I miei Video clips furlans

Loading...

19 feb 2010

Le nestre furtune / La nostra fortuna

La mê biele, in Arabie Saudite  a scuen lâ ator vistide di arabe par no fâsi meti in prison,  a mi conte che alà, al é obligatori di fermâsi di lavorâ par preâ cinc vôltis in dí. Sa tu sês in tun negozi o in tun ufizi, dut al si ferme e il funzionari o le persone di front di te a sparís e tu scuens spietâ da 20 minûts a un'ore che a torni. Se i plevans di achi, cuant che a son di presse a tirin une messe in tun cuart d'ore, praticamentri, alà, le int comun a pree quatri vôltis di plui che un prêdi di achi.E guai a no fâlu. A tu riscjis di fâcji bastonâ de polizie al mutawa che a sarès le polizie religjôse. Imagjinaiso se , lis cjampanis a si metessin a sunâ da un paîs a chel âltri cinc vôltis in dí in tune valade cjargnele?
Al sarès un casin.E cuissà ce miserie.
Nuie di strani che i svizars a vedin dite vonde ai minarêts.Lôr no an petrolio par vivi cence lavorâ.
Cemût si puedial crodi che organizâ le societât tal stès mût che 1700 agns indaûr a sedi le uniche maniêre di vivi?
Ma cumó ch'o ai il libri La fabriche dai prêdis di Toni Beline e ch'o viôt cemût ch'al jere da nô cincuante agns indaûr, o mi dîs ch'o vin furtune di vê fat in 50 agns plui progrès che in 500 agns e no sin compagn dai nestris pâris. Di sigûr che alc al sussist ancjemó sinó le setemane passade o no varès viodût a Udin chel camion de basse cun tune grande foto di padre Pio di mieç metro cuadrât come puarte furtune.


Se una delle nostre donne và in Arabia Saudita, arrivando all'aeroporto deve comperarsi una abaya nera abbastanza larga per somigliare ad un sacco di patate ambulante, altrimenti rischia di farsi bastonare dalla polizia religiosa al mutawa.Poi, meglio che si accomodi delle usanze locali se vuole uscire dal paese sana e salva. Come quasi tutti gli occidenali, per poter godere dei 30 gradi che ci sono là quando da noi c'é la neve, vive in un borgo isolato (Compound), fortificato e sorvegliato giorno e notte da vigili armati per impedire i fanatici di commettere atti di terrorismo.Al ristorante, non riderà vedendo le vicine arabe infilarsi la forchetta sotto il velo per mangiare e non farà foto senza rischio di farsi aggredire o avere altre complicazioni. Se si trova in un ristorante, un negozio, una amministrazione o al lavoro, durante la preghiera, non si stupirà di vedere che tutto si ferma per ben cinque volte al giorno per una durata che và da 20 minuti a un'ora.
Tornando a casa non si stupirà se i nostri preti, una volta fatta la loro messuola in venti minuti, sono tranquilli per il resto della giornata.Ma leggendo il libro di Antonio Bellina sulle usanze che c'erano da noi negli anni 50, si puó dire che siamo fortunati che non sia ancora cosí. 
Fortuna anche che il papa finga la condanna dei pedofili irlandesi senza accettare le loro demissioni e senza dare alcuna punizione. Altrimenti si potrebbe continuare a credere che lui non si sbaglia mai.

4 commenti:

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio
une da lis voltis co soi stade a Viene la guide, une fantade fie di un milanês e di une austriache, devânt da statue di Marco d'Aviano a nus à dit che la nestre fortune al jere stât lui, parcè se no, al dì di vuei saressin stadis dutis taponadis cul veli.
Tal blog dal furlanist o ai cjatât chiste detule «se Santo Marco d'Aviano non svejava fora la zente, desso gavaressimo tuti el turbante in testa!»
http://www.ilfurlanist.splinder.
com/post/9170258#comment

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Done Bete. Interessant di savê che no soi l'ûnic a vêlu pensât ancje se jó o no soi sant e no ai nissune voe di deventâlu:-)

patrizia ha detto...

mandi jaio,
ah ben, ben
tu as cjatat une copie de fabriche dai predis
o soi contente che ancje tu
tu puedis lei al origjnal.
dulà te ano vendude?
parceche o sai che tancj le cirin.

maman.

patrizia

Jaio Furlanâr ha detto...

Pat, par discrezion e par no creâ problems come ch'al mi sucês spès di fâ, no puès meti l'indirís achi ma se tu mi mandis un mail o cji rispuint diretamenti.
ateliersommarti@gmail.com