I miei Video clips furlans

Loading...

28 gen 2010

Eugene Delacroix

S'al vès vût un blog, di sigûr a nol varès scrit compagn ma in chê vôlte no nd'ere internet e nancje machinis da scrivi, alore al à scrit il so diari cu le plume. Fin cumó o vevi let il diari di Goethe e po o jeri lât a Rome par viodi lis stessis rôbis e i stès puecj ch'al descriveve. Po o vevi stât a Vignêsie cu lis vedudis dal Canaletto par comparâ lis sôs pituris cu le realtât cirint di cjatâ esatamenti il puest indulà ch'al veve mitût il so cavalet par piturâ. Chiste vôlte o soi lât a Parigji a viodi il cuartîr indulà che Eugjeni Delacroix al à vivût e naturalmentri o ai visitât ancje il so apartament e soredut il so Atelier.

 Al é propit lí ch'o ai cjatât di comprâ il so diari che o vevi zà let in tune biblioteche ma che a mi sarès plasût di vê. E ben cumó lu ai. Doi libris di plui di mil pagjinis parom, indulà ch'a si puès savê dut de so epoche. Dai soi amîs Victor Hugo, Dumas, Chopin, George Sand, Baudelaire e ancje dai soi concurints come Ingres, des sôs fadîis o dai soi dîs cence fâ nuie o dai soi amôrs che di fat a jerin di spès i modei che a vignivin a posâ da lui e ch'al descriveve par talian par che i letôrs normâi a no podessin capî.
Mi volarà di sigûr cualchi mês par lei dut ma tirant cualchi pagjine a câs al mi somee avonde interessant di scuvierzi le so vite prime ch'al si studi tal 1863. Il pitôr par me nol jere un gjenio. A nol à inventât nuie di nuie. I colôrs e il colp di pinel a no son mâl pe epoche indulà che ducj a fasevin i pompîrs a copiâ i talians. O crôt peró che s'al fos stât in Italie al sarès scognossût al dí di vuê. Par vie ch'al jere protet da Talleyrand (Probabilmentri so pâri) al à podût vê un frac di ordins dal stât e cussí lis sôs pituris a si cjatin un pôc dapardut tai ministeris di Parigji. Tal so studi i disegns e i cuâdris in mostre a son une vôre puars. Di fat, al veve le manie di meti il colôr ancjemó prime di vê finît il disen e un grum di vôltis a si viôt che le anatomie dai personagjos a é pastrocjade o a conten erôrs. Chel che o no capís, al é che no ai mai sintût nissun a criticâ chescj difiets e sicome a nd'ere un vuardian par stanzie, no ai podût cjapâ fotos par podê mostrâus.


Mi piace leggere biografie e sopratutto i diari fatti dagli stessi personaggi. Cosí, andare a Roma col diario di Goethe per visitare passo a passo i luoghi che lui descriveva m'é stato molto piacevole. A Venezia invece ci sono andato con tutte le vedute fatte dal Canaletto per ritrovare il posto esatto dove aveva piantato il cavalletto e comparare ció che c'era e ció che rimane. A Parigi, d'ora in poi, andró col diario di Delacroix. L'ultima edizione del Journal de Delacroix era del 1934 e solo poche bibblioteche ce l'avevano. Cosí dopo aver letto il primo libro, mi son detto che forse al museo Delacroix troverei la nuova edizione ed infatti l'ho trovata. Due librotti di più di mille pagine ciascuno e due chili l'uno per 80€. Di ché gioire delle serate invernali per un bel pó di tempo. Ho ripreso qualche pagina a caso incominciando dalla fine, come sempre. M'é sembrato molto interessante per immaginare l'epoca ed essendo andato sul posto, ho visto che all'incirca tutto é uguale perché si direbbe che il Parigi di oggi é stato fatto sù tutto in quell'epoca.
Vi racconteró forse degli aneddoti di tanto in tanto per via che Delacroix conosceva ed era amico di un pó tutti come Victor Hugo, Chopin, Georges Sand, Baudelaire, Alexandre Dumas...A questo proposito, il 12 ottobre 1847, Delacroix rimase a letto perché non aveva voglia di far niente e lesse il libro Il conte di Montecristo. Scrisse poi che i dialoghi erano troppo numerosi e che se si toglievano, non rimaneva molto del libro. Il fatto é, ma questo non lo ha scritto, che all'epoca, gli editori accettavano i manoscritti secondo il numero di linee per pagina e Dumas, aveva capito che mettendo dei dialoghi poteva riempire le pagine più presto:-)
Amo comunque il Delacroix scrittore. Era molto colto ed aveva dei punti di vista molto personali.Non si é mai sposato perché preferiva gli amori di passaggio e beninteso, come ogni pittore ha sempre fatto, dopo aver dipinto la frutta se la mangiava e tutti i suoi modelli finivano in una dolce chiavata. (In italiano nel testo in francese) Da pittore, a parte il fatto che lo si considera far parte dei romantici perché era amico di V.Hugo, ha avuto molta fortuna nell'esser stato protetto da Talleyrand (Che era anche stato ministro di Napoleone) e che si dice, era il suo vero padre.
Cosí, molti ministeri ed edifici ufficiali hanno almeno un Delacroix da qualche parte. Nel suo studio e appartamento c'é poco di quanto si trovava. Sembra ad una galleria. I quadri ed i disegni non sono i suoi migliori, anzi, forse i peggiori. Quello che caratterizzava Delacroix era spesso la mancanza di un disegno preciso ed accurato e la premura di dipingere anche se nel disegno c'erano degli errori di anatomia. Quello che non trovo normale, é che non ho mai sentito dire da nessuno di questo difetto.
Ma quando si ama, si ama anche i difetti.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Bielissim la a viodi i lûcs contâts dai artist come che tu fasis tu.
Al sarès biel che i contemporaniis ca scrivin a fossin disponibii a puartà la int e soredut i fruts a viodi e contà lis robis.
Un mio amì cal scrîf comedis par furlan e un so test al ven let ta une scuele, mi à contât che lis mestris a puartin i fruts a viodi i puescj ca son descrits e lui ai fâs di vuide.
Di chest libri o ai scrit ta un post.
http://donebete.splinder.com/tag/un+fat+segret

Mandi
DoneBete

Jaio Furlanâr ha detto...

O soi daûr a pensâ a i miei diaris fats par vincj agns.Un grum di rôbe banâl cence interès pal moment. Cualchi biele pagjine dal passât di artist e di omp o le ai ma pal moment o soi masse vîf par fâ crodi ch'o soi muart:-)(D'annunzio, par vendi miôr il so prin libri, al veve fat crodi ch'al jere muart)
Biele le idee des maestris. In chest mût, di sigûr che i fruts a no dismentearan.