I miei Video clips furlans

Loading...

6 nov 2009

Scaletis ae turche / Pasticcini alla turca


So domandais ai francês cual ch'a é le miôr "cuisine", us disarà di sigûr ch'a é le francês.

So lu domandais al talian in Italie, us disarà ch'a é le napoletane, s'al é di Napoli o le furlane s'al é dal Friûl, ma so lu domandais a un talian fûr da l'italie us disarà di sigûr ch'a é le taliane.

Lant indenant cussí, pai polacs a sarà le polache e pai rùs le russe, cence cjacarâ dai turcs cu le lôr Pita che par lôr a é miôr che la pizza, il kebab ch'al é miôr che dut e po pai pasticins plens di savôrs difarents.

Dacuardi, nô o vin il tiramisù par tirânus sù ma atu da comparâ cun lôr? O ai da dî, che no ai mai savût ce che i polacs e i rùs a cjatin di bon tai cudumars in salmuerie ni ce che i francês a cjiatin di straordenari in te soupe à l'oignon (Zupe di civolis) o al cassoulet (misture di fasùis) a part ch'a ju fasin pedeâ plui in sù che il lôr nâs, ma invezit lis scaletis ae turche ancje cence rondo alla turca a mi mi van benissim siervîts cul mîl ae ore dal...A dutis lis oris!

 

Se chiedete a un francese quale é la miglior cucina del mondo, vi dirà che é la francese. Se lo chiedete a un italiano, se é un napoletano vi dirà che la cucina migliore é la napoletana e se é friulano vi dirà che é la friulana. Andando avanti cosí, per i polacchi sarà la polacca, per i russi la russa e per i turchi la turca con la loro pita che per loro é migliore che la pizza, il kebab che é migliore che tutto e poi i pasticcini pieni di 1000 sapori differenti che solo loro sanno fare. Daccordo, noi abbiamo il tiramisù per tenerci a galla ma vuoi misurarti con loro ?

Debbo dire che non ho mai saputo cosa trovassero di straordinario i russi, i polacchi e molti altri dell’est, nei cetrioli in salamoia, né cosa trovino i francesi nella soupe à l’oignon (zuppa di cipolle) o al cassoulet

(Misto di fagioli) a parte la facoltà che ottengono di poter spandere i loro gâs più in alto che il loro naso.

Invece, i pasticcini alla turca, con rondo alla turca o senza a me mi vanno benissimo serviti all’ora del…

A tutte le ore !

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Usti, jo no ai mai mangjât pasticins ae turche. Tantis voltis o vevi pensât di preparà il Baklava. Lu vevi viodût a vendi ta un autogrill in Slovenie e o sai cal fâs part di diviersis cusinis, tra arabis e mediteraniis. Ta un film bielissim "Rue Paradis", cun Omar Sharif e Claudia Cardinale, a je une straordenarie secuence di cemût cal vigneve preparât il Baklavà ta une famee armene, rifugjade a Marsilie tai ains trente.
Tocjarà provà a falu!
Mandi
DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Sa no tu âs nissun pe degustazion o ven jó cun tune butilie di Sauterne:-)
O vin une vicine ch'a é armene e cuant ch'a nus invide a é simpri come une fieste e plen di plats e platuts di ogni ben di diu.Invezit, a part il cognac, no an vins, alore o fâs biele figure a puartâlu jó:-)
A mi plâs il lôr sens de famee e de ospitalitât. Ogni vôlte che le siore a ven in cjase a puarte simpri alc che a à fat jê. Le ûltime vôlte a jé vignude cun tun bocâl di coculis incandidis. Rôbis ch'a no si cjate in nissun lûc.Ancje i jugurs (une part di lôr a si cjate in Cine)a son parints dai turcs e a an alc de stesse lenghe (Cjale ancje ce ch'al conte Janez Erat su chest)Mandi

Anonimo ha detto...

senza nulla togliere alle leccornie turche, polacche ecc. ecc...
preferisco di gran lunga il cibo greco :-)
Chap
Buon W.E.!

Anonimo ha detto...

Chap, par chel co sai, ancje la Grecie è à il so Baclava. Di grêc jo o ai cjapât gust a meti yogurt su lis verduris.

Jaio, ce bile la to rispueste, cumò o voi a lei ce cal conte Janez.

Mandi
DoneBete

Anonimo ha detto...

ce biele, no bile ...
DoneBete

Anonimo ha detto...

O ai let il post di Janez sui uigûrs tal nord de Cine, grazie pe segnalazion.
Timp fa o soi stade a visità l'isole dai armens ta la lagune di Vignesie. "Isola di San Lazzaro", dolà che fin al XII secul a stavin in cuarantene i malâts di peste. Tal 1717 la Republiche di Vignesie e à regalât la isole a un grup di fraris armens, i Mekhitaristi, scjampâts da Istanbul a lis persecuzions turchis.
E an une biblioteche cun 200.000 volums, une mumie dal 1000 a.C., un museu di cuissà ce tantis colezions di robis e i fraris a fasin la marmelade di rosis, che alì a vegnin coltivadis.

DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Capucine, se ti riferisci al cibo greco per la mente, sono daccordo.
Buon WE

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Bete,
Si o ai sintût chê dai armens di Vignêsie e o larai di sigûr a visitâ le îsule cuant ch'o torni a Vignêsie (No cumó ch'a é le âghe âlte)Suis armens, al somee ch'a sêtin simpri stâts mal viodûts, un pôc come i ebreos. Il plui cognossût dai armens de France al é Charles Aznavour (Aznavourian:-)

Jaio Furlanâr ha detto...

Su le cusine greche, o cjati ch'a é un grum imparentade ae turche ma le turche mi somee plui siore e variegade. No mi plâs tant le manie che a àn di siervî le cjar cun rîsi,pastine e patatis in salse pomidoro.Prime o cognossevi dome il Retsina come vin, par furtune che cumó a son rivâts dongje ducj chei âltris che no son nuie mâl.
Mandi

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

slurp...sono davvero ottimi (forse, non proprio dietetici...eheheh).
A me piacciono da mmatti quei quadratini al miele (credo) che sembrano fatti con 'capelli d'angelo' zuccherati e fritti (quegli strani spaghettini minuscoli che da noi si cucinano a volte per i bimbi).
Mah... chissà invece come son fatti...però son proprio BBBUONIIII...!!!

luciana - comoinpoesia
.