I miei Video clips furlans

Loading...

09 feb 2010

Le rôse di Fevrâr / La rosa di Febbraio

Lui a lis fâs dutis. Al tae, al comede, al ramende e al fâs dut in silenzio.Ansit, guai a chel ch'al cjacare. A lu fâs butâ fûr. Ancje chê zovine infermiêre che a jere a pene jentrade in te sale di operazion e a pene che a veve viodût chê panse vierte cui bugjiei di fûr, a i jere girât il cjâf e a jere colade in bas. A si impense ancjemó che prime di pierdi cognossince a veve sintût il chirurgo ordenâ ch'a lu tirin vie dai pîs. Po a veve capît plui tart che par lui, jê a no jere che un cuarp come ducj chei âltris. 
Daspó d'in chê di, tropis pansis viertis, sbusadis, taiadis e cusidis vevie vidût? Miârs.
A fuarce di assistilu, il chirurgo al jere deventât il so om e cumó a jerin deventâts la plui biele scuâdre dal ospedâl.
Cussí a fasevin dutis lis operazions mancul chês tal cûr. Chês a nol à mai volût provâ.
In chê di, a i veve a pene passât il bisturi 2  e il 4 che cence inacuarzisi, a jere rivade al fîl e ae gusele  e finalmenti tant ch'a cjalave le cusidure ch'al vignive di fâ, voltant une plee, une rôse a i ere apparide jenfri il vert dal tissût e la piel dal pazient..Cemût vevial podût metile lí cence che jê a si inacuarzi?
A si jerin voltâts ducj e doi, lui par lâ vie e jê par pojâ l'ûltim imprest cu le rôse.
A i restave dome di udâlu a svistîsi. Gjavâi i guants, le mascarine, le scufe e viodi che sot dal camice in chê dí di fevrâr a nol veve nissun âltri vistît.
.

Lui le fa tutte. Taglia, ripara, rammenda e fa tutto in silenzio. Anzi, guai a colui che parla. Lo fa buttar fuori.Anche quell'infermiera che il primo giorno era svenuta vedendo per la prima volta quella pancia aperta con le budella di fuori. 
-Tiratemelo via dai piedi. aveva detto.
L'infermiera se lo doeva ricordare per sempre. Per lui, lei non era altro che un corpo come gli altri.
Poi poco a poco, lei si era abituata. Quante pancie aperte, bucate, vuotate e riempite prima di essere ricucite aveva visto? Migliaia. A forza di assisterlo, il chirurgo era diventato suo marito ed insieme formavano la miglior squadra dell'ospedale. Loro accettavano tutte le operazioni salvo quell e del cuore.Quelle no aveva mai voluto provarle.
In quel giorno gli aveva appena passato il bisturi N°2 ed il 4 che senza accorgersene si trovavano già alla fine dell'operazione con l'ago ed il filo e mentre lui cuciva, lei, si chiedeva cosa fosse quella pretuberanza che si vedeva tra il tessuto verde che copriva il paziente e il suo corpo.Scoprí una rosa. Come era riuscito a metterla lí senza che se ne accorgesse? Senza una parola, la prese con le pinze che aveva in mano e si voltó per deporla con gli utensili. Non le rimaneva che poco da fare prima di aiutarlo a svestirsi, togliergli i guanti, la mascherina, la cuffia e scoprire che sotto il camice, quel giorno di febbraio lui non aveva altri vestiti.  



2 commenti:

Neve ha detto...

Ce tant biele Jaio!

Anonimo ha detto...

attendiamo che arrivi anche la rosa di marzo...
Mandi Jaio
capucine