I miei Video clips furlans

Loading...

26 mar 2010

Tina Modotti e Ugo Pellis




Le cjarte da scrivi dal Pellis a jere claramenti chê di un fascist. Il so indiriz al jere stampât sot di un logo fat da un triangli cul ritrat dal duce e le scrite : O lâ o rompi. Cheste apartignince forsit a lu à fat dismenteâ par cualchi disine di agns dopo de vuere, prime che le sô opare a sedi stade tirade fûr dal dismenteadôr. O lu dîs parcé che tal stès timp che il Pellis, une furlane, Tina Modotti , cence scuelis e cence jutoris e faseve pressoché le stesse strade che il Pellis e parcé che jere comuniste a é stade mitude tal dismenteadôr ancje jê. Il biel al é che ducj i doi e davin un grum d'impuartance ai imprescj e i costums dai contadins. Viodint lis fotos di lui e di jê, a si puedarès dî che a jerin fradis e sûr. Come il Pellis, la Modotti a cognosseve un grum di lenghis ma jê lis veve imparadis cence lâ a scuele: Inglês, spagnûl, todesc, talian, rùs e furlan ju veve imparâts sul puèst cu le int. Al contrari dal Pellis, jê a jere deventade comuniste. E al contrari dal Pellis, jê a no voleve siervî nissun al di fûr de int che a fotografave. Dal 1923 la Modotti a veve imparât a fâ lis fotos cun Edward Weston in Americhe e a jere deventade famôse bielzà come lui cuant che tal 1930, deventade comuniste, e à scuignût lassâ il Messico. Pal stès motîf, a no podeve plui ni tornâ a Los Angeles cul so passepuart merecan ni  tornâ in Friûl cul so passepuart talian, ni lâ di nissune bande che in Russie e alà, diu nus vuardi, ce fotos podevie fâ cun Stalin? Le so cariêre di fotografe a veve durât pôc plui che 7 agns ma ancjemó vuê , so cirîs sul web o cjatarês cent vôltis plui Modotti che Pellis. Par chest, o mi domandi il parcé che no si le tire fûr ancje jê dal dismenteadôr furlan indulà che a é stade mitude. Al dí di vuê, tant il fascism che il comunism a  no an plui nissun sens. Parcé il Pellis e no la Modotti?

Chi sôre, un libri furlan e un libri inglês scrits da doi amiradôrs de Modotti. Mick Jagger al à comprât i dirits di fâ un film sul libri di Margaret Hooks. Madonna a si é bielzà prenotade e a volarès fâ le Modotti. No si sà cui che al fasarà il film.(PS: Graziis a chê cjargnele che mi à mandât il libri de Modotti par talian sôre nuie:-)
No us dîs il non dal autôr furlan che al à mitût insiemit lis fotos e po al à fondât il " comitât "Modotti parcé che no sai se al esist veramentri (Cuant chi i ai scrit, dutcâs a nol mi à rispuindût) e forsit al é muart.


La carta da scrivere del Pellis aveva, sopra l'indirizzo, stampato un logo col ritratto di Mussolini dentro un triangolo e la scritta in friulano: O lâ o rompi (O la và o la spacca). Per questo, credo, dopo la fine della guerra é stato messo in un dimenticatoio e la sua opera é stata pubblicata solo recentement. Dico cosí, perché negli anni 20 quando incominció a fare il fotografo, incominció nello stesso tempo un'altra friulana: Tina Modotti. Il bello é che lui fascista e lei comunista, fecero pressoché le stesse foto. Lui in Italia, lei in Messico. Lui, gli agricoltori e montanari e lei i poveri ed i campesinos. Falci e martelli dalle due parti ma se per lui erano solo degli atrezzi, per lei erano dei simboli e comunque, non avrebbe  tagliato fuori la persona di destra (Nella foto) per incuadrare solo il caminetto.Sebbene la sua carriera di fotografa abbia durato solo 7 anni, a trentatrè anni, la Modotti era già conosciuta nel mondo dell'arte fotografica del sud e del nord America ed ancora oggi, su internet per un Pellis, si trovano cento siti su Tina Modotti. Il comunismo essendo finito come il fascismo, non sarebbe ora di tirar fuori anche la Modotti dal dimenticatoio friulano?
Qua sopra, due libri. Uno in italiano ed uno in inglese scritti da due suoi ammiratori. Quello di Margaret Hooks é il più conosciuto perché é venduto in tutto il mondo. Mick Jaegher ha comperato i diritti per farne un film. Madonna vorrebbe fare assolutamente la Modotti ma non si sa ancora chi sarà il regista.
Non vi dico il nome dell'autore del libro in italiano perché se non é già morto da un pezzo per me é come se lo fosse poiché se non degna rispondere alle lettere che gli si scrive non vale la pena di esser considerato più di quel tanto e le foto del suo libro si trovano tutte nel web.
Altro post sulla Modotti.
Un CD di Jazz dedicato a Tina Modotti
Ancora un articolo su di lei 

1 commento:

patrizia ha detto...

mandi jaio
ti lei simpri
ancje se no comenti simpri
mi àn fat ridi lis tos aventuris culinaries economichis gastronomichis e a l'opere
in friul, in venit, cui ucios, cule giovine de filologiche
e o ài let al tò coment sul blog dal crot
e ti disarai une robe:
al à reson al crot
i talebans e son chi in friul
e tu lu às scrit propit tu.

maman

pat.