I miei Video clips furlans

Loading...

22 mag 2010

No sta fâ il grazioso / Non fare il grazioso

Alore il Grazioso al jere cussí. Simpri tai soi pinsîrs e simpri solitari, al veve une gjentilece naturâl che si trasformave in iritazion isteriche a pene che cualchidun a i faseve un scherç. Cussí al faseve ridi ancjemó di plui. A si lu clamave il matucel.Fin che une dí, o lu vin brincât in tun balcon dal secont plan de scuele. E ce fasevial? Al jere lí che al cjalave jù lis mulis tal curtîl. Rôbe che a si faseve ducj ma lui al faseve di plui. Al veve sielzût le mule che a i plaseve e ogni vôlte che a passave o a si fermave sot, a i butave jù une rôse che al veve stât a cjoli chi e là pai cjamps vegnint a scuele. Il biel al jere che a lu faseve cussí ben e di nascuindon che o lu vin savût dome plui tart cuant che lis mulis a nus an dite di trasmetigji un mesagjio de bande de mule che, timidute, no olsave trasmeti di bessole. Cualchidun al veve ridût e lu veve cjapât pal cûl ma cuant che al à viodût che lui al veve une mule e e nô no si veve nissun, a nol à ridût plui. D'in chê dí, il Grazioso al jere deventât il nestri amîc e tes stradis che menavin a scuele, in pôc timp, al jere deventât râr di cjatâ immó une rôse parcé che ducj a si veve tacât a fâ compagn.
Immó vuê, cuant che a si si cjate jenfri amîs, a si use doprâ il so non di Grazioso come un sinonim par dî: Su mo sù, no sta a fâ masse il romantic, masse il mone, masse il gnôgno, masse il Grazioso.

Grazioso, un nostro coetaneo, era cosí: Sempre solo e nei suoi pensieri. Era di una gentilezza naturale che si trasformava in irritazione isterica appena qualcuno gli faceva uno scherzo. Cosí come succede in tutte le società, era diventato il fesso di servizio. Tantevvero che lo si chiamava anche il matto. Come tutti noi, passavamo il tempo a guardar giù dalla finestra le ragazze che stavano nel cortile durante la ricreazione ma lui faceva molto di più. L'abbiamo scoperto solo più tardi quando una delle ragazze ci disse di trasmettergli un messaggio dalla parte di una coetanea che, troppo timida, non osava fare da sola. Allora abbiamo capito come lui, il matto, il brutto, lo sciocco era arrivato a conquistare il cuore di una ragazza semplicemente gettandole dalla finestra un fiore, che aveva preso per la strada venendo a scuola, ogni volta che si fermava nel cortile.
Qualcuno aveva riso di lui ma non tanto perché, se lui aveva una ragazza ed invece noi non ce l'avevamo, non c'era di che ridere. Cosí, il Grazioso diventó il nostro amico e nei campi e nei giardini lungo le strade vicino alla scuola divenne raro di trovar fiori a portata di mano da strappare guardinghi andando a scuola.Ancora oggi quando ci si ritrova tra di noi, usiamo il nome di Grazioso come sinonimo per dire: Su dai, non fare il romanticone, non essere troppo gentile, non fare il grazioso.

1 commento:

frank spada ha detto...

Bondì sior Jaio, mi permet di segnalà che chi http://www.riaprireilfuoco.org/blog/?p=348 si pues lei un scoop de il San Francisco Chronicle e il prim capitul di un romanc incompiut, dulà cal cjate un, come el so Grazioso amì, cal bute jù da une finestre... ben, cal lei. Mandi