I miei Video clips furlans

Loading...

30 gen 2009

Sul cjiscjel di Udin as 3 di gnot / Al castello di Udine alle 3 del mattino


L'ûltin bevût di Udin, al é chel dal sabide sere. A si lu cjate sul plaçâl dal cjiscjiel. Impíns sul mûr, al é daûr a pissâ viers le madone di Gracie. Dut tun colp al si met a cori tor ator dal mûr. Di tant in tant al si ferme. Al cjape il respîr e come ch'al fasès il muezzin al cricâ dal dí pe prime prejere al sbreghe il cidinôr e al sighe jù le ûltime blesteme:
- Dio C#µ* di un putanâr di vile, svèiti. Al cride jù a diestre e a çampe .
Cualchi balcon al s’impie.
-Sêso ancjemó vîfs? Sêso omps o verzots? 
Nissun al rispuint
-Putane M@µ£µ€ di udinês vignît fûr di aí. Mostrait il vuestri cûl. Zio can.
Da lontan al sint lis sirenis de polizie e al trai cualchi ultin porco ridint come s'al vès vinçût l'Udinês.
Di lassú al sà fintremai viodi di ce bande ch’a vegnin.
-Bastarts di bastarts! al cride jù de bande de place Libertât.
- Cagons! Vive le libertât!
Po al s’infui de bande de place Prin di Mai.
Passant devant de fontanute cuintri il mûr, al si resente il gargat.
Se le storie a no é vere o no vês che da lassù vuâltris sabide ch'al ven. Po o contarês le vuestre:-)


L'ultimo ubriaco lo troviamo sul piazzale del castello di Udine. Impiedi, sul muro di cinta che dà verso la chiesa della Madonna delle Grazie dove sta urinando nel vuoto alle 3 del mattino. Poi si mette a correre sul muro.
Di tanto in tanto si ferma. Prende il respiro e come un Muezzin farebbe per la prima preghiera grida giù le sue ultime bestemmie cercando di svegliare gli udinesi che dormono tranquilli.

  • Dio c@#µ, svegliati Udine!
    Nessuno risponde ma cualche finestra si accende.

  • Siete uomini o vegetali? Fuori di lí, ziocan.
    Silenzio di tomba.

  • Puttana m@#°µ/& di Udinesi, venite fuori, svegliatevi, mostrate il vostro culo!
    Da lontano si sente qualche sirena. La polizia é stata avvertita e lui si mette a ridere a squarciagola come quando vince l'udinese.

  • Da lassù sà vedere da che parte arriva la polizia.

  • Bastardi di bastardi...Coglioni! Viva la Libertà grida giù verso la piazza della Libertà.
    Poi fugge via verso il versante che và sulla piazza primo maggio.

Se la storia non é vera, spero che qualcuno vi sveglierà il prossimo sabato:-)

Adulterât / Adulterati

Andé fruts a 40 agns ch'a son ancjemó sot tutele dai parincj. In compens, andé gjenitôrs ch'a son sot tutele dai lôrs fruts da cuant ch'a van a scuele. Tutelimi tu ch'o cji tuteli jó, forsit une dí o deventarin adultos.

Ci sono bambini di 40 anni ancora sotto la tutela dei genitori. In compenso, ci sono genitori che sono sotto tutela dei loro bambini appena che questi vanno a scuola. Tutelami che ti tutelo, forse un giorno diventeremo adulti.

Jaio

29 gen 2009

Nuje di nuje . Niente di niente

O leèvi di cualchi bande achi ator, tal blog di une zovine sui 20 agns,ch'a si lamentave dai laments dai parints parcé che jê a rivendiche il dirit di no fâ nujâltri che divertîsi e lâ ator cui amîs.

Di un'altre bande o leievi le storie di un omp che ae stesse etât al rivendicave dome il dirit di podê fracâ sun tun baton. Ce isal fracâ un baton? Nuje! Al é come un ch'al rivendiche juste il dirit di dâ pidadis. Nuje di plui.Ma se il baton al é chel di une machine fotografiche e che il fracadôr al devente un grant artist dal fracâ un'istantanee tal puèst just al moment just e ch'al finís par deventâ celebre, alore a é un'altre storie. Naturalmentri storiis di chei ch'a son deventâts popolârs e milionaris dome par vie che lis pidadis a lis davin tar un balon o in cognossin un grum, ma chê di chê mule o no me sarès mai spietade. PS: Le foto a é stade tirade viedal autôr a la fin di fevrâr e no si cjate plui di nissune bande su internet. Ch'a i sêti mantât tal cjâf?
Foto di Lucien Clergue 

Leggevo in un blog, i lamenti di una ragazza sui 20 che rivendicava il diritto di divertirsi e di non voler ne studiare ne lavorare.Nello stesso tempo, leggevo la biografia di un tipo che alla stessa età rivendicava solo il diritto di schiacciare un bottone. Che cos'é schiacciare un bottone? Niente di niente.E come dar pedate nell'aria.Niente di più.Solo che a forza di schiacciare bottoni  e calciare palloni c'é gente che ne fa un mestiere. Ma facendo niente di niente si ottiene zero virgola niente.
PS: La foto del nudo rigato dalle ombre del sole attraverso una saracinesca era visibile fine alla fine di febbraio. Poi é stata tolta dall'autore che ha proibito a Google di farle apparire su internet. Consolatevi guardando le mie zebre. Da me tutto é gratis:-)

28 gen 2009

Sturcjâ o Strucjâ ?

A fuarce di scrivi monadis tar chest blog o crôt ch'o deventarai inteligjent. S'al mi mancje 'ne peraule o par verificant un'âltre, so ai timp, o voi a cirî tai dizionaris on line. Ondai cjatât trê.Cussí o voi da un a chel âltri so no cjati le peraule ch'o cîr. Ma plui o voi indenant e mancul peraulis o cjati.Vuê o vevi voe di fâ sturcjâ il cjalderin de polente a di cualchidun ma no cjatavi le peraule di nissune bande. Finalmenti o ai scuignût vierzi il gno vecjo Pirona e aí, lu ai cjatât scrit cussí in piçul che, folc cji trai, o ai scuignût meti i ocjâi. I ocjâi a mi daran forsit un'arie plui inteligjent ma cui no volaressial someâ plui mone pur di no scuignî metiju?Difat, al si puès dî ancje strucjâ par dî savoltâ o ribaltâ.
Alore, o soi tornât tal DOF, tal FT e tal Naz.
 Si, dal lôr, strucjâ a si po (Aldo Rossi influence?), ma sturcjâ no. Duncje o larai indenant a sturcjâus lis mês jaiadis a gno mût parcé che det cussí le peraule mi somee plui biele che strucjâ. E po, le ai simpri sintude cussí, no stait a vignî a strucjâmi chê dal ors. 

A forza di scrivere sciocchezze in questo blog forse un giorno diventeró intelligente. Quando mi manca una parola o per verificarla, se ho tempo, vado sui dizionari del net. Ne ho trovati tre. Il DOF, il FT e il NAZ. Cosí, se non la trovo, vado dall'uno all'altro. Ma più vado avanti e meno ne trovo. Oggi volevo far ribaltare la polenta a qualcuno e cercavo il verbo friulano sturcjâ ma non lo trovavo. Finalmente l'ho trovato nel mio vecchio Pirona. Si, si puó dire anche strucjâ ma era scritto cosí in piccolo che, orpo, ho dovuto mettere gli occhiali. Segno, forse, che mi dà un'aria più intelligente, ma chi non vorrebbe rimanere idiota pur di non doverli mettere? Son dunque tornato dagli altri tre ed infatti, là, strucjâ si puó ma sturcjâ nó. Dunque, continueró a scrivere a modo mio perché questo verbo mi sembra più dolce con la erre dopo la U, e poi l'ho sempre udito dire cosí, non venitemi a strucjare sciocchezze!

27 gen 2009

Il vicino / Il vissin

Al veve scrit un biliet a chel di jar che s’al meteve ancjemó le so machine devant de so autorimesse vie pe gnot a le varès fate tirâ vie. Po al veve stiçât il biliet  sule machine.

 Vuê,  le machine a no someâve le stesse ma a jere ancjemó ai e al a fate puartâ vie de polizie disint ch’a lu impedive di iessi fûr cun le sô. E ch’al veve di lâ avôre.

 Po al é lât a comprâ il pan a pît.

Lu ai savût dal  gno vissin fasint le file dal panetîr. No i ai dite che chel di jar o eri jó.

 

Gli veva scritto un biglietto dicendogli che gli avrebbe fatto portar via la macchia se l’avesse ancora parcheggiata di fronte alla sua autorimessa durante la notte. Poi aveva messo il biglietto fra il parabrezza e il tergicristallo. Oggi, la macchina non somigliava a quella di ieri ma era ancora  lí davanti e l’ha fatta portar via dalla polizia dicendo che non poteva uscire per andare a lavorare. Poi é andato  a comperare il pane. A piedi.

L’ho saputo dal mio vicino mentre si faceva la fila dal panettiere.

Non gli ho detto che quello di ieri ero io.

26 gen 2009

Mussolini, Pasolini, Bartolini


Dopo vê tirât fûr Vittorio Cadel o varès crodût di fâ cognossince di un frac di furlans interessats ae art

ma invesit, ducj chei ch'a vegnin a lèi su Cadel, come par Pasolin a son ducj forescj. Fintramai dal estero!

Ch'al sedi parcé che si lu scrîf par furlan, che i furlans a no s'interessin?

Duncje, par no dî che  Mussolin al ere stât istitutôr des bandis di Tumieç, o vevi alore tirât fûr Pasolin che s’al é stât istitutôr dome a Cjasarse e ch’al  jere plui mâgri dal  prin, par me al veve ancje plui pês.

E o lu vevi parfin mitût cun Jack Palance cuant ch'al lavorave tal film "Il Criminâl" scrit da Bartolin. Ma vino propit di fâ il mai doi cence trê?

Si, Fasinlu. Se chest blog al sarà ancjemó sul web jenfre cent agns, puès dâsi ch'al siervissi a cualchidun.

Cui îsal ch'al s'impense di  Elio Bartolini?

Scritôr, senarist, poete e regjist, al à scrit ancje senografiis jenfri i cuâi, doi dai plui biei films di Michelagnul Antonioni: Il Grido e l'Avventura.  Al é muart  tal 2006. Forsit al jere convint che cun lui al murive ancje il Friûl. Baste lei ce ch'al a scrit in furlan e in talian.No sai cemût che i soi manoscrits a si cjatin in te universitât di Pavie (No, le universitât di Udin a no si cjate a Pavie di Udin...) Ma alc su di lui si lu cjatarês achi

E po une cerce : 

Gleseutis

Gleseutis sparniçadis di lunc dal tiliment

cun chel vuestri cjampanilut

e un san cristoful cul frut

in spâle. L'ajar a us bat

 e le ploe a us disfe

fin te lische

dal madón.

Dentri i no vês plui bancs ne cjandelîrs,

 robâts ancje chei,

 pipinots di piêre in procession tor dal altâr,

 restade in sacristie la lapide

 in vastatione Turcarum

e chê di vuê a é piês.

Elio Bartolini

Stiamo dimenticando Elio Bartolini.

Lo scrittore, il sceneggiatore, il regista e il poeta friulano nato nel 1922 e sparito nel 2006 portando con se una parte del friuli. Lo sapevate  che già negli anni 60 lavorava con Michelangelo Antonioni? Il Grido, l'Avventura, sono film nei quali ha partecipato scrivendo lo scenario.L'avevo già nominato un anno fa quando avevo messo Pasolini insieme a Jack Palance per via del film Il criminale scritto da lui anche quello.

Scopritelo o riscopritelo partendo dal suo sito.


23 gen 2009

La Fontaine, or not La Fontaine

Daspó le parussule vé achi une storie di cuarvs. Cjalait ce inteligjenze. Il cuarv al và a cirî coculis, po al si met sun tun fîl de lûs e al lasse colâ jù le cocule in te strade. Se le cocule a no si romp, al spiete che une machine a le sfrachêi e po al và jù a mangjâ. Ma se il trafic al é masse intèns, alore al lasse colâ le cocule in tun passaç pedonâl e cuant che il trafic al si ferme, al và jù a fâ colaseon! Le conte di Lafontaine de volp e dal cuarv e varès di sei rifate.



Dopo la cinciallegra, un'altra bella storia di corvi.I corvi in una città giapponese vanno a cercar noci e quando le trovano, per aprirle, le lasciano cadere dall'alto sull'asfalto. Ma se la noce non si rompe? Allora aspettano che cualche macchina la schiacci e poi scendono giù a mangiarla. Ma se il traffico é troppo intenso? Allora aspettano che il semaforo per i pedoni passi al verde ed il traffico si fermi.

Maître corbeau sur un arbre perché tenait en son bec un fromage...

 La fiaba di Lafontaine della volpe ed il corvo dovrebbe essere rifatta.

 

 

22 gen 2009

Barak Hussein Obama urbi et orbi

Vêso bielzà vidût le marmae di int ch’a và a la meche ogni ant a tirâ clàs ?

Vêso vidût le viergidure dai olimpics a Pechin ?

Vêso vidût le investidure di Obama a Washington ?

Le mode a é tai spetacui de fole. Plui int andé e plui il spetacul al é garantît.

Il vatican al varès vût di pensâ sù un tininín di plui prime di meti sù un pape todesc. Aromai

A é dute une question di marketing, di prodot, di stîl, di mode. Lis benedizions urbi et orbi da un balcon

a no bastin plui. Dut câs, o san Piêri al é masse piçul o il pape masse blanc.

Naturalmentri, par vê une sdrumarie di doi a trê milions di int, o disarês che il pape al scuignarès splanâ jù mieze Rome e meti il riscjaldment pes stradis pal invièr ma le rôbe plui sigure

par tirâ dongje tante int, e sarès stât di meti un pape cu le piel un tic plui scure e un nón un tic plui arabo che todesc. Senó a nol funzionarès J



Avete visto la folla immensa che ogni anno và a tirar sassi alla Mecca ?

Avete  visto l’apertura degli olimpici a Pechino ?

Avete  visto l’investitura di Obama a Whashington ?

La moda é negli spettacoli di folla. Più c’é gente e più lo spettacolo é garantito.

Il Vaticano avrebbe dovuto pensarci sù prima. Ormai é tutta una questione di marketing, di prodotto, di immagine, di stile, di moda. Le benedizioni urbi et orbi alla vaticana fatte da una finestrella sembrano a delle festicciole di asilo nido.

In ogni caso, o la piazza san Pietro é troppo piccola o il papa é troppo bianco.

Naturalmente, direte voi, per poter tenere 3 milioni di persone di fronte a sé, bisognerebbe spianare mezza Roma, mettere il riscaldamento per l’inverno, nominare un papa con la pelle un pó più scura e un nome un pó più esotico per non dire arabo, altrimenti non funzionerebbe.

 

21 gen 2009

Rôbis da mats / I pompieri di Bruxelles

I pompîrs a son rivâts ma no cjatavin il fùc. Alore a son lâts a domandâ a di chel ch’al ju veve fats vignî bielzà pe seconde vôlte e lui ur a mostrât il cjamin di un palaç ch’al fumave.

-Ma i cjamíns no sono fats par fumâ ?

I pompîrs, le pulizie, lis ambulancis, in dut a fasevin 9 veicui e 24 personis, alore e an traviersât le strade e un al é lât a sunâ il campanel te puarte dal palaç,ma nissun al rispuindeve. Alore al é montât su le sô scjale e al si é fat poiâ sul tet dal palaç. Li al à viodût ch'a nondere nuje e al si é fat puartâ jù.

Cualchi discussions sul restâ o no restâ e finalmentri mieze ore dopo a s’in van. Come ch’a vevin fat dôs oris prime.

O spietavi il non-c’é-due-senza-tré. Invesit nue. Dome due.

Dutcâs, imagjinait 9 sirenis ch’a sbreghin le vile dutis lis sirenis sberghelant e ch’a svèin un million di personis di bant…Rôbis da mats.

 

.
La vicina che li aveva chiamati  sembrava fiera di se e i pompieri vennero due volte per spegnere un fuoco che non c’era. Ogni volta con nove veicoli tra autopompe, ambulanze ,polizia e 24 uomini.

-          Che spiegamento di forze, disse un vicino.

-          Preferireste forse di vederci arrivare in bicicletta ? Disse un pompiere.

Io aspettavo il non-c’é-due-senza-tre giacché il camino continuava a fumare.Da quando in qua il fumo esce ancora dai camini ? Per fortuna che la notte il fumo non si vede altrimenti immaginate nove sirene urlanti che convergono da tutta la città svegliando un milione di persone per niente ?

20 gen 2009

I trois dal Signôr / Le vie del Signore

Il prin incuintri

Il Vigji al veve cjatât lavôr grasie a un incuintri casuâl cun tun paron ch'al veve crodût in lui.

Cuant che dopo un mês al jere vignût par vê le pae il paron a lu veve congratulât pal so lavôr pulît e ordenât  disint  che il câs al veve fat ben lis rôbis, ma il Vigji a i veve dite ch'al jere stât il signôr a organizâ l'incuintri e ch'al ringraziave dome il signôr pal ajût.

- A tu crodarâs ce ch'a tu âs voe, al rispuindé il paron , ma il câs al reste il câs, e so cji ai dât il lavôr a nol é il signôr ch'al mi à ispirât ma dome la mê intuizion.

- Si si, ch'al é il signôr. Lui al puès fâ dut, e zence di lui, a nol varès podût cjatâmi e nol varès podût vê le intuizion .Al disé il Vigji.

- Va ben, ringrazie il signôur di vêcji dât un mês di lavôr e scusimi cun lui se la mê intuizion a scomence a triculâ  parcé che jó o sai ch’o soi jó ch’o cji ai sielzût e o soi jó ch’o cji pâi e se par te il lavôr ch'o cji doi jó a nol à impuartance e tu ringrâzis lui pal lavôr ch’o cji doi jó, pal mês ch’al ven ce crodistu ch’al puedi sucedi ?

Il Vigji forsit al veve capît ch'al veve insistût masse sul signôr e al disé che  par lui al jere impuartant di vê il lavôr ma che il signôr al jude simpri chei ch'a meritin di sei judâts.

-          Duncje, dissal il paron,  sa cji à judât par chest mês, al cji udarà ancje pal prossim

E il Vigji al pierdé il puest.

Il secont incuintri

Un tipo al incuintre une copie da un amîc espert autodidate di internet. Le copie a somee terorizade. A ere scjampâde di cjase par no dovê passâ le domenie a sintî i fruts lamentâsi ch'a nondé bêz, ironizâ parcé che i gjenitôrs a son ancjemó in cjase invesit di lâ a vôre o a fâsi insultâ parcé ch'a no vuelin lassâur le cjase dome par lôr.

-Si rindeise cont? A volaressin che in plui di mantignîju, a si lassàs le nestre cjase par lôr e si si cjati un lavôr...Nô, ch'o sin squâsit pensionâts!

Une setemane dopo 

Il plevan al finís di fâ il numar dal nonçul.

-     Sempre sia lodato, dissal a pene che il nonçul al dîs pronto.

-     Di po, viôt che domenie al ven il vescum pe prime comunion dai fruts. O cji ai prometût di meti i toi nevôts plui piçui in prime file e che il grant al siervarà le messe, ma mi racomandi di no dismenteâ che dopo de messe des 6, doman a tu âs di sblancjâmi  il curtîl de canoniche e che le tô femine dopo lis puliziis e à di lâvâ i vêris e lavâ le machine… Po dopo un moment di esitazion

 

-     Va ben, si, i trois dal signoûr a son infinîts...sempre sia lodato, ma no sta dismenteâ, eh Vigji!

 

Il quart incuintri

Il cuart, come il tierç e forsit ducj chei âltris a no varan mai lùc

ma da cualchi timp, cualchidun al à vierzût un blog di cualchi bande. Ch'al sedi forsit par cjatâ lavôr via Internet?

In tes sôs informazions personâls al é scrit :

Etât: 55 agns.

Profession : Atualmenti zence lavôr par vie dal sisteme ch’a mal à fat pierdi.

Progjets : Cjatâ un lavôr cun cualchidun ch’al sêti uman,sensibil.e ch'al crodi in me. Dopo agns di sfuarçs, le disumanitât e le barbarie a mi an fat pierdi il lavôr seben ch’o vedi une grande famee cun trê fruts e trê nevôts da mantignî.

O speri in tal aiût di  un sant ch’al vueli ben scoltâ un citadin ch’al spere simpri ancje s’al si sint mitût da bande.

Libris : Le bibie, il vanzeli, La vita di Paulo VI, Le vie del Signore…

 

Dute analogjie cun personagjos esistents a sarès fortuide.

Ogni analogia con personaggi esistenti sarebbe fortuita.

Primo incontro

Luigi aveva trovato un lavoro grazie all’incontro casuale con un padrone che l’aveva assunto.

Quando alla fine del primo mese andó in ufficio per  la paga, il padrone lo congratuló per la sua buona volontà ed il suo ordine benché professionalmente mancasse di esperienza e perció, aggiunse,

- Conto su di te, per migliorare e per provare che il nostro incontro casuale é stato benefico a tutti e due.

Luigi gli disse che ringraziava dio di averlo messo sulla stessa strada e di averlo ispirato ad assumerlo.

Il padrone allora gli disse che poteva credere quello che voleva del signore ma che era solo un incontro per caso e che se era stato assunto, lo doveva solo alla sua buona volontà.

-     Si, peró il signore puó far tutto, e senza di lui non avrebbe potuto trovarmi né avere tanta  intuizione.

-     Va bene, ringrazia pure il signore che vuoi e scusami con lui se la mia intuizione incomincia a vacillare ma  se questo lavoro te l’ha dato lui sono io che ti ho assunto e sono io che ti pago. Se per te io non conto e ringrazi lui per il lavoro che ti dó io,cosa credi possa succedere se per il mese prossimo non ti dó più lavoro ?

-     E dio che decide, Lui aiuta sempre chi  merita di essere aiutato.

-     E vabbé, poiché ti ha aiutato una volta, ti aiuterà di sicuro ancora una volta e spero per te che lo farà perché io non ho più lavoro per te. E Luigi perse il lavoro.

 

Secondo incontro

Un tipo qualunque incontra una coppia da un amico esperto autodidatta in internet. La coppia Sembrava terrorizzata. Era scappata da casa per non dover subire i sarcasmi e gli insulti dei figli, tutti più che trentenni che vivevano con le amanti o le mogli e i figli.

-Adesso ci chiedono di sgomberare, perché  loro non possono vivere con noi. Dobbiamo trovarci un lavoro...Noi, che siamo quasi pensionati!

 

 

Qualche settimana dopo

Il curato finisce di far il numero del sacristano ed aspetta che risponda.

- Sempre sia lodato, dice appena sente il pronto del sacristano

- Senti, guarda che domenica c'é il vescovo che verrà per la prima comunione. Ti ho promesso che i tuoi due nipotini più piccoli avranno il privilegio di essere in prima fila e che il grande avrà l'onore di servir la messa peró non dimenticare che domani mattina dopo la messa delle sei conto su di te e tua moglie per sbiancare i muri del cortile della canonica, far le pulizie, lavare i vetri e...Se potesse anche lavar la macchina non mancheró di parlare al vescovo di voi.

 E dopo un momento:

-Si, si,  le vie del signore sono infinite, si, si, Luigi, sempre sia lodato.

 

Quarto incontro

Il quarto incontro é come il terzo e non é ancora avvenuto e forse non avverranno mai neanche i seguenti giacché il vescovo é ancora più occupato del parroco ma da qualche giorno qualcuno ha aperto un nuovo blog su internet. Forse per trovar lavoro.

Tra le informazioni personali:

Anni :  55

Professione : Senza lavoro. Il sistema me lo ha fatto perdere.

Progetti : Trovare un lavoro con qualcuno di comprensivo, umano e sensibile che tenga conto della mia situazione.

Dopo anni di sforzi, la barbaria e la disumanità  mi hanno fatto perdere il lavoro sebbene abbia una grande famiglia con tre figli e tre nipoti da mantenere. Cerco un santo capace di ascoltare un cittadino che sempre spera anche se ha l'impressione di esser stato messo da parte.

Letture : La bibbia, il vangelo, La vita di Paolo VI, Le vie del signore...

17 gen 2009

La parussule / La cinciallegra/La mésange/ The chickadee



O savin ducj ce ch'a é le parussule par furlan, no?
Ma êntrâ tal sogjet al puedarès fâ scjampâ un grum di int ch'a pense che se chiste rôbe a esist a nol bisugne cjacarâ masse di jê.
Ma chiste vôlte no us disturbi e no le ai butade in frice, dome in jazz.
Viodêt vualtris cemût ch'a us sune. Naturalmenti, lis peraulis a puedin sei letis in dôs maniêris. Viodêt chê ch'a us conven.
No sai se al timp dal Pirona, le parussule al jere bielzà sinonim di frice e sa si cjacarave dome dal ucèl. Dut câs, se ucèl al ûl ancje sei il sinonim di ce che nô vulgarmentri o clamìn bighe, l’evoluzion viers parussulat, parussulute e parussule pal argagn feminin al someave dut naturâl e forsit al é propit cussí che etimologjicamentri al si podarès gjustificâ.
Dutcâs so lais a viodi lis definizions dal dizionari furlan 2000 e o domandais cê ch’al ûl dî parussule le rispueste a é:
1 s.f. [DA] (vt. passero)2 s.f. [CO] zerg. (orghin sessuâl feminin) parussule volg. (biele femine, biele fantate) frice: che passera ragazzi!, ce frice int!3 s.f. [TS] ornit.com. (non comun di cualchi specie de famee dai Passeridis) passare4 s.f. [TS] itiol.com. (non comun dât a cierts pes dal ordin dai Pleuronetiformis) passare
Il Pirona invesit nus dà le version origjinâl e da bon plevan a nol cjacare di frice, al nus cjacare dome dal ucèl ma nus dà fintramai informazions ch’a no esistin tar chês âltris lenghis. Mi spiêghi:
Le peraule Parussule ch’a ven dal latin Parus, da nô a devente ancje parussulàt, parussulin e parussulute e cun chest, a si puès miôr cjacarâ dal mascjo, de femine e dai fruts che in tar chês âltris lenghis a nol esist.
Infat, i Francês a si cjate dome sot dal non Mesange ch’al é feminîl. Al puès sei Mesange charboniere (chê cul cjâf nêri) bleu (chê cul cjâf celestin) A longue queue (Cun le code lungje) e vie vie) come par inglês a doprin big tit, blue tit o i merecans a doprin chickadee e i talians a doprin cinciallegra.
Venastai ch’o vin une ricjece di vocabulari da podê lâ braurôs e fâ invidie a ducj chei âltris. Dutcâs, par celebrâ le mê scuvierte o ai scuignût meti le parussule in rimis par podêle cjantâ sun tune arie di blues e sicome che cui ch’al cjacare in blues a nol é color di rose le parussule a no puès sei dome l’ucel dal Pirona ma ancje le passare dal Furlan 2000.
Daspó, sintint cjacarâ te Patrie dal Friûl dal sinodi su lis sonoritâts de lenghe furlane, o ai volût subite acentuâ le prosodie e lis finâls curtis e lungjis a no podevin che alternâsi che cul ritmo dal blues ch’o cjati plui vissin de mentalitât furlane che cualsiasei altri lengaç musicâl.
Pal rest o pal test, o ai lassât le pusibilitât di capî cuâl vocaulari ch’o vês di doprâ seont il vuestri gust o le lune ch’a us tire. O ai ben dite le lune...

L'idea, era quella di fare un blues sulla cinciallegra che in friulano si dice parussule,(Dal latino parus) dalla quale si trae parussulàt per il maschio e parussulin e parussulute per i figli. Cosa che non succede nelle altre lingue dove si trova solo nella forma femminile (Sinnicka in russo, Mésange in francese, Tit in inglese, chickadee in americano, blauemeise in tedesco e  alionín in spagnolo). 

C'é peró anche la parussule che serve per dire ragazza in friulano per non dire frice che sarebbe il suo organo sessuale:-) Ho scoperto cosí che nei dizionari friulano-italiano di Pirona, 2000 e Friulterm le voci sono discordanti nel senso che, o si parla dell'uccello vero, o della passera. Questo comunque mi andava bene per fare un testo che si puó leggere sia col primo che col secondo dizionario. Invece il video ci mostra solo la cinciallegra,  che a forza di farsi vedere ogni giorno sul mio terrazzo, ha iniziato con me delle relazioni molto particolari tantevvero che non  dispero di poter un giorno volare via con lei:-)

16 gen 2009

Peraulis clâf / Parole chiave / Key words

Cuant ch’al si cîr alc sul web a si poe jù une peraule o dôs e po a si viôt ce ch’al ven fûr.
Plui perulis a si met, e plui rôbis a vegnaran fûr e naturalmenti, an saràn un grum da butâ vie.
Di tant in tant o cjali lis Key words di chei ch’a vegnin achi par câs e zence cognossimi, dome parcé dopo che a an fat le  domande  sù Google,  Google al mi fâs figurâ in tes rispuestis pussibils.
Inutil dius che chei ch’a cirin frice a rivin dôs trê vôltis in dí da mé e al mi displâs par lôr sa no cjatin ce ch’a stan cirint. Ma ce ch’al mi somee curiôs a son lis domandis fatis par cirî le rispueste.
Us doi doi esemplis contrastants :
Un di san Marin al domande a Google : Io giro intorno a Dio, intorno all'antica torre - e giro per millenni e ancora non so, se sono un falco, una tempesta o un lungo canto.

E al é colât sul gno post dal Picolit. Po al à rifat le domande e al é colât sul gno post sù Triest.
Un’âltri al cirive : Verlaine e il buco del
E al é colât sul gno post su Verlaine e il sonet de bûse dal cûl.
Moralitât, inutil insisti cuant ch’a si é fûr dai semenâts.
Ma cuissà cui ch’al jere chel roman ch’a nol voleve scrivi le peraule cûl, seben ch’a le cirive ?
Dutcâs il plui straordenari al é chel o chê ch’a domandave a Google: Foto del mio ombelico e invezit dal so al é colât sul gno:-)
 ... / ...

Quando si cerca un’informazione su internet, si scrive una parola chiave su Google e si ottiene, secondo il soggetto, da zero a qualche milione di risposte. Più parole si mette e più si ha delle risposte. Naturalmente un sacco di risposte saranno da buttar via e se si sà leggere, non occorre neanche aprire la pagina del sito.
Di tanto in tanto, dó uno sguardo alle parole chiave di quelli che son mandati da me via Google per via delle loro domande.
Le due ultime sono in contrasto.
Il primo cercava una risposta a : Io giro intorno a Dio, intorno all'antica torre - e giro per millenni e ancora non so, se sono un falco, una tempesta o un lungo canto.
Ed il poverino é caduto sul mio post sul Picolit.
Ma poi ha rifatto la stessa domanda ed é stato mandato al mio post su Trieste.
Là, forse, avrà capito perché non l’ho più visto.
Il secondo cercava la poesia di Verlaine che mi porta ogni giorno due o tre esploratori.
La sua domanda era : Verlaine e il buco del
Chissà come mai questo romano che cercava il sonetto di Verlaine no ha osato scrivere la parola culo ?
Le vie del web sono impenetrabili J
Il più strano peró é un veneziano o veneziana che chiedeva a Google : Foto del mio ombelico...E che invece del suo é cascato sul mio.

15 gen 2009

Whopps, oops, ops, dio # *§°µ...

Whoops, aromai, chiste intergjezion merecane a é stade adotade in dutis lis lenghis e o ai sintût ancje  cualchi furlan ch’a le doprave invesit di trai il solit porco. So doprais chist Whoops deventaiso un whopper ?
Lis dôs peraulis no an nue di viodi, al é juste par contus ancjemó une..
Se in Americhe o deventais un Whopper al ûl dî ch’o vês une pagjine su Facebook e ch’o vês mitût su le vuestre pagjine il whopper dal Mac che s’al fós Mac Intosh o saressis salvâts ma al si trate di Mac Donald e lí o no podês che sei danâts.
Duncje, so sees un whopper al come dî ch’o sês un mostro, un can dal ostie parcé ch’o vês di sacrificâ 10 dai vuestris amîs. Scancelâju, copâju, eliminâju, asasinâju…Dome cussí o puedarês vinci un  Giant Hamburger  e cun la crisi ch’a fâs pôre a di ducj, a é une rôbe da no fâ smorfiis.Daspó trós sono chei fâls amîcs ch’a no son mai vignûts a visitâ le vuestre pagjine ?
 Ma ce vuadagnial il Mac ? Po ben, cuant che i vuestris amîs a vegnaran a viodi il parcé ch’a son stâts sacrificâts, a fasaran compagn ancje lôr e a laran a mangjâsi il lôr amburger di consolazion. Naturalmenti, nissun nol và tal Mac di besôl o dome une vôlte e al é aí ch’a us spietaràn i publicitaris dal Mac e o disarês che ancje chiste vôlte o sês stâts freâts. Se amancul a fós le Blave di Mortean ch’a us oblearès par une fete di polente a netâ fûr i amîs dai blogs ch’a no vegnin plui a viodius o saressis contents, nomo ? Ma o crôt che prime al rivarà il Mac ancje da nô.
 Ah Friûl, Friûl, sa no tu fossis cussí no ti cjolarès pal cûl J Whoops !

Whoops, ormai quest'espressione é diventata familiare in tutte le lingue. Se voi la usate siete forse un whopper. Ma ecco che già essere whopper é qualcosa di strambo. Le due parole non hanno niente da vedere insieme ma Negli Usa, dilaga una pubblicità per i Mac. Se fosse per i Mc Intosh non direi niente ma é per i Mac Donalds

Allora, se diventate un whopper, Mc Donald vi offre un Giant Burger gratis. E cioé?
Basta caricare il programmino del Whopper nella vostra pagina di Facebook e sacrificare 10 dei vostri amici. Come sacrificare? Ammazzarli, cancellarli dal vostro elenco di amici.
Coi tempi difficili, si ricorre alla psicologia applicata. Voi, se siete, su facebook non chiedereste meglio di cancellare certi "amici" che non sono mai venuti a leggere la vostra pagina, e allora lo fate. Risultato? Fate una pulizia tra gli amici amici e gli amici icima e vi guadagnate un hamburgher. Ma Il Mac cosa ci guadagna? Ecco: Mac sa che i vostri amici quando vedranno che sono stati cancellati verranno a chiedervi il perché (oppure a vedere chi siete se se lo sono scordati) e cosa verranno? Che al posto loro c'é Whopper. E cosa faranno? La stessa cosa che voi, diamine! Risultato, tutti al Mac per avere il Giant gratis, si, ma anche per pagare gli altri poiché praticamente nessuno và né da solo, né solo una volta al Mac. Eppoi, con l'offerta spazzacrisi attuale di due hamburger per tre dollari e mezzo...
http://www.whoppersacrifice.com/
Prossimamente, e cioé tra 50 anni, stessa campagna in Friuli grazie alla Blave di Mortean
Semmai  su Facebook non c'é nessuno faremo la stessa cosa nei blogs:-)
Come, non c'é più nessuno neanche lí?
Whoops !

14 gen 2009

Vuê, viarzidure de ostarie leterarie / Oggi, inaugurazione dell'osteria letteraria


Baste ch'a sedi in furlan e ch'a no vedi plui di 2000 caratars o batudis. Infat, a si sà che sul web, so no vês chê di sparagnâ par no comprâ un libri, o sês simpri di presse e alore par no tiraus masse a siment, vuê al vierç Contecurte.L'iniziative a somee interessant. Dutcâs us gambiarà dai solits blogs. Aí, in tal sît di Contecurte a volaressin ch'al sedi une ostarie fate come une vôlte, un circul leterari indulà che ducj a puedin contâ o lèi une storie. O scomet ch'o cjatarês cualchidun che bielzà o cognossês ma o riscomet che vistîts cun le cravate us somearan difarents:-) Dutcâs, so vês chê di someâ plui seriis ancje vualtris lait a contâle o a leile achi
.... / ...
Un luogo virtuale dove tutti possono proporre delle piccole storie in lingua friulana (Fatevi avanti e trovatevi un traduttore tra i link qua a destra)
é l'osteria letteraria chiamata Contecurte (Racconto corto). Una specie di circolo fatto come una volta ma tenendo conto delle esigenze del web per quelli che scrivono e per quelli che leggono. Infatti, le storiette non debbono contenere più di 2000 spazi o caratteri. Fatevi conoscere.
Troverete di sicuro dei nomi già a voi noti ma questa volta vestiti di nuovo come le brocche dell'anno che viene:-) L'iniziativa sembra interessante e comunque vi cambierà dai soliti blog.

Le gnove acuile furlane / La nuova aquila friulana


 Ancje chest an, chei dal Premi Friûl al si disarès che a an organizât il concors ma par pôre ch'o partecipi ancje chest an a lu an fat di nascuindon. Dutcâs a no mi vevin visât:-).
Alore o ai fat compagn. O ai organizât un concors di sculture e no ju ai visâts nancje jó. Il teme al jere le acuile furlane e il regolament al stipulave ch'al jere proibît di publicâ il concors e nissun gjornâl, nissun blog, nancje il gno a podevin cjacarâ dal concors. Duncje al concors o eri dome jó, e savêso cê? 
O ai vuadagnât il prin premi! Lu varessiso scometût?
Dutcâs, vé achi il risultât.
Ma no stait a pocâsi, so vês chê di vê une copie origjinâl in ceramiche  o scuignarês spietâ ch'o fasi une mostre des mês jaiadis in Furlanie, ven a stâ enfre 200 agns cuant che le Furlanie e sarà deventade il sinonim de vere patrie dal Friûl no come cumó ch'a si clame come une trinitât cun trê noms ch'a si tirin a siment un cu l'âltri.

Anche quest'anno, si direbbe che il concorso Premi Friûl sia stato organizzato ma per paura che io partecipi ancora, lo hanno organizzato  di nascosto. In ogni caso, non me l'hanno fatto sapere. Allora io ho fatto la stessa cosa. Ho organizzato un concorso di scultura e non l'ho fatto sapere a nessuno. Il tema era l'aquila friulana e il regolamento stipulava che era proibito svelare al pubblico che c'era il concorso e nessun giornale, nessun blog, neanche il mio non ne hanno parlato. Dunque, al concorso c'ero solo io e volete veramente saperlo?
Ho guadagnato il primo premio, Hurraaaa!
Lo avreste scommesso?
In ogni caso ecco il risultato in vetro. Se adesso volete un esemplare in ceramica non spingetevi, avete tempo, dovete aspettare che faccia una mostra in Furlania e cioé, fra 200 anni quando forse il sinonimo Furlania vorrà dire Patria del Friuli. Non come adesso che si chiama come una trinità dove ogni nome fà boccacce agli altri due.