I miei Video clips furlans

Loading...

30 ott 2009

Il dí dai muarts e Ognissanti

Lis imigradis di Udin, tai agns 50, a jerin lis siervis cjargnielis che i borghesuts, grancj e piçui, a paiavin bielzà in nêri ancje se propit a no jerin immó rivâts i nêris de Afriche. Jê a veve vût furtune. Le copie di merecans i voleve bon e a varès volût puartâle in Americhe se chest a nol vès fat masse pôre a sô mâri e alore, a jere finide in Svuizare in tun paisut plen di cjargniei:Couvet.

Alà, a veve tirât su i trê fruts come une mâri pal so paron divorziât ch'al tignive un albergo. Cussí a si jerin maridâts e a i veve dât ancje une cuarte frute che a jere deventade le plui cjargnele de famee ma ancje inzegnîr.

Nuje matrimoni in glêsie parcé che pal plevan, maridâ un divorziât al jere come vê la peste.

Alore jê a jere lade di chê âltre bande de strade tal templi protestant. Miôr di cussí a si mûr a veve dite. E ben, al é ce che a à fat...Cincuante agns dopo. Scuâsit par ridi.

Cussí, un centenâr di nô ch'a vignivin da ducj i paîs fûr che da l'Italie,o sin ducj lâts al templi protestant pal funerâl e o ai da dî che li, nissun plevan al si cjape par un vescuf o par un pâri eterno. Lí, ancje un pastôr di doi metros al fâs dut plui sempliç e plui curt. Nuje dies irae par intimidî i omps o de profundis par sbregâ lâgrimis aes feminis, nuje dramatisazions,dome cualchi toc di musiche classiche fate al orghin dae so femine. Il rest dal funerâl al é come dapardut: Un discorsut su le biografie, un pater noster da spedî in caelis par meti miôr cualchidun in terrae ma cence benedizions benedetinis o siamaneschis cun âghe salade ai fedêi inzenoglâts. No, li ducj impins o sentâts.

Di fûr, il sorêli al nus faseve fieste tai vôi. A si dismenteâve i pinsîrs nêris e i nêris des cotulis a someavin plui clârs e plens di sperancis.

Il non di cheste cjargnele, jenfri lis tombis cjamadis di francês e todescs al starà in buine companie cun chei âltris cjargniei e furlans li dongje.Sí parcé che Rina Agostinis a jere une dai sessante davarês ch'a si cjatavin a Couvet tai agns 60. Mi lu à dite le ûltime dai moicans des cjargnielis ancjemó aí che mi à dât lis fotos: Siore Ane Bubolin. So ricognossês cualchidun, di sigûr al sarà muart da un piès. Si nó,o sarês o masse zovins o no avonde cjargniei o ben come me, di un âltri paîs.

Lant fûr dal simiteri, o soi passât pe scuele elementâr.

Une maestrute bionde come une madone a cirive di fâ capî alc a une dai svuizaris di doman: Une frutine africane.

So passarai di chê bande il dí dal so funerâl, o il dí dai muarts, us fasarai cualchi altre riflession su le vite ch'a ven di une bande tant che a s'in và di chê âltre.Si no, o scuignarês fâlu vuâltris.




Le immigrate di Udine, negli anni 50 erano sopratutto le carniche che i piccoli e grandi borghesi utilizzavano come serve pagandole in nero ancor prima che arrivino le africane. Ma lei aveva avuto fortuna. La coppia di americani per i quali lavorava ,le voleva bene e l'avrebbero presa con loro per andare in America se non fosse stata la paura dei parenti. Cosí, si trovó a Couvet, in Svizzera, in un paesello pieno di carnici e friulani. Là, nel ristorante-albergo del padrone divorziato, faceva anche da madre ai suoi tre figli ed é cosí che si sposarono ed ebbero un'altra figlia che se diventó la più friulana di tutti gli svizzeri divenne anche ingegnere. Per il matrimonio, oltre al civile, ci voleva il religioso ma sposare un divorziato per la chiesa cattolica era come aver la peste. Salvo per la chiesa protestante e li bastava attraversar la strada. Meglio di cosí si muore, disse lei. Ed é cosí che al funerale eravamo un centinaio di noi nel tempio protestante.Lí, tutto più semplice. Niente oro e statue. Niente drammatizzazione ad oltranza.Tutti inpiedi o seduti, nessuno in ginocchio.Niente preti che si prendono per vescovi o padri eterni, solo un pastore di due metri per condurre la cerimonia con l'aiuto di sua moglie organista. Niente dies irae per intimidire gli uomini o de profundis per far piangere le donne, solo musica classica tra un discorsetto sulla biografia della eroina del giorno e un pater noster da spedire in caelis per metterla meglio in terrae. Di fuori il sole ci faceva festa negli occhi e ci schiariva i pensieri neri come le gonne di circostanza che sembravano più colorate. Al cimitero, tra le tombe zeppe di nomi francesi e tedeschi, il nome di Rina Agostinis ormai cambiato in Langenegger riposerà tra altri nomi non solo friulani ma perfino del suo proprio paese. Infatti, negli anni 60 c'erano più di una sessantina di carnici suoi compaesani.

Me lo ha detto l'ultima dei moicani e cioé di Ovaro ancora in vita che mi ha anche fornito le foto.

Se riconoscete qualcuno, di sicuro sarà morto da un pezzo. Altrimenti o siete troppo giovani oppure abitate in un'altro paese come me.Uscendo dal cimitero, se avete fortuna di passare per una scuola elementare e cogliere qualche immagine meno triste spero che i pensieri cupi sulla vita che se ne và vi lasci una buona impressione con la vita che continua.


29 ott 2009

Leckerlí di alà o leckerlà di achi ?

Jenfri lis specialitâts de svizare come il rüsti ch'al somee al nestri frico, o ai cjatât i leckerlí di Basilee.

A si vendin al chilo in cuadretins taiâts a man. I miei, a jerin industriâls, ven a stâ, plen di prodots chimics e conservants. Ma da cuant ch'o ai viodût che i gjats a vivin di plui cu le cjar in scjatule o ai mancul pôre di murî velenât.Naturalmentri a cji disin ch'a é une ricete medievâl. Alore tu provis.

Prime impression te bocje:Avonde dûr e nissun gust. Daspó une mastiade al cji ven fûr un lizer gust di toron. Dôs mastiadis o trê e a cji vegnin fûr groputs di candîts indulà che il mîl, lis scuarcis di nerant e di limon a cji fasin plasê. Daspó, cuant che no cji reste plui nuje di mastiâ e a tu glets. Ma subite, a tu âs voe di un'âltri cuadretin par viodi sa tu âs capît ben. Cussí, di cuadretin in cuadretin o ai fat fûr un sac in tic e tac. Alore prime di bandonâ le idee par simpri o soi lât a viodi de ricete ch'o ai cjatât achi. So vês chê di provâ...


From Leckerlí di Basilea

Leckerlí o leckerlà?

Passando per la Svizzera mi son portato a casa un chilo di leckerlí di Basilea che ho esaminato per voi con lingua e palato per vedere di cosa si trattava.

A prima vista, sembrano dei biscotti artigianali tagliati a quadrettini. Poi ho letto la lista degli ingredienti e non sono altro che dei biscotti industriali pieni di prodotti chimici ma da quando ho visto che anche i gatti vivono più a lungo con la carne in scatola, ho meno paura delle avventure gastro intestinali.

Prima impressione in bocca: Senza nessun gusto. 

Seconda impressione al primo morso: Duro come il torrone del quale ne ha anche un pó il gusto. Se é duro, bisogna masticare di più e allora il gusto arriva in bocca. Gusto di miele e non so che spezia ma anche di confitti e di nocciole. Finito di masticare, si inghiotte e si rimane con un gusto insufficente.Allora subito un'altro cuadrettino e poco a poco si fa fuori il cartoccio. Cosí rimasto sul peccato di gola, mi son andato a cercare la ricetta che ho trovato qua. Se volete provare...


Le mieze voe / La mezza voglia


Da Bruxelles a Gjinevre a si và in 55 minûts e duncje s'al é aes 6 di buinore, a si à dome il timp di sentâsi e cjalâ pal finestrin il spetacul dal sorêli ch'al si jeve parsôre di un mâr di nûi e dopo vêlu viodût dâ une sossedade e vêsi distirât lis gjambis e i braçs, us reste dome stâ atent a ce ch'al sucêt tal aereo. Dongje di me, dôs mulis sui 70 a si contavin le lôr vite. Une di lôr a jere un tic sorde e alore chê âltre a scuignive cridâi in te vorêle che le ûltime vôlte che il so om a i veve domandât di fâ l'amôr a no jerin rivâts a fâ nuie par vie che une stampele dal so om a jere colade propit tal moment che stavin par scomençâ e cussí le voe a i jere passade e no an podût fâ nuje. I pasegjirs dongje di me o ch'a cjalavin par tiare o pal aiar o ch'a fasevin fente di lei ma ducj a fasevin une bocje da ridi.


Dopo il primo sbadiglio del sole e la vostra stirata di gambe, vi rimane solo godervi lo spettacolo del sole quando fa capolino sopra un mare di nuvole.Poi niente, tutto diventa troppo bianco e troppo accecante e vi rimane solo far attenzione a cosa succede dentro l'aereo che atterrerà dopo solo una 50a di minuti a Ginevra. Da Bruxelles davanti a noi, due signore sui 70, si raccontavano la vita e tutti in giro facevano finta di niente ma dal loro sorriso sulla bocca si capiva che ascoltavano.Una delle signore era sorda e allora l'altra doveva parlarle ad alta voce. Cosí abbiamo saputo che l'ultima volta che suo marito voleva far l'amore hanno subito un fiasco per via di una sua stampella che era caduta proprio al momento buono. ...E cosí la voglia se n'era andata.


28 ott 2009

Lant singarant / Andando a zonzo


Viodût a Berne dongje de univeristât Hallerstrasse.
Visto a Berna vicino all'università Hallestrasse.

A Berna, la pietra principale adoperata per la costruzione é una pietra verde abbastanza soffice.
Tutti i vecchi palazzi del centro storico sono fatti con questa pietra, ma questo palazzo del secolo scorso esce dall'ordinario con questi bei balconcini negli angoli sembra quasi fatto da Gaudí. Chissà cosa Einstein, che lavorava li vicino, ne pensava? Per lui, l'estetica non doveva aver molta importanza poiche usava portare ai piedi dei sandali senza calzini. 

23 ott 2009

Mack the knife:No soi chel / Non sono quello

No soi chel ch'al somee a Mack le curtisse ma le cjançon a mi plaseve. John Gay cuant ch'al a fat le so Beggars opera, par simiotâ le opare taliane cun lis cjançons tradizionâls inglês a nol podeve savê che 200 agns plui tart, Bertold Brecht al varès fate une adatazion cu le musiche di Kurt Weil. Nissun nol podeve savê che dopo dutis lis versions in dutis lis lenghis, il Mack le curtisse a sarès stade voltât ancje par furlan. Oh, nuie bandîts di strade da cjantâ in Friûl. Ma dome un pôc di ironie par fâ sunâ peraulis. .. Che se po o no capîs, o vês i sot titui par inglês:-)Mandi o soi in tun âltri paîs par une setemane.
/object>Mancava una versione in friulano del celeberrimo brano tratto dall'opera di 4 soldi di Brecht. Ecco fatto. Se non capite il friulano avete i sottotitoli in inglese. Ciao sono assente per una settimana

Furlanofonos e Italianofoni in suspens

Achi di cent agns, il furlan al sarà forsit sparît e al siarvarà dome a cualchi studiôs anglofono par tocjâ il so pan tal cafélat ae gulizion o a cualchi talianofono a tocjâ il so hamburger tal ketchup dal gustâ che, in te gnove societât, de Sicilie ae Scozie e de Americhe ae lune a sarà dute compagne e si somearà pardut di lenghe e di plume.
Alore,nissun no lu sà ancjemò ma, al restarà dome Google e Youtube a podê mostrâ cê ch'al sucedeve cent agns prime.Lis modis di vuê a somearan di sigûr ridiculis ai fis dai nestris fis e dome cualchidun, magari ancjemò cristian, al larà a cirî tal passât ce che il futûr no i darà plui.
Al mi plâs distès di imagjinâ ce ch'al puedarès sei se internet al fos zà esistût bielzà cent o dusinte agns indaûr. Cuissà trópis rôbis ch'a si puedarès cognossi par no fâ i stès erôrs o par no vê pôre di fâiu.


Mi piace d'immaginare cosa si potrebbe trovare nel web se questo fosse esistito, cento o duecento anni fa. Chissà quanti errori si potrebbe evitare e chissà quanti altri invece faremmo senza paura.
Chissà anche cosa penseranno di noi i figli dei nostri figli tra cento anni quando, il più grande archivio mondiale sarà Google e Youtube. Le mode di oggi sembreranno di sicuro ridicole e noi,
poveri friulanofoni, chissà con quale tartara salsa saremo innaffiati. Sebbene il latino sia stato utilizzato ufficialmente per un buon migliaio d'anni, se ci fosse stato il web, forse oggi il latino sarebbe la lingua universale. Invece, con l'inglese che domina, possiamo fare una croce anche sulla lingua italiana che sparirà poco a poco. Rimarrà qualche espressione: Dolce vita, va fan c.
pasta al dente...Qualche parola: Mafia, fascismo, piano... Qualche nome: Mussolini, Berlusconi e chissà chi altro. In friulano, come sempre, solo frice, frico e mandi.

22 ott 2009

Premi Nobel

Tant che no varin un premi Nobel furlan o scuignarin fâ cun chei di chei âltris.Se amancul un premi al làs a Berluscon, o puedarès veramentri crodi che o soi dome jó a ridi des sôs piruetis.
Ma ce sono ducj chescj premis e cui sono ducj chescj premiâts?
Se dopo il premi pe pâs a Arafat e a Rabbin, i lors doi popui a si son batûts ancjemó di plui e che Gorbaciof, puâr biât, a pene che lu à vût, il so paîs al si sfondrât. Cumó che Obama al à vût il so, o spieti impazient la fin dal ant par viodi ce ch'al sucedarà cu le Americhe .


Finché non avremo un premio Nobel della pace in Italia, vuol dire che tutto và bene. Peccato perché mi sarebbe piaciuto che ne guadagnasse uno anche Berlusconi per poter credere che ero solo io a ridere di lui. Ma chi sono tutti questi premiati?
Se prendiamo i più conosciuti, vediamo che Arafat e I. Rabin, da quando li hanno vinti, i loro popoli si combattono ancor più di prima.
Se poi prendiamo Gorbaciof che perse il paese,un'anno dopo averlo vinto, adesso che Obama ha il suo, aspetto con impazienza la fine dell'anno per vedere cosa succederà con l'America.

20 ott 2009

L'ûltin Mussat /L'ultima zanzara


Lu ai scliçât vuê di buinore. Come nuie, al mi spietave sot de doce. Cemût chiste besteute di mieç centimetro puedie savê che al é propit lì che a varà plui fortune di cjatâmi crot come diu mi a fat?O m'imagjini che par jê, o no soi nujâltri che un aeropuart comestibil. Onestamentri, i mussats a son fair play e come ch'o fâs jó in machine in tune curve a veve di vêmi visât cun tun pivetade o un biel Zzzz ma jó, mone, no pensavi a lui. Cussí, par punîmi, a pene becât o mi soi dât une sberle come par dîmi di stâ plui atent le prossime vôlte. Daspó, par câs, il mussat al jere ancjemó lí a gjoldisi il gno sanc cuant che le mê patafade a i é rivade dintor. Par pietât, invezit di lassâlu agonizâ, lu ai neât. Po mi soi mitût a sivilâi un dies irae.Dut ben.Biel funerâl.Ma o jeri dome jó par bati lis mans.


L'ho ammazzata stamane. Come se niente fosse, lei mi aspettava sotto la doccia. Come puó sapere questo insettino da mezzo centimetro che é proprio lí che avrà più fortuna di trovarmi nudo?M'immagino che per lei, io non son altro che un aeroporto commestibile. Onestamente, sebbene anch'io prima di prendere una curva con l'auto avverto a più non posso, anche lei mi aveva di sicuro avvisato con un ZZzzz ma io non pensavo a lei. Cosí, istintivamente, mi son dato uno schiaffo per punirmi di non aver fatto abbastanza attenzione. Per caso, lei era ancora lí a godersi il mio sangue quando la mia sberla l'ha colta di sorpresa. Per pietà, invece di lasciarla agonizzare, l'ho annegata. Poi mi son messo a fischiarle un dies irae. Bel funerale. Ma ero da solo ad applaudirla.

Post correlati

Ideis incrosadis / Idee incrociate


Un an e passe indaûr, achi tar chest blog o zontavi chiste imagjine fuarte di une maute sot de piel che o vevi fat par vie des polemichis des gnovis mautis dal Udin. Naturalmentri in Friûl nissun a le à cjalade parcé che il furlan, al é come il svizar, al amet che le idee a é buine dome cuant che il rest dal mont al é adotade. Ven a stâ cent agns dopo.(200 agns seont Marchet). Ma un mês indaûr le idee a é rinassude e a si cjate cumó tar chest sito. Al mi fâs plasê che le idee a sedi stade adotade da cualchidun âltri, con di plui s'al é ancje un pitôr, tant miôr. Par me, se une idee a é buine, al sarès pecjât di doprâle dome une vôlte. Baste dî cui che le à vude il prin:-) Doprant il stès algoritmo su le idee, al sarès stât pecjât che l'arbul metût in tun vâs a forme di Fiat 500 al sedi stât fat dome a Milan da Fabio Novembre e di fat, le idee a é stade cjapade e a sarà doprade a Bruxelles pes fiestis. Vêso chê di vê un arbul di nedâl in tune fiat 500?

 Ma no, o sês furlans!:-)


Un'anno fa, per questo blog aggiungevo l'immagine forte di una maglietta, fatta in seguito alle polemiche sulle nuove magliette dei giocatori dell'udinese. Naturalmente passó innosservata in Friuli perché il friulano é come lo svizzero, ammette che l'idea é buona solo quando é stata adottata nel resto del mondo e cioé cento anni dopo:-)

Un mese fa, l'idea é riapparsa e si trova tuttora in questo sito. Mi fa piacere che sia stata adottata da qualcun altro, con di più un pittore, perché un'idea, se é buona, sarebbe peccato di utilizzarla solo una volta...Basta dire chi l'ha avuta prima:-)

Con lo stesso algoritmo, l' idea di mettere un'albero in una Fiat 500, dovrebbe ora uscire a Bruxelles per le feste come Fabio Novembre la fece uscire a Milano quest'estate. Se l'idea é buona...Non siamo nell'era del copia e incolla?


19 ott 2009

Mack the knife

O scuignîs vê sintût amancul une vôlte le cjançon tirade fûr dae Opare di 3 francs di Bertold Brecht. Le cjançon a é nassude parcé che l'atôr todesc principâl al veve dite che se no i metevin une introduzion lui a nol varès plui recitât. Da cuant che le cjançon a é stade fate, un grum di nô e an dome chê tal cjâf e a an dismenteât dut il rest. Lis versions plui cognossudis a son naturalmenti merecanis e simpri in jazz. Cui no cognossial il Mack the Knife di Ella Fizgerald? Forsit le plui origjinâl parcé che une dí che le cjantave a Berlin a si jere dismenteade lis peraulis e alore a si jere mitude a improvisâ. Ma ducj i grancj a le an cjantade. Frank Sinatra, Bobby Darin,Louis Armstrong, Errol Garner e Sting a son dome cualchidun.Le cjançon a é forsit une di chês ch'a é stade voltade di plui tal mont. Ancje par talian e forsit le plui origjinâl a é chiste version cun Mina e Ella insiemit tal 1960. Par Furlan, naturalmenti, nissun le à mai voltade e cumó che Toni Beline al é muart, cui puedial ancjemó fâus une furlanade?
Dovreste aver sentito almeno una volta quella canzone estratta dal'Opera di tre soldi di Bertold Brecht.
Le canzone é nata per caso per via che l'attore principale aveva detto che se non ci fosse stata una introduzione, lui non avrebbe più recitato. Cosí da quando la canzone é stata fatta nel 1928 molti di noi l'hanno in testa mentre hanno dimenticato tutto il resto. Le versioni più conosciute sono tutte americane e sempre in jazz. Chi non conosce il Mack the knife di Ella Fizgerald? La sua versione é forse la più originale per via che dopo aver dimenticato le parole aveva fatto un'improvvisazione che poi riprese in tutte le occasioni. Ma tutti i grandi ne hanno fatto una versione. Franck Sinatra e Bobby Darin per farsi concorrenza, Louis Armstrong per farsi una bella trombettata, Errol Garner per farsi le dita e anche Sting per mostrare che la sua voce va bene anche in tedesco. E una delle canzoni più tradotte nel mondo e d ho trovato questa versione con una stridente Mina che assieme a Ella che imita Louis Armstrong mi pare originale
Niente invece in friulano ma da quando don Toni Bellina é morto, chi potrebbe ancora tradurvela?

17 ott 2009

La nêf tal cjâf:-)


O ai viodût che le nêf a colave bielzà in Gjermanie ma se chê de Cjargne a cole achi a varès di fondi subite:-)

L' Halloween di don Jaio


Se i romans a vessin podût rivâ fint achi, vuê, invezit di crocifigji il signôr come che an fat 2009 agns indaûr a lu varessin brustulît su le cjadree eletriche.

E alore? E alore jenfri lis tetis des mulis di doman invezit di un crucifís dàur o varessis cjatât un cjadreute eletriche dàur:-) E invezit de sante crôs a si varès le sante cjadree.

Il pinsîr us fâs forsit pensâ ch'o vin vût fortune che i romans a lu vedin copât prime. O vês reson.

So lais pe Cjargne e pal mont, o viodarês che ducj i ponts plui biei te nature a son simpri ocupâts par une crôs o alc ch'al ten sù le crôs impins come une glêsie. Ce saressial il paesagjo se invesit des crôs a si varès une cjadree eletriche? Imagjinait a Nedâl ce tantis lûs su le cjadree e ducj li ator a festegjâ chel ch'al nàs par podê plui tart celebrâ il so brustulî...

Cjalait chiste cjadree, no jè eletriche ma a é grande tant che une glêsie. Cjapaitle e cu le imagjinazion meteitle al puèst de plêf di Davâr o de vuestrê plêf personâl o ben a san Piêri a Rome cun le plui grande cjadree dal mont...

Rispietin duncje i romans che nus an fat chest plasê e magari pal week end mangjin tal jet o ponets ae romane par no pensâ che sentâts a taule a si puedarès ancje murî piês:-)

O viôt bielzà cualchi madone domandâsi se continuâ a vaî a Medjugorje o ben fâsi une riduçade di nascuindon, par halloween...

Don Jaio


Se i romani avessero potuto arrivare fino a noi, oggi invece di crocefiggere il signore come hanno fatto 2009 anni fa, lo farebbero morire sulla sedia elettrica. E allora? E allora, tra le tette delle ragazze, invece del crocefissino d'oro avremmo una sediolina elettrica:-) Insomma invece della santa croce ci sarebbe la santa sedia.

Il pensiero vi fa forse pensare che abbiamo avuto fortuna che i romani lo abbiano ammazzato prima ed avete ragione. Se andate su per la Carnia e in giro al mondo, vedrete che tutti i più bei posti della natura, sono occupati da una croce o da un qualcosa per tenerla impiedi come una chiesa.

Cosa sarebbe il paesaggio se invece di una croce ci fosse una sedia elettrica? Immaginatevi a natale tutti intorno di una bella sedia elettrica piena di luci a festeggiare la nascita di quello che poi griglieremo sulla sedia...

Guardate questa sedia. Non é elettrica ma é grande come una chiesa. Prendetela e mettetela con l'immaginazione al posto della pieve di Ovaro oppure di San Pietro a Roma o della vostra pieve personale...

Rispettiamo i romani pregando per loro che ci hanno tolto questo incubo e per il week end prendiamo i pasti a letto o magari sul gomito alla romana per non pensare che seduti a tavola si potrebbe anche morir peggio:-)

Vedo già delle madonne che non sanno più se continuare a piangere a Medjugorje o farsi di nascosto una risatina, per halloween...

Don Jaio

15 ott 2009

Le smuarse / La morsa


Lis smuarsis, a si doprin simpri di mancul tes marangoneriis e tes oficinis mecanichis ma aromai e an cjatât il lôr puèst simbolic e alegoric. Chiste a é le ûltime cjatade a pene saltade fûr dal for.
Doman o scomencin alcâltri par 7 setemanis. Tant ch'a si và indenant cu lis rôbis dal dí e chês de setemane, no us viodarai masse achi tar chest blog.

13 ott 2009

Misereri (s)

Gregorio Allegri

Il prin miserere al jere un cjant che par cent e dîs agns al jere cjantât dome te capele Sistine e che guai di guai nissun al si sarès insumiât di cjantâ di fûr de capele ni tant mancul di trascrivi le partizion cence fâsi scomunicâ o magari fâsi brusâ vîf come Gjordano Bruno.
Ma tal 1770, un canai ch'al veve podût scoltâ il cjant, tornant a cjase al jere rivât a trascrivilu dut di memorie e cualchi timp dopo, forsit so pâri, al veve vindût le partizion a Charles Burney, un musicist inglês ch'al stave fasint un libri su le storie de musiche ch'al à publicât tal 1771.Il pape, cuant ch'a lu à savût al varès ben vût voe di tignî peraule parcé ch'al crodeve che le partizion a fos stade robade ma cuant ch'al à savût cemût che chel hacker al veve fat, a si dîs ch'a i vedi dome dât une penitince da fâ. Tal sît dal vatican, a pretindin ancje che il pape al vedi fat di chel canai, un cavalîr dal speron daur, ma nissun al à mai sintût il canai vantâsi di chest fat.Invezit, ducj a san che chel canai a nol jere âltri che Mozart che po al à fat ancje lui le sô version.

Charles Burney by Joshua Reynolds

Del miserere, non abbiamo di sicuro mai sentito tutte le versioni ma la più conosciuta per il momento e forse quella cantata da Zucchero con Pavarotti o Bocelli. Ma da dove viene la prima composizione? Strano a pensarci, é stata conosciuta grazie a un hacker che l'aveva rubata in Vaticano per darla poi a un inglese che la pubblicó senza complessi...
Nel 1771 ! 
Sí perché il genio trafugatore non era altro che Mozart quattordicenne che poi fece la sua versione e l'inglese non era altro che lo storico Charles Burney. Del papa Cemente XIV che avrebbe dovuto scomunicare Mozart, si sà che invece non lo fece. Del compositore Gregorio Allegri si sà che la compose nel 1660 e che per 110 anni il miserere era rimasto segreto e a solo uso e piacere dei papi.
Adesso, farei volentieri una versione anch'io a solo uso e piacere mio e che terró segreta fino a quando un hacker non me la freghera nel computer credendo di trovare chissà cosa.
La prossima volta che andate nella cappella Sistina, immaginatevi là col papa in ginocchio in mezzo ai vescovi e cardinali. Il coro incomincia il miserere e due preti incominciano a spegnere una a una tutte le candele in modo che dieci minuti dopo tutto finisca nelle tenebri. Momento di panico. Poi un lucignolo riappare dalla porta da dove siete entrati per aver visitato l’appartamento di Lucrezia Borgia. Di candela in candela, la luce torna e potete infine accendere anche la vostra per uscire a tirar il fiato come facevano nel 1600.

08 ott 2009

Puarte ombrenis / Porta ombrelli

 Aí, pindût sul pat, le sô mûse a somee sorprêse, scalfuriade, ma ch'al plovi o ch'al svinti
al scuignarà puartâ ombrenis dute le sô vite.
Pai dîs scûrs e lis oris  cence lûs,  o i zontarai forsit une lampadine sot dal barbuç  par fâlu plui sigûr, ma le sô bocje da ridi no si viodarà mai plui. 
Tant, par restâ bessôi, par dî alc cji baste i vôi.
Mandi m'in voi par cualchi dí.


Il suo viso é sorpreso, scandalizzato, ma che piova o che tiri vento, dovrà rimanere lí appeso a quel pianerottolo a portar ombrelli tutta la vita. Per i giorni scuri o le ore senza luce, gli aggiungeró forse una lampadina sotto il mento, ma il suo sorriso non si vedrà mai più; tanto, per essere cosí soli, per dir qualcosa bastano gli occhi.

Dio ti vede...E jó compagn!

Il vôli egjizian di Orus o di Audjat al jere un puarte furtune. Daspó al é stât cjâpât de nestre religjon cu le scrite Dio ti vede.
Fin da piçul, al mi faseve pôre. Da grant, par furtune o ai cjatât un mût par vinci la mê pôre e o ai da dî ch'a mi puarte furtune tant ch'a ai agjizians. Anzit, o no rivi adore a stâ di mancul. Chist achi, dopo vê domandât le permission al comun, al jere fat par lâ su le mê façade. Ma une vôlte finît, al jere masse pesant e o spieti simpri il timp di fant un'âltri o che le voe a mi torni. Intant, par mostrâ cemût ch'al ven il verderam us mostri cualchi tocut par viodi ce ch'al dà il contrast dal lusinôr dal oton ben lustrât e il colôr mat da l'oton osidât. Ah, si, il vôli al si mûf. Al é motorizât e al fâs un efiet avonde fuart. La mê idee a jere chê di meti un sensôr ch'al sedi bon di meti in moto il vôli par seguî pas a pas lis mulis ch'a passin in te strade:-) Ma a 'n d'ere masse, e il vôli al sarès deventât mat:-)
L'occhio egiziano detto di Orus o di Audjat era un porta fortuna.Poi é stato ripreso dalla nostra chiesa accompagnato dalla scritta: Dio ti vede.
Forse per far paura ai piccoli come me e come altri. Da grandi, per fortuna, queste paure non sono più le stesse ma qualche cosa ci rimane nella testa, per non dire nell'occhio. Comunque, é un porta fortuna anche per me. Questo era destinato ad essere appeso sul muro di casa ma una volta fatto era troppo pesante ed aspetto che la voglia mi torni per farne uno più leggero. L'ho messo per far vedere i dettagli dell'ottone che brilla tra le parti ossidate con ammoniaca e acido muriatico. Se poi dovessi mostrarvi anche che l'occhio si muove con un motorino, vi direi che l'idea principale era di fare un'occhio che segua con lo sguardo le ragazze che passavano di fronte a casa. Poi, mi sono ravvisato. C'era troppa circolazione:-)
Psst: l'ultima foto é un dettaglio della cornice di ieri.

07 ott 2009

Gambiâ lis bleons / Cambiar le leunzuola


Cumó, invezit di lavâ lis bleons o lis buti vie in tune sêle di rêsine di polyester e cuant ch'a son ben bagnadis o lis tiri fûr, lis strîci, lis involûci, lis vôlti, lis ingrôpi, lis sistemi par fâ un disen cu lis pleis e po lis lâsi indurî. Cuant ch'a son duris, o neti vie ce che no mi covente e po lis pituri cul gno colôr  preferît ch'al é il verderam cun cualchi ponte di àur.

Chest al é il prin risultât par fâ le curnîs al cuâdri di un pitôr ch'al fasarà une mostre da me in dicembar. Al mi é someât che a pene vude le idee, o ai contât fint al dîs, e a jé vignude fûr as ùndis:-)

Doman un'âltre, e passant compagn. Sperin di no vent masse, senó no duar, no mangji e no fâs l'amôr o ben o mangji invezit di durmî e o duar invezit di fâ l'amôr o ben o lu fâs cuant ch'o soi masse strac:-) Ma varaio ancjemó bleons par usgnot?



Adesso, invece di cambiar le lenzuola le butto via in un secchio di resina polyester e cuando sono ben amollate le tiro fuori, le arrotolo, le volto, le tiro, le lascio, le annodo e le sistemo per far un disegno con le pieghe. Poi lascio irrigidire e le riprendo per addolcire gli angoli e poi dipingere col moi colore preferito che é il verderame che rialzo con vere gocce d'oro. Questo é il risultato di un'idea avuta ieri sera e finita stamane. Una cornice per la pittura di un artista che esporrà in dicembre nella galleria.Vi dico subito che l'ho trovato troppo divertente per non ricominciare con qualche cosa d'altro che sarà pronto domani. Ma avró ancora lenzuola per stassera?







Kiwy berry /Mini kiwi

Grant come une âsin di ùe a no si bute vie nue, biele le rime J e si mangje in tun bacon.

Alore vuê une gnove pome. Ma îse une pome o une baule? I merecans le clamin pluitost baule: Kiwiberry. Di fat, il gust al é chel dal kiwi ma dome s'al é ben madûr. Dal kiwi, al à ancje dutis lis vitaminis ma in plui concentrât.

 Cun ducj i dams dal incuinament in te botaniche salvadie ch’a ‘nd é pal moment, o no si puès dî che chiste gnove baule a no sedi vignude fûr ben. Ma îse gnove ?

O vês bielzà provât le ùe cence semencis che cumó a tirin sù in Grecie, in Cile, in spagne, in France (Ancje chê nêre) e un pôc dapardut, no ? Ancje chescj mini kiwi a scomencin a sei tirâts sù in Italie, in Svizare, in Gjermanie e fintramai in Belgjo come chescj a 2,60€ indulà che chist an a é le prime vôlte ch'a son mitûts sul marcjât. Duncje, a puedaressin sei tirâts sù ancje in Cjargne parcé che le plante a resist fint sot i trente grâts (E no jé gnove ma vecje e origjinarie de Siberie !) e a rint un grum di plui che tirâ sù alcâltri, freulis,moris,e vie vie. Cjalait i filârs di mini kiwis in te foto.

Al si dîs ancje che il kiwiberry al vedi 1.40 plui di vitaminis e antiosidants che il kiwi tout court che, o savês, pe vitamine C al à bielzà 3 vôltis plui dal limon!

 In Svezie, te universitât di Oslo, e an cjatât che doi kiwis in dí a  gambiin le viscositât dal sanc come  cun tune aspirine. Duncje, cuissà alore I mini kiwis! Sa tu ju viodis passâ tal negozi, no sta privâcji  di chest gnûf plasê ch’a tu puès vê parsôre de cinturie.

Altris plasês come chest



Oggi un nuovo frutto.Ma forse é piuttosto una bacca. Gli americani la chiamano Kiwiberry. Infatti, non é altro che un kiwi in miniatura. Ha lo stesso gusto se é ben maturo ed hà anche le stesse vitamine, anzi, 1,4 volte di più…Allorché il kiwi ha già tre volte più di vitamina C che un limone ! Grande come un acino, si mangia con la buccia in un boccone.

Sarà un ennesimo prodotto dell’agricoltura tipo OGM ? Ma no, é originario dalla Siberia, Cina, e Korea.Se lo fosse, direi che é uscito fuori molto bene. Avevamo già l’uva senza semi che veniva dal Cile, poi dalla Grecia e dalla Francia e finalmente viene un pó da tutte le parti. Chi se ne lagnerebbe ? Adesso abbiamo i kiwiberries che incominciano ad essere prodotti in piccola quantità, nelle Americhe ma anche in Italia, Svizzera, Germania e perfino dal Belgio come quelli della mia foto (260E) La pianta, che puó resistere a delle temperature invernali di meno 30° potrebbe dunque crescere ovunque. Basta trovare i semi…

Rende peró molto di più che le fragole, le more, i lamponi. La pianta dura di più, produce di più e i frutti si conservano di più e sono facili da spedire. Dunque, se li vedete passare in un negozio, non privatevi di questo nuovo piacere che potete avere sopra la cintura J

Secondo uno studio dell’università di Oslo, due kiwi al giorno sarebbero l’equivalente di un’aspirina per ridurre la viscosità del sangue per quelli che rischiano l’infarto. Se leggete l’inglese, trovate altre informazioni qua.

Altri post correlati

06 ott 2009

Stelace / Scaffale

 
Posted by PicasaLa mê prime stelace par meti lis ceramichis a é fate, cumó o scuen preparâ il rest pe galerie.
La mê galerie si clamarà Abri (rices) d'Art. O vevi un frac di nons plui interessants ma  o ai scuignût sielzi chest par figurâ  al prin puèst te sfilze dai nons.

Questa é la prima mensola per le ceramiche. Adesso sto preparando il resto per la galleria che si chiamerà Abri (il Riparo) d'arte. Avrei avuto un sacco di altri nomi più interessanti ma finalmente ho scielto questo per figurare al primo posto nell'elenco telefonico:-)
 

03 ott 2009

Biloi / Carosello

Spiçait le memorie
Us doi doi minûts e 30 seconds par dîmi ducj i autôrs di chescj ritrats che si fondin e disfin in 500 agns di piture. Se po o no rivais adore par lunis, us metarai i nons dai pitôrs ch'o no ai podût zontâ parcé ch'a lave masse svelt.

Aguzzate la memoria cercando di ricordarvi in quale quadro e quale pittore fece il ritratto di queste belle 'ma non sempre' donne che forse erano anche le amanti dei pittori. Avete solo 2,30 minuti per ricordarvele tutte:-)Ma potete anche prendere il WE.



02 ott 2009

Le conte curte dal barbon La fiaba del barbone

Us ai fat un piçul video par contâus une conte curte curte ma biele.
Ognuno fa come puó per aprire una galleria:-) Mandi