I miei Video clips furlans

Loading...

04 mag 2010

Eusebio Stella poete erotic furlan dal 1600

Un dai miei plui biei libris furlans chi ai, al é di sigûr chel intitulât Poesie Friulane. Ma di fat, al varès di jessi stât intitulât Eusebio Stella parcé che al si trate de so poesie. Chest mût di fâ tirâ i vôi su le poesie in zenerâl invezit che sul autôr e le sô poesie in particulâr a mi somee un vêr pecjât e par chest no us dîs cui che a lu à curât e cussí o sarês obleâts di lâ ae Filologjiche par savêlu:-)
Le cuviertine di fâls corean dorât cun cjamesute blancje par protezilu al ti dà subite l'impression di un libri impuartant e di fat al é. L'esemplâr gno, al é numarât 311/500, duncje o ai chest privilegjo straordenari che dome in Friûl al puès rivâ, di vê un libri stampât tal 1973 e comprât tal 2010, duncje 37 agns dopo! Se o vês chê di scuvierzi Eusebio Stella, o vês ancjemó vincj agns di timp. No di plui. Miôr no spietâ masse parce che al reste dome 200 esemplârs:-)
Eusebi, al jere stât mitût da bande par plui di 300 agns, parcé che il so scrivi al jere masse erotic par fâ biele figure tai scafâi dai plevans vêrs o imagjinaris che tal Friûl, a 'nd é simpri stâts masse. Cumó che dut al é deventât plui cinic forsit Eusebi a nol é avonde erotic nancje pai prêdis ma se i seminaris a sierin un par un, cui learaial ancjemó un Stella? Dutcâs al vâl le pene di sei cognossût. Di sigûr tal so timp, al jere plui cognossût di cumó e nol é impussibil di crodi che Giorgio Baffo, il plui baron di ducj i poets, a nol vedi let Eusebi Stella cuant che al cite in tun so sonet scrit cent agns dopo: Dove mai troverai zente che i loda quei che van in mona come fa i forlani...
Doman, us met alc sul so contegnût.
Eusebio Stella, poeta friulano del 600 non ha scritto quanto Giorgio Baffo ma come lui puó essere catalogato come un poeta erotico. Per questo, come del resto lo fu il Baffo, non era stato pubblicato prima che qualcuno lo riscoprisse. Il Baffo, per la prima volta fu pubblicato a Londra nell'800. Poi a Parigi ed infine in Italia nel 900. Era dunque normale che Eusebio Stella, con di più neanche veneziano ma solo friulano, sia stato riscoperto molto più tardi. Pertanto se il Baffo scriveva cento anni dopo lo Stella in un sonetto:Dove mai troverai zente che i loda quei che van in mona come fa i forlani... si puó pensare che aveva letto lo Stella e che forse, da lí si mise a scrivere i suoi sonetti erotici in veneziano. Senza togliere niente al baffo che adoro, il libro che ho trovato sullo Stella é une dei più bei libri friulani che abbia. La copertina di falso cuoio con lettere dorate é nascosta sotto una camicia bianca e l'esemplare che ho é il numero 311 sui 500 esemplari stampati nel 1973 dalla Filologica. Libro interessante non solo per la biografia dello Stella e per la sua poesia erotica ma anche per il glossario che lo accompagna con il quale, si scopre o riscopre certe espressioni e permette di arricchire il vocabolario.
Il titolo é completamente spiazzato. Certo che si tratta di poesie friulane ma esclusivamente delle poesie in friulano di Eusebio Stella e allora non si capisce il perché sia intitolato cosí. 
Comunque,  se in trentasette anni si sia venduto solo 300 esemplari, questo vuol dire che potete, come me, avere il raro privilegio di  averne uno anche voi per una quindicina di euri. Basta solo che non tardiate troppo. Infatti vi rimangono solo 20 anni per comperare uno dei 200 esemplari rimanenti:-)
Domani, qualcosa sul contenuto del libro.

3 commenti:

ILfurlanist ha detto...

Biele la citazion di Baffo, eh eh eh

Anonimo ha detto...

Fai buon viaggio Jaiò...
Chapù
:-)

Jaio Furlanâr ha detto...

Salve Dree:Fortune ch'o ai un tic di memorie e che me soi impensade tal moment just:-)
Mandi O soi des bandis di Ligna e Vignêsie fint Lunis...Nó, nuie Milan ancjemó:-)