I miei Video clips furlans

Loading...

25 mar 2010

Ugo Pellis

Lis fotos e le storie dal Pellis o podês viodilis ancje achi tal sito de Filologjiche . O ai contât che dal 1924 al 1943, a nol à fat plui di setante fotos par an. Pecjât che in chê vôlte il digjitâl a nol esisteve al varès podût fâ amancul cent in dí e cuissà vuê ce patrimoni che a si varès! Dutcâs ce che al nus à lassât a nol é mâl stant al fat che i fotografos di chei timps a vevin alc altri da fâ che fotografâ i contadins. Lis fotos a son soredut fatis par mostrâ i costums, i imprescj e il mût di vivi dai contadins. Achi te so foto, al tae le persone sentade a diestre par fâ stâ drenti le sporte picjade tal mûr ae çampe ma se somee une robe da mats par un fotografo, al nus mostre amancul il fogolâr in tal mieç. Bisugne dî che il so compit al jere di ilustrâ cu lis fotos le mape des lenghis e dai dialets talians ch'al jere rivât a otignî di fâ dae universitât di Torin. Come ch'al veve fat i studis in Austrie e al jere professôr di liceu al cognosseve avonde lis lenghis e al é stât avonde brâf par fâ 750 cartelis completis dai 1000 paîs ch'al si jere fissât di fâ ator des regjons talianis.Ven a stâi 3 cartelis al mês che forsit come me o cjatarês avonde pôcjis.
Savint che Mussolini a i veve dât ancje ne Balilla a gratis par lâ ator pa l'Italie, o ai contât che al à fat su par jù 3 intervistis al mês e achi o rivin a l'aspiet dit sientific indulà che une cartele a jere fate cu le foto e i conotâts dal informatôr (Le persone sielzude) e lis sôs rispuestis aes domandis di voltâ tal dialet locâl par une cincuantine di peraulis che lui al notave doprant le sô grafie personâl. Grafie personâl?
Si, difat, seben che di sigûr al cognosseve il dizionari Pirona , il so furlan al jere avonde strani. Ch'al sedi stât par fâsi miôr capî dai forescj? Dutcâs si note che ancje tai dialets le sô scriture no jere taliane ma todescje e ducj i CH a deventavin K e pai acents al doprave i acents cecoslovacs come plui tart al à fat il Nazzi. Ma il plui strani a son chês peraulis cu lis vocâls lungjis indulà che da simpri a si met l'acent circonflès ma che lui invezit al virevoltave e cussí lis peraulis come seglâr a lis scriveve seglàăr. Inutil dî che chestis complicazions, al dí di vuê, a no valin plui nuie e il so lavôr di linguist, al siervís dome al linguist ch'al ûl complicâsi le vite a cirî ce che il Pellis al voleve dî.
Cui trê libris o ai scuâsit dutis lis fotos plui impuartants dal Pellis. O crôt.
Di fat, ae prime cjalade si disarès che le sielte a no é stade fate cun cure scartant lis fotos che a son doplis e chês ch'a son motis e duncje fuscadis. Ma di sigûr, invezit, le cuistion a jere di meti lis miôr che a vevin e duncjie, o crôt, che il rest des fotos a no sedin interessantis.Invezit, par chês che a son sôre esponudis e duncje masse scuris, no capís parcé che no si vedi fat une corezion digitâl che al dí di vuê ancje cun tun program a gratis un canai di 8 agns al oten cun tun clic.
Invezit pes cuviertinis chiste vôlte al é stât fat ae grande. Un al à il non di Ugo Pellis intaiât e un'âltri al à une part (Le scune) brilant sule pagjine opache.
Doman, o compari Pellis a Modotti.  


Chi volesse saperne di più sulle foto e la biografia del Pellis, li trova nel sito della Filologica Friulana.Sarà un pó più difficile che sfogliare le pagine del web che quelle dei miei tre libri ed avrete una orribile scritta in sottofondo per ogni foto ma almeno potete avere un'idea.
Il valore sopratutto storico delle foto, ci fanno vedere l'Italia rurale che và dagli anni 20 agli anni 40. Il Pellis, ha avuto la fortuna di poter dedicare 17 anni a percorrere l'Italia grazie ai fondi dell'università di Torino e alla Balilla ricevuta da Mussolini stesso. Tutte le mille e cento foto nei miei libri non ci sono ma una buona parte di questo Napoleone fotografo che pensava di fare un atlante delle lingue e dialetti italiani. L'università di Torino sta editando dei grossissimi volumi con tutti i dettagli raccolti da Pellis e da altri dopo di lui. Appena andró a Torino vi faccio un riassunto:-) Nel frattempo, riassumo i miei tre libri: Un raccolto di foto di luoghi, persone e costumi di un'altro tempo. Quello che colpisce di più é l'estrema povertà che c'era. Per poco, ci si direbbe in un paese sottosviluppato e arretrato. Alcune foto sono certo offuscate per via che il Pellis non era veramente un fotografo professionale, ma altre sono davvero ben riuscite. Altre invece, dove mette in scena gli atrezzi fanno pensare, per contrasto, alle foto fatte negli stessi anni da Tina Modotti in Messico.
Passo oltre alle presentazioni del Pellis fatte dalle personalità di servizio che sembrano scritte più per straparlare che per farsi capire. Si vanta il fotografo, certo, ma anche il linguista e lo scienzato.
Per il linguista, non so a chi servirà la grafia che aveva scielto di utilizzare e che era ispirata più dai suoi studi in tedesco che da quelli in italiano. Mettere una K invece di un CH, certo che semplifica e vediamo che anche oggi, gli studenti fanno la stessa cosa per scrivere sui blog, invece per tutte le vocali lunghe del friulano come in seglâr dove si usa semplicemente un accento circonflesso come in francese, il Pellis scriveva seglàăr (Secchiaio) e via di seguito anche per altri suoni nelle consonanti.Per il fotografo, se si pensa che aveva incominciato il suo lavoro facendo dei disegni, si capisce che il suo intento era solo di illustrare meglio e perció proseguí con la fotografia senza pensare molto all'aspetto artistico e come qua, taglia fuori la persona a destra per far vedere un pezzo di parete anonimo a sinistra. Rimane comunque un'opera interessante. Certo, con le possibilità di oggi, fare 1000 foto in 17 anni sembra poco poiché fa all'incirca tre interviste al mese ma se volete avere un'idea di come fosse la vita per i vostri nonni, é già qualcosa. Altro post correlato Ugo Pelli e Tina Modotti.

Nessun commento: