I miei Video clips furlans

Loading...

5 nov 2009

Swiss provocation

Dopo le vitorie dal partît di diestre,in dute le Svuizare, une campagne publicitarie fate da une sigurazion e à vût l'idee di provocâ le int cun chescj tabelons. O spietavi di viodi il prossim manifest par smentî chescj achi e ribaltâ il significât ma no soi restât a spietâ. Jó ch'o soi avonde provocadôr cuant ch'a mi cjape le voe, no varès pensât a tant. Segno ch'o no lu soi avonde o ben ch'o lu soi bielzà avonde.

 

Dopo la vittoria del partito di estrema destra, in tutta la Svizzera, ci sono questi pannelli pubblicitari provocanti fatti da una società di assicurazioni. Mi aspettavo beninteso di vedere smentite queste frasi con lo slogan seguente  che é spesso fatto per ribaltare il significato ma non son rimasto ad aspettare. Anch'io, alle volte provoco anche gratuitamente ma trovo questa campagna di pessimo gusto.Immagino una mamma che ha un figlio disabile e che per una o due settimane, ogni dieci minuti vede queste pubblicità. Ma forse non provoco abbastanza per capire.

 

9 commenti:

Anonimo ha detto...

una provocazione veramente di pessimo gusto.
ma dov'è finita l'attenzione verso la sensibilità altrui?

mandi Jaio
Capucine

Neve ha detto...

Se sin rivâz a chest pont un atri dilûf universal nol fasares mâl!
Nêf schifade.

Neve ha detto...

Dipo Jaio, i vevi un moment di timp e soi lade indaur a lei il to blog, ma no ai capît ben une robe: no tu la voras migo cui Çjargnei? :)
Tatent piçjiul!

Jaio Furlanâr ha detto...

Jessint cjargniel di Prât e di Davâr, no crôt di vê alc cuintri i cjargniei (Ma al puès sucedi un moviment di umôr o di spirit di contradizion:-) Mandi

Anonimo ha detto...

Però potresi far qualcosa di più per la Carnia .
Sandro.

Jaio Furlanâr ha detto...

Lu volarès veramenti ma ce fâ?
Plui che piturâle, cjantâle e descrivile, ce puedaressio fâ?
Politiche? Diu nus vuardi! O soi masse sclet par zuiâ a fâ ping pong cun promessis da no tignî o peraulis standardizadis.E po bisugne ancje viodi se le Cjargne a ûl gambiâ o ben se i và miôr di stâ cemût ch'a é.Par me, al é il prin paîs che chei che vegnin dal est a incuintrin in Italie e ancjemó a no si à capît che se ogni ungjarês, todesc, slâv di ogni sorte, al si fermàs in Cjargne par bevi dome un café, a si puedarès bielzà fâ cualchi pàs indenant.Invezit a si ju lasse cori drets a Vignêsie o cuissà indulà.
Sa tu âs une idee daûr dal cjâf, tirile fûr ch'o cji scôlti:-)

Anonimo ha detto...

ben, ben, la notizie azornade a svele la provocazion ...

http://www.tio.ch/aa_pagine_comuni/articolo_interna.asp?idarticolo=503266&idsezione=1&idsito=1&idtipo=3

DoneBete

exanba ha detto...

Non sono riuscito a trovare quello che diceva Done Bete.
Inquanto alle idee , non dovrebbero mancarTi.
Ma un'idea arriva dopo aver mirato l'obiettivo .
E qual'è l'obiettivo per la Carnia ?
Lasciare che ogni giorno un residente se ne vada ?
Far arrivare i Marocchini ?
Aprire un nuovo supercarcere ?
Costituire una riserva indiana ?
Ti dico che un'idea chiara , utile alla Carnia l'avrei in testa , ma non ora.
Ti anticipo che due sono i punti centrali , la bellezza indicibile di quella montagna e la pesantezza ( nel senso di incapacità ad essere leggggeri ) del vivere.
In effetti Ti riconosco che fai grandi cose e le fai con leggerezza.
Tempo al tempo , l'importante è non metterci una pietra sopra e la politica è cacca .
Mandi.

Jaio Furlanâr ha detto...

Sandri: A tu âs di copiâ l'indiris che a à metût Done Bete e po a tu colis sul gjornâl ch'al mostre le foto cul gnûf slogan.
Pal rest, sa tu âs voe di discuti sul sogjet, o soi disponibil ancje par e-mail.
Mandi e bon lavôr da te.