I miei Video clips furlans

Loading...

20 nov 2009



Le zornade internazionâl dai cessos a colave ´jar ma nissun a nol à cjatât une poesie par furlan ni par talian tal bagn. Pecjât ch'o vin mancjât chiste ocasion di profumâ i vôi cun tun pinsîr ai puars biâts che no an chest privilegjo di podê tirâ le âghe par dismenteâ.

No ai ancjemó viodût une manifestazion pal dirit di vê un cesso ma cul lâ dal timp di sigûr a no mancjarà dopo chel dal VF day di Grillo. Di fat, se dopo vê otignût il dirit di mangjâ, il dirit di vê ne cjase, i dirit di lâ o di no lâ a vore, a nus tirassin vie il dirit di cagâ in tun cesso, a si sarès pronts par fâ le revoluzion.

Cuissà ce ch'a dirès Agne Lene?


Ieri si celebrava nel mondo intero la giornata dei cessi. Non sessi, non fessi messi in nessi ma ben cessi. In inghilterra c'era anche un concorso di poesia. Le poesie selezionate sarebbero poi state esposte nei cessi pubblici. Questa ricorrenza era infatti nata per attirar l'attenzione dei senza tetto del mondo intero , obbligati a fare i loro bisogni solo di straforo o di sfuggita. L'anno prossimo, forse anche la giornata internazionale delle vescie e delle lofe fatte con distinzione o senza complessi e profumate e santificate secondo di chi le annusa. Chissà che bella festa!

1 commento:

comoinpoesia.com ha detto...

marobadamatti...(sarebbe stato contento l'imperatore Vespasiano...)