I miei Video clips furlans

Loading...

11 nov 2009

Somelîrs / Sommeliers

Lis enotechis, no son simpri plenis dal stès vin e dai stès clients come lis ostariis. Lis enotechis a son templis indulà che, sot un'arie inteletuâl e spirituâl a si bêf insiemit il stès alcol che 'l plevan in glêsie al bêf di bessôl ma, come lui, a si cîr di bevilu fasint le front plene di ruis dopo vê alçat il cjaliç o il tai pal aiar, e sierant i vôi come cuant ch'a si gjolt o ch'a si pree, a si cîr di capî se le butilie ch'a si bêf a val le pene di sei bevude fint in somp. No come te ostarie indulà che se 'l vin al é masse garp o masse flap, a si lu mande jù distès par scjafoiâ le voe di trai un osti o scjafoiâ l'ostîr.
Te enoteche, al prin tai, cualchidun al à capît alc ma chei âltris nuie di nuie. Alore, par capî miôr, jú un'âltri tai che par fa distint, al si clame balon de rouge o flûte de champagne come in France e cualchi vôlte calic come in glêsie. Glêsie? Iustamenti, lis feminis, dulà sono? Come simpri, le domenie di buinore a son dutis a messe e cuant che vegnin a cjoli i oms, ostarie o enoteche, i oms a son cjocs compagn.
Peró, la enotecarie, joi ce disio, le enologhe, le sommeliêre, la maîtresse des chais, la caviste, cumó a puès sei 'ne femine e alore, pa calmâ lis polemichis a dîs che i oms e an dismenteât di spudâ il vin che a cerçavin. Di fat, un bon somelier a nol glet, al spude il vin e lis someliêris compagn.
Someliêris? Si puedial dî cence ofindi? Sí, in francês, un sommelier, fint a cualchi ant indaûr a nol veve frice, ma cumó che lis feminis a si son fatis strade jenfri i oms e lis butiliis a si dîs ancje sommelière...Ma forsit in Italie lis someliêris e an pôre di sei cjapadis par camerièris come in Svizare, alore...
Ma ce vuelial dî sommelier? Sommelier al ven dal provenzâl saumalier che come o savês a son chei che a menavin lis bestîs di cjame, di some... Insomis, alc come i alpins ch'a menin i mus in mont ma lôr a menavin dut a Parigji.
Cemût îsal pussibile che un menadôr di mus di some e di burics al sedi deventât un maestri tal cerçâ i vins ? Lui, un somîr, un manovâl, un vacjâr promós in seconde, un che in Americhe al sarès deventât cow boy...
Seont le storie, lis cjamis che puartavin a jere robe di mangjâ e da bevi che, seont me, no podevin fâ di mancul che di cerçâ pe strade.
E forsit i prins clients, a jerin masse mùs par savê se, gleti o no gleti, chel vin taiât pe strade da chei cains dal osti di somîrs e alore, cuissà, un plui lofio di chei âltris, par fâ gambiâ d'idee a chei che cjatavin il so vin masse strani al si é nomenât sommelier disint che il so vin al jere miôr che chel di chei âltris.Po plui tart,cuant ch'a si é savût che chei âltris,par ogni litro bevût pe strade, a pissavin drenti un'âltri litro, lui al à subite dineât di vê fat compagn.
-Strani peró che il tai di vin furlan al sedi restât un tai ancje se nol é plui taiât. Forsit che i furlans a no si fidin?:-)
-Strani che l'ostîr, tant che l'enotecâr, al é bon di mandâcji sul osti e chest, sêti parcé ch'a tu âlcis masse il comedon che s'a no tu lu âlcis avonde.
-Strani che un sommelier al rivi a fâcji bevi il vin che lui al spude.
-Strani ancje chiste espression furlane di mandâ sul ostie invezit di mandâ sul caliç.
-Strani che  cierts schiribiçadôrs come me a rivedin a fâsu lèi ce che lor a butin fûr:-)
Strani...

L'enoteca non é come l'osteria dove si serve praticamente lo stesso vino per gli stessi clienti. L'enoteca sarebbe casomai un tempio dove si beve insieme ció che il cappellano beve da solo in chiesa e come lui, prima di bere, si corruga la fronte alzando il bicchiere per aria e guardandolo con devozione prima di bere un sorso e , con gli occhi chiusi come quando si gode o si prega , si cerca di sapere se la bottiglia vale la pena di essere bevuta interamente o no.
Al primo bicchiere, in enoteca, qualcuno ha capito qualcosa mentre gli altri niente di niente; allora si serve ancora un bicchiere per cercar di capir meglio il sacro succo rosso contenuto nel ballon o l'elisir bianco della flûte per non dire bicchiere come in osteria o calice come in chiesa.
Chiesa? Sussiste ancora quella tradizione di mettere le donne in chiesa la domenica mattina mentre gli uomini vanno in osteria? Se sussiste, adesso forse andranno all'enoteca e là, sorpresa, la enotecaria, che dico, la enologa, la sommelière,la maîtresse de chais, la caviste, é una donna. Ma si puó dire sommelière?
Forse perché in Svizzera una sommelière é solo una cameriera in Italia un sommelier resta invariabile come per i ministri. In Francia se fino a qualche anno fa era cosí, da quando le donne si sono fatte strada tra gli uomini e le bottiglie si dice anche sommelière e madame la ministre. In fondo, se c'é la parità di sputo, la differenza di sesso rimane. Ma come mai un asinaio, un manovale promosso in seconda, uno che in America sarebbe diventato un cow boy, da noi é diventato un alto specialista dei vini?
Da dove viene questo nome? Secondo il mio libro di etimologia viene dal provenzale saumalier che era un conduttore di bestie da somma che più tardi é diventato un ufficiale addetto al trasporto di viveri e insomma:-) uno specialista del trasporto anche del vino.Non si sà come sia diventato sinonimo di specialista del vino. Alcuni dicono che prima doveva assaggiare il vino, altri che lo assaggiava per strada, aggiungendo acqua e anche urina per ogni litro sottratto per poi vantarne il gusto a quelli che trovavano il vino un pó strano e che non erano sicuri se inghiottire o no quel sorso che ormai avevano in bocca:-)
-Strano comunque che il sommelier arrivi a farti bere il vino che lui sputa:-)
-Strano poi che in Friuli per dire un bicchiere di vino si dica un tai (Un taglio:-)
-Strano anche che invece di mandare al diavolo si mandi qualcuno sull'ostia allorché si potrebbe mandarlo sul calice.
-Strano anche che uno scribacchino come me riesca a far leggere quello che vomita:-)

7 commenti:

acetosella ha detto...

Mandi, encja se no a nia a ce fa ti domandi come che si fà a meti i acents (circonfless) par scrivi in furlan, mi plasares scrivi su un blog. Ti seguis spess dal Friul Occ e i speri di no ve fa una domanda ca san encja i claps.
Grazie e mandi

exanba ha detto...

Devo essere un clap in testa , dato che non saprei metterli e neppure so cosa sono.
E dire che ho cercato di impegnarmi .
Speriamo in Don Jaio.
Inquanto al vino , si va in osteria dopo messe , mentre la femine a brave.
Questa è la prassi , non si può andare in osteria mentre la femine è a messa , è poco carino , esiste anche l'ipocrisia maschile.
Mandi.

Anonimo ha detto...

io adoro il calice ballon...
voglio ossigenarlo bene, prima di berlo!

Chapucine

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Acetosella, l'acent circonflès io lu ai cun la dierisi tal baton a diestre pe P. Ma jó o a ai une tastiêre francês e al é normâl di vêle parcé che si dopre i stès acents. Te tastêre taliane a tu puès domandâ a done Bete (Viôt achi in bande te liste dai blogs) che jê a varès di vê le tastiêre furlane che si puès scjariâ via internet cul dizionari. Senó, a si puès fâ ducj i segnos ch'a si ûl coi codices Ascii ch'a tu cjatarâs achi :http://msdn.microsoft.com/en-us/library/9hxt0028(VS.71).aspx
Par esempli par vê la â a tu tens fracât il tast Alt e tu scrîf 131. Cuant ch'a tu lassis il tast (Alt) al cji ven fûr la â. Stesse rôbe par ducj chei âltris segnos Alt+un numar.
Ma par me se invezit di meti une â a tu metis aa, ducj a savaran lèi e se invezit di meti la ç a tu metis une z, a crodaran ducj ch'a tu cjacaris il vecjo cjargnel:-)
Mandi

Jaio Furlanâr ha detto...

Sandri, Cualchi vôlte, par scrivi, s'al mi và ben di dî une monade par esaltâ un efiet, no sai stâ cence:-)Perdon.

Neve ha detto...

...o il cjargnel di Tùmiez.
Jo la tastiere furlane l'ai scaricade di achi: www.cfl2000.net
Mandi Nèf.

acetosella ha detto...

Benon! Fàt, adess a mi mancia di imparà ben dolà ca van! Mandi a duciu e grazie!