I miei Video clips furlans

Loading...

04 mag 2010

Eusebio Stella, poesia e grafia

Vé achi alc di Eusebi Stele datât tor dal 1671
Prima qualche verso di Eusebio Stella scritti attorno al 1671

...Mi schiampà il vôli su Jacuma e Menott
Vedei sott'un cason in miez dai raas
Ohime Jacuma mee, chi mi disfaas
Ohime, vé ch'al mi gotta il sivilot...

...Mi scappó lo sguardo su Giacomina e Menotti
Li vidi sotto un casotto tra gli sterpi
aimé Giacomina mia, qua mi disfo
aimé, ecco che mi gocciola il fischietto...

Quant ch'a si forin zuz
Cun'un fazzoletat ch'al vee in te sachetta
E iee fatta s'havee la frizza netta
E ji mostrà una tetta
Ma lui ij vee una man là dal culat
Blanc just cuma la neef plui no cul lat
Io restai stupefat
Vidint la gran beltaat di chee polzetta
Oh giamba, oh quessa, oh potta, oh cuul oh tetta!

Quando si quietarono
Con un fazzoletto che aveva in tasca
Le pulí la figa
Lei gli mostró una tetta
Ma lui aveva la mano nel suo culo
Bianco come la neve più che come il latte
Io rimasi stupefatto
Vedendo la gran bellezza di quella polzetta
Oh gamba, Oh coscia, oh potta, oh culo, oh tetta!

Analogie trovate al volo
Giorgio Baffo:
Dal tramontar del sol sin all'aurora
E dall'aurora sin che 'l sol va a monte
Se magna, caga, beve, pissa e sbora


Più lirica di Pushkin: Oh noshki noshki, gdié ve nigne ?
(Oh gambe gambe, dove eravate? Dal romanzo in poesia Eugenio Anieghin
http://amfortas.splinder.com/post/20187947/Eugenio+Oneghin+a+Trieste:+piccola+presentazione+semiseria+e+relativo+ascolto+serissimo.

Pe grafie, a si viôt che al doprave lis dôs vocâls invezit dal acent circonfles. Chiste grafie, no sarès mâl da doprâ cun internet indulà che i acents, a no passin par nuie ben e po pal scrivi cu le tastiêre a si à bisugne di trê fracadis invezit di dôs. Notin a chest proposit che in olandês e in finlandês a si dopre dôs vocâls e cualchi vôlte ancje trê e al é plui facil da lei ancje pai profans.
Daspó, alcaltri: Tal libri zâl intitulât: Scrivere in Friulano, Anna Madriz e Paolo Roseano nus disin che in furlan a no si puès doprâ l'apostrof tal scrivi cuant che invezit a si lu dopre tal cjacarâ.
Ma achi a si viôt che Eusebio Stella a lu doprave bielzà tal 1671.
Esmpli:Quant ch'a si forin... o ben Quant ch'al mi gota il sivilot (Quando mi gocciola il cazzo).
O soi dacuardi che in poesie a si puès cjapâ le libertât di inventâ, ma achi a nol é il câs. Jó o ai simpri sintût fâ le elision e dal rest o no rivi adore a fâ di mancul di dî ch'al é cussí ch'a si à da dî e ch'a nol é ch'al sêti mancul coret di scrivi cemût che a si cjacare.
O cîr di sfuarçâ ancje i puriscj e cuant ch'o scrîf une conte par contecurte, automaticamentri al mi rive indaûr le conte cu lis corezions di dutis chestis elisions. A sarès ore di modernizâ le grafie furlane. Tant, o sin dome nô che o scrivín. Inmó alc di strani, le prime publicazion a é stade fate dome 300 agns dopo! Chest nus mostre le mentalitât dai furlans dal 1761 al 1970. A vevin masse pôre di publicâlu par vie de istruzion catoliche.
PS: O sarai a Lignan e Vignêsie fint Lunis. Mandi

4 commenti:

Anonimo ha detto...

chi è la bella donzella che appare in copertina?

Chapucine

Jaio Furlanâr ha detto...

E l'odalisca di François Boucher.

Anonimo ha detto...

La regule dal apostrof e je dal Olf, e no di altris di lôr.

Jaio Furlanâr ha detto...

Simpri bon da savê, cussí si sà cui che lis invente e cui che lis ripet:-)