I miei Video clips furlans

Loading...

27 gen 2010

Templis di vuê / Tempio fra i tempi



Forse per via delle sue cupole, Emile Zola chiamava Le Printemps la cattedrale del commercio e Gabrile d'Annunzio per via che la Fenice esisteva già, non poteva che dare il nome di Rinascente al grande magazzino che stava per riaprire nel 1917 dopo un incendio che l'aveva distrutto.
Che relazione c'é? Che la Rinascente era stata comperata dalla famiglia Borletti e che adesso, come prima, cioé con un consorzio di banche e investitori, ha comperato Le Printemps per quasi un miliardo di €uro. I due, comunque, sono più frequentati delle chiese anche fuori dei matrimoni, dei funerali e delle nascite. Cosí, agli 800 milioni di incassi all'anno ho contribuito come tutti peró cantavo:

La place où passe la foule
Est née dans les super-marchés
Palaces qui poissent et qui soûlent
Les porteurs des porte-monnaie
Les portes sont automatiques
Pour ceux qui s'en viennent et s'en vont
Et les nouvelles caisses électriques
Fonctionnent à plein rendement...


Il posto dove passa la folla
E nato nei supermercati
Palazzi da tira e molla
Di soldi, taccuini accecati
Le porte sono automatiche
Per quelli che vengono e vanno
E le nuove casse elettriche
Funzionano senza affanno






Forsit par vie des sôs cupulis, Emile Zola, al veve clamât Le Printemps « Le catedrâl dal comercio » e forsit par vie che la Fenice a esisteve bielzà a Vignêsie, Gabriêl d'Annunzio al à bateât cul non di La Rinascente il grant magasin ch'al tornave a viergissi dopo ch'al jere brusât.
Ma ce relazion immó? Che come tal 1917 cu la Rinascente, le famee Borletti e à comprât cumó Le Printemps di Parigji insiemit a un consorzi di bancjis e duncje par un frac di bêçs: Squâsit un miliart di €. Chest gjenar di puescj a son simpri plui frecuentâts che lis glêsiis sêti pai matrimonis, pai funerâi, pai batêsins e ancje jenfri. O scuignivi duncje passâ par là e dâ il gno contribût ai 800 milions di €uros che incassin ogni ant.


Il puèst dulà che passe dute le int
Al é chel dai supermarcjâts
Palaçs ch'a atirin e incjochin
I puartadôrs di bêçs e tacuins
Aí lis puartis a son automatichis
Par chei che vegnin e s'in van
Aí lis cassis a son automatichis
E a funzionin a plen rindiment

1 commento:

Anonimo ha detto...

stavo proprio pensando ad Emile Zola..

capucine