I miei Video clips furlans

Loading...

10 feb 2010

Tintinadis / Tintin tintinnato


La Nini a no veve passât l'esam e a no lu veve dite ni a sô mâri ni sô pâri. Ma sô mâri a lu saveve e a veve domandât al Tintin di imprestâ i bêz ae fie par podê passâ un secont esam. La Nini a veve acetât e par furtune a lu veve passât. Ma sul moment a jere restade sorprêse parcé che il Tintin, a nol faseve mai regâi a di nissun  e a si jere fissade chê di tornâi i bêçs a pene pussibil.
Naturalmenti chei bês, il Tintin ju veve ricevûts di nascuindon de mari. Par chel al jere cussí gjenerôs, La Nini a no varès mai pensât, ma a pene che il Tintin a i veve domandât di lâ fûr cun lui, a veve capît e a i veve tornât subite i soi becins. Il Tintin alore al varès vût di tornâiu ae mâri ma al veve decidût di tignîsai par sé e di dî ae Mâri ch'a iu veve dâts ae Nini, pal jutori ch'al veve vût da jê pal so esam.Tant, a no podeve lâ a controlâ cence tradîsi.
Passât l'esam, Le Nini a si spôsave cul  so plui grant amîc e 'l Tintin ch'al cirive tal so armarón cemût viestîsi par lâ al matrimoni al jere colât in tun pachet ch'al veve mitût da bande cualchi ant prime cence vierzilu .
Ce inderial drenti? Ah si, une di chês golarinis di miarde che a lui a no i plasin e che nol metarà mai di mai e ch'al veve ricevût da cualchi mone pe sô fieste.
- Ostie, dissal, vé achi il regâl ch'o fasarai a lui.Cussí no ai nuje da comprâ e lis rôsis par jê o lis cjolarai tal zardin di mê agne...E op, tintine e tintone ju tintini ben jó! E vie lui.
Un mês dopo, pe sô fieste, a cene dai soi gjenitôrs che, al ricêf, un regâl. Ancjemó une di chês golarinis di miarde che a lui no i plasin e che nol metarà mai, ma mai di mai!
A le veve mitude da bande zence nancje dî grazie . Tant, i parints a son mones e no coventin di sei ringraziâts. Daspò, rivât in te sô cjamare, al veve dât une voglade e al veve cirût di lassâ il non di diu de a bande par no zontâlu al non di anemâl ch'al veve sot de lenghe.
No jerie simpri chê golarine di miarde ch'al veve ricevût doi agns prime?


Alla Nini, l'esame non era riuscito e non voleva dirlo ai suoi genitori.
Ma la sua mamma l'aveva saputo ed aveva incaricato in segreto Tintin di prestarle i soldi per rifare l'esame. Nini aveva accettato volentieri e per fortuna questa volta aveva passato l'esame. Poi, sapendo che Tintin non faceva mai regali a nessuno, gli aveva chiesto di aspettare qualche giorno che glieli avrebbe tornati ma quando Tintin le aveva chiesto di uscire con lui, aveva  capito subito ed aveva tornato i soldi a Tintin. Ma lui, invece di renderli disse alla mamma,  che li aveva regalati alla Nini in cambio dell'aiuto avuto per il suo proprio esame. Naturalmente, né la mamma né la Nini non ne parlarono e Tintin, non ancora soddisfatto, malgrado tutto nutriva ancora qualche speranza non sapendo che la Nini, finito l'esame si sposava con un'altro coetaneo.
Ed ecco che per andare al matrimonio non sapendo come vestirsi si trova davanti al guardaroba e cade su un pacchetto che aveva messo da parte due anni prima. Che cosa c'era dentro? Ah si, una di quelle cravatte di merda che lui non metterà mai e che qualche fesso
gli aveva regalato. Poi:
- Ma guarda che bello, disse, ecco qua il regalo che faró a lui e in quanto a lei, basteranno i fiori che prenderó nel giardino di mia zia.
Un mese dopo, per il suo compleanno, a cena coi suoi, riceve un pacchetto in regalo. Ah si, ancora una di quelle cravatte di merda che lui non metterà mai, ma mai di mai, disse in se mettendo il pacchetto da parte senza aprirlo e senza ringraziare. Tanto, i parenti sono tutti sciocchi e non occorre ringraziare.
Arrivato in camera si azzarda lostesso a dare un'occhiata e  strozza la voglia di aggiungere quel nome di animale che ha sulla punta della lingua col nome di dio.
No era ancora quella cravatta di merda ricevuta due anni prima?





3 commenti:

exanba ha detto...

Non ci ho capito un cazzo , ma a me TinTin mi piace.

exanba ha detto...

Non ci ho capito un cazzo , ma a me TinTin mi piace.

Jaio Furlanâr ha detto...

A tu varâs let masse di presse. Il gno Tintin, a part le cravate in te foto, a nol à nuie di viodi cun chel dai fumuts. O lu ai inventât jo.