I miei Video clips furlans

Loading...

17 feb 2010

Le marcje tal sanc / La marca nel sangue


No us isal mai rivât di muardi une pome e daspó cualchi mastiade di cjatâ in te bocje un masteot di plastiche?
O no vevis viodût le marcje incolade su le pome?
Prime a si lave a mangjâ lis pomis sot o su l'arbul. Daspó o sin lâts a stâ in sitât e lis pomis al bisugnave lâ a comprâlis. Alore, i produtôrs e an scomençât a meti il lôr non su le cassete.
Daspó, a involuçavin ogni pome come s'al fos un regalon. Cumó invezit a incolin le lôr mierdute di etichete su ogni pome. Doman, a lis metaran ancje in tes sepis drenti de pome e daspó doman, ancje tal DNA. O lis vin bielzà tal sanc!

Non vi é mai successo di mordere con golosità della frutta e poi sputare disgustati quanto avevate in bocca?  Non avevate visto l'etichetta del produttore?
Dov'é quel tempo in cui si andava a mangiar la frutta sotto l'albero o magari anche sull'albero? Da quando abbiamo emigrato nelle città, la frutta la si trovava dal fruttivendolo ed i produttori mettevano il loro nome solo sulle casse. Qualche volta, la frutta era imballata come un articolo regalo ma mai come adesso con un'etichetta in ogni singolo frutto.
Se continua cosí, ci metteranno la marca anche nei semi e poi nel DNA. Ce l'abbiamo già nel sangue.

1 commento:

Anonimo ha detto...

caro Jaio, a chi può, conviene ancora coltivar la terra...
(un piccolo e sano orticello con tanti ciliegi vicino:-)

Buon W.E.!
Chapù