I miei Video clips furlans

Loading...

03 mar 2010

Le ocasion pierdude / L'occasione persa


Il Tintin al lave su le trentine, al si jere inamorât di chê mule ch'al veve viodût pitâ sot de ploe cu lis scarpis te man e i pîts in te roe dal tombin.Alore, savût in ce strade che a stave cemût fâ par tornâ a viodile?
Al bastave spietâ che a torni a scuele. Dae fin dal temporâl al prin dí di scuele al mancjave dome dôs setemanis. Al veve dome di spietâ in te machine che a rivi ae fermade dal bus e a pene che a le varès viodude al sarès aparût come par magjie e i varès proponût un passaç. Le varessie ricognossude? No riscjavial di fâsi ridi? Ma no, che come in chê dí sot de ploe ,a jere cun so sûr. Impussibil di sbaliâsi.
Cussí, dal mês di otûbar , par mostrâ che al jere serio al cjapave l'autobus cun jê ogni buinore par lâ e ogni sere par tornâ. Daspó al tornave indaûr a recuperâ le machine. Si, parce che jê a no lave ator cui oms in tes machinis.Piês, al lave ancje a messe ogni domenie parcé che a jere le uniche maniêre di viodile vie pal WE. Piês di piês a no si podeve e alore cuant che in che sere tornat da scuele, jê a i veve dât apontament a plui tart a nol olsave crodi.
-Mi racomandi, viôt di sei delicât cun jê, ch'a é ancjemó zovine. A i veve dite une so amie.
-...E cîr di stâ in front di jê cui toi vôi viers le lûs che cussí a viôt ce piei vôi celestins che tu âs. A veve zontât.
Une rôse platade sot dal capot, trê cjicolatins a forme di cûr in te sachete, une poesie cul disen di dôs mulis che zuiavin sot de ploe, e infin, profilaticamentri, al veve disinfetât i dincj e l'ucelin sot lis mudandis gnovis e al jere lât a spietâle tal cjanton de so strade. E a jere rivade! A lu veve cjapât pal braç come che mai di mai a veve fat e a lu veve menât vie in tune stradute che lui nancje al cognosseve. Alà a si jere fermade e lui a nol veve che da bussâle.Le rôse, i cjicolatins e le letare a podevin spietâ, lui al veve bisugne di un façolet. Cul frêt a i gotave il nâs. A nol podeve migo bussâle cussí, no? Si, une bussadute achi e une aí come che a si ûse fâ prime de bussadone al scuignive dâie e jê, a someave che a i vignis incuintri cu le piel ,come le cope di une gjate cuant che a spiete une cjarece. Tant ch'al cirive il façolet e ch'al bussaduçave al cjalave le lune jenfri i ramaçs che a i someave dî che a jere veramentri le serade ideâl par fâ l'amôr. Ma cemût suiâ chê gote?
Domandâi un façolet? Al iere masse romantic par fâ alc di simil. Al varès ruvinât dut.
Alore, tant che a le bussave daûr de vorêle stringintle cuintri di lui al passà il braç daûr di jê e cu le man al rivà a suiâ le gote di chê âltre bande cence che jê a si inacuarzi. E cumó le bussadone prime de palpade di tetis e di fâ montâ le temperature!
Ma nó, al gambiave di braç, di strete e di vorêle par lâ a suiâsi chê maledete gote di chê âltre bande. Suie a diestre e suie a çampe, a nol jere rivât nancje a tocjai ne tete che jê stiçade a lu veve plantât lí disint che a scuignive tornâ a cjase.
Tal indoman, in te machine, le sô amie sot di lui a no capive parcé che al jere cussí di presse.
Ma Tintin, ce âtu vuê? E le rôse poiade sul sedîl daûr a triculave, a triculave...


Tintin, friulano sulla trentina, si era innamorato di quella ragazza vista a sguazzare sotto la pioggia con le scarpe in mano ed i piedi nel torrente del tombino. Ma era riuscito a sapere solo il nome della via e l'unica cosa per poterla rivedere era di aspettare che torni a scuola. Tra la fine del temporale e l'inizio dei corsi mancavano solo due settimane. Si sarebbe messo ad aspettarla alla fermata dell'autobus e quando l'avrebbe vista arrivare, sarebbe apparso come per magia e l'avrebbe invitata a salire in macchina...Ma l'avrebbe riconosciuta? Non rischiava di farsi prendere in giro?
Ma no, alle 7,30 eccola che arriva con sua sorella. Come quel giorno sotto la pioggia. Impossibile sbagliarsi.
Cosí, dal mese di ottobre, prendeva l'autobus per poter star con lei almeno al mattino all'andata e la sera al ritorno. Poi ritornava indietro a prendere la macchina. Si perché lei era una ragazza seria e non andava in giro con gli uomini in macchina. Peggio, andava anche a messa ogni domenica, perché era l'unico modo di poterla vedere. Peggio di peggio non poteva succedere e quella sera d'inverno quando la lasció all'angolo della sua strada e che gli dette appuntamento a più tardi, non riusciva quasi a crederci.
- Guarda di stare attento con lei. E giovane e delicata. Vacci con garbo. Le aveva raccomandato una sua amica...E sta con gli occhi verso la luce perché veda bene i tuoi occhi blù.
Con una rosa nascosta sotto il cappotto, tre cioccolatini a forma di cuore in tasca e una poesia scritta sul disegno di due ragazze che giocavano coi piedi nudi nell'acqua del tombino l'aspettava all'angolo e all'ora giusta e...Lei arrivó. Lo prese per il braccio, come non aveva mai sperato facesse e lo portó in una stradina deserta che lui non aveva mai visto. Là si fermó e dunque, il primo bacio doveva succedere proprio lí, in quel momento, con la luna che sembrava sorridergli tra i rami di un albero. La rosa, i cioccolatini e la lettera potevano aspettare, lui aveva solo bisogno di un fazzoletto per asciugarsi quella goccia che col freddo cercava di cadere e che a malapena nascondeva tra le narici. Niente fazzoletti. Come fare? Chiederle un fazzoletto? Rischiava di rompere l'incantesimo.
Allora, come faceva in questi casi, decise di incominciare coi bacini preliminari che poi sono sempre seguiti dai bacioni lunghi e ingordi. Bastava vedere come il suo viso le veniva incontro. Sembrava alla testa di una gatta quando aspetta una carezza. L'idea poi gli venne spontanea. La stringeva contro di se le passava un braccio dietro per asciugarsi il naso con la mano mentre dall'altra parte le baciava il collo dietro l'orecchio. Già s'immaginava il bacio col quale la palpata di tette avrebbe fatto salire la temperatura e si congratulava con sé stesso di aver lavato i denti e l'uccellino in caso di, non si sà mai, ma... la goccia era di nuovo lí a rallentarlo, a impedirlo, a farsi ridere dalla luna che tra i rami sembrava pertanto dirle che era la serata ideale per un romantico come lui. Ma la partita non era ancora persa. Un'altro bacino dall'altra parte per non ingelosire nessuno lo poteva ancora dare ed ormai esperto nell'asciugarsi il naso alla svelta, per lui era un giochetto che poteva rifare. Ma asciuga a destra e poi a sinistra, il grande bacio non arrivó mai perché lei stizzita le disse che doveva tornare a casa e Tintin perse l'occasione.
L'indomani, una rosa deposta sul sedile posteriore sembrava scossa dal dondolare della macchina mentre la voce della sua amica un pó inquieta e un po compiaciuta gli chiedeva ridendo: Ma cosa ti succede oggi Tintin?



Nessun commento: