I miei Video clips furlans

Loading...

23 mar 2010

Serade al Verdi di Trieste / Serata al Verdi



Eugene Scribe al jere tal so timp il plui popolâr dai scritôrs e ancje il plui prolific. No come Alxandre Dumas ch'al faseve scivi i soi libris da Auguste Maquet, Scribe al scriveve di bessôl un pôc di dut. Donizetti lu veve cognossût cuant che, scjampât vie disgustât da Napoli par vie che i vevin censurât une opare, al jere lât a Parigji. Va ben, il cjant par francês, us disarai, a nol sune ben come par talian massime achi tal Elisir cuant che al rive le cjançon de Furtive Lâgrime che par me a vâl plui che dut il rest de opare.Achi si viôt che Scribe a nol centre plui nuie.Lis peraulis a son scritis in te vecjie maniêre e a si scuen cjapâlis come che a son.Scribe al à scrit il libret cul gust de sô epoche e il tradutôr talian al à fat compagn. Forsit par chel, a no 'nd ere nissun zovin in te platee e ancjemó mancul tes galeriis.Dome vecjos e vecjis impeliçadis che cuant che a aplaudivin a scuignivin stâ atentis di no pierdi un bijou e cuant che a cridavin bravo di no pierdi i dincj.
Lis peraulis o le storie che jé daûr a siervissin dome par fâ valê le musiche.Le storie a é avonde sempliç inveszit lis peraulis a son simpri fatis par mostrâ le sapience dal autôr, aumentâ le dramacitât e disinlu clâr: Par lâ daûr de musiche e no il contrari. E al é ben cussí.
Cussí il regjistre al à crodût bon di dâ ai personagjos un colôr felinian zontant un Zampanó e ne Gjelsomine e cualchi âltri personagjo ch'o podês scuargi chi e là. Dutis lis fotos a son stadis fatis cence flash e par chel a son un tic motis. Par savê dal program, al varès di sei immó on line ancje se il 20 a jere le ûltime sere. Par sintî le "furtive" lait achi. 

Eugène Scribe, era nel suo tempo, il più popolare degli scrittori francesi ed anche il più prolifico. Non come Dumas che scrisse quasi tutto con la mano dei sui "negri" tra i quali Auguste Maquet.
Donizetti, anche lui molto prolifico, doveva assolutamente incontrare Scribe. Questo accadde quando Napoli fece scappar via Donizzetti censurandogli un'opera.Per me, la lingua francese non é fatta per l'opera. I suoi suoni nasali non suonano bene nelle note lunghe che la lirica spinge ad utilizzare. Anche l'espressione, viene ridotta e per fortuna, anche se la creazione é stata fatta in francese, oggi, credo, si scielga sempre la versione in italiano. Certo, le parole hanno sempre quella voglia di drammatizzare della lirica ed é forse per questo che in inglese, ancora oggi, per dire le parole delle canzoni si dice Lyrics. Ma il gusto é cambiato. Le frasi senza melodia che per l'opera si continua a cantare, nei musicals, diventano dei dialoghi come al cinema ma come si farebbe in un teatro senza i microfoni? Appunto, nel teatro lirico non ci sono microfoni ed é per questo che, anche se non si apprezza la musica, si puo sempre apprezzare le performances degli interpreti. Che questo sia lo stesso per tutti, non é di sicuro vero. Al Verdi di Trieste, lo spettacolo incomincia all'entrata con le donne impellicciate e decorate d'orificeria varia. La moda di andar all'opera in jeans non arriverà mai a Trieste e forse mai in Italia.Beninteso, niente giovani nel pubblico o solo per far piacere ai nonni. Gli applausi si devono fare e si appalude secondo il numero di braccialetti ai polsi, più forte per farli tintinnare e meno forte se si ha paura di perderli.
Si grida bravo ma non troppo per paura di perdere la dentiera o di sembrare troppo maleducato.
La scena sembra decorata per una festa nel teatrino della scuola lementare ma per quello che no ci capisce niente, si dice che questo é il minimalismo.I costumi sono fatti in casa e l'idea di aggiungere dei personaggi tirati fuori dai film di Fellini era l'unica originalità.Veni, vidi,vici e via.
Nell'insieme era meglio che a Parigi il mese scorso.Sentite qua .Alla prossima.
Leggi anche il post  sull'Opera de Paris 

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Mandi Jaio,
il turno S, di sabide dopomisdì, al je chel co lavi jo. Tes fotos o ai viodût cualchi muse cognossude. E son ancjemò ducj alì, come ta una museu des ceris. Triest a si caraterize pal odôr di naftaline che la înt si puarte daûr tai vestits.
Jo o ai viodût l'edizion dal 2002 da l'Elisir; mi erin plasudis lis scenis di tipo fiabe par fruts.
La prossime serade a sarà al
Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” venerdì 16 aprile, ore 20

DoneBete

http://www.teatroverdi-trieste.com/verdi2009a
/1.Attivita/0.Lirica2010/1.Trovatore/Images/
Precedenti/2002.jpg

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Bete, a é propite le prime impression ch'o ai vût cjalant le int ator di me.