I miei Video clips furlans

Loading...

29 dic 2009

Le Americhe in bufulis / L'america in bolle / America into bubbles

14 commenti:

Anonimo ha detto...

Bon , spietimi un momento che ai di parlarti , ma viot che a si dis claps e non clas.

Anonimo ha detto...

Bon , non pretendere che scriva in cjargnel , sarebbe troppo lungo.
Celentano e compagni piangono perchè la donna gli è scappata e via dicendo.
A quanto pare Tu vorresti trovare il tipo che è con Lei .
E' così che si fa ! Poi lo si legna anche se mai Ti facesse pena , infatti fanno sempre pena.

Troppi anni fa , mentre facevo un lavoro a scuola su Platone , il mio insegnate di Filosofia ( un genio , peccato che rosso ) mi raccontò che il mito del cocchio e dell'uriga di Platone , secondo cui l'anima è un cocchio sul quale l'auriga è la mente ed il cavallo bianco la rettitudine ed il nero la passione , mentre la mente tenta di raggiungere la conoscenza guidando il difficile cocchio , aveva anche un apocrifo.
Secondo l'apocrifo , Platone aveva pensato al cocchio considerando la bipolarità tra uomo e donna.
Diceva che la società , nel complesso , era l'auriga e tentava di raggiungere il progresso con il cocchio in cui i due cavalli erano l'uomo e la donna.
L'uomo aveva l'istinto irrefrenabile all'ira e solo con la guerra si poteva placarlo e condurlo.
La donna era rancorosa , nel senso che teneva sopita come una brace , l'invidia mista ad acritudine e solo con la maternità si poteva lenire .
Dopo molto tempo ricercai questo aprocrifo , ma non l'ho più trovato.
Qualche anno fa , a Venosa , conobbi una persona che me lo confermò e prima o poi ci ripasso.

Il tutto andrebbe ben chiarito .
L'ira ed il rancore non escludono la coesistenza di amore , odio , pace e guerra.

La visione della società di Platone era una visione diametralmente opposta a quella Freudiana , secondo cui l'uomo è spinto dal desiderio di replicarsi ( scopare ) e la donna di proteggere la prole.

Preferisco decisamente Platone.

Ossia , puoi avere una famiglia , una donna , dei figli , oppure no , ma Ti puoi sentire uomo solo se dentro di Te c'è l'Ira.
Se Ti manca l'Ira sei morto , specie se Ti mancano gli affetti.
Ma se l'uomo ha l'Ira può fare a meno degli affetti.
Di certo sarà solo , ma vivo.
Senza affetti e senza Ira resta solo il suicidio e ciò esclusivamente per l' uomo.
Attualizzando l'Ira possiamo tradurla in capacità di combattimento , per un bene , per una donna, per un figlio , per un quadro , per un gioco , per un'idea.

Nell'ottica della guerra non sarebbe male andare in America , individuare il soggetto e farlo nero utilizzando guanti bianchi.

Mandi Cjargnel.

Ex.

Anonimo ha detto...

Sarei in quarantena , ossia dovrei essere in silenzio , ma l'Ira mi ha colto e su queste cose sono sempre solidale con i maschi.
Sempre ex.

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Sax:-)
Lis tôs considerazions a son une vôre interessantis. A tu mi fâs pensâ a une vicine ch'a mi diseve cun rabie e tristerie che a fasarà crepâ ducj prime di murî jê. Po a é muarte. No soi jó ch'o le ai copade, intindinsi, seben o varès ben volût:-)
Ma o sai che le rabie ch'a tu disis a é ancje ce ch'al fâs vivi, ch'al ten in vite un grum di int e che fâs fâ un grum di rôbis a un grum di int.Su lis bufulis e il video, naturalmentri o ai dut inventât mascedant la mê cjargnielitât cu le emigrazion simpri in cors, ancje se mancul evident che prime,le mê furlanitât sot de piel che aromai a somee ridicule a un grum di furlans indifarents o apatics. Clàs o claps, cheste a é une contrazion ch'o mi permet par semplificâ le dizion.Bisugne pur fâ lâ indenat ancje le lenghe, no?
Il fat al é che o compon le musiche cussí facilmenti ch'o soi simpri indaûr di cent chilometros par meti sù lis peraulis e cuant ch'o lu fâs a no puès durâ plui di un o doi dîs.Il pinsîr al và plui svelt che lis mans e jó o vîf plui cu lis mans che cul pinsîr.Como te.
Nol é par chest ch'o ai mancul da dî, anzit...Ma a son lis mans che mi dan da mangjâ e o scuen fermâ il pinsîr di tant in tant, metilu in cuarantene par no lassâ lis mans cence fâ nuie. Lis bufulis a saressin i progjets e i siums che a sparissin tal nuie.Mi son stâts ispirâts cjalât un documentari merecan indulà che i merecans stès a si lamentin che le lôr Americhe a svuale vie parce che i 2 partîts a son compagns, a fasin dome ce che lis multinazionâls a ur detin di fâ. Ma chest al é un âltri discors. Sa tu âs voe di viodi il documentari và achi :http://www.youtube.com/watch?v=VebOTc-7shU... E lassimi in pâs cu le politiche:-)
Par tornâ a es peraulis, o doi di spès une conotazion alegoriche in mût ch'a si puedi interpretâ il test in tune o plui maniêris. Ok, o soi divorziât ma nuie di viodi cun chiste storie, a part l'amâr ch'al cji reste tal cjâf ancje se dopo a tu stâs miôr.OK, o no sparagni nancje chei che crodin che se a van a messe e an fat dut ce ch'a vevin di fâ.Po, chel ch'al crodeve in te Americhe e al si ferme a Udin al sares chel ch'a nol emigre plui, parcé ch'a nol à voe o no i covente ma al reste simpri tal stès pont e simpri compagn.
Le Americhe a puedarès sei le femine e dutcâs ne femine a reste simpri une Americhe che cji và in bufulis cuant ch'a tu le pierdis.Alé op, o scuen lâ a doprâ las mans cul cernêli. Mandi

Anonimo ha detto...

Tu sas che io soi marangon , quindi pratico.
Nn sapevo che Tu fossi divorziato , ho solo pensato che una donna Ti fosse scappata e che non avessi ancora digerito la cosa.
Comunque consolati nel sapere che secondo me l'Ira coesiste con l'amore .
E' solo uno stato tipicamente maschile che questa modernità vuole sottomettere per poter gestire la società .
Un discors ne vore complicat , ancje davanti un taj o una damigiane.
E po , sei sicuro che la Tua vicina che voleva vedere morire tutti prima di Lei avesse anche Lei dei giusti motivi ?
Di certo , se la pensava così , Quella non aveva certo paura di morire.
Mandi.
Ex.

OSCAR ha detto...

Jaio:
un saludo desde Buenos Aires, Argentina. Leo el furlan pero no lo escribo, por eso lo hago en español. Buen Año 2010. Mandi.

Jaio Furlanâr ha detto...

Que bueno esto aire argentino!
Feliz Año tanbien i muchas gracias.

Jaio Furlanâr ha detto...

Ex,
No, le vicine a jere une strie fate dome di tristerie e di stupidis maniis. A veve fat murî il so om, di sigûr di rabie:-), un talian che i veve lassât 5 cjasis cun 20 apartaments. A varès varès volût fâ murî le mê imprêse come che veve fat cu le dite prime di me.
Cuant ch'a é muarte, ducj i vicins e an tirât il flât ancje se cumó a no san plui ridi di jê cuant che tal so zardin a lave a scuedi le sô melarie parcé che le nêf sui ramaçs par jê a faseve disordin:-)

Anonimo ha detto...

Ti dicevo che si dovrebbe conversare sempre davanti ad un taj o una serie di taj , perchè di persona ci si chiarisce meglio.
Quindi che la Tua vicina fosse una pazza , per come la descrivi , nn potevo saperlo.
Resta che la morte , come dice Eduardo è una livella , davanti alla morte , alle volte provo pena , alle volte gioia ( nel senso di felicità , non vorrei che nessuno alla mia morte fosse triste ) , e alle volte indifferenza e distacco e queste son le occasioni in cui la morte prende chi non mi è piaciuto.
Inquanto all'Ira , non ho parlato di rabbia.
La rabbia è umana , l'Ira è divina .
Mai sentito IRA DI DIO ?
Ricordi il Diluvio Universale , Sodoma e Gomorra , Babele ?

Ti auguro buon anno e spero che il prossimo anno non Ti ammosci.
C'è molo da fare , fino che Dio ci da la forza , anche di incazzarci.
Nn badare alla mia vena polemica ( isterica ? ) , a no soi mancul Cjargnel di tei .
Mandi.
Sax ( biel , a mi plas il non che Tu as cjatat fur , ma se Tu meti dongje Sandri a Exanba al sares Sex ).

Anonimo ha detto...

Sex, viôt che "la livella" a je di Totò, sâstu mo!
Rivuart al "Dies Irae", le volte che mi soi regjistrade par meti une note ta le wikipedie, par zontà che tra i autôrs ca le vevin inseride ta li lor oparis, al mancjave Ildebrando Pizzetti", cul drame liric "Assassinio nella Cattedrale", a mi mandavin mesaç di difide a no fâlu. Un amì al suspietave ca fos une censure tai confronts dal Pizzetti, compositôr durant il ventennio. Dopo o ai viodût che lu an inserît di gnûf.

Ogni ben pal gnûf an!
Mandi
DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

o ben dome de bande francês o inglês parcé che le taliane a mi siervis dome par comparâ ce che o cîr, e di spès o no cjati l'equivalent.

Anonimo ha detto...

Dunque , Sax lo a tirà fur Jaio e il non a mi plas.
Sex dome se daur al fos di cjata alc.
Bete , io soi marangon e poco letterato .

La livella l'ho sentita da Eduardo e mi è piaciuta .
Ed è giusto correggere.

Inquanto ai giorni dell'ira ( dies irae ) , complimenti.
Lo so che ci sei .
Uno sà dipingere , uno incollare , una cogliere ( nel senso di cogliere la cultura letteraria ) , poi pare ci sia chi distrugge auto , chi litiga , chi sbadiglia e quelli a cui si dovrebbe togliere l'accesso al Web e sarebbero troppi.

Inquanto al Ventennio , mi stupisce che sei erudita anche in Musica .
Nessuno mi toglie dalla testa che in quel periodo ci furono in Italia un manipolo di Uomini geniali ( e non ho detto il Duce che era un coglione ingenuo e stupido ) attorniati da gentaglia che oggi troveresti dispersa nel Pd , in Forza Italia e quantomai nei nano partiti
Se ci sarà modo ne parleremo.

Per gli auguri Te li farò domani .
Mia made diceva che porta bene farsi fare gli auguri dagli uomini il primo di Gennaio ed evitare quelli delle donne .
Tu me li hai già fatti.

Mandi a Tutti , fuarce Cjargene e Furlanie.

Sax.

Jaio Furlanâr ha detto...

Il dies irae a jé une espression ch'o tiri fûr dispès pai funerâi ma o m'impensi che i Moody blues a vevin fat une version in rick inglês che no jere mâl par fâ sès:-)duncje al puedarès lâ ben ancje vuê. L'ira al mi fâs pensâ che no nd'é talian che cuant ch'al é irôs a nol tire un porco. Alore se le ire a é sante, vive i porcos:-)
Sax, par me al jere naturâl, no par dî ch'a tu sês cence coions ma parcé ch'o soi tal paîs di Adolfo Sax. L'inventôr dal sassofono nassût a Dinant. O ai une dí fat il ritrat par un client e par fuarce ch'o metarai plui sax che sex seben, pal sex, o no in mancji mai une:-)
Alé op, cuant atu voe di bevi un tai Sax? O ai le butilie al fresc e la mê biele a jé daûr a preparâ lis ûltimis rôbis. Da me a si fâs fieste aes dîs e a miezegnot parcé che a si fâs le miezegnot di Moscje (Dôs oris prime) e po, se no si é ancjemó sot de taule, a si é di sigûr tal jet:-) Senó, dami il to nuùmar di telefono ch'o cji clami e o bevin il tai in companie:-)

Jaio Furlanâr ha detto...

Vuê un eclissi di lune.Al é bon di cjalâ le lune e fâ un desideri.
Faseitlu, tant a nol coste nuie!