I miei Video clips furlans

Loading...

28 mar 2009

Verlaine


Semai une dí us sucêt di tornâ a cjase di buinore, cirît di impensâsi di chiste poesie, magari dome dal prin viers e, recitaitle ae vuestre biele tant ch'o i dais lis rôsis ch'o varès a pene robât pe strade magari tai orts di chei âltris. 
Se come me o varês vût le furtune di vê une amant comprensive, a nol sarès strani se plui tart o decidarês di fâi  un macet di rôsis in dí, par dute le vite.

Semmai vi succedesse di tornar a casa al mattino presto, cercate di ricordarvi di questa poesia. Magari solo dei primi versi che reciterete alla vostra bella porgendole il mazzo di fiori,frutti e rami che avrete appena colto per strada magari nei giardini degli altri...
Se come mé, avrete la fortuna che la vostra amante vi capisca, di sicuro che le farete poi la promessa di porgerle un mazzetto al giorno ogni mattino e per tutta la vita:-)

Vé achi pomis, flôrs e rams
E po vé achi il gno cûr ch'a nol bat che par vô
No stait a sbregâlu cun lis vuestris blancjis mans
E ch'ai vuestris vôi chest umil regâl al sêti biel

O rivi ancjemó cuviert de rosade
Che il vint dal matin al ven a glaçâmi tal cernêli
Sufrît che la me strachece ai vuestris pîst a si poni
E ch'a s'insumii di cjârs moments  ch'a le rilassarà 

Sul vuestri sen lassait rundulâ il gno cjâf
Ancjemó dute sonore des vuestris ûltimis bussadis
Lassaitle cuietâsi de buine tempieste
e ch'o duarmi un pôc se vô o ponsais.

Ecco qui dei frutti, dei fiori e dei rami
E poi ecco qui il mio cuore che batte solo per voi
Non strappatelo con le vostre bianche mani
E che ai vostri occhi l'umile regalo sia gradito

Arrivo ancora coperto di rugiada
Che il vento del mattino mi ghiaccia sulla fronte
Soffrite che la mia stanchezza ai vostri piedi si riposi
E che sogni di cari momenti che la calmeranno

Sul vostro seno lasciatemi rotolar la testa
Ancor tutta sonora dei vostri ultimi baci
Lasciatela calmarsi della buona tempesta
E che io dorma un po se voi riposate



25 mar 2009

Pomis, rôsis e rams / Frutta, fiori e rami

Voici des fruits, des fleurs, et des branches
Et puis voici mon coeur qui ne bat que pour vous...


Verlaine al dedeave chiste poesie a le so biele. Seben che ducj a lu cognossin come murôs di Rimbaud al jere ancje maridât cun tune zovine che, par vie dai parincj scandalizâts, e à volût divorziâ.
O ai cjapâde le ocasion di diussal cui colôrs di une foto fate vuê as trê di buinore. Forsit le ai cjapade tant ch'o durmivi:-)

Verlaine dedicava questi versi alla sua giovane moglie. Sebbene tutti sappiamo che era l'amante di Rimbaud, era anche sposato con una giovincella che spinta dai parenti puritani e scandalizzati chiese il divorzio.
Ho preso la foto alle 3 di stamattina prima che i pomodori cambino colore con i fiori...Forse stavo sognando:-)

Voici des fruits, des fleurs, des feuilles et des branches
Et puis voici mon coeur qui ne bat que pour vous.
Ne le déchirez pas avec vos deux mains blanches
Et qu'à vos yeux si beaux l'humble présent soit doux.
J'arrive tout couvert encore de rosée
Que le vent du matin vient glacer à mon front.
Souffrez que ma fatigue à vos pieds reposée
Rêve des chers instants qui la délasseront.
Sur votre jeune sein laissez rouler ma tête
Toute sonore encor de vos derniers baisers
Laissez-la s'apaiser de la bonne tempête
Et que je dorme un peu puisque vous reposez.
So vês chê di imparâle a memorie, imparaitle in musiche lant achi
Per impararla a memoria fatelo con la musica é più facile. Mandi
Posted by Picasa

17 mar 2009

15 mar 2009

Royal Boch

Royal Boch a é stade creade tal 1841 e no é le prime vôlte ch'a fâs faliment.Ancje jê, chiste vôlte a é lade jù definitivamenti.
O soi stât a visitâ le fabriche di ceramichis jar. Al si varès dite che da cuant che le fabriche a é stade fate sù, a é restade tâ e cuâl tal mieç  di un terèn abandonât e che nissun al à mai sblancjât i mûrs o netât fûr il curtîl. Lis colezions di ceramichis compagn: A somein ch'a sêtin simpri chês da plui di 50 agns. Par fuarce che a veve di colâ. Cemût resisti ae concurince?
Drenti e fûr, lis bandiêris dai sindacâts no svintulin parcé il vint a nol sofle par mostrâ le sconfite. Une fotografe, par fâsi un tininin di publicitât e à cjatât une idee:
Fotografâ ogni operari e fâ un manifest da esponi tor ator. A la Louvière, un grum di talians de tiarce generazion no son rivâts a fâ le lôr imprêse come Franco Dragone e a pierdin il puèst.

Royal Boch é una fabbrica di stoviglie creata nel 1843. S'era guadagnata una fama internazionale con le sue ceramiche di qualità ma purtroppo di pessimo gusto e che sia per la crisi o per via della concorrenza, l'azienda é caduta in fallimento. Morte tua vita mea, no? Cosí, come tutti, via a vedere cosa c'é da comperare a basso prezzo. Bene, credetemi: Niente di niente.  M'é spiaciuto di vedere quanto la ditta fosse mal tenuta. Si direbbe una ditta abbandonata da cento anni in un terreno incolto e invece, fino a qualche settimana fà c'erano ancora 50 operai tra i quali molti italiani figli o nipoti dei minatori emigrati a La Louviere dopo la guerra.
Tristezza e desolazione nel vedere le bandiere dei sindacati che sembravano indicare la sconfitta ed anche la scielta macabra di una fotografa di mostrare uno per una tutti gli operai e operaie che perdono il posto. Il sole, diceva Charles Aznavour, rende la miseria meno insopportabile, ma io credo che sia ancora peggio.

12 mar 2009

Benigni a Bruxelles

Ae fin dal spetacul le int aé sclopade cun tun aplauso che forsit nancje lui a nol si spietave. Al lave di une bande a chê âltre, al si fermave e al inchinave il cjâf scuâsit fint tai zenôis. Al someave ch'al si scusàs. Al é vêr che ducj a si spietavin di vê da ridi dal prinzipi ae fin e invesit, a mieze strade,come tal film "La vita é bella" al veve pôc a pôc gambiât di ton. Il scenografo a lu veve seguît e al veve gambiât lis lûs e il font al ere deventât rós vîf come il fuc dal infièr.
Lui, dopo un moment  di concentrazion al scomençave le recite dal quint cjant de divine comedie indulà che Francesca Polenta e Pauli Malatesta ai contin il lôr pecjât di amôr.
Là, nissun a se spietave.O savin che Dante, al veve 20 ains tal 1283 cuant ch'al à scrit
chiste part de divine comedie. 20 ains! Par fuarce che a chê etât aí a si puès ancjemó svignî di emozion e al é svignût. E par fuarce che Benigni, al voleve trasmetinus chiste emozion. Ma cemût îsal rivât? Dome cun le recite. Lis inflessions in te vôs, lis pausis, le declamazion, il ritmo ch'al acelerave o ralentave seont ce ch'al sintive.
Par chest, al scuignive cognossi dut il cjant a memorie e ce ben ch'a lu saveve! Ae fin, andé stât un atim di esitazion de bande dal public. Il timp di dîsisi ch'al podeve aplaudî
e di gleti jù le emozion ch'a vevin tal gargat e alore ducj impins a aplaudî come mats. Cualchidun cun lis lâgrimis tai vôi e no dome lis feminis. Ancje jó!


Un responsabile fiammingo gli aveva raccomandato di dire qualche parola in fiammingo e lui le ha dette. Naturalmente per farci ridere. Non troppo peró perché dice che é stato fatto dottore onoris causa dalla KUL università di Lovanio e... non puó troppo prenderli in giro. La cerimonia duró una giornata perché ogni discorso doveva essere tradotto in tre lingue prima di procedere al seguente...
Poi, sebbene tutto il teatro sia stato pieno zeppo di italiani ha continuato il suo spettacolo in francese. Ma il pubblico ha riso lo stesso fin dall'entrata sul palco fatta a mó di Vita é bella. Vi ricordate quando se ne và tra le guardie del campo facendo lo sciocco mentre suo figlio lo guarda per la buca da lettere? Cosí! Questo, l'ho capito dopo dove voleva arrivare. Quando a mezzo spettacolo ha cambiato tono per farci entrare nella divina commedia. Là, s'é preso un'aria da drammatico che ha lasciato tutti senza fiato. Ci portava all'inferno con Dante e Virgilio. Francesca Polenta e Paolo Malatesta ci raccontavano il perché con le parole di Dante che spesso non capisci ma dette cosí come lo ha recitato lui, capisci anche il perché Dante che all'epoca era solo ventenne, sviene dall'emozione.
Grande quest'ometto di 50 chili di nervi e d'intelligenza che puó far di noi quello che vuole e in qualsiasi lingua. Leggete l'articolo nel blog delle sue ammiratrici francesi.
Articolo correlato in Francese

07 mar 2009

Buine fieste aes feminis/ Buona festa alle donne

Posted by Picasa
Cemût, dome dôs rôsis? Si ma us es doi cul vâs:-) Un vâs no mase âlt par podê lassâ su le taule e podê cjalâ il vuestri om tai vôi. Cuissà ch'a no i vegni tal cjâf alc di meti al vuestri cuel? Sa nol capís, diseit che il vâs al si clame scoladure...
Ma come solo due rose? Si, ma ve le offro con il vaso:-) Un vaso non troppo alto per poter lasciar sul tavolo permettendovi di guardare il vostro uomo negli occhi. Chissà che non gli venga in mente di appendere qualcosa al vostro collo? Il vaso si chiama, scollatura...

Next time I'll do a song for you:-)
La prossima vi faccio una canzone:-)
Le prosime us cjanti alc:-)
La prochaine fois je vous en chante une bonne:-)
Najblizszy raz czy spiewacz piansenka:-)
Hasta la proxima con una cancion:-)

05 mar 2009

Tina Modotti eroine furlane

O sin partîts ducj e doi ae stesse etât ma jê a no jere mai tornade in Friûl. Ancje se vuê jê a varès vût 112 agns o scomèt ch'a varès vût il so blog in furlan parcé che da fotografe a varès vût un grum da mostrâ e da femine ancjemó plui da dî. Vuâltris, curiôs o i varessis domandât discretamenti ce ch'a pensave di Bertinot cuant ch'al à dite: Il comunismo é fallito? Lo reinventeremo!
Altris a i varessin domandâ di contâ  cemût ch'a ere finide a Moscje al timp di Stalin par po deventâ  une spie, une agent segrete pal Cremlin. Jó o i varès domandât  alc di plui su le prime part de so vite ch'a mi fassine di plui. 
Cuant ch'a ere biele come une madone e brave come nissun e ch'a veve decidût di lassâ le so cariêre zà ben scomençade di atrice a Hollywood par passâ di chê altre bande dal obietîf. 
A mi varès contât cemût che une sere a veve presentât Diego Rivera a Frida Kahló e cemût ch'a saressin deventâts omp e femine prime di deventâ famôs in dut il mont pe lôr piture. Forsit a si varès savût ancje cui ch'al à veramenti organizât l'assasini di Trotzky a Messico. No erial chel âltri furlan Vitali? Ma a mi a mi sarès dome interessât cemût ch'a ere rivade a sei le fondatrice dal moviment artistic avanguardist messican prime di virevoltâ definitivamentri in te politiche in chel dí che il so murôs Julio Falla a i é muart tal braç assasinât da no si sà cui ma sot dai soi vôi tant ch'a lavin a spàs a bracèt pes stradis di Messico city. 
Ma a no si sà nancje cemût ch'a é muarte jê e andé pôc da dî. 
In chê vôlte a Moscjie a si usave  asasinâ ducj chei ch'a varessin podût deventâ masse popolârs o comprometents pal partît e soredut par Stalin. Un miedi al veve inventât une punture che une vôlte fate a faseve murî di mâl di cûr. Enfre i prins a murî cussí, "di un mâl naturâl", al é propit stât chel miedi stès e enfre âltris rús o ròs, ancje Tine Modot a é muarte in tun taxi di un colp tal cûr a cuarante cinc agns come ch'a une femine a no i sucêt mai di mai. 
Ma o savarês di plui di me so vês da fâi une pagjine in furlan su Vikipedie o no. Dutcâs a lu merete. A é bielzà in dutis lis lenghis fûr che par furlan.
 Ch'a vêti mâl sielzût di ce bande stâ, al é probabil ma ce ch'al mi displâs di plui al é che dut tun colp, e à lassât pierdi le sô art par dâsi ae politiche.
 Se te glêsie, furlane o catoliche ch'a sêti, a si use santificâ chei ch'a ispirin chei âltris pe lôr maniêre di fâ a varessin di santificâ ancje le Tine.Tant, cun chê manie di santificâ ch'andé cumó, a nol sarès mâl.
Dutcâs, jó lu ai fat ae mê maniêre e o lu fasarai ancjemó di plui da pitôr e da scultôr. Par une vôlte ch'o vin une eroine furlane, o vin di tignîle dacont. Us scomèt ch'a no à ancjemó finît di ispirâ âltris artiscj e ch'al sarà cussí  ancje pal siecul ch'al ven.
 Fintramai Mick Jagger al veve comprât i dirits de sô biografie par fâ un film cun Madonna ma a no si sà cui ch'al fasarà chel film ne cuant. O lu savarês so lais a cirî sul Web. Dutcâs, se le cjase indulà ch'a é nassude le Modot a no é stade ancjemó comprade dal comun in vie Prachiuso par fâ il so museu al ûl dome dî che nissun sindic al à vût avonde balis par pensâ in grant. E sí che il Comitât Tina Modotti al esist da un biel piès! 
Lu saveviso che Madonna e a comprât une foto origjinâl di Tina Modotti par 160.000$?
Le nestre Tine nazionâl a devente cussí le fotografe le plui cjare dal mont!

Sul zojel dal to cuarp indurmidît
A sponte ancjemó le pene e le aneme insanganade
Come sa tu podessis, sûr, tirâti sù e soridi parsôre il pantàn.
Pablo Neruda te poesie dedeade a Tina Modotti.

Links:


02 mar 2009

Bearzi, Bearzot, bearç, Bearzatti

Il Bearzi é una scuola di Udine e il nome Bearzot lo conoscete, no? Questi nomi friulani vengono dal "beàrç" , l'orto vicino a casa. Da lí, viene anche il nome Bearzatti di Francesco. Questo jazzman l'ho scoperto viaggiando per la Francia una notte che ascoltavo la radio. C'era un vero concerto dedicato a Tina Modotti dal titolo: Tinissima. Bisogna dire che da quando é morta nel 1942, per trent'anni, é stata ignorata e dimenticata ma la sua biografia ispira da un pó di tempo un sacco di artisti di ogni disciplina e non dico che non faró niente ma qua vi dovete prima trovare il CD di Bearzatti. Un vero capolovaroro. Una meraviglia. Una vera biografia musicale fatta col suo sassofono o il suo clarinetto e accompagnato divinamente da un quartetto molto compatto e coerente. Per il CD vedete qua..
Non rischiate niente perché il Bearzatti non é conosciuto in Friuli e questo, ve lo dico io da friulano: E un segno di qualità!     
- In concerto a Grenoble il 26 marzo
 -In concerto a Bergamo il 17 aprile
- In concerto a Udine: Vêso comprât il so CD? Alore nuje!
Altri 46 concerti qua:-)
Il Bearzi e il Bearzot o cognossês ma il Bearç e Bearzatti, cognossêso?
Il Bearç al sarès l'ort, le braide. Bearezatti al é un jazzman furlan ch'al à
fat cul so quartet dut un CD dedeât a Tina Modotti. Lu ai sintût ae radio tant ch'o lavi ator le gnot jù pe France e o ai da dî che ogni toc al é une vere meravee. Un capolavôr. Nissune smorfie. Al é dut bon. Une vere biografie musicâl sù le Modot. 
Cun tun nón cussí, Francesc Bearzàt a nol podeve che sei furlan e par no sei cognossût in Friûl, a nol podeve che sei un grant artist. Si, o disarês ch'o fâs l'ironic ma al é cussí, al é simpri stât cussí e tant ch'a no si gambie di mentalitât al sarà simpri compagn. Daspó, o vin chiste manie di viodi mâl e di stuart in tal sanc, tal DNA. Cjalait bielzà bearç ch'al devente pegjoratîf cun Bearzot e cun Bearzat. Cuissà ce sfuarçs par saltâ fûr di aí vé, chei doi!
Sa fossin nassûts in Toscane a si saressin forsit clamâts in tune maniêre plui ninine Bearzini o Bearzetti par no dî Bearzello o Bearzetto.
Ma nó, nuje, da nô, a si scuen scrivi cu le pale e il picon e dâ un colp a chel mone di Bearzot par ch'al rimi dome cun verzot e a di chel brut Bearzàt che s'al vès di rimâ cun alc, l'ort a nol sarès biel avonde. Dutcâs, se chiste manie di mandâ a cagâ ducj fin de nassite ch'a àn i furlans a continue, a no é colpe
mê. Us dîs che chest Bearzatti al é un grant artist ancje se lis brutis lenghis a disaràs ch'al  ven fûr dome dal conservatori di Udin:-)
 Faseit cumó ce ch'o voleis. Viodêt che tal so repertori andé ancje Mandi Friûl. Che chest al sedi premonitori parcé che in Friûl a nol tornarà plui. Dome le storie a nu lu disarà. Ma so vês bielzà il rimuars di no vê amancul sintût chest toc, ch'al é il plui biel, faseitlu subite, parce che s'al mûr doman, al mûr ancjemó un toc di Friûl e no varês fat nuje pe vuestre patrie.