I miei Video clips furlans

Loading...

01 feb 2010

Vôs di chel âltri mont / Voci d'oltretomba

Tal dicembar dal 1907 Les amis de l'Opera  di Parigji a vevin decidût di fâ une operazion particolâr: Meti de bande 48 discos cu lis vôs dai plui grancj cjantant de epoche. Par podê conservâ i discos par amancul cent agns, a vevin separât ogni disco in tune pignate di ram indulà che a vevin saldât il cuviercli par no lassâ entrâ l'aiar e po a vevin fat il vueit di aiar. Le pignate, a le vevin mitude in tune âltre pignate fate cul stès procediment e po a vevin mitût lis pignatis in tune stanzie fate in tes cantinis dal palaç dal Opera e a vevin sierât a clâf par cent agns.
Daspó cent agns, le puarte a é stade vierte e ae vierzidure des pignatis, dut al jere ben consevât.
Cussí, a si puedarà sintî cjantâ i tenôrs e i sopranos di cent agns fa a pene che il CD al saltarà fûr. No îse chiste une biele storie? Doman une âltre storie simpri sul stès puest.

Nel dicembre del 1907, Les Amis de l'Opera decisero di conservare i 48 dischi delle voci più conosciute dell'epoca nel campo della lirica in modo da poterle trasmettere alle altre generazion cento anni dopo. I dischi erano stati depositati in modo che non si tocchino uno l'altro in una pignatta di rame appositamente creata che una volta chiusa e sigillata, ne si estraeva l'aria e poi si introduceva in un'altro involucro più grande, del cuale si faceva il vuoto d'aria anche li. Per cento anni, la stanza nelle cantine dell'Opera fù chiusa ed é solo nel dicembre del 2007 che é stata aperta e, miracolo, tutto era intatto. Per gli appassionati, c'é ora il CD   che potete trovare sul Web. Domani un'altra storia sullo stesso posto.

Nessun commento: