I miei Video clips furlans

Loading...

23 apr 2009

O svuali vie / Volo via

Se il 30 aes 6 sot sere o sês al Feeling in vie Piave a Udin e ch'o viodês un pâr di vôi curiôs e un pâr di vorêlis ator di une bocje contente sot di une côce spelade a la Kojak o varès di sei jó. Pal rest, so no soi cun Rilke a Duino, il rest dal timp o sarai di sigûr cun cualchidun âltri d'interessant di cualchi bande. Intant, o soi tal avion scuâsit tal cîl di Bruxelles. O torni in Mai. Mandi.

Se il 30 alle sei di sera siete al Feeling in via Piave a Udine e vedete un paio di occhi curiosi inquadrati da un paio di orecchie sopra una bocca contenta e un coccia pelata alla Kojak, dovrei esser io. Altrimenti, se non sono con Rilke a Duino, il resto del tempo saró di sicuro con qualcuno d'interessante da qualche parte. Intant sono quasi sull'aereo sopra Bruxelles. Torno in Maggio. Mandi
Posted by Picasa

17 apr 2009

Par un orloi / Per un orologio

Per un orologio Simenon perse la cappa . O disevi cemût che Simenon al veve pierdût le sô virgjinitât: Lant in tun casin e paiant le so experience sessuâl cul arloi di so pâri. Si viôt che l'arloi a nol valeve un c...:-)

Si vede proprio che l'orologio che aveva ricevuto da suo padre non valeva un c... altrimenti Georges Simenon non l'avrebbe ricambiato contro una "Agevolazione di primo pelo":-)

Ecco comunque cosa succedeva in Italia a quei tempi.
Posted by Picasa

Liegi futurista

No soi mai cuintri chei ch'a viodin lis rôbis in grant ma achi al mi somee ch'e tar chiste sitât e an vidût sproporzionât. Le stazion fate sú come un stadio cuviert, a é par dî il vêr un grum futuriste.Ecezionâl. Si ben che dut ce ch'a si cjate ator cumó al stone. O ai vidût che di fûr e an fat ancje un puint tal stès stîl. Ur mancje dome di cambiâ dute le sitât par vê une unitât e al sarà perfet.

Non sono mai contro quelli che vedono le cose in grande ma a Liegi mi sembra che siano sproporzionati. La nuova stazione ferroviaria assomiglia ad uno stadio coperto e a dir vero molto futurista. Straordinario. Cosicché, tutto il quartiere li in giro adesso stona.  Anche  il barbone che vedete dal dietro. Ho dimenticato di prender una foto del ponte fatto nello stesso stile a qualche centinaio di metri per darvi un'idea di come sarà la città quando sarà tutta ricostruita nello stesso stile.Cioé, mai! Liegi é una città con un grande passato storico e industriale ma ció che ne rimane sono i cupi ricordi di Georges Simenon. 

15 apr 2009

Salone della sedia


Vegetal Chair from Ronan & Erwan Bouroullec on Vimeo.

Ormai con internet si puó far ancora meglio che al salone della sedia:-)

Le vile Di Georges Simenon / La città di Georges Simenon


A Liegi, o ai un amîc musicist ch'al si è incjastrât drenti e nol à nissune voe di saltâ fûr. Nancje so voi a cjolilu. Cussí al mi à puartât fûr par viodi chiste vile ch'a clamin, no sai parcé, Le vile ardent. Par ardi, folc cji art, a art avonde, parcé ch'a é plene di int ma pal rest o soi restât un tic mâl. Brute int e brute vile. Nue meraveât che Georges Simenon al vedi taiât le cuarde a pene ch'al à podût zence plui tornâ.Il so passât storic e industriâl al é avonde impuartant ma ce ch'a reste al é pôc e nuje.No é une vile par stâ. Dome par lavorâ. Aromai, ancje in te cjase natâl di Simenon andé une famee di nêris, segno che dopo dai talians, lis ondis migratoriis a si son ripetudis. Dutcâs us ai mitût cualchi foto par dâus une idee. Le scuele dai frâris Saint André e dut tor ator, al é come cent agns fa cuant che Simenon al viveve lí.Il consulât talian al é ancjemó un dai plui biei palaçs de vile dopo il municipi.


A Liegi ho un'amico musicista che si é incastrato e nessuno lo sà rimuovere da lí, neanche se lo vado a prendere io.Cosí m'ha portato fuori per vedere questa città che chiamano, chissà perché, la città ardente.Peró, brutta gente e brutta città.Anche la Mosa che le serpenta dentro con quella sua aria da Pó é poco attraente.Si capisce subito il perché Georges Simenon, una volta che ha potuto andarsene non é più tornato.Siccome c'é poco da vedere ho seguito il circuito Simenon per dare un'occhiata. Tutto sembra intatto come cento anni fa quando nacque in quella casa dove oggi c'é un negozio di specialità congolesi.
Anche la scuola elementare gestita dai frati é sempre uguale. C'era da vedere anche il bordello dove Simenon in cambio dell'orologio ricevuto da suo padre, fece sesso per la prima volta ma mi ero già preso un'indigestione.Allora invece vi metto la foto di un ragazzino che pulisce i vetri. Immaginate che si chiami Georges Simenon e che abbia appena ricevuto la pagella con il famoso voto di 293,5 punti sù 315 che gli dava diritto di caricar la stufa a scuola...

12 apr 2009

Cjartuline di Pasche / Cartolina di Pasqua

Pe Pasche o ai ricevût une cartuline de Russie. Ce ch'a si viôt subite al é il rós. Lôr a no san stâ cence meti il rós da cualchi bande. Po ben o viodês ch'a an lis stessis usancis che nô in Italie indulà che lis cartulinis di Pasche e an di spès une conotazion religjôse
. Vêso viodût che a àn ancje lôr il paneton? A lu clamin culiç. Invesit, al puès dal ulîf lôr a doprin i ramaçs ch'o viodês daûr dal paneton.


Per Pasqua ho ricevuto questa cartolina dalla Russia. Notate subito il rosso. Rimane il colore nazionale. Notate anche il panettone che da loro si chiama culic. Per il resto, tutte le cartoline hanno una connotazione religiosa malgrado 70 anni di comunismo. I rami dietro il panettone sono i rami che adoperano al posto dell'ulivo nella domenica degli ulivi.

Fai clic sulla foto per ingrandire

Posted by Picasa

07 apr 2009

Buine Pàsche / Buona Pasqua /Joyeuses Pâques

Da l'ant pasât, chest toc pascuâl in furlan al é stât gjetonât sù lis 6300 vôltis tal gjùbox di Yù tiûb. Statisticamenti, le magjorance a no son furlans ma forescj. Sôredut merecans. O varès forsit di fâ come i politics e scrivi in inglês par tirâ i furlans? Dutcâs, le avarizie proverbiâl dai furlans tal fâ compliments e le lôr gjenerositât tal fâ critichis a é stade confermade e smentide parcé che su 6000 scoltadôrs, o ai vût dome cinc coments ( un In spagnûl e in portoghês) ma nissune critiche. Un record! Buine Pasche.
Và a lèi le Pasche di agne Lene achi 


Da cuando si trova su internet, questo brano pasquale in friulano é stato gettonato più di 6300 volte nel jukebox di You Tube. Statisticamente, in maggioranza, gli ascoltatori sono tutti non friulani e sopratutto americani. Forse come i politici, dovrei far dei testi in inglese per attirar l'attenzione dei friulani? Comunque, sia l'avarizia proverbiale dei friulani nel far complimenti, che la loro generosa ironia nel far le critiche, é stata confermata e smentita perché su 6000 ascoltatori, solo sei commenti (tre in friulano, uno in italiano, uno in spagnolo e l'altro in portoghese:-)...Ma nessuna critica! Un record! Leggi anche la Pasqua di Zia Lena( in Friulano) andando qua .

05 apr 2009

Ogni jarbe a pàs

Un furlan de Pensilvanie al cîrive di savê ce ch'a ûl dî  chiste espression e Google a ma l'ha mandât da me 5 vôltis. Si viôt propit che par Google ogni jarbe a pàs parcé che o sai ch'o no ai mai doprât chiste espression tal blog. Tal câs che il merecan al torni i zonti dôs peraulis juste par lui. So vês chê di zontâi alc, faseitlu.

Un friulano della Pensilvania cercava il significato dell'espressione friulana : Ogni jarbe a pàs e google l'ha mandato nel mio blog cinque volte di seguito sebbene lo so, non ho mai adoperato questa espressione ma appunto, siccome adopero il friulano, Google me lo manda come per dire: Vai da lui, troverai abbastanza friulano da saziartene e cioé ogni cosa di friulano (ogni jarbe) che troverai sarà abbastanza buona per saziarti (Pàs viene da pasci, pascere)

If you are looking about the friulian expression "Ogni jarbe a pàs" this it means something like
 anything is good enough for, everything  can be use for...And in fact, if you arrive in my blog is because for Google ogni jarbe a pàs (since here I use friulian) anything is good enough to send you here, any friulian langage used here in this blog is good enough to feed your curiosity.
Just some additionals:Jarbe or arbe, jerbe,jerba, jerbo, means grass, herb.
A pàs comes from the verb passi, pasci (say pashi) which in italian is pascere, saziare and in english is: to satiate, to fill, to feed, to overeat, to graze on
So, ogni jarbe a pàs can be translate like this: Any grass is good enough to satiate.



03 apr 2009

Cemût deventâ artiscj/Come diventare artisti


La Ilde a jere istitutrice in tune scuele di andicapâts e a veve menât le sô mularie a visitâ il gno laboratori. Po, par cualchi ant a jere lade a fâ il gîr dal mont. A pît! A jere rivade fintramai in Cine. A nus veve contât lis sôs aventuris prime di tacâ a lavorâ come infermiêre in tun ospedâl. Daspó a jere tornade a partî par lâ in Nicaragua e aventivie in mission umanitarie.
Le ai incuintrade pe strade zence savê ch'a ere tornade. Da un pôc, a si é mitude a fâ le artiste. O sai ch'a à di vê cjapât le idée da cualchi bande ma se le idee a é buine e à da circolâ e cussí sui marcepîts chi ator a si scomence a viodi ce ch'a fâs. A fâs une lastre cimentade di tocs di ceramiche pó il so óm al tire vie le lastre standard e al salde drenti le gnove. L'idee a é tant plasude al comun che dopo cualchi mês di lastris a 25€ par fâsi cognossi cumó e à vût un ordint di 200 lastris a 40€. So vês chê di piastrelâ Udin o le vuestre vile cun le vuestre fantasie, no sês obleâts di fâ il gîr dal mont a pît come jê. Scomençait subite: O proponês a chei ch'a us somein siors avonde di meti une gnove lastre sul marcepît devant de lôr cjase e par 25€ o fasês come la Ilde. Cuant ch'o varês finît di fâ i marcepîtts dal Friûl, o scomençarês a fâ i mûrs des cjasis e so non vês avonde us reste il rest dal mont.
Ilde era istitutrice in una scuola di disabili ed era venuta con loro a far visitare il mio laboratorio. Poi per qualche anno era andata a fare il giro del mondo. A piedi. Era perfino arrivata in Cina. Ci aveva raccontato le sue avventure organizzando un party per l'occasione. Poi aveva trovato un lavoro d'infermiera e se n'era andata di nuovo in Nicaragua per una missione umanitaria.
L'ho incontrata per caso. Era tornata. Era lei che faceva le lastre nei marciapiedi qua ingiro. So che l'idea l'ha presa a cualcuno ma non gli ho detto niente perché, un'idea se é buona, merita di essere fatta conoscere a tutti e non solo a qualcuno. Cosí, per qualche mese, con l'aiuto del marito, fissava le sue lastre di fronte alla casa degli abitanti disposti a pagare 25€ la lastra s'é fatta conoscere dal comune, al quale aveva chiesto l'autorizzazione. Ora il comune le ha dato un'ordine di 200 lastre a 40€. Non c'é di ché diventar milionari ma con la crisi, forse conoscete qualcuno che potrebbe essere interessato di mostrare la sua fantasia sui marciapiedi della vostra città? Quando avrà, finito, potrà incominciare i muri delle case e se non ci fosse abbastanza, c'é il resto del mondo.

01 apr 2009

Fotovoltaidea

video
Une dite francês e à cjatât une idee gjeniâl.A ven da vuâltris, a cuvierç il vuestri tet di panei fotovoltaics e us pae un fit pal nolegjo dal vuestri tet par 20 ains. In cambio, jê a prodûs le eletricitât ch' a us e vent a vuâltris o ai vissins o a l'Enel. No îse chiste une buinissime idee?
Se il vuestri tet al é orientât viers il sud al é l'ideâl, senó o podês ancje fitâ il vuestri ort, o zardin. Baste ch'a sedin avonde grancj par sei rentabils. Ma staiso in France vuâltris? No. Alore o vês furtune di podêlu fâ di besôi.Ce spietaiso? Voleiso veramenti lassâ il vuestri sorêli ai francês? Volêso spietâ di deventâ vecjos?

Una ditta francese ha trovato una buona idea. Con l'aiuto di Sarkozy, vuol far della Francia il paese d'avanguardia nel mondo dei pannelli fotovoltaici. Come? Coprendo tutti i tetti delgli immobili capannoni rivolti a sud con pannelli solari e vendendo poi l'elettricità alle compagnie di distribuzione. Per questo, propone di finanziare i lavori sui tetti dei proprietari e di pagar loro un affitto durante venti anni. Inutile dire che i proprietari possono avere anche l'elettricità gratis.Ma abitate in Francia? NO. Allora La vostra fortuna é di impossessarvi della sua bella idea e di realizzare il progetto da soli. A meno che vogliate lasciar fare al tempo...