I miei Video clips furlans

Loading...

03 nov 2009

Piçui nuies / Cose da niente

Tal 1930 un plevan al veve vût le idee di organizâ une colete di vistîts par dâ ai puars. Daspó le int e a tacât a dâ dut ce che in cjase a nol coventave plui. Vuê 60 personis in tune disine di magazens clamâts Les petits riens (I piçui nuies) a smistin, a selezionin, a lavin, a netin, a stirin, a reparin e a rimetin in vendite le rôbe di seconde man. I bêz a siervin a dâ da mangjâ a plui di mil puars ogni ant.

Da plui di doi agns, in colaborazion cui stiliscj di Bruxelles, une part dai vistîts a son taiâts, trasformâts,rifats, riabilitâts e po indossâts da manichins ocasionâi in tune sfilade di mode indulà che i vistîts a son vindûts a l'aste.Ogni toc al é unic e al puès sei fat cun vistîts ch'a vegnin di epochis e materiis difarents. Il stilist, cun chest materiâl a gratis, da une bande al si sfoghe

e di chê âltre al scuegnarà dî ai clients o produtôrs che saressin interessâts di comprâ il model par vendilu in serie, ch'al é impussibil di rifâ il stès model. Bielis aventuris.


Nel 1930 un vicario aveva avuto l'idea di organizzare una colletta di vestiti per i poveri andando di casa in casa. Poi la gente propose di dare anche i mobili, i ninnoli e tutti gli oggetti che non utilizzavano più. Oggi, 60 persone lavorano per Les Petits Riens (Le piccole cose da niente) e si incaricano di far le collette, di smistare e poi pulire, lavare, riparare e stirare e rimettere in vendita per pochi soldi in dieci punti vendita tutta la merce recuperata che servirà ad accogliere i senza tetto o gli immigrati « sans papiers » (Senza documenti).

Da due anni, in collaborazione con gli stilisti, una parte dei vestiti serve da materia prima per ricreare dei modelli unici che sono poi venduti all'asta in una grande sfilata che attira non soltanto curiosi ma anche clienti di ogni genere. Gli stilisti, contentissimi di poter creare senza pensare al prezzo delle materie prime, danno sfogo alla loro fantasia e destrezza che, secondo il loro gusto estetico, darà il risultato che potete vedere anche se poi, ai clienti, distributori o produttori dovranno dire che sarà impossibile di riprodurre i modelli in serie.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Mandi Jaio,
a jere la me grande passion che di tirà fûr vestîts da robis vecis. Cuant co jeri ta lis scuelis superiôrs passavi plui timp a fami vestîts che a studià. Cul timp mi soi stufade ma istès, l'an passât, a mi soi fate une gjachete ta un spolvarin neri di me mari, un tiessût come il cannetè, bielissim. Ciert che la sartore ca lu veve fat, almancul 50 ains fa, a jere une pastrocjone. Dopo, pai ravais dai polsins e dal cuel, dât ca mancjave la stofe o ai doprât un vecjo par di fuseaux, disen pantere, daûr un cinturin gjavât ta la piel di sarpint di une borsete (o ai fat un flocut tip scarpis di Ferragamo) e par finì un sôl boton une vore grant, colôr ambre, sempri dai ains '50.
Podarês someà une pachianerie ma, invezi, a je une figade.
***
Dipo, Jaio, viôt che il mio blog a nol je tra chei che, sul to, a si viôt l'azornament ... i "feed" ju ai ativâts ...

DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Bielis aventuris Bete.Il biel, a nol é ce ch'al và di mode, al é ce ch'al plâs.Buine serade.

Anonimo ha detto...

Buine serade Jaio!
io vorrei un vestito ai petali di rosa, è possibile?

Capucine

Jaio Furlanâr ha detto...

Petali di rosa appassiti? :-)
Il to furlan al và di miôr in miôr:-)