I miei Video clips furlans

Loading...

26 nov 2009

Il dûl improibît / La compassione proibita

Nissun nol sà s’al jere un duc o dome un muc ma al veve di sei avonde ben parcé ch’al veve maridât le fie di un re e che so fi, come lui, prime di deventâ sant, al jere deventât vescuf di Liegi. La lejende su di lui a é nassude tal 1250, plui di cinc cent agns dopo ch’al jere muart. Di ce storie si tratie ? Sant Ubert, patron dai cjaçadôrs e dai muardût dai cjans rabiôs al é nassût tal 600 e alc al timp dai « rois faineants » rés pucefadiis e ancje lui al passave il so timp dome a lâ a cjace.

Ma une dí a i é vignude une vision :

En cerf cun tune crôs luminôse jenfri i cuars . Rôbis da mats, ma d’in chê dí al si é mitût a fâ le cort al vescuf di Liegi. Cussí cuant ch’al é muart il vescuf al é lât sù lui. A partî di aí, a si à plui informazions. Tal paisut, al à fat fasint sù une glêsie pal vescuf muart che, dopo ch’al sedi deventât sant, al à scomençât a tirâ plen di pelegrins. E il paisut al é deventât une ponto di sitât. Muart ancje lui, al é lât sù vescuf so fi. Ce biel chest ! Ma il biel al é ch’al é deventât sant ancje chel.

Da murî da ridi so savin che Ubert al é deventât sant cui miracui che cualchi biograf interessât a i veve mitût sul so cont e a si dîs ancje che le storie dal cerf a sedi stade robade ae storie di un’âltri sant : Sant Arnolf da Metz e san Bonifaç dal caz o di no sai cuâl Italie medievâl.

Cent agns pluii tart, a Andage, un âltri paisut piçul piçul indulà ch’a in d’ere un convent grant grant, a son rivâts a vê il cuarp dal santon dai cuars e d’in chê dí, il paisut al si é clamât Saint Hubert e al é deventât cognossût tal mont intîr. Ancjemó vuê, lui ai let su internet, ogni ant, un centenâr di muardûts da cjans rabiôs, a van a fâsi benedî in te basiliche che date dal 1500, e a si dîs che da 800 agns, nissun al vedi cjapât le rabie. Rôbis da no crodi. S’o lais a Saint Hubert un 24 di novembar par vie di une rabie o saltarês fûr plens di borie di vê stât a mangjâ  tal ristorant ‘le saint Hubert’ dopo vê stât a preâ te glêsie. Ma cun dutis lis messis pai cjaçadôrs, cui puedial dî che so mangjais il sanc e il cuarp dal cierf o no fasês le comunion ?

Daspó, se in chel dí, tant ch’o mateais cul vêri dal aperitîf al bar o cjalais te television ce che fasin in Nepal ogni cinc agns o no varês plui nissun dûl, nissune pietât, nissune compassion, dome voe di cerçâ ancje vuâltris che cjar nêre inteneride cun mil precauzions par faus dismenteâ cul bordeaux , sêti il Katmandù dai pacifiscj che i 200 mil anemâi sacrificâts in tun colp di bant dome parcé che a crodin che cussí a varan le prosperitât. Dopodut, dutis lis scûsis a son buinis par copâ dal moment che il motîf al à alc di sant e lis messis celebradis pai vescufs in Italie pai cjaçadôrs a no son nuie di nuie. Nuie !



Per l’apertura della caccia, ero a Saint Hubert. La capitale europea della caccia che secondo la leggenda fino a che i protestanti non devastassero la chiesa nel 1558, c’era ancora il corpo intatto di Uberto stesso.

 Nelle foreste vicine, i cervi sono in libertà, Come al medio evo ? No, la  loro libertà adesso é sorvegliata, Organizzata. Devono pur finire nei piatti di tutti i ristoranti della regione, no ? Dopotutto, qui , i cacciatori sono protetti da un santo locale:-) Che la carne sia migliore perché é santificata, non lo so.

La leggenda di san Uberto, nasce nel 1250. Ossia 525 anni dopo la sua morte e dice che da duca, sia diventato prima eremita in un deserto del nord Europa (Sic), poi vescovo e poi santo dal giorno in cui, cacciatore impenitente ebbe un'apparizione strana: Un cervo con una croce tra le corna. Forse avrebbe potuto diventare il santo dei cornuti ma invece é diventato il santo dei cacciatori. E stato anche provato che la biografia di Uberto é stata copiata quasi punto per punto dalla biografia di san Arnolfo da Metz e san Bonifacio da non so che Corsica scritte già  nel 7° secolo. Perfino i tre miracoli principali sono uguali.

Nella basilica del 500, c'é anche la scultura lignea del cervo.

Questa leggenda, é appena buona per fare fumetti per i bambini e ninnoli per i turisti ma come al medio evo, anche gli adulti sono  pronti a credere qualsiasi cosa dal momento che in chiesa o in testa, ci si dà una scusa.

 Che siate credenti o non credenti, se passate di là andrete prima a visitar la chiesona tutta fatta di pietra e di marmo e poi finirete sulla piazza principale, al restaurant Le Saint Hubert, tutto fatto di piatti di selvaggina.

 Aspettando l’aperitivo al bar, col ditino per aria e il bicchiere in mano, dando uno sguardo allo schermo senza suono vedrete che in Nepal, proprio vicino a Katmandù, la méta dei pacifisti, per via di altre credenze, si sgozzeranno davanti ad un pubblico affascinato, 200 mila animali per invocare la prosperità.Allora, cosa v’importa delle messe celebrate da vescovi per i cacciatori ? Qua, all’apertura della caccia il piatto principale é il ragù o la bistecca di  cervo con un carpaccio al prosciutto di cinghiale per entrata.

Un buon bordeaux  vi aiuterà a fare una preghiera per dimenticare semmai avete una croce in testa o per dire una bestemmia se invece avete la testa in croce. Se poi volete far polemiche sul si o nó delle messe celebrate all’occasione dell’apertura della caccia, sul web c’é spazio per tutti e ogni giorno ce n’é una nuova.

 

1 commento:

Anonimo ha detto...

Mandi Jaio
tu mi as ispirât di fa un post su Checo Ferdinand, cal jere un cjaçadôr incragnît.

DoneBete