I miei Video clips furlans

Loading...

17 gen 2010

Le bighe a bighe di cop / Straparlare

Leonarduç al somee di volênus simpri plui bon. Da cuant ch'al à scuviert che il furlan al tire, a i tire ancje a lui di meti le bighe a bighe di cop. Tant miôr che cussí al mi fâs cjatâ gnovis espressions. Il furlan, par chest al é miôr che 'l talian.
Si disarès che pal moment nissun nol sparagne le ocasion par zontâ le sô cuintri i furlans che a volaressin stâ de lôr bande cence par chel sei mancul talians.
Achi sot, le cjartine dai dialets e des lenghis cjacaradis in Italie. Le prove che insomis i talianots a no son âltri che i solits 4 gjats venezians o mùs padovans. Chei âltris, o ju sintarês dî che in Friuli se magna ben e se beve meio.
Pro memoria: Bighe in friulano vuol dire cazzo e bighe di cop é un'espressione che vuol dire straparlare ma che letteralmente si direbbe cazzo di tegola:-)
Altra espressione friulana: Cemût la bighe. E una domanda che si fa in genere a qualcuno che si conosce come per dire come stai? ma che letteralmente vuol dire:Come sta il tuo cazzo?

Click on it to see better/Frache sù par viodi dut/Clicca che é meglio



Leonarduzzi, sembra volerci sempre più bene da quando ha scoperto che tirare sui friulani doc gli fa tirare il blog. Tanto meglio che cosí fa bene a tutti ed abbiamo l'occasione di dire ció che si pensa in almeno due lingue. Che nessuno si tolga il disturbo. L'ultimo post fa da altoparlante al Messaggero ed ai soliti altopensanti
che hanno mal di pancia di vedere che i friulani veri continuano a far la polenta con la farina di mais mentre loro utilizzano da un pezzo la farina di hamburger:-) Ma dopo aver letto il messaggero, mi accorgo che Leonarduzzi ha messo solo la parte che gli faceva comodo per far polemiche. Continua di pensare che i friulani sono i soli a rivendicare il diritto di parlare nella propria lingua? Comunque, non siamo i soli. Basta guardare nella cartina. qua aggiunta.

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Leonarduzzi è troppo divertente.
Non capisco se ci è o ci fa.
Spero , per Lui , che ci faccia , ma il meglio deve ancora venire.

Inquanto al dialetto , difficile dare valore scientifico a quello che si assiste in Friuli.
Come ha detto Fabio , il Cjargnel doc , il friulano è una lingua parlata e non scritta.
Cambia da paese a paese , come per tutti i dialetti .
Quindi è un dialetto , non una lingua.
E' possibile uniformare il dialetto friulano , nelle varie espressioni , in una lingua ?
Stiamo a vedere .
Comunque Fabio Ti ha detto che scrivi in ostrogoto e nient'altro e credo che la fonte sia affidabile .
Sandro.

patrizia ha detto...

mah jaio,
scoltimi, mi par di capì che tu tu vivis a bruxel.
no sai ce che tu puedis capì de vite di ogni dì in friul.
jo e son 43 ains che o vif in friul.
di cuanche o soi nasude.
ben, me mari mi à insegnat al furlan.
al talian lu ài imparat a scuele, dopo.
di cuanche o ài cugnussut pre toni beline (virtualmentri s'intint) e marino plazzotta (tai ultins doi ains de so vite)
o ài comenciat a interessami dal furlan
e sabide 16 o soi lade ale presentasion dal libri di enzo driussi, ale province di udin.
utu che ti dis?
cualis che son stadis les mes riflessions e consideransions?
par comencià cui mei 43 ains o eri le plui giovine.
chei atris, omps o feminis che fosin, e podevin jessi ducj me mari e me pari, se no me none e me nono.
pos e capivin dut ce cal vignive dit par furlan,
e chist mi à fat pensà che
chei che erin lì par difindi al popul furlan e le lenghe furlane
e jerin le stessis personis che 40 ains fa e fasevin i inteletuals talians e che sbeleavin i puars contadins ignorans furlans.
prime nus àn estingus in non dal progres e cumò nus protegin cume co o fosin panda dal wwf o indians te riservis mericanis.
mi domandi
cui iu ài cirus 100 e plui ains fa
par fanus deventà talians?
e cui ju cirie vuè
par fanus restà (o mior tornà)furlans?
par me si stan dome riciclant, cumò e fasin biele figure a jessi furlanist.
100 ains fa e parenvin bon a jessi talians.
i cognons e son simpri chei.
al popul furlan al è simpri sotan
e fra cualchi an nol esistarà plui.
al furlan al vivarà dome se le mari lu insegnarà a so fì come mari lenghe, i cors di furlan di christian romanini ator pal friul e son sucar su les balis
oltre che un stipendi sigur par romanini.
jessi furlan al pues jessi un bon lavor, se si ul vivi cence là a fa crei cun pale e picon tal cjamp.

maman e buine gnot.

patrizia

Jaio Furlanâr ha detto...

Pat , ce che tu contis a é meledetamenti le realitât. Cuant ch'o soi a Udin e che o cjacari furlan al mi somee di sei cjalât come un marzian. A é dute une quistion di educazion. Se lis mâris a no le insegnin plui, a no si trate plui di marilenghe ma di cruciverbe. No mi somee just peró che tu metedis tal stès sac i furlans di vuê e chei di 40 agns indaûr che no jerin di sigûr i stès ma, se mai a fossin, ancje i mones e an dirit di gambiâ di idee:-)
In chê vôlte a nol esisteve le ecologjie parcé che a no coventave.In chê vôlte il gust di vê dut gnûf al tirave le int a butâ vie ce che a vevin in cjase. Ancje le lenghe. Ma chiste a é une quistion di societât. O sintivi cualchidun criticâ che le grafie furlane a sedi stade normalizade ma ostie, e il toscan no îsal stât normalizât prime di deventâ il talian? Ce saressial sucedût se invezit dal toscan, a si varès vût il venezian o il napoletan? Compagn.Dutis lis lenghis a son stadis normalizadis e a continuin di vê modificazions ancjemó vuê.
O soi convint che fâ cors di furlan al puès siervî, massime se le int a é motivade. Le motivazion a puès vignî di plui bandis. Se l'Udinês al vincès un tic di plui, i tifôs a varessin mancul pôre di doprâ il furlan spontaneamenti ancje tai stadios indulà ch'a si puedarès cridâ le sô ire o le so borie cun plui fuarce stant al fat che i aversaris a no capissin nuie di ce ch'a si dîs:-)
Un grum di cors di inglês a son fats cu le musiche e chest, didaticamentri al é ecelent par vie de musiche merecane e inglês a é chê ch'a tire di zovins a imparâle di bessôi immó prime di imparâle a scuele.Chest, par me, al é il secont pont. Al é aí che a si varès di insisti. Une cjançon a no é nuie ma a puès restâcji tal cjâf dute le vite, baste dome che tu le scôltis e cun chest o rivi tal tierç pont: I medias.
Achi, par chei che a ricevin sussidis, a si varès di obleâju a difondi un minim di musiche furlane e films in marilenghe sot pene di taiûr i bêçs che a ricevin.Cjape i Musicologi, par esempli, lôr e fasin fintramai il contrari e jó mi soi fat butâ fûr parcé che o valevi scrivi par furlan!E a si vantin di sei il portâl de musiche furlane!
Cjape ancje che radio non-sai-cê ch'a si cjate des tôs bandis, lí a mi lu an dite lôr, a no difondin musiche in lenghis minoritariis.
In France, tes televisions e tes radios, a son obleâts di doprâ une percentuâl di produzions nazionâls,al é bielzà cussí da vincj agns (Pai films e le musiche) e al é cussí che lôr a continuin di produsi te lôr lenghe, parcé che a san che a varan amancul une difusion tal lôr paîs. In Americhe e an fat compagn cui nêris. E an fat une leç che a oblee Hollywood a meti une percentuâl di nêris in ducj i films e d'in chê vôlte, un grum di lôr a si son afermâts cence vê bisugne di sudâ sanc come i lôrs pâris par fâsi strade tal lôr mistîr jenfri ducj chei che par indifarence o oportunitât a ju metevin a fâ cusso. In Italie che tai agns 60 a si faseve sui 250 a 300 films a d'ant indulà sino cumó?
O cji lassi tirâ lis conclusions che stant sul puest, a tu puès fâ dibessole.Mandi.

Jaio Furlanâr ha detto...

Sax, tutte le lingue sono ostrogote quando non si conoscono e tutti i dialetti posson diventare lingue a partir dal momento che si incomincia a scriverle e a leggere. Nella prima guerra mondiale, ho letto, la più grande difficoltà degli ufficiali, era quella di farsi capire dai soldati.Forse Fabio era un ufficiale:-)
Se oggi, ci si capisce di più a causa della TV o della scolarità obbligatoria,tu, io, noi italiani, cosa parliamo di fronte al resto del mondo? Un piccolo dialetto locale in via di estinzione. A questo punto, per salvare il salvabile, puoi decidere di salvare quello che ti pare. Anche l'idioma che la società t'à insegnato a chiamar lingua un dialetto ma che secondo i cambiamenti di società, puó ritornare dialetto. Mandi e tâs:-)

exanba ha detto...

Padovani gran Dottori , Veneziani gran signori e prova a dimostrar il contrario .
Poi, sai, si mangia e si beve abbastanza bene in
Veneto.
Ma dovresti abituarTi a commentare i commenti restando in tema .
Infatti non hai risposto ne al commento di Patrizia ne al mio.
Quello di Patrizia particolarmente pepato e penso affidabile , dato che in Friuli ci risiede.
Mandi.

exanba ha detto...

Aggiungo , io che vivo nel centro del Veneto.
Qui si parla Veneto normalmente.
Si sa che la Regione d'Italia in cui il dialetto è il più parlato è il Veneto.
A Veneti non interessa passare per contadini , dato che parlano in dialetto , ne sono onorati.
Non insegnato a scuola , non ci sono corsi , non ci sono organizzazioni, non ci sono vocabolari.
Fa veramente ridere vedere i bimbi neri parlare padovano stretto , che hanno imparato all'asilo dai compagni.
Non metto in dubbio che i Friulani siano dei grandissimi lavoratori , ma Veneti sanno anche fare squadra e ci sono i Giapponesi che mandano delegazioni a spiare il sistema economico Veneto.
Sarà interesante , ma molto interessante , vedere cosa succederà dopo le prossime elezioni , quando il Governatore del Veneto sarà il leghista Zaia.
A quel punto la partita sarà in mano a Tondo.
Il tutto solo per aggiornarti da uno che questi territori il calca giorno dopo giorno , salvo in questi giorni che ho l'influenza , altrimenti a quest'ora sono al lavoro.
E Ti ho fatto anche una previsione su quello che potrà essere il rapporto tra Zaia e Tondo , due ragazzi del popolo con le scarpe grosse ( Zaia usa scarpine da fighetto , ma ha gli scarponi in testa ).
Solo per documentazione .
Mandi.

Jaio Furlanâr ha detto...

Mi sembra aver risposto in tema e d'aver aggiunto qualche altra considerazione. Per me il toscano era un dialetto come tutti gli altri.Se il Friuli avesse avuto più importanza, forse oggi l'italiano sarebbe il friulano e i negretti li sentiresti parlare il friulano con l'accento veneto.Su Fabio, non mi dilungo. Infatti con lui parlo il friulano senza problemi, la sua era una battuta.

Ryo Yasha ha detto...

il Friulano viene associato ad una lingua perchè è stato scritto un vero e proprio dizionario .
Io personalmente l'ho fotocopiato alla biblioteca di Vercelli , e tiene in considerazione dei vari stili e variabili della zona , infatti tende totalmente a variare in base al paese di provenienza.
Ma la cosa più importante è che era una lingua in continua evoluzione perchè una lingua di immigranti che giravano il mondo
quindi è pregna di vocaboli e slang di varie zone
per questo all' epoca riuscivano spesso a comunicare con altre lingue
infatti i friulani doc erano parecchio aperti e si affidavano ad esperienze e conoscenze anche tramandate
ora si fà riferimento anche al Ladino , una lingua presente in diverse parti d' Europa
comunque non è un semplice dialetto , perchè è legato alla natura girovaga delle persone dell' epoca
ovviamente chi non sì è mai mosso e proviene dalla zona più veneta , quella più vicina alla coltura di Treviso come le zone del Porednonese , difficilmente comprendono l' essenza di questa cosa
io che provengo dalle "palafittis " come mi dicevano gente di Tolmezzo , ho avuto la fortuna di poter avre un contatto con questa cultura e la fortuna di avere un nonno di Forgaria
quindi sono orgoglioso delle mie origini e avendo vissuto in diverse parti d' Italia , mi sento un po' Friulano , infatti non è legato solo al paese di nascita
, ma ad essere cresciuto con un educazione a sgobbare , quasi da schiavo , al sacrificio di costruire case solide per i nostri posteri , ad una grande passione per la famiglia , anche se poi riemivano di figli mezzo mondo , e soprattutto a non fermarsi in una sola zona per tutta la vita e finire alla fine in Friuli come ineffetti ho fatto

Anonimo ha detto...

Ciao Ryo, Infatti, sono forse ancora un esemplare dei friulani che descrivi poiché ora vivo in Spagna molto facilmente per la lingua poiché assomiglia moltissimo al friulano tanto che ho scandalizzato,per ridere, un professore di spagnolo dicendo che lo spagnolo non é altro che un dialetto italiano:-) Mandi
Jaio Furlanâr