ogni 4 o cinque anni. Poi parte in tournée per qualche mese e ritorna a vivere la sua vita tranquilla in campagna dove coi suoi fratelli dal 2001 s'é messo alla viticoltura creando il domaine du Boiron.Sebbene sia molto legato alla sua terra, non ama parlare delle sue origini friulane.

12 nov 2009

Le fabriche dai prêdis / La fabbrica di preti

Seminario di Castelletto 1963

Chest libri, proibît de glêsie, al jere sparît de circulazion e no si podeve cjatâlu plui. Cualchidun a lu veve  metût on line ma al à scuignût smeti. Cualchi capitul al jere achi Leonarduzzi a puntadis Il libri di Toni Beline su le fabriche dai prêdis si puès cjatâ in caulchi librerie e se mi domandais cuâle us doi l'indiriz.

Toni Beline 1965







 Era un libro pubblicato a puntate su un blog. Il titolo del libro di Toni Bellina « La fabbrica dei Preti » Questo libro, sembra fosse stato tolto dalla vendita,era sparito dalla circolazione e non si poteva trovarlo. Il blog di Leonarduzzi (In italiano) aveva incominciato la pubblicazione ma ha dovuto sospendere per via dei diritti d'autore. Ora il libro si ritrova in vendita in qualche libreria. Ne ho comperato uno. Se mi chiedete dove, vi mando l'indirizzo:-)...Il libro é in friulano ma si legge molto facilmente. Se volete saper tutto sulla vita nei seminari...

11 nov 2009

Somelîrs / Sommeliers

Lis enotechis, no son simpri plenis dal stès vin e dai stès clients come lis ostariis. Lis enotechis a son templis indulà che, sot un'arie inteletuâl e spirituâl a si bêf insiemit il stès alcol che 'l plevan in glêsie al bêf di bessôl ma, come lui, a si cîr di bevilu fasint le front plene di ruis dopo vê alçat il cjaliç o il tai pal aiar, e sierant i vôi come cuant ch'a si gjolt o ch'a si pree, a si cîr di capî se le butilie ch'a si bêf a val le pene di sei bevude fint in somp. No come te ostarie indulà che se 'l vin al é masse garp o masse flap, a si lu mande jù distès par scjafoiâ le voe di trai un osti o scjafoiâ l'ostîr.
Te enoteche, al prin tai, cualchidun al à capît alc ma chei âltris nuie di nuie. Alore, par capî miôr, jú un'âltri tai che par fa distint, al si clame balon de rouge o flûte de champagne come in France e cualchi vôlte calic come in glêsie. Glêsie? Iustamenti, lis feminis, dulà sono? Come simpri, le domenie di buinore a son dutis a messe e cuant che vegnin a cjoli i oms, ostarie o enoteche, i oms a son cjocs compagn.
Peró, la enotecarie, joi ce disio, le enologhe, le sommeliêre, la maîtresse des chais, la caviste, cumó a puès sei 'ne femine e alore, pa calmâ lis polemichis a dîs che i oms e an dismenteât di spudâ il vin che a cerçavin. Di fat, un bon somelier a nol glet, al spude il vin e lis someliêris compagn.
Someliêris? Si puedial dî cence ofindi? Sí, in francês, un sommelier, fint a cualchi ant indaûr a nol veve frice, ma cumó che lis feminis a si son fatis strade jenfri i oms e lis butiliis a si dîs ancje sommelière...Ma forsit in Italie lis someliêris e an pôre di sei cjapadis par camerièris come in Svizare, alore...
Ma ce vuelial dî sommelier? Sommelier al ven dal provenzâl saumalier che come o savês a son chei che a menavin lis bestîs di cjame, di some... Insomis, alc come i alpins ch'a menin i mus in mont ma lôr a menavin dut a Parigji.
Cemût îsal pussibile che un menadôr di mus di some e di burics al sedi deventât un maestri tal cerçâ i vins ? Lui, un somîr, un manovâl, un vacjâr promós in seconde, un che in Americhe al sarès deventât cow boy...
Seont le storie, lis cjamis che puartavin a jere robe di mangjâ e da bevi che, seont me, no podevin fâ di mancul che di cerçâ pe strade.
E forsit i prins clients, a jerin masse mùs par savê se, gleti o no gleti, chel vin taiât pe strade da chei cains dal osti di somîrs e alore, cuissà, un plui lofio di chei âltris, par fâ gambiâ d'idee a chei che cjatavin il so vin masse strani al si é nomenât sommelier disint che il so vin al jere miôr che chel di chei âltris.Po plui tart,cuant ch'a si é savût che chei âltris,par ogni litro bevût pe strade, a pissavin drenti un'âltri litro, lui al à subite dineât di vê fat compagn.
-Strani peró che il tai di vin furlan al sedi restât un tai ancje se nol é plui taiât. Forsit che i furlans a no si fidin?:-)
-Strani che l'ostîr, tant che l'enotecâr, al é bon di mandâcji sul osti e chest, sêti parcé ch'a tu âlcis masse il comedon che s'a no tu lu âlcis avonde.
-Strani che un sommelier al rivi a fâcji bevi il vin che lui al spude.
-Strani ancje chiste espression furlane di mandâ sul ostie invezit di mandâ sul caliç.
-Strani che  cierts schiribiçadôrs come me a rivedin a fâsu lèi ce che lor a butin fûr:-)
Strani...

L'enoteca non é come l'osteria dove si serve praticamente lo stesso vino per gli stessi clienti. L'enoteca sarebbe casomai un tempio dove si beve insieme ció che il cappellano beve da solo in chiesa e come lui, prima di bere, si corruga la fronte alzando il bicchiere per aria e guardandolo con devozione prima di bere un sorso e , con gli occhi chiusi come quando si gode o si prega , si cerca di sapere se la bottiglia vale la pena di essere bevuta interamente o no.
Al primo bicchiere, in enoteca, qualcuno ha capito qualcosa mentre gli altri niente di niente; allora si serve ancora un bicchiere per cercar di capir meglio il sacro succo rosso contenuto nel ballon o l'elisir bianco della flûte per non dire bicchiere come in osteria o calice come in chiesa.
Chiesa? Sussiste ancora quella tradizione di mettere le donne in chiesa la domenica mattina mentre gli uomini vanno in osteria? Se sussiste, adesso forse andranno all'enoteca e là, sorpresa, la enotecaria, che dico, la enologa, la sommelière,la maîtresse de chais, la caviste, é una donna. Ma si puó dire sommelière?
Forse perché in Svizzera una sommelière é solo una cameriera in Italia un sommelier resta invariabile come per i ministri. In Francia se fino a qualche anno fa era cosí, da quando le donne si sono fatte strada tra gli uomini e le bottiglie si dice anche sommelière e madame la ministre. In fondo, se c'é la parità di sputo, la differenza di sesso rimane. Ma come mai un asinaio, un manovale promosso in seconda, uno che in America sarebbe diventato un cow boy, da noi é diventato un alto specialista dei vini?
Da dove viene questo nome? Secondo il mio libro di etimologia viene dal provenzale saumalier che era un conduttore di bestie da somma che più tardi é diventato un ufficiale addetto al trasporto di viveri e insomma:-) uno specialista del trasporto anche del vino.Non si sà come sia diventato sinonimo di specialista del vino. Alcuni dicono che prima doveva assaggiare il vino, altri che lo assaggiava per strada, aggiungendo acqua e anche urina per ogni litro sottratto per poi vantarne il gusto a quelli che trovavano il vino un pó strano e che non erano sicuri se inghiottire o no quel sorso che ormai avevano in bocca:-)
-Strano comunque che il sommelier arrivi a farti bere il vino che lui sputa:-)
-Strano poi che in Friuli per dire un bicchiere di vino si dica un tai (Un taglio:-)
-Strano anche che invece di mandare al diavolo si mandi qualcuno sull'ostia allorché si potrebbe mandarlo sul calice.
-Strano anche che uno scribacchino come me riesca a far leggere quello che vomita:-)

10 nov 2009

Sito, a mi zire / Silenzio mi gira

Jar, dut il dí e une buine part de gnot, tal gno landri a si zirave un film.Us met cualchi vidude. .Le realizatrice a é une rumene che sta a Amsterdam par vie ch'a é stade selezionade da Binger che a i finance il so film. Le idee di Binger a sarès di fâ in Friûl par dâ une dimension internazionâl ai concors e no zirâ simpri ator di se stès. A son selezionâts chei ch'a presentin il miôr progjet. Selezionât al ûl dî ancje finanziât par zirâ il film. Di sigûr che al vegnarès fûr al di interessant  e chest, sêti pes difarentis maniêris ch'a varessin i forescj di viodi il Friûl e  e i furlans, sêti pal impat mediatic otignût che nol sarès limitât dome al Messaggjero o ae  Vite Catoliche. Dait une cjalade al sito di Binger  e di Adina par capî miôr. Altri post e altri film.

Ieri, nel mio antro, tutto il giorno e anche una parte della notte, si girava un flim.Vi metto qualche foto. La realizzatrice é una rumena che sta ad Amsterdam ed era venuta con la sua attrice inglese finanziata da Binger (Date uno sguardo alle parole con l'iperlink per vedere di chi si tratta).
L'idea di Binger é di selezionare e poi finanziare i candidati (Tutti stranieri) che hanno proposto i migliori progetti. Il soggetto é libero. Sarebbe una buona idea da adattare da noi per dare una dimensione internazionale ai concorsi e non girare sempre intorno a se stessi.
Di sicuro potrebbe saltar fuori qualcosa di interessante sia perché i punti di vista serebbero sempre molto differenti, sia per l'impatto mediatico ottenuto che non sarebbe, come sempre, limitato unicamente ai giornali locali.

08 nov 2009

Ducj bausârs? Tutti bugiardi?

O vin tuart di crodi che i miedis e an di sei scoltâts come i plevans parce che se i plevans a si ju scôlte come sa fossin vescui, ce fasino alore i vescui?

E ce fasaraial il pape?

Abbiamo torto di credere che i medici debbono essere ascoltati come se fossero dei preti perché se ascoltiamo i preti come se fossero dei vescovi, cosa faranno i vescovi?

E il papa cosa farà?

06 nov 2009

Scaletis ae turche / Pasticcini alla turca


So domandais ai francês cual ch'a é le miôr "cuisine", us disarà di sigûr ch'a é le francês.

So lu domandais al talian in Italie, us disarà ch'a é le napoletane, s'al é di Napoli o le furlane s'al é dal Friûl, ma so lu domandais a un talian fûr da l'italie us disarà di sigûr ch'a é le taliane.

Lant indenant cussí, pai polacs a sarà le polache e pai rùs le russe, cence cjacarâ dai turcs cu le lôr Pita che par lôr a é miôr che la pizza, il kebab ch'al é miôr che dut e po pai pasticins plens di savôrs difarents.

Dacuardi, nô o vin il tiramisù par tirânus sù ma atu da comparâ cun lôr? O ai da dî, che no ai mai savût ce che i polacs e i rùs a cjatin di bon tai cudumars in salmuerie ni ce che i francês a cjiatin di straordenari in te soupe à l'oignon (Zupe di civolis) o al cassoulet (misture di fasùis) a part ch'a ju fasin pedeâ plui in sù che il lôr nâs, ma invezit lis scaletis ae turche ancje cence rondo alla turca a mi mi van benissim siervîts cul mîl ae ore dal...A dutis lis oris!

 

Se chiedete a un francese quale é la miglior cucina del mondo, vi dirà che é la francese. Se lo chiedete a un italiano, se é un napoletano vi dirà che la cucina migliore é la napoletana e se é friulano vi dirà che é la friulana. Andando avanti cosí, per i polacchi sarà la polacca, per i russi la russa e per i turchi la turca con la loro pita che per loro é migliore che la pizza, il kebab che é migliore che tutto e poi i pasticcini pieni di 1000 sapori differenti che solo loro sanno fare. Daccordo, noi abbiamo il tiramisù per tenerci a galla ma vuoi misurarti con loro ?

Debbo dire che non ho mai saputo cosa trovassero di straordinario i russi, i polacchi e molti altri dell’est, nei cetrioli in salamoia, né cosa trovino i francesi nella soupe à l’oignon (zuppa di cipolle) o al cassoulet

(Misto di fagioli) a parte la facoltà che ottengono di poter spandere i loro gâs più in alto che il loro naso.

Invece, i pasticcini alla turca, con rondo alla turca o senza a me mi vanno benissimo serviti all’ora del…

A tutte le ore !

05 nov 2009

Swiss provocation

Dopo le vitorie dal partît di diestre,in dute le Svuizare, une campagne publicitarie fate da une sigurazion e à vût l'idee di provocâ le int cun chescj tabelons. O spietavi di viodi il prossim manifest par smentî chescj achi e ribaltâ il significât ma no soi restât a spietâ. Jó ch'o soi avonde provocadôr cuant ch'a mi cjape le voe, no varès pensât a tant. Segno ch'o no lu soi avonde o ben ch'o lu soi bielzà avonde.

 

Dopo la vittoria del partito di estrema destra, in tutta la Svizzera, ci sono questi pannelli pubblicitari provocanti fatti da una società di assicurazioni. Mi aspettavo beninteso di vedere smentite queste frasi con lo slogan seguente  che é spesso fatto per ribaltare il significato ma non son rimasto ad aspettare. Anch'io, alle volte provoco anche gratuitamente ma trovo questa campagna di pessimo gusto.Immagino una mamma che ha un figlio disabile e che per una o due settimane, ogni dieci minuti vede queste pubblicità. Ma forse non provoco abbastanza per capire.

 

Fiction ?

O varès chê di fâmi une gjache cul telefonin e l'ordenadôr incorporât te fôdre e il schermi e la web cam platâts tai ocjâi par podé viodi a traviers dai vêris so ai voe o par filmâ tal stès timp. Il telefonin in te manie al mi fasarès fâ un biel Pronto-cjacare tant ch'o scôlti il gno braç e o mi grâti le crodie dal cjâf tant che l'ordenadôr , simpri colegât a internet, al mi judarès à savê in anticip ce ch'al sucêt ator di me. Cui miei ocjâi, us cjalarès tai vôi e o viodarès te vuestre iride il vuestri curriculum vitae complet tant ben che il vuestri stât mentâl. Cussí, dal vuestri mâl di fiât par abûs di cjicolate ae vustre disponibilitât sessuâl par vie di astinence sfuarçamentade, o savarès dut. Daspó, cu la mê strete di man us vegnarès une strete di cûr viodint che o sai prime di vuâltris ce ch'a us tire o cê ch'a us mole:-)



Vorrei farmi una giacca col telefonino e il computer incorporati nella fodera e lo schermo nascosto nelle lenti degli occhiali per vedere attraverso le lenti  se necessario e filmare con la web cam  ció che vedo. Il telefonino mi farebbe fare un bel Pronto-mi-dica e mentre ascolto il mio braccio e mi gratto la testa, il computer collegato a internet mi aiuterebbe a sapere in anticipo quello che succede intorno a me. Vi guarderei negli occhi e attraverso la vostra iride scoprirei tutto il vostro curriculum vitae e stato mentale.Cosicché, dal vostro mal di fegato per abuso di cioccolato alla la vostra disponibilità sessuale per via di astinenza forzata, saprei tutto di voi. Poi con una stretta di mano avreste una stretta al cuore vedendo che che só prima di voi ció che vi tira o molla nel cervello:-)

04 nov 2009

Sequâls / Museo di Ginevra


So us dî Sequâls, a ce pensaiso? Carnera? Va ben ma ancje cê? Tal 1900, une squâdre di mosaiciscj di Sequâls a ierin a lavorâ tal museu di Gjinevre e an fat chiste foto. O vevi voe di lâ a viodi ce che a vevin fat ma come simpri, jó ch'o passi al ros e mi fermi al vert, o jeri lât il lunis...Il dí indulà che ducj i museus dal mont a son sierâts. Ma o voi di chês bandis une o dôs vôltis ad ant e pal 2010, pal centenari di vierzidure, o varai di sigûr l'ocasion di tornâ.

Sequals é il paese di Carnera ma anche un paese dove la tradizione del mosaico aveva richiamato l'attenzione dell'architetto Marco Camoletti che fece il progetto del Musée d'art et d'histoire di Ginevra. Come sempre, io che passo al rosso e mi fermo al verde, mi son presentato al museo il lunedí e allora dovró ritornarci un'altra volta. Nel 2010, si festeggerà il centenario. Sarà una buona occasione di tornarci...A meno che sia di nuovo chiuso per via che i soffitti stanno cadendo qua e là...


03 nov 2009

Piçui nuies / Cose da niente

Tal 1930 un plevan al veve vût le idee di organizâ une colete di vistîts par dâ ai puars. Daspó le int e a tacât a dâ dut ce che in cjase a nol coventave plui. Vuê 60 personis in tune disine di magazens clamâts Les petits riens (I piçui nuies) a smistin, a selezionin, a lavin, a netin, a stirin, a reparin e a rimetin in vendite le rôbe di seconde man. I bêz a siervin a dâ da mangjâ a plui di mil puars ogni ant.

Da plui di doi agns, in colaborazion cui stiliscj di Bruxelles, une part dai vistîts a son taiâts, trasformâts,rifats, riabilitâts e po indossâts da manichins ocasionâi in tune sfilade di mode indulà che i vistîts a son vindûts a l'aste.Ogni toc al é unic e al puès sei fat cun vistîts ch'a vegnin di epochis e materiis difarents. Il stilist, cun chest materiâl a gratis, da une bande al si sfoghe

e di chê âltre al scuegnarà dî ai clients o produtôrs che saressin interessâts di comprâ il model par vendilu in serie, ch'al é impussibil di rifâ il stès model. Bielis aventuris.


Nel 1930 un vicario aveva avuto l'idea di organizzare una colletta di vestiti per i poveri andando di casa in casa. Poi la gente propose di dare anche i mobili, i ninnoli e tutti gli oggetti che non utilizzavano più. Oggi, 60 persone lavorano per Les Petits Riens (Le piccole cose da niente) e si incaricano di far le collette, di smistare e poi pulire, lavare, riparare e stirare e rimettere in vendita per pochi soldi in dieci punti vendita tutta la merce recuperata che servirà ad accogliere i senza tetto o gli immigrati « sans papiers » (Senza documenti).

Da due anni, in collaborazione con gli stilisti, una parte dei vestiti serve da materia prima per ricreare dei modelli unici che sono poi venduti all'asta in una grande sfilata che attira non soltanto curiosi ma anche clienti di ogni genere. Gli stilisti, contentissimi di poter creare senza pensare al prezzo delle materie prime, danno sfogo alla loro fantasia e destrezza che, secondo il loro gusto estetico, darà il risultato che potete vedere anche se poi, ai clienti, distributori o produttori dovranno dire che sarà impossibile di riprodurre i modelli in serie.

02 nov 2009

Svuizars / Svizzeri



In Svuizare, chest an a si celebre i 500 agns de nassite di Calvin che, al si dîs, al sedi il precursôr dal capitalism ma ancje il precursôr de scuele obligatorie gratuide pai fruts e frutis, siors e povars cul so colegjo vierzût tal 1558 e che al funzione ancjemó vuê.

Alore, savint che le scuele obligatorie a é rivade tal rest de Europe dopo de prime vuere mondiâl,o crodevi che un grum di rôbis a jerin miôr in Svuizare. Ma le setemane passade o ai viodût ch'al jere come dapardut.

O leievi sul L'express ,il gjornalut locâl ,che un om sui 35 agns al ere stât mitût in prason parcé che da 3 agns al tignive segregât in cjase un zovinut filipin ch'al doprave come un sclâf pai soi comuts sessuâi.

Po tal stès dí, in te universitât di Berne, o ai viodût che un docent al fâs scuâsit compagn cui students che i an presentât le disertazion (tesi di dotorât). Le scûse a é ch'al à di coregi. Ma di fat, al é par sfrutâ i students e fâiu lavorâ par lui su âltris sogjets. Il fat al é che plui il student al lavore ben e plui a lu ten incjadenât.Massime s'al sà che nol à masse bêz par stâ aí.Guai a domandâi cuant ch'al varà finît, al s'inrabie, e s'al s'inrabie a tu âs ancjemó mancul da sperâ. A tu puès stâ lí 7 agns! Alore cê? Corompilu o tasê? E in ce facultât? Indovinait:. Propit chê che nissun al pensarès: Il dirit:-)



In Isvizzera, quest'anno si festeggia i 500 anni della nascita di Calvino che, si dice, sia il precursore del capitalismo ma anche il precursore del diritto all'insegnamento gratuito per tutti, ricchi e poveri e uomini e donne. Allora, sapendo che la scuola obbligatoria in molti paesi europei arrivó, solo dopo la prima guerra mondiale, pensavo che in Svizzera le cose andassero meglio.

Nel giornaluccio locale di Neuchatel ho visto che un trentacinquenne che teneva prigioniero un ragazzino filippino già da tre anni per i suoi bisogni sessuali, era sta messo in prigione.

Poi all'università di Berna ho visto che gli studenti che sottomettono una dissertazione (Tesi di dottorato) al docente, dovrà aspettare anche sette anni prima di sapere il risultato. La scusa é che il docente deve leggere e correggere ma in verità, é perché gli fa comodo che gli studenti continuino a rimanere ai suoi ordini e lavorare per lui. Guai a chiedergli quando sarà finito. Si arrabbia e se si arrabbia potrebbe anche non darti mai la risposta. Allora, tacere o corrompere? E in quale facoltà succede? Indovinate.

Proprio quella che nessuno penserebbe: Il diritto!:-)