I miei Video clips furlans

Loading...

14 mag 2010

Mangjâ ben e bevi miôr / Mangiar bene e bere meglio


Lis trê sûrs a vevin dutis le lôr specialitât e, tant che no si jerin sposadis, a fasevin le fierece de lôr mâri tes grandis ocasions e tes piçulis. Bisugne disi che in Armenie, lis mulis a imparin ancjemó a cusî e a cusinâ ancje se a van a scuele.
Une a jere specializade tes tortis, une te cusine autetone, e une te cusine foreste.
Chê che a à fat i involtins achi, a iere le seconde e se o no le ai maridade jó al é juste parcé che no sai maridâ dutis lis feminis di chest mont. Da me, a ven a fâ la colf e a lu fâs ben. A mi nete le cjase come s'al fos un ospedâl e chiste vôlte a mi à fat da mangjâ come so fos un re.
Va ben, il plat al é bielzà mieç vueit ma i involtins a jerin masse bogns dopo le mignestre e prime des lasagnis. Le uniche rôbe al é che a mi à fat da mangjâ par une setemane ma s’o gambii di vin, forsit al mi somearà mancul penôs. Ma o i perdoni vulintîr parcé che amancul no ai di lavâ i plats e a fâs dut jê. Cumó o i ai dât le idee di fâ come in Inghiltere, di proponi par un presit stabilît, di lâ pes cjasis a fâ le cusine. Cui no saressial interessât di vê une dí une côghe che a ven in cjase, e a organize dut jê, des spêsis ae massarie finâl ?
 Ma cui mi vegniaressial a netâ dopo? A mi à dite che se lis sôs sûrs a son masse ocupadis, a cognos ancjemó âltris armenianis. Ah, i armenians, chei si che si tegnin unîts ve !
Involtins: Preparâ une polpe di pane,kefir (Une sorte di Yogurt), maionês e un formadi tipo scuete frescje, massedâts cun fruçons di coculis, ài, un tininin di limon e prezemul. Sbrovâ lis slepis di melanzanis in tune padiele e po, meti dôs sedons de polpe e involuçâ prime di siervî. Tacâ cul vin blanc parcé che al é plui niervôs e fresc che il nêri. Daspó, o larês indenant cun ce che us tocje. Al dipint dal puest che us reste in te panze o de sûr armeniane che us tocje e che o invidarês asolutamentri a mangjâ cun vualtris.

Ogni sorella aveva la sua specialità e finché non si sono sposate, erano invitate a cucinare in tutte le feste e occasioni. In Armenia, le ragazze imparano ancora a cucire e a cucinare anche se vanno all’università.
Una era specializzata nelle torte, l’altra nella cucina autoctona, e la terza nella cucina straniera.
Quella degli involtini nella foto era la seconda e se non l’ho sposata io é solo perché non posso sposare tutte le donne di questo mondo. Da me fa la colf e lo fa molto bene. Mi pulisce la casa come se fosse un ospedale e questa volta m’ha cucinato il pranzo come se fossi un re.
OK, il piatto é già mezzo vuoto perché gli involtini erano troppo buoni dopo la minestra e prima delle lasagne. L’unica cosa é che m’ha fatto una porzione che mi durerà una settimana ma se cambio di vino forse mi sembrerà meno penoso. Le perdono volentieri questo scarto perché tanto mi lava anche i piatti.
Anzi le ho dato l’dea di fare come in Inghilterra : La cuoca a domicilio. Per un prezzo stabilito, lei và a fare le spese, cucina, serve, sparecchia, lava i piatti e rimette tutto in ordine. Ma poi, chi verrebbe a farmi le pulizie se lei ha troppo successo nella sua nuova professione ?
Niente paura, mi dice, le mie sorelle sono già occupatissime ma ti troveró sempre un’altra armena. Ah, la solodarità armena, quella sí che funziona !
Involtini di melanzane à la armenienne : Preparare una pasta con panna, kefir, (Una specie di yogurt) formaggio tipo ricotta, maionese, noci sbricciolate, polvere di aglio e prezzemolo. Far saltare in padella delle fette di melanzane. Imbottire ogni fetta con la pasta, arrotolare e servire come primo. Accompagnare con un vino bianco piuttosto nervoso e fresco. Poi proseguire con quello che vi tocca, secondo il posto che vi rimane nel pancino e la sorella armeniana che inviterete a mangiare assolutamente con voi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

sbaglio o si sono un pò bruciacchiate^?
:-)