I miei Video clips furlans

Loading...

31 ago 2009

tae mango / Taglia mango

Dome sangos di plasê cui mangos taiâts fûr cun chest argagn.
Solo gorgogli di piacere con il mango tagliato cosí.

27 ago 2009

Le ûltime rôse e l'ultima anguria

O sin bielzà in setembar doman o passant. So vês chê di dâ une ûltime muardude, o vês di fâlu prime ch'al sedi masse tart.
Muardeit cun voe, cun lovetât, slaparotaitsi le mûse da fâ pensâ ch'o vês fat alcâltri e po faseit ancje chel alcâltri par fâ fûr l'estât in bielece. Us restarà simpri le rôse come ricuart.

Domani o dopodomani saremo già in settembre. Se l'ultima angura fi fà gola, e meglio non lasciarla da parte. Mordetela con voglia, da golosi, bagnatevi il viso come per far pensare che avete fatto qualcosaltro, poi fate anche quel cosaltro e finite l'estate in bellezza con la rosa come ricordo.
Posted by Picasa

Vetrade / Vetrata

A jerin agnorums che o vevi di rinfrescjâ il puarton ch'al dà tal coridôr che al và tal studio daûr de cjase.
Chiste vôlte o soi rivât a fâlu. Par fortune, il lavôr plui noiôs o lu ai dât da fâ e mi soi concentrât dome sù le estetiche. Il risultât al mi plâs avonde. Le vetrade le ai fate cun cualchi toc di lastre acriliche che mi restave di un'âltri lavôr  e che o ai taiât, piturât e zontât



Solo dipingere il portone o far qualcosa in più? Il portone serve solo al passaggio dei veicoli per caricare o scaricare nel dietro  casa. Non c'era dunque bisogno di chissà che. Ebbene, nó, mi son preso tre giorni per tagliare, dipingere e giustapporre dei pezzi di lastre acriliche rimanenti di un lavoro precedente.Come fare una buona cena coi resti del pranzo.

26 ago 2009

Lis ciespis / Le prugne


I bromps, lis ciespis, i brugnui,lis susinis, i emui, lis flacocjis, i bromui, i brundui 
Di dutis lis sortis di bromps che si cjate al marcjât, i plui sucarâts e gustôs a no son i plui grancj ma i plui piçui come la  Reine Claude e le Mirabelle che a son a pene plui grancj des cjarêsiis.
Dutis dôs a vegnin di une regjon dal nord de France indulà che par cressi ben e an di vê sbalz di temperadure avonde âlts jenfri il dí e le gnot e no vê masse cjalt (Lideâl al sares di stâ sot dai 25).A si cuein come lis olivis sdarnant i ramazs su le rêt poiade par tiare. Forsit e laressin ben des bandis di Glemone in sù. Se o vês chê di plantâ un ciespâr o podês ordenâlu achi, senó, contentaisi di chês che o cjatais e lait achi par resentâ i vôi.

Le prugne
Fra le centinaia di prugne differenti che si trovano al mercato, ce ne sono due che sono le più zuccherate e le più gustose tra le quali una che era la preferita della regina Claude, moglie di François il primo protettore di Leonardo da Vinci.Anche per me, la reine Claude e la mirabelle, sono quelle che preferisco ma si trovano solo in questa stagione.
Crescono in una regione del nord est della Francia dove gli sbalzi di temperatura diurni e notturni sono indicati per dare più gusto al frutto. Si dice che siano come i fichi e cioé che per gradirli meglio, bisogna mangiarle sull'albero.
Chi vuole saperne di più sulle prugne o comperare le piante vada qua.
e per farvi gola qua.
Se invece hai trovato il mio post utile, aggiungi un commento:-)

24 ago 2009

Il puest just /The right place / Il posto giusto

From Vasi per casi

'Ne dí cun tun âltri diu / Un giorno con un'altro dio


O vevi chê di lâ a fâ un zîr. Une voe di vert,une voe di alc par rompi il drandran de setemane e finalmentri o ai gambiât di religjon.Ma puedio dî di gambiâ se o soi simpri stât cence religjon?
O jeri lât a visitâ un amî e client emilian che al a fat sù un museu (Cjalait che al vâl le pene) tal biel mieç des culinis des Ardenis (Da no confondi cul Arvenis). Daspó, passant pe strade o ai viodût che sôre dai arbui di un bosc al spontave un tor e da buine âv curiôse o soi lât a viodi ce che a 'nd ere.
O ai cjatât un cjistiel ocupât par une comunitât di religjôs olandês che a somein divertîsi a preâ Krisna. Alore, par une dí, o mi soi mitût a cjantâ krisna. Cussí par ridi.Di fat, se chiste a é une religjon, a no à nuje di viodi cun chês âltris. Le int e somee beatificade e a à simpri le bocje da ridi. Nissun a cji sburte e deventâ come lôr ma naturlamenti si a tu âs voe di savê cemût e ce ostie, a tu puès domandâ. Cussí par 8€ o mi soi cjatât a mangjâ une pizze e une insalate cun tune biele olandês prime di lâ a fâ cualchi spêse tal negozi indian e in te paneterie e lâ a visitâ il secont museu dal dí.No par sburtâus a gambiâ di religjon, ma al vâl le pene di viodi ce che al é pussibil al di fûr des religjons che si impare bielzà te panse des nestris mâris seont il puèst indulà che a si nas.
Us doi chest leam e ancje chest. Rangjaitsi:-)


Viaggiavo per le Ardenne per visitare un amico e un cliente emiliano dopo aver fatto fortuna ha solo tre passioni: Gli automa del 1900, le fiat 500 degli anni 50 e le Rolls Royce di ogni età. Per via della meccanica di sicuro...
Date un'occhiata al suo museo. Poi, dalla strada maestra ho visto spuntare tra gli alberi una torre particolare ed ho voluto andare a vedere di cosa si trattava. Ho trovato un castello ristrutturato da una comunità olandese devota a Krisna. Niente file per entrare. Allora si entra e si visita senza paura di essere importunati. La lingua utilizzata é l'inglese ma se proprio non ce la fai, c'é sempre qualcuno che ti puó dare informazioni nella tua lingua. Ho passato un bel pomeriggio a girovagare tra il museo, il castello, il negozio indiano e le bancarelle, nonché la panetteria e i boschi lí ingiro. Inutile dire che la chiesetta del villaggio era chiusa.
Del resto, anche se fosse aperta, chi ci andrebbe? Per un giorno, ho trovato divertente di cantare Krisna Krisna Hare Krisna per svagarmi. Da oggi, torneró col Money Money Always Money, per non morir di fame e per pagare le tasse di ieri, di oggi e di domani. Se vi faccio pietà, dite un'ave per me. Non  si sà mai.

21 ago 2009

El cuinçadôr/ L'aggiustatore / l'ajusteur/ The fitter

-Alc tal cjâf ma dut tes mans.
-Qualcosa in testa. Tutto il resto nelle mani.
-Quelque chose en tête, tout le reste dans ses mains.
- Something in his head. All the rest in his hands

20 ago 2009

A Day a Dover


So vês stât a vivitâ il cjistiel di Duino, o vês visitât ancje il cuartîr sgjavât in te rocce dai todescs par meti canon e contreaere e controlâ dut il mâr vie pe vuere. Le gjeografie di Duino e di Dover a si somein dome che a Dover le rocce di gès a é di sigûr mancul dure da lavorâ e cussí, praticamenti dute le coline a é plene di galeriis che a van dal medio evo ae ûltime vuere passât par chês fatis in te epoche napoleoniane. Lis plui interessantis a son chês dai agns 40. Un labirint di galeriis su trê plans trasformadis in dormitoris, ospedâl, centri di control militâr, cusine, refetori, rifugjo pe populazion, centrâl telefoniche e vie vie.Man man che si và indenant, i rumôrs a son stâts ricreâts seont le galerie indulà che si passe e ducj i mobils, imprescj e masserie a son tâi e cuâi.Contait une ore e mieze par viodi dut.
Plui in sù in te culine, lis casermis dal 600, le glêsie vitoriane, il faro roman e soredut il cjistiel medievâl che pe struture al somee un pôc a chel di Gurize ma in plui grant e plui sassón e che al siervis ancjemó di tant in tant par girâ films (Un dai ûltims, Hamlet di Zeffirelli)
Contait ancjemó un'ore o dôs. Po se o colais tal dí indulà che l'English Heritage al presente cun tune 50e di figurants le tecniche militâr dai romans alore o podês passâ le zornade.
Senó, us costatà dome 20€ ma so vês di spietâ le nâf par tornâ sul continent e che o rivais prime des 6 di sere, al vâl le pene.

Dover é ancora il primo porto utilizzato per quelli che arrivano dal continente o partono dall'Inghilterra. La città ed il porto sono da dimenticare subito ma invece, la collina col castello e le fortificazioni vale veramente la pena. Succede a tutti che per non perdere il treno o il battello che ti riporta dall'altra parte, ci si trova a Dover due ore prima della partenza. Allora é proprio indicato di visitare il castello. In sé, il castello non ha niente di attraente con la sua severa geometria ed i suoi muri grezzi tanto fuori che dentro ma c'é molto altro da vedere.I tunnel segreti dell'ultima guerra mondiale per esempio.Contate almeno un'ora per fare il giro delle gallerie permesse con il quartiere generale militare, la mensa, i dormitori, l'ospedale, le cucine, la centrale telefonica ecc. Un pó caruccio ma per 20€ si puó rimaner lassú tutta la giornata e godere il paesaggio e l'aria per non dire il vento del largo.

18 ago 2009

Mirtilli, cerniculis, muruculis, glasinis, murucui


Nô furlans o sin siorons. Par dî mirtillo o puedin dî cernicule, glasine e murucule o murucul.
Ma a nol é tant, par vê i murucui al bisugnave lâ in Cjargnie pai monts e pierdi 3 o 4 oris par fâ mieç chilo. Cumó al baste 8 euros par vê un chilo. Nissun cjargniel a nol veve pensât che a si podeve tirâiu sù tal ort o ben fâ un cjamp par vendiu al marcjât.Ma chescj achi par 8 euros il chilo d'indulà vegnino? De Cine? Ch'a vegnedin d'indulà che an voe, a son bogns!



In friulano parlare di cerniculis,  glasinis e muruculis, vuol dire parlar di mirtilli. Di sicuro, ci sono ancora altri vocaboli secondo le vallate o i villaggi. Non é molto lontano il tempo nel quale per i mirtilli bisognava andarseli a cercar da soli per i boschi e i monti della Carnia. Adesso bastano 8€ per averne un kg. Ma a questo prezzo, direte voi, forse vengono dalla Cina? No, ma sono buoni lo stesso.

Canterbury


In 4 o 5 oris o varês fat il zîr. S'a é le prime vôlte ch'o lais, o cjatarês ben alc da comprâ ma s'al é pai vistîts, le mode da lôr a é strambe par no dî brute. Dut al somee fat sù ae buine. Si disarès che l'estetiche da lôr a si é fermade fur dal stâli tai agns 1400.Sa cognossin lis buinis maniêris e i biei paesagjos, al é strani che a si interessin pôc al mangjâ ben, al vivi ben e fâ sù bielis cjasis. I ristorants a son ducj talians ma avonde scandents. I pubs invezit...

Si arriva a Folkestone o a Dover. Se siete in macchina arrivate a Canterbury in mezz'ora. Si fa il giro di Canterbury in 4 o 5 ore. Tutto a piedi perché come a Siena, si deve lasciar la macchina fuori dalle mura. Beninteso si visita la cattedrale. Non ci sono andato perché l'avevo già vista. Per i negozi c'é solo la High street. Si trova poca roba interessante. 
Molti negozi sono vuoti. I negozi originali di sapone o candele che c'erano prima sono stati chiusi forse a causa della crisi. Si vede molta gente povera. Ho mancato la foto del nero che dava la carità a un bianco.Comunque ne avete una ottantina.

17 ago 2009

Eurotunnel

A si và cul treno  da Calais (France) a Folkestone (Inghiltere). Il tunnel al fâs une 50 di km e al passe sot dal mâr. Contait 40 minûts par traviersâ. Al và miôr di prenotâ par internet su www.eurotunnel.com al funzione benissim e a si sielç i oraris. Nue pôre di vê presse. So rivais prime, o podês cjapâ chel treno prime, e so rivais plui tart o cjapais chel dopo. Stampait le riservazion a cjase parce che une vôlte ch'o rivais al puart di imbarc, par podê entrâ, o vês di digitâ sun tun schermi il vuestri numar di riservazion, cuant che o vês verificât che al é ben il vuestri non, o ricevês une letare stampade in grant sun tun sfuei da mostrâ cuant ch'o lais indenat par rivâ al treno. Dut al funzione benissim e cence altris formalitâts. Prêsit seont il numar di passegjîrs ma nue cjâr: 15€ par lâ e tornâ.


Per andare in Inghilterra si prenota via internet su www.eurotunnel.com e si riceve un numero di riservazione (Lingue utilizzate: Francese o inglese) Quando arrivate al porto di imbarco, la sbarra per entrare si alzerà solo quando avrete digitato il vostro numero sullo schermo all'entrata e poi confermato l'altezza della macchina (Non superiore a 185cm), e il vostro nome. Riceverete un foglio con una lettera che vi servirà a trovare la corsia che vi porterà sul treno. Il treno é a due piani e abbastanza largo per passeggiare da un vagone all'altro o da un piano all'altro lasciando la macchina al suo posto. Se arrivate in anticipo o in ritardo, se lo scarto non é più di un'ora, potete prendere il treno che vi comoda senza supplemento (Da digitare all'entrata sullo schermo).
Tutto funziona benissimo e senza troppe formalità. Solo 15€ andata e ritorno.

14 ago 2009

Barbana

O vevi voe di rós in chel dí, ma no soi rivât a stâ cence zontâ il vert e finalmentri al é vignût fûr cussí.

Vicino a Grado, c'é l'isola di Barbana con un convento che si occupa di ricevere e ristorare i pellegrini. Ero là per un mese in colonia all'età giusta per attirar gli sguardi dei frati. Per fortuna non ero da solo e non sono io che ho denunciato il frate che é stato mandato via. Forse per questo avevo bisogno del rosso...Per esaltare il verde.
Posted by Picasa

13 ago 2009

Vuê lis frêsiis / Oggi le fresie

Mi plasin chestis rôsis. A no son dome bielis ma a tegnin facilmenti une setemane. Baste taiâ ogni dí le gjambe di un centimetro o doi.  Il vâs al à acopiât un vasut comunicant indulà che si puès zontâ alc par fâ plui biel.

Le fresie si offrono facilmente e sono sempre apprezzate. Si consevano facilmente una settimana nel vaso se si taglia ogni giorno un pezzettino di gambo. Il vaso ha una seconda parte comunicante per aggiungere un elemento vegetale che si accorda col resto.

12 ago 2009

Ce îsal ? Fiore sconosciuto

A son trê agns che chest flôr al mi ven sù in Avost. Al rive e al s'in và dut in tun colp. Al dure dome une dí. Al é cence odôr ma bielissim. Ce îsal? O volarès savêlu ma no sai d'indulà ch'al é rivât da me.

In Agosto, da tre anni, mi fiorisce questo fiore strano. Viene e và in un giorno. Non ha nessun odore. Non só da dove sia venuto. Chi lo conosce? 

10 ago 2009

Cjanton dal Jaio / Un angolo da Jaio

A fuarce di manipolâ  anatomiis al mi reste tocs di cuarps in ducj i cjantons. Chist achi al é un dai plui sogjestîvs ch'o ten dacont cu le complicitât dai ragns.
A forza di manipolazioni anatomiche di ogni genere, succede che mi restano dei pezzi di ricambio in ogni angolo dello studio. Questo é uno dei più suggestivi che riservo per i visitatori con la complicità dei ragni:-)

Agastache d'avost / Agastache d'agosto

So vês chê di fâ colâ in bas le vuestre biele, chescj flôrs achi a puedi siervî par rianimâle:-) E an un profum une vôre pronunciât jenfri le mente e l'anice.
A van ben di ofrî cuant che il profum, di buinore , al é il plui fuart. Psst: Lis âvs a van matis.

Questa é solo una specie fra la trentina di Agastache che viene dal Messico. Da cogliere e da offrire  al mattino quando il profumo  di menta all'anice é più fragrante. Le api ne vanno matte.

6 ago 2009

Doi chilos di argile / Due chili d'argilla

Cjapait doi chilos di tiare, dait jù cualchi pache, cualchi sberle, cualchi dreçade e piçade, cualchi stuarzude e po cualchi cjarece seont le pensade. . Daspó o lu slaparotais
e lecais cun tun massedament di âghe e polvar colorât e o lu meteis tal fór. Sa us và ben al puès vignî fûr alc di bon. Chest al é il vâs che par câs al mi jere vignût fûr che âltre dí e che cu le malve di Done Bete al varès di plasê ancje a Berluscon. Parcé chel po? Ma...Par che lu ofrisi a une des sôs feminis. Ce sao jó?

Prendete due chili di argilla e mollategli giù qualche pugno, qualche sberla, qualche pizzicotto e poi storgetela, raddrizzatela, lisciatela con qualche carezza secondo il vostro pensiero. Poi la inzaccherate e leccate con un pennello vestito di un miscuglio d'acqua e polvere colorata e la mettete nel forno a 1200°. Se avete fortuna potrebbe uscire fuori vestito di nuovo come un vaso che per caso offrirete al primo degli ultimi pensieri o all'ultimo pensiero che vi rimane in testa. Semmai siete indecisi lo tenete per voi.


La jespe e le balerine/ La vespa e la ballerina

Cul grant cjâlt, al é miôr tignî le fucsie in te ombrene par fâ durâ i flôrs di plui. Mi plas di imagjinâ che ogni flôr al sêti une balerine. E al mi plâs di imagjinâ che le jespe a sedi lade lí par cjalâ sot des cotulis:-)

Col grande caldo, meglio tenere le fucsie all'ombra per far durare i fiori più a lungo. Mi piace immaginare che ogni fiore sia una ballerina e mi piace immaginare che la vespa si sia posata sulle gambe della ballerina per guardare sotto il frufrù:-)

5 ago 2009

Le rôse dal dí : Hibiscus Il fiore del giorno

Une rôse ch'a dure dome une dí. A si viôt che l'botul che jar al si jere preparât, vuê as 5 di buinore al à l'aiar di volê viergisi. Alore a si spiete ch'al rivi su di lui il prin sorêli. So vês le pazience di spietâ o lu viodarês viergisi pas a pas, senó lait a fâ culizion o magari tornait viers lis dîs pal café. 
So vês le furtune di mangjâ di fûr tal zardin o sule terace, il mangjâ us somearà plui bon e savurît so podês pojâ i vôi su lis rôsis ancje se nos son ibiscos. Chest flôr al dure dome une dí. Le sere, al colâ dal sorêli al si torne a sierâ e l'indoman al colarà par tiare par lassâ il puest a un'âltri, che, se il timp lu permet, al sarà aí par meraveâus ancjemó une vôlte. Se il timp al si sfrêde e se i gjavais il sorêli, il bocul al cole prime di vierzisi. So vês chê di fâ come lis mulis di Haway e infilâ un flôr tai cjavei, a nol durarà plui che un confenon (Papavar)

A Cipro, le siepi lungo le autostrade sono spesso arricchite da questi fiori e da quando li ho scoperti sono diventati i miei preferiti. Da noi, se ne vedono poco forse perché il tempo é meno clemente. Infatti, vive meglio al sole e sopporta male il gelo, anche sul terrazzo. Comunque, se fate attenzione, almeno per qualche anno riuscirete a tenerlo inpiedi. Ti dà i fiori con parsimonia ma nei giorni più belli dell'estate, sarà sempre lí, generoso, con un nuovo fiore sui 12cm di corolla.Se volete fare l'avaiana e infilarvene uno tra i capelli, non durerà più che un papavero. Questo l'ho salvato passando in un ufficio statale. Volevano buttarlo via perché i boccioli cadevano prima di aprirsi. Non sapevano neanche il nome. Allora lo annaffiavano ogni giorno come se fosse un salice e per forza lui piangeva i suoi boccioli. Manderó le foto a quell'impiegata che non ci credeva per niente sul futuro di questa pianta.