I miei Video clips furlans

Loading...

17 dic 2009

Il cûl de mê vicine / Il culo della vicina



Il gno gnûf vicin al imprestave il so puest pe machine a un dai miei clients,al mi judave a cjariâ i ûltins tocs e al mi domandave cemût ch'o fâs i manichins. Alore o i contavi chê dal gès di jar.




  • Ah, o no savevi che tu fasevis i manichins cussí. Ch'al mi à dite.




  • Nancje jó, i ai dite, ma i ai zontât ch'al stedi atent parcé che al à une femine ch'a é masse biele e che une dí, al puedarès cjatâle in tal gès.
    Ma o ai viodût subite che le sô mûse di carampan cun femine di vinç a si sblancjave dramaticamentri e prime ch'al mi cjapi pal cuel o ai scuignût dî ch'o scherzavi par fâlu ridi. Ma no scherzavi...:




  • No ai mai viodût cussí tante armonie in tun cûl in vite mê e ce ch'al é biel al é biel e ce ch'al é brut al é brut:-)
    Al pont che s'o vès di cjantâlu o scomençarès forsit cussí:
    Il cûl da mê vicine
    Mi fâs da medisine
    Cuant ch'o soi jù jù jù
    E a mi fâs lâ sù sù sù
    Il cûl da mê vicine
    mi rit e mi tintine
    Al mi fâs tavanâ
    E al mi fâs danâ

    Dut câs, nue pôre. Chei che cjacarin di plui a son chei che a tocjin di mancul:-)
    Chiste gnot, il vicin a nol à metût une des sôs machinis devant de cjase mê e cussí no ai scuignût sveâlu par ch'al mi lassi lâ fûr cu le mê machine.


    Il mio nuovo vicino é molto gentile. Ieri, non solo ha lasciato che uno dei miei clienti fermi la macchina davanti al suo passo carrabile ma ci ha anche aiutato a caricare. Cosí parlando, mi chiedeva come faccio i manichini ed io gli ho raccontato alcuni aneddoti tipo il sesso di gesso di ieri.
    -Davvero? Mi disse. Non sapevo che tu facevi anche questo.
    -Neanche io, gli dissi, ma stai attento perché hai una moglie troppo bella ed un giorno la potresti trovare nel gesso.
    In un attimo, ho visto il dramma nei suoi occhi di quarantenne con una moglie di venti e allora per rassicurarlo gli ho detto che scherzavo e s'é messo a ridere.
    Ma non scherzavo:-)
    In fondo non vorrei far altro che mettere in poesia quello che forse lui non sa fare. Certo che se l'ho detto l'ho pensato, ma non posso far niente senza un consentimento. Cosí lo sa.
    Stanotte, non ha messo la sua macchina di fronte al mio passo carrabile e stamane non ho dovuto svegliarlo perché m'impediva di uscire con la mia macchina:-)





4 commenti:

Frank Spada ha detto...

Cumò co sai ce... Jaio, mi scusi se no lu ai viodut prime daur di une cjasute (jo, cul ambaradan... dome ignorance).
Mi complimenti, alore, con tun scritor cal pense e un artist eclettic, fantasios - lu invidi tant, ancje par lis curvis cal volteggie cu lis mans - beat lui!
Mandi e atent cul lavor di fin.

Anonimo ha detto...

modelis "nature" come che di Courbet ta "L'origine du monde" o la Tina Modotti su la terace, sa si vessìn fat il calc in zes, di che strade si varessin fat ancje la cerete

DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Frank, Plasê de tô visite. No tu sês mâl nancje tu:-)

Jaio Furlanâr ha detto...

Bete, o viôt ben il cuâdri cun chês gjambis viertis di Courbet e le Tine a mi à simpri dât voe di piturâle o mateâ cun jê. O varès di scomençâ, o ai bielzà un frac di progjets. Mandi e stami ben.