I miei Video clips furlans

Loading...

31 dic 2009

L'otâf plui bas de Americhe Paul Robeson L'ottavo più basso d'America













Une conte par finî il 2009?
Al jere clamât l'otâv plui bas de Americhe. Cu le so vôs, a nol podeve che vê un repertori origjinâl. O ben a i fasevin lis cjançons su misure o ben al cjoleve ce ch'al cjatave tal folclôr di ducj i paîs. Jenfri dutis, ancje  cjançons russis di chês ch'a cji spachin il cûr di tristece (Al cjacarave il rùs e il cinês).Ma prime di deventâ atôr  e cjantant, al jere cognossût come sportîf e come avocat vignût fûr de universitât Rutgers di NY. Tal 1958, Paul Robeson al jere stât invidât da Kruscev al Kremlin.Par vie che in Americhe, P. Robeson al jere considerât come comunist parcé ch'al cjapave le difêse dai nêris (A i vevin fintramai confiscât il passepuart par 9 agns par impedîlu di viazâ).Ma al à podût viazâ distès un biel pôc. Tal 38 dopo vê stât in Spagne a visitâ i antifranchiscj (Impensaitsi che Tina Modotti a jere cun lôr) Al voleve fâ un film sui nêris che a combatevin cun lôr, ma nissun nol à volût finanziâ il film e par finî al à scrit un libri.


A Moscje, par fâi compagnie in tun riceviment in so onôr, a i vevin mitût dongje di lui Ivan Perversev l'atôr plui cognossût de Russie che al jere ancje forsit l'unic ch'al podeve misurâsi cun lui al pont di viste de stature (1m92)
Ven a stâi che i doi, simpatizant, a no fasevin plui atenzion a chei âltris.
 Kruscev al jere vignût dôs vôltis par cjacarâ cun Paul Robeson ma Ivan, ch'al jere cjoc, al si jere tolet in bande par podê cjacarâ di bessôl cun Paul che a lu veve invidât in Americhe. Ae tiarce vôlte, cuant che Kruscev al é tornât par cjacarâ cun Paul, Ivan, a lu veve mandât in mone disint: idi nacui, ch'al sarès in rùs :và sul cazzo. Cussiché, tal cidinôr colât sui 300 invidâts, dôs vuardiis a son vignudis a puartâ vie l'Ivan. Il Paul alore al veve domandât indulà ch'al jere lât e Kruscev a i veve rispuindût ch'al jere stât clamât al telefono...
Par cualchi setemane, Ivan, a nol saveve plui s'al vès vût ancjemó lavôr come atôr o dome come manovâl in Siberie. Ma l'ere dal stalinism a jere finide e Kruscev, il gnûf capo, al voleve dimostrâlu e a no i à fat nuie e po al veve bisugne dal atôr pai films di propagande.Ma Ivan nol à mai podût lâ in Americhe:-)
Il film al date dal 1936. Scoltait chiste vôs. O no in vês mai sintude une cussí.Po, se o volês o lais su Youtube par sintî dutis chês âltris e in cinc e cuatri vot o rivais tal 2010. Buin ant e buine fortune!


Secondo i paesi e forse i geni che abbiamo, si ha la voce che si merita. Da noi, gli uomini sono tutti tenori o falsetti.I bassi o i barritoni sono rarissimi. Forse perché siamo abituati a parlare ad alta voce e a gridare per paura che l'altro gridi di più. In Russia, forse perché sono abituati a bisbigliare per non farsi sentire, c'é una grande profusione di voci basse.Le donne, si sa, sono molto sensibili con le orecchie e forse é per questo che un uomo che ci sà fare, sopratutto con le parole sussurrate all'orecchio, puó farsi perdonare molte cose. A Mosca, uscendo da una chiesa sentivo una donna polacca che diceva che i cori maschili dentro le chiese ortodosse, le dava voglia di far l'amore e che non sapeva come evitarlo perché, per farsi perdonare doveva andare a confessarsi e con ció, si trovava di nuovo in chiesa e questo le ridava voglia...
Questo per introdurvi Paul Robeson che già nel lontano 1936 (Chi di noi era mai nato nel 36?) era considerato l'ottavo più basso d'America.  Se volete avere un'idea di quanto possa essere basso, cercate di cantare con lui e forse sarete come me e cioé che dove per lui sono le note più alte, per me sono le più basse. Veramente triste da dirsi che ci si trova un'ottavo più in alto di lui ma mi consolo pensando a quei tenorini che si trovano un'ottavo più in alto di me e che hanno delle voci di signorine:-)
Con tutti i rap del caz con i quali ci nutriamo oggi, una voce cosí, a me mi ridà speranza, mi ripiena le viscere, mi fa pensare che i secoli passeranno ma che rimarrà per sempre qualcosa di fenomenale.P. Robeson,Prima di essere conosciuto come attore e cantante era conosciuto per i suoi meriti sportivi. Parlava una ventina di lingue tra le quali, il russo e il cinese.Durante il maccartismo fu accusato di essere anti americano e dunque comunista per aver detto: Perché i neri devono andare a combattere per gli USA, se nel loro paese non hanno gli stessi diritti? La sua carriera fu allora interrotta (passando da 100mila$ a 2000$ all'anno!) anche perché il governo americano gli confiscó il passaporto per 9 anni. in seguito a un intervento di Nixon. Quando riebbe il passaporto, fu invitato da Kruscev ad andare in Russia dove per via della sua lotta per i diritti dei neri (Era anche avvocato) i russi volevano utilizzarlo per la loro propaganda. Si racconta che al ricevimento al Cremlino, fu messo a sedere vicino all'attore più conosciuto dell'epoca Ivan Perversev che era l'unico ad essere grande come lui (1m92) I due simpatizzarono e si tirarono in parte per parlare tra loro. Per due volte, Kruscev venne per parlare con P. Robeson ma ogni volta l'attore, che era brillo, lo cacciava via. Alla terza volta gli disse perfino idi nacui e cioé lo mandó in quel paese nella maniera più volgare russa.A questo punto, nel  silenzio creato dall'incidente fra i 300 invitati, due guardie lo condussero fuori e Kruscev, spiegó a Robeson, che Ivan era stato chiamato al telefono...
Tutti si aspettavano che l'attore fosse inviato in Siberia ma invece, dopo una grande paura, riprese la sua carriera di attore fatto su misura per i film di propaganda. Ma no andó mai in America. Paul Robeson ha anche scritto un libro che potete farvi regalare per l'anno nuovo.
Buon anno pieno di nuove cose interessanti per tutti.


26 dic 2009

Conte di Nedâl / Racconto di Natale (audio)


O screi une gnove conte fasint un audio cui sottitui par furlan e par talian. S'o cjatais plui confortevul di scoltâ che di lèi, o in fasarai ancjemó. So cognossês cualchi sort o cualchi vuarp, al puedarès sei un regalut par lôr. Se o vês fruts o furlans che imparin il furlan, al puedarès siervîur ancje a lôr.
Un racconto di Natale fatto in audio con sottotitoli in italiano e friulano. Testo recitato in friulano per quelli che  vogliono  la pronuncia con la scrittura.

22 dic 2009

Buin Nedâl / Buon Natale / Joyeux Noël / Merry Christmas / Feliz Navidad/С Рождеством Христовым


Ascolta anche La pastorele , altro canto di Natale

Le lovetât di agne Lene




O vevi di lâ tal ospedâl di Udin a cjatâ cualchidun. Un casin. Jó ch'o ai fat ducj i ospedâi dal mont o mi cjatavi spierdût. Ce si cjacarial achi? Furlan o talian, sloven o tridentin?
Ma fortunât come ch'o soi simpri, a pene drenti, o viôt un ch'al jès e ch'a mi dîs:
-Ei! no setu il Celestin tu?
-? Ei...Ma no setu...tu?
    A si jere nô, si.
Alore: - Cemût statu? Ben? Si, e jó? E jù une ridade.
O i dîs ch'o sin aromai come i inglês, a si si strenç le ponte dai dêts fasintsi le stesse domande zence dâsi le rispueste. Come se no si fós interessâts di savê né il cemût ne il parcé.
Ma il parcé al à volût savêlu e i ai scuignût dîlu , ch'o eri aí par fâ une visite a une agne.

  • No sarà migo to agne Lene, no? Ch'al mi domande enfre l'incredul e il tir'a siment.
    O eri par dî di nó par fai plasê ma invesit o i ai dite di sí par fai dispièt.
    Naturalmenti al crodeve ch'o lu tiras jô a siment e al à volût vignî cun me parcé che oramai, dissal, a é un tic le agne di ducj e ancje le mê.


  • Al jere a pene tornât jù di no sai plui ce plan e al mi à dite ch'al veve viodût une siore ch'a someave a mê agne Lene in tun coridôr e al é propit lí ch'o le vin cjatade sot trasfusion.


  • A spietave di sei puartade a fâ l'ecografie e che cualchidun al vegni a cjoile ma al jere bielzà doi dîs ch'a jere aí. Enfre il spostâsi par lassâ passâ un o chel âltri o vin decidût di spostâ il so jet in tun cjanton par sei plui cuièts e al é cussí ch'o vin savût il parcé ch'a si cjatave aí.

    A veve stât al marcjât e tornant à cjase a veve clamât le ambulance.


  • -Si sintivie mâl? Dissal lui.
    Nó, no si sintive mâl, ansit, a jere contente come une pasche.


  • Alore? O domandin insiemit.


  • Alore, a jê i pomodoros a i plasin, ansit a é le uniche rôbe ch'a mangjarès da gulizion, da gustâ, da marinde e da cene e al marcjât a i fasevin cussí gole ch'a veve comprât un chilo di pomidoros!


  • E alore? Simpri nô in coro.


  • E alore a jê a i ven l'âghe in bocje dome a viodi i pomodoros.Alore chiste vôlte a no veve resistût, e an veve comprât un chilo.


  • Si, ma alore? O vôsín.


  • Alore, jê e à une pancreatite croniche che a pene ch'a i rive jù un toc di pomidoro a si cjape une crisi ch'a le fâs stâ mal une setemane. Le ûltime vôlte a ere stade in reanimazion par trê dîs...
    E alore... Ingorde, a veve mangjât il chilo di pomidoros tant ch'a spietave le ambulance!Ho!

21 dic 2009

Il confesionâl

Dal paruchir al jere plen di int. Al si domandave cemût che in tune vile come Monfalcon a misdí di une joibe cualsiasei, al podeve sei cussí plen. So sûr a i veve domandât di puartâle lí parcé che lí il paruchîr al veve un grum di stîl e a veve di lâ a un matrimoni le sere.Il maestri paruchîr ch'al zirave da une paruchiêre a chê âltre
par coregi une plee o taiâ un ciuf, cun chê arie di signorine e 'l so cjacarâ venezian a lu disturbave. A i dave masse tal vôli.
Ch'al sedi stât gay, a lu savevin dutis chês che sentadis li ator a si fasevin masagjâ, petenâ, lavâ, sujâ, slaparotâ, palpâ, lecâ e ancje chês ch'a spietavin il lôr turno par fâsi mateâ.
-Cjale ce estro ch'al à il maestri vé. A i cisicave sô sûr in te vorêle. Il paruchîr, come un maestri al piano,al faseve lâ lis fuarfis cun tune man tant che cun chê âltre al cjapave cul pietint i cjavei da tajâ.
Ma lui invesit al cjalave che biele assistent ch'a someave ch'a fós crote sot dal grumâl. Ce biele ch'a jere. Alore, par no cjapâsi un'âltri colp di comedon da sô sûr parcé ch'al cjalave masse, al si jere jevât par lâ fûr a fâ un gir e al jere tornât dome une ore dopo juste al moment che so sûr a finive di fâsi petenâ.
Tant ch'a spietave al veve acetât il café che propit chê assistent a i veve puartât e dopo vê fat un compliment al paruchîr par no fâlu ae assistente al veve paiât i 50 euros. Il paruchîr, par saludâ, prime al veve bussât sô sûr e po, di sorprêse a lu veve bussât ancje lui come s'al fos stât il so plui grant amîc. Dio...Îsal pusibil? Ce schifo, al pensà.
Il paruchir ch'al veve viodût dut, a i veve regalât une ombrene parcé che di fûr al ploveve e po par no mostrâ ch'al veve intenzions platadis, a i veve dite che s'al veve chê di viodi le sô assistent, a nol podeve che cjatâsi su le strade che faseve le sere par tornâ al convent. Convent? Si a jere une zovine ch'a voleve fâ le muinie ma al podeve simpri tentâ di fâi gambiâ idee, ansit, a lu incoragjave a fâlu che cussí a sarès restade cun lui parcé ch'a lavorave benon.
Dio...Îsal pussibil? Si, le sere, da no crodi, come ch'a i veve spiegât, jê a lave in glêsie a preâ prime di tornâ e in che ore, le glêsie a jere vueite. Vueite? Le prospetive di fâ un tâl sacrilegjo a i uçave le voe. Chiste po, a no se spietave. Jê invesit, a someave come ch'a lu spietàs e a si jere tirade vie te ombrene di un confesionâl come par mostrâ ch'a jere dacuardi. E vie lui dret sot de cotule. Ma cê crodevial di fâ?
Jê a no podeve. A veve di restâ vergjine.
Ma a capive... E a si jere girade tirant sù le cotule.Al veve reson, si. Sot a jere crote.
Dio...îsal pusibil?Eh ma ce cûl!
E cuant che ae ûltime sdarnade al à viert i vôi, al à viodût une peruche bionde par tiare e il paruchîr ch'a i faseve le bocje da ridi tirantsi sù content. Dio...Ce schifo, ce freade!
Tal indoman, il nonçul, tant ch'al judave il plevan a disviestîsi pe messe al si lamentave che un cjocheton al veve ancjemó stât a butâ fûr tal confesionâl.

18 dic 2009

La Yuiù





O tornavi al lavôr dopo gustâ e dongje le pauarte dal atelier une biele mule colôr Illy ben rustît a si jere spostade par lassâmi passâ. In cinc e cuatri vot, le vevi convinçude di a entrâ par lassâmi fâ il so ritrat tant che spietave l'autobus. So agne a jere cun jê e alore dut ben, nue pôre dal barôli. Il risultât al é che Yuiù a é deventade le blui biele nêre dal gno harem di manichins. Par dôs setemanis, a veve cjapât il gust di vignî a l'atelier a fâmi visite dopo de scuele. A i plaseve di cjalânus lavorâ, fin che une dí a é sparide e no le ai plui viodude. O ai savût dome plui tart che il colombian ch'al lavorave da me a le veve invidade a lâ fûr cun lui ma di fat al voleve dome fâle entrâ in cjase sô. Cuissà ce spavent ch'a i veve fat. Particolâr: Le distance jenfri i doi vôi a é plui grande che le normâl. A si dîs che in chescj câs le persone e à une memorie fûr dal normâl...Ma no ai podût controlâ.


Tornando da pranzo, un giorno, vicino alla porta dell'atelier c'era una bella ragazzina color Illy ben tostato e quando s'é spostata per lasciarmi entrare, in men che non si dica, l'ho convinta a entrare per lasciarmi fare il suo ritratto mentre aspettava l'autobus (Niente paura, c'era anche sua zia:-)
Yuiù, divenne cosí la più bella nera del mio harem di manichini. Per due settimane, aveva preso gusto di venire all'atelier ogni giorno dopo la scuola. Gli piaceva guardarci lavorare. Poi é sparita senza un addio. Ho saputo solo più tardi il motivo. Il colombiano che lavorava da me l'aveva invitata ad uscire ma l'idea era piuttosto di farla entrare in casa sua e chissà quale spavento le avrà fatto. Particolare importante: La distanza tra i due occhi é al di sopra della normale.Si dice che in questi casi, la memoria é più omportante ma non ho mai potuto controllare.

17 dic 2009

Indulà?/ Dove?

Dulà sono chei ch'a fasin casin par vie dal riscjaldament dal clime?

Tutti a Copenaghen per dire che fa troppo caldo:-)
Posted by Picasa

Il cûl de mê vicine / Il culo della vicina



Il gno gnûf vicin al imprestave il so puest pe machine a un dai miei clients,al mi judave a cjariâ i ûltins tocs e al mi domandave cemût ch'o fâs i manichins. Alore o i contavi chê dal gès di jar.




  • Ah, o no savevi che tu fasevis i manichins cussí. Ch'al mi à dite.




  • Nancje jó, i ai dite, ma i ai zontât ch'al stedi atent parcé che al à une femine ch'a é masse biele e che une dí, al puedarès cjatâle in tal gès.
    Ma o ai viodût subite che le sô mûse di carampan cun femine di vinç a si sblancjave dramaticamentri e prime ch'al mi cjapi pal cuel o ai scuignût dî ch'o scherzavi par fâlu ridi. Ma no scherzavi...:




  • No ai mai viodût cussí tante armonie in tun cûl in vite mê e ce ch'al é biel al é biel e ce ch'al é brut al é brut:-)
    Al pont che s'o vès di cjantâlu o scomençarès forsit cussí:
    Il cûl da mê vicine
    Mi fâs da medisine
    Cuant ch'o soi jù jù jù
    E a mi fâs lâ sù sù sù
    Il cûl da mê vicine
    mi rit e mi tintine
    Al mi fâs tavanâ
    E al mi fâs danâ

    Dut câs, nue pôre. Chei che cjacarin di plui a son chei che a tocjin di mancul:-)
    Chiste gnot, il vicin a nol à metût une des sôs machinis devant de cjase mê e cussí no ai scuignût sveâlu par ch'al mi lassi lâ fûr cu le mê machine.


    Il mio nuovo vicino é molto gentile. Ieri, non solo ha lasciato che uno dei miei clienti fermi la macchina davanti al suo passo carrabile ma ci ha anche aiutato a caricare. Cosí parlando, mi chiedeva come faccio i manichini ed io gli ho raccontato alcuni aneddoti tipo il sesso di gesso di ieri.
    -Davvero? Mi disse. Non sapevo che tu facevi anche questo.
    -Neanche io, gli dissi, ma stai attento perché hai una moglie troppo bella ed un giorno la potresti trovare nel gesso.
    In un attimo, ho visto il dramma nei suoi occhi di quarantenne con una moglie di venti e allora per rassicurarlo gli ho detto che scherzavo e s'é messo a ridere.
    Ma non scherzavo:-)
    In fondo non vorrei far altro che mettere in poesia quello che forse lui non sa fare. Certo che se l'ho detto l'ho pensato, ma non posso far niente senza un consentimento. Cosí lo sa.
    Stanotte, non ha messo la sua macchina di fronte al mio passo carrabile e stamane non ho dovuto svegliarlo perché m'impediva di uscire con la mia macchina:-)





15 dic 2009

Frice di gès / Sesso di gesso






Se no mi viodês par cualchi dí, o vês dome da dîsus ch'o soi vie pal mont o pal mistîr. Chiste setemane o sarai ancjemó une vôre ocupât. Jenfri ducj i lavôrs, ancje un bust da fâ par un mule di 1m90 .Lis bielis feminis, come i biei oms, a no durin che cualchi ant e po a s'in van tal gras, tal vecjo, tal nuie. Alore cualchidune, jenfri une sfilade sul jet-set o tai jets tout-court, par vê un biel ricuart, no contente di fotos o filmâts, a vegnin a domandâmi di stampâ o piturâ il lôr cuarp.Cualchi vôlte ancje le lôr intimitât. Naturalmentri, par discrezion, o no cjapi fotos dai lavôrs in cors ma dome di cierts risultâts. O disarai che par no fâi vignî la piel di ôcje(Che po a ven distès:-), o scjaldi le âghe prime di fâ il gès ma prime di spalmâ il gès o scuen passâ une man di Nivea su le piel de paziente par che il gès a nol sedi masse dur di distacâsi cuant ch'al sarà dûr. Seont le presse, o zonti un pôc di sâl in te âghe e po o spalmi il gès su le lôr piel cul plui dôlc dai miei pinei e po lu armi  cul le garze o le fibre.
Fint aí, dutis a mi cjalin lis mans cun plasê tant ch'o tocj, le lôr piel cun delicatece e educazion ma une vôlte  cuviertis di ges a scomencin a domandâsi cemût ch'a saltaran fûr di chê croste che devente simpri plui dure.
 Vincj minûts e po cualchidune a tacarà a vê pôre, a panicâ, a vaî a suplicâ di tirâlis fûr di lí.Dutis a finiran simpri par vignî fûr ma cualchi vôlte e an vût tante di chê pôre che a si vergognin di tornâ par cjoli le lôr fotografie in trê dimensions e cussí o ai cualchi gjambe, cualchi bust, cualchi musute e cualchi frice che spietin lí da agnorums ma nuie di grâf parcé che a scuegnin paiâ anticipativamentri.Dutcâs, dut al finîs par fâ alc e chiste frice fate pal omp de proprietarie a é finide sot di une pome di 50cm al puest de moscje.




Se non mi vedete per cualche giorno, dovete perdonarmi, di sicuro o sono occupato a viaggiare per il mondo o per il mio atelier. Anche questa settimana, saró molto occupato. Fra tutti i lavori, anche il busto di una bella donna di 1m90, che tra una sfilata e l'altra, s'é fermata da me. Le belle donne, come i bei maschi, durano solo qualche anno prima di finire nel grasso, nel vecchio o nel niente. Allora, qualcuno, per avere un bel ricordo, invece di foto e film ricorre allo stampo o al dipinto. Da pittore o da scultore, c'é tanto da fare che, anche se raramente si diventa milionari, il lavoro non manca mai. Naturalmente, vorreste vedere come vanno i lavori in corso. Eh nó, come i preti per la confessione e i dottori per le consultazioni, dobbiamo essere discreti come degli avvocati. Peró vi posso dire che prima di misciare il gesso, riscaldo l'acqua e che prima di spalmare il gesso spalmo la pelle con una crema per evitare che per togliere il gesso la paziente abbia l'impressione che le tolgo anche la pelle. Mezz'ora dopo, quando la devo tirar fuori dal guscio, incamincia il panico, le grida, l'impazienza. Preferisce uscir subito ? Allora prendo le forbici elettriche. No, l'aggeggio ed il rumore del motore la spaventa. Allora ,tutto a mano, il più presto possibile prima che il gesso diventi troppo duro e che le forbici non siano più sufficenti....Qualche volta, le clienti , con i loro compagni o senza, non vengono a ritirare le loro foto in basso rilievo o tre dimensioni, sia perché si vergognano della figura che hanno fatto, sia per altre diverse ragioni. Cosí mi trovo con gambe, tronchi,visi e culi senza padrone. Niente problemi peró perché tutto si puó utilizzare lostesso. Esempio, Ho preso questo sesso fatto per il marito della proprietaria: Ho fatto una mela  di 50cm e sotto, al posto della calicina, ho messo queste pretuberanze segrete:-)
Chi vuole mangiar la mela ?

12 dic 2009

Cuintristorie e cuintriveretâts / La controstoria e le controverità

Chest monument al é stât fat sù tal 1968 dai albanês di Bruxelles in onôr dal lôr eroe nazionâl: Scanderberg. Il monumentin al somee un tic ridicul ma forsit i emigrâts albanês a no vevin bêçs avonde par fâlu plui grant o un scultôr par fâlu plui imponent. Une scrite in trê lênghis nus dîs che il monument al é stât fat pai 500 agns de so muart.Ce merits aial vût? Dal 1443 al 1468, i turcs, e vevin mandât centenârs di miârs di soldâts par eliminâ Scanderberg ma e an simpri pierdût dutis lis batais. Cuissà se Napoleon al saveve de sô esistence? Dutcâs in tant che condotîr al é stât fuart come lui ma pôs di nô a lu cognossin.Il pape al varès volût vêlu cun sé par combati i turcs e lu veve nomenât Athleta Christi ma ce ch'al voleve Skanderberg al jere juste tignî le Albanie fûr dal control dai turcs.Pecjât, parce che seont Voltaire, al jere l'unic ch'al varès podût mantignî l'imperi bizantin. Par chest al é simpri stât pai albanês come il Garibaldi pai talians e il Napoleon pai francês. 
Pai furlans che an let la Cuintristorie di Josef Marchet, (Pagjine 60) Scanderberg invezit al sarès chel che cu le so bande di bosniacs al comandave i turcs che tal 1477 e an invadût il Friûl fint al Tiliment cence che Vignêsie ,come simpri,a vedi fat alc par fermâiu. 


Ma il Marchet al si é sbaliât parcé che il Scanderberg, ch'al si clamave da cristian Gjorç Castriote (Fi di Zuant Castriote), tal 1477 al jere bielzà muart da 9 agns e che le Bosnie a jere sot dai turcs da dome 5 agns. Chest al mi displâs di dîlu parcé che al somee che 'l Marchet al fasi demagogjie e che se al scrîf cuintristorie cun cuintriveritâts a devente mancul credibil. Ma tal so timp nol esisteve internet.
Pecjât, al varès podût in tant che plevan, e forsit par rispiet di Mâri Terese, informâsi miôr.O vevi simpatie par Marchet e o stimi le Clape culturâl di Acuilee ma o vin avonde misêriis veris da contâ cence zontâ chês patochis e al sarès pecjât di metisi in vuere cuintri i albanês par insult al lôr grant eroe a cause di un dai nestris  "grancj" plevans ch'al calunie di bant chel che ancje grancj poets e compositôrs francês o american e talian no an mancjât di ricognossi.





From Brussels views
Artisti ispirati da Scanderberg: Pierre de Ronsard 
gli dedicó una poesia.
Vivaldi compose un'opera dal titolo Scanderberg.
Il poeta americano Henry Wadsworth Longfellow 
gli dedica una lunga poesia


Il monumentino qua sopra sembra poco ma é stato eretto dagli immigrati albanesi al loro eroe nazionale Giorgio Castriota detto Scanderberg per il 5° centenario della sua morte nel 1968. Si trova a Bruxelles in un'angolo tranquillo vicino a casa mia. Per poco, l'avrei dipinto di blù dopo aver letto la Controstoria di don Giuseppe Marchetti dove in pagina 60 dice che fù lui che invase il Friuli arrivando fino al Tagliamento nel 1477.
Ma se il monumento é stato eretto nel 1968 e togliamo 500 anni, scopriamo che lui, nel 1477 era già morto da 9 anni. Poi, leggendo la sua biografia, scopriamo che é vero che da giovane dopo essere stato prigioniero dei turchi, divenne uno dei loro migliori condottieri finché non ebbe l'occasione nel 1443 di cambiar campo e far loro la guerra per poter liberare l'Albania, dai turchi. Per 25 anni, le armate turche spedite quasi ogni anno, cercarono di vincerlo ma non ci riuscirono mai. Al punto che il papa avrebbe voluto utilizzarlo per riorganizzare le crociate e lo nominó athleta christi. Forse é anche per questo che i turchi firmarono con Skanderberg un trattato di pace nel 1461 e
forse é anche per questo che il monumento a lui dedicato a Roma, é più imponente. Comunque mi dispiace di dover costatare che la Controstoria di don Giuseppe Marchetti, con questa falsa verità, diventi meno credibile poiché, Scanderberg, per 25 anni é stato il nemico più temuto dai turchi e che per tutti gli occidentali, é stato l'unico a poterli vincere ad ogni battaglia (salvo due) e al contrario di Marchetti (Poverino, non aveva internet per verificare:-), possiamo dire che se non ci fosse stato Scanderberg a distruggere sistematicamente le armate turche durante 25 anni, i turchi avrebbero potuto utilizzare le loro forze per l'espansione più a nord e oggi saremmo turchi anche noi.  Voltaire avrebbe detto che Scanderberg era l'unico guerriero capace di mantenere l'impero bizantino ma lui era interessato solo all'indipendenza del suo paese: l'Albania. Certo che, se avesse avuto il senso di grandeur di Napoleone, avrebbe potuto cambiar la storia. Rimane comunque uno dei più grandi guerrieri di tutti i tempi e sebbene sia meno conosciuto di Garibaldi o Napoleone, continua di affascinare e ispirare storici e artisti di tutto il mondo.
Links:
Biografia comparativa in inglese, francese,italiano e spagnolo

Forum in inglese pieno di link e informazioni sul biografo  Marinus Barletius, contemporaneo di Skanderberg.
http://p100.ezboard.com/fbalkansfrm114.showMessageRange?topicID=59.topic&start=21&stop=37

Libro on line sulla storia dell'albania (Google book)
http://www.archive.org/stream/lalbanianotizie00galagoog/lalbanianotizie00galagoog_djvu.txt

5 dic 2009

Cjançons pai sorts / Canzoni per i sordi

Vuê une cjançon par chei che son plui sensibils cui vôi che cu lis vorêlis. Chest al sarès le espression grafiche dai suns di une gnove cjançon . Il titul a nol impuarte parcé che le grafie no à plui nuie di viodi cui suns o le puisie des peraulis ma dome cul aspiet estetic.Ogni cjançon é à le sô grafie ma sù par jù, ae prime cjalade, ch'a sedi fate da un eschimês o da un furlan, al é simpri su par jú compagn, tant nissun le scôlte.





Oggi una canzone per quelli che sono più sensibili con gli occhi che con le orecchie. Questa sarebbe l'espressione grafica dei suoni di una nuova canzone. Il titolo non importa perché la grafia non ha più niente da vedere con la poesia o la melodia ma solo con l'aspetto visuale. Ogni canzone ha la sua grafia ma per un profano sembrano sempre le stesse e se fosse stata fatta in cinese sarebbe la stessa. Tanto nessuno l'ascolta.

3 dic 2009

Le cjampanote / La Campanotto

Le Marine a é une spilungjone de Ucraine ch'a ven da Odessa. Il so óm le à bateade Cjampanote parcé ch'a é âlte come un tór e ch'a no si ferme mai di sunâi lis cjampanis.

A jere professôr di informatiche prime ch'a si maridi cun tun professôr di no sai cê e po cun cualchi âltri fint a rivâ a chel di cumó che a spere, al sedi il cuint e l'ûltim , mi dîs 'ne sere.

- Ancje se a lui a no i plâs ni le liriche ni nuje e a nol larà mai al teatro cun jê, a mi zonte.

Da cuant cho i ai dite che il compositôr napoletan Eduardo di Capua al veve componûde le so cjançon « O sole mio» a Odessa tal 1898 a si é mitude a studiâ il talian ma no i ai dite che il gno acent napoletan al jere furlan e d'in chê dí a mi trate come so fos il Capua e a mi invide al teatri une vôlte par setemane sperant che forsit dopo il cors di lenghe o i cjanti une serenade tornat a cjase.

Tant jê a no pae. A invide e vonde. E jó o pâi il gno e o jentri tant che jê a và de sô bande. Cemût fasie par jentrâ? Jo no sai, a volarès ch'o ledi cun jê par mostrâmi cemût ch'a si fâs, ma cul so metro e novante cinc e il gno metro e setante e mieç no mi sint da tignîle pe man par lâ cun jê cuant che no lu fasarès nancje sa vignís cun me.

Seont ce ch'o ai capît, a spiete che il spetacul al sedi scomençât e alore a jentre cun le sô gjachete pleade in te so borse e le so borse peade in te sô spâle. Come sa vignîs fûr dal bagno.

Sa i domandin il biliet a dîs ch'a lu à lassât drenti par lâ tal bagno...O cê ch'a ûl, baste ch'a no vegni a dî che il gno biliet al é il só.

Chê altre dí, mi veve menât a viodi i balets rùs, indulà che, o sorprêse, a vevin ancje lôr un balerin nêri ch'al svualave jenfri il lôr Romeo e Gjuliete come un Kaka sul cjamp dal Milan.

Da mê galerie al secont plan e secont ordint, o cirivi le Marine cui canocjâi par viodi indulà ch'a si jere sentade, e indulà si jerie sentade? Te prime file di front al palco. Cence complès.Indulà che i biliets a costin sui...No ai voe di savêlu.Cagne dal osti di une Campanoto!

Lant fûr po, a mi contave esaltade cemût ch'a jerin biei i muscui dal cûl dai balerins che di sigûr, a doi metros dai soi vôi, a i davin plui tal cjâf a jê in bas che nó a mi tal âlt doi plans plui in sù.

Cjaminant sul marcepît par lâ viers le machine, tant ch'a mi descriveve cun lis mans e cun le lenghe emozionade ch'a no veve mai vidût cussí biei cui in vite sô, a no si jere indacuarte che de penombre in front di nô al nus vignive incuintri un nêri vistît di scûr. Cussí cuant ch'al é rivât ae nestre altece, al à jevât sù lis ceis par cjalâle e jê ch'a no lu veve nancje vidût rivâ, viodint chei grancj vôi blancs ch'a le cjalave da cussí dongje e à vût un starlùp dal ram e, a à cjapât cussí pôre, ma cussí pôre, che a à dât un ciulon da fâmi voltâ il stomi.

Daspó, simpi pronte ae improvisazion, par gjustificâsi cun lui,cun me e ducj chei che li ator a vevin vût un spachet, e a zontât palpantsi le borse: - Joi, no mi soio dismenteade lis clâs di cjase?

Alore jó ch'o mi palpavi il cûl par viodi s'o no jeri masse andicapât,mi soi mitût a cjaminâ devant di jê par rivâ te machine... Prime ch'a si visi che i vôi dal nêri a jerin chei dal cûl dal balerin.

Psst: Se cualchidun al ûl voltâle par talian, ch'a lu fasi, o le metarai achi sot parcé che vuê o no ai timp par fâ voltaduris.

2 dic 2009

Il Friûl infetât / Il Friuli infettato

Il gjornâl dal Friûl libar, (No us met il leam parcé che, OK?) al mi é simpri someât strani par vie che ce che tu cjatis drenti a son dome rôbis di cronache taliane cjapade da chei âltris cuotidians. Nuie par furlan. Dome il titul.
Da doi dîs, cuant ch'o lavi sul gno blog o ricevevi un messagjo da Google ch'al mi diseve di stâ atent che il sît dal Gjornâl dal Friûl libar, in trê mês, al à gjenerât 13 vôltis une ativitât sospiete. In clâr: Sù 1265 pagjinis analizadis da Google, 132 e mandavin un contignût sospiet tai ordenadôrs dai visitadôrs jenfre i cuâi 174 trojan horses e 96 scripting esploits che a infetavin i ordenadôrs.
Seont Google, i programs infetîvs a si cjatin su âltris sitos come mbcysfhmlev.com, mbcojzwmlev.com e cdkohsalev.com ma ancje sul motôr di ricjerce di twitter.com.
Ma parcé Google insistevial tant a dîmâl? O mi jeri domandât. Cussí o ai cjatât ch'o vevi mitût un leam par lâ dal Friûl libar. A pene ch'o lui ai scancelât, o no ai plui vût problemis.
Seont me, cualchidun al à di vê cjapât di mire i sitos furlans par gust di fâiu crepa.O vevi bielzà segnalât alc di simil su www.Cjargnie.it une setemane indaûr.
O pensi cussí parcé che da dôs setemanis o ricêf simpri il stès coment e dome tai vecjos posts (Grazie molto intersgnev).
Ven a stâ che i coments e an l'aiar di sei scrits par un forest dal est che nol puès capî il furlan, a pene che rivin ju scanceli. Cundiplui,  s'a rivin a passâ, cence lassâ nissune trace dal IP o de lôr provenience no puedin che sei sospetâts. Vierzeit i vôi. No saressial un atac cuintri le nestre identitât?

Cence susidis / Senza sussidi



Da doman, su ducj i blogs furlans, par lassâ un coment, o scuignarês prime voltâ une peraule dal talian al furlan. Se no cognossês avonde il furlan, o varês dome trê pusibilitâts. Daspó, seont il blogarin, o ben us lasse passâ distès, o ben o scuignîs dî une ave marie in furlan o un porco in sloven. Al sarès, dutcâs une manière didatiche par divulgâ le lenghe invezit di fâ copiâ peraulis che no vuelin dîsi nuie.


Da domani in poi, in tutti i blog friulani, per lasciare un commento, invece delle solite paroline senza significato da copiare, dovrete tradurre una parola in friulano. Questo metodo didattico per imparar le lingue l'ho appena inventato e puó essere adattato a qualsiasi lingua secondo ció che il blogger vuol farsi leccare.

1 dic 2009

I gnôgnos o sin nô / I tonti siamo noi

Secont le juste analisi fate dal Uriel o stin deventant sorts e mutos, vuarps e mones. Le nestre culture nus sburte a capî une rôbe par un'âltre. Un al cji mostre il cûl e tu no tu lu viodis parcé che il cûl tar chel moment al cji fâs pensâ a alcâltri. Alore a tu dismenteis il cûl e a tu cjacaris di pignatis, di politiche, di cuissà ce ch'a tu vens a pene di viodi ae TV.
Emilio Fede s'al é il plui mone a nol é âltri che le some di dutis lis TV. A son sù par jù compagnis, da mutâ, da butâ, da cagâ! Dal rest, ae TV, tropis vôltis si sintial cjacarâ di une rôbe tant che a cji mostrin un'âltre? Su internet al é compagn. A si puès viodilu tai forums, tai blogs, su Youtube e ducj i tubos dal mont.
Doi agns indaûr dal Furlanist ogni dí andere un o doi posts difarents ma scuâsi ducj i coments,a cjacaravin di alcâltri.
Le majorance, al jere aparent, a sistemavin le lôr rispueste seont cê che a vevin a pene viodût ae TV o sui gjornâi..Il Dree, m'impensi, cualchi vôlte al cirive di meti un tic di ordint, ma nuie da fâ, ducj a continuavin come s'al fos normâl. O mi domandi alore se il Furlanist a nol à decidût di sierâ il blog apont par chel. Dutcâs sa nol vès fat cussí, varessial podût fâ il libri sui Gnognosauros?

Chiste no jé 'ne pipe dissal Magritte.
Secondo Uriel, stiamo diventando, sordi, muti,orbi e fessi. La nostra cultura ci spinge a capire una cosa invece di un'âltra, a veder male, a udire poco e niente e a parlare, parlare, parlare...
Uno ti fa vedere una foto e tu non la vedi, ma vedi qualcosaltro che é spesso in connessione a ció che stai pensando o a ció che ti é rimasto in testa dalle tue letture o serate TV precedenti.
Emilio Fede, a questo punto non é il peggiore. Quante volte avrete rimarcato che mentre ti parlano di una cosa te ne mostrano invece un'altra? Se non l'avete notato, é che veramente siete ben istruiti. Stessa cosa sul Web in tutti i forum, i blog e i tubi. Uno parla di una cosa e le risposte e i commenti sembrano far parte di un'altro blog. Certuni, ormai al quarto stadio di politizzazione, sembra dare sempre la stessa risposta, qualunque sia il soggetto di partenza.
Due anni fa, avevo attirato l'attenzione nel Blog Il Furlanist dove ogni giorno c'era un soggetto differente ma ogni giorno i commenti, in maggioranza, parlavano di altre cose o delle stesse cose dette il giorno prima. A questo punto mi chiedo se il Furlanist non é stato chiuso per questo.
Consolazione: L'autore, se non avesse abbandonato il suo blog, avrebbe potuto fare il libro sui Gnognosauri?