I miei Video clips furlans

Loading...

30 giu 2010

Le zoventût di Staline



I georgians a somein ai talians. Cussí al dîs Sabag Montefiore tal so libri su le zoventût di Stalin. Ma cul so sôrenon talian al sà pôc da l'Italie e scuâsit come ducj in Europe e tal mont: al crôt che ducj i talians a sedin sicilians, gjelôs, vendicatîfs,mafiôs, piçulots e vie vie.
A ogni viaç o compri un libri e il so, di 700 pagjinis, al à durât plui di chei altris.Bisugne dî che se dai talians al cognós cussí pôc, invezit al sà scuâsit dut su le Russie. Da inglês jessût da Cambridge e da ebreo che al ûl vê ne rivincite al cîr di restâ neutro e obietîf e forsit al rive.Par podê lâ a sgarfâ tai archivios che a son stâts segrets par plui di 80 agns al à imparât ancje il rus.Il libri lu ai let scuâsit dut in tun flât e o varès di fâ une disine di posts par comentâlu tant che il libri al é plen di detais interessants e inedits, no dome su le vite di Stalin, ma de Russie di prime e di dopo. Par dâus une idee dal contignût, te liste dai libris che al à let prime di scomençâ a scrivi andé 300 libris di biografiis, di storie e di politiche rus, inglês, merecans e francês.

Al scomence in te Georgie dal 1878 cuant che al é nassût Stalin da un pâri che a no si sa par vie che le mâri, biele e sensuâl, a no spietave masse par lâ tal jet cui vicins, i protetôrs o i siors. Ma di gracie che a podût fâlu, il Sosso (diminutîf di Josef in georgian) al à podût fâ lis scuelis e fintramai il seminari. Si, parcé che so mâri a varès vût chê di fâlu deventâ un vescuf. Invezit, lui, rivoltât des maniêris dai prêdis, al é scjampât prime di finî.
Achi fasin une pause e pensin a Pre Beline che cu le so fabriche dai prêdis al à juste dite ce che Stalin al veve notât ator dal 1900 in tal so seminari ortodos di Tbilissi. Dome che Pre Beline, da brâf furlan, al é restât drenti e al si é sotometût fin cuant che al é deventât prêdi e, a part il so libri, nol à fat nissune rivoluzion in Friûl e al à passât cussí dute le sô noiôse di vite a voltâ libris in furlan che nissun al learà mai ma che ducj a considerin une grande prodece.
Stalin, invezit, cul so metro e sessante, a 23 agns al jere bielzà tai archivios de polizie catalogât come un bandît e un assasin ma chest no lu à impedît di rivâ, dopo 13 agns di rapinis e estorsions a deventâ il plui influent dai rivoluzionaris e finalmentri, cu le so bande di bandîts mitûts come ministros, a é nassude le republiche sovietiche. 
Cemût che dopo al à podût vinci il plui sanguinari dai despotes todescs, nissun american e nissun europeo a lu disarà, par vie che ognun al ûl fâ crodi di vê vinçût Hitler di bessôl. Ma dome un mostro plui spietât che Hitler al podeve rivâ a vincilu e Stalin al jere une vere machine par masenâ cjar umane. Al faseve atacâ i todescs cun soldâts scuâsit disarmâts e se un a nol voleve lâ indenant a i sbaravin in te schene. Nondé, nissune famee che in Russie, inmó vuê, no vedi vût amancul un parint muart in vuere o in Siberie. Par chest, i rus a son deventâts apatics e cence speranze. I fruts di vuê, come achi, a no vuelin savê nuie dai lôrs pâris e nônos che bielzà tal asilo a imparavin che al jere proibît di vê iniziativis parcé che a podevin sei fusilâts bielzà ae etât di dodis agns. Un tic come in Friûl, indulà che se un a nol ûl stâ in file indiane e fâ come ducj, venastâ juste il so dovê, al é butât da bande o ignorât.
Inutil dî, che chest regjim di salvadis primaris al à fat dal popul rus piês che ce che da nô e à simpri fat le indifarence, le apatie e il pôc di interès pes robis al di fûr de religjon.

Al dí di vuê, nissun a nol crôt in nuie. Le magjorance a rit e a s'incjoche cuant che a viodin sui gjornâi che il partît di Putin al vinç lis elezions parcé che a san che da 80 agns, a son dome i pensionâts dal comunism che van a votâ e che i risultâts a son simpri chei. Cussí i oms a son simpri cjocs e lis feminis a cirin di svignâse dal paîs e dutcâs, se a restin, a cirin di no vê fruts. Cuant che in tune societât lis feminis no an plui voe di vê fruts, il paîs a nol starà tant par colâ e chest si pues dî ancje dal Friûl, che a nol é altri che une piçule Russie in miniature.
In te Russie di vuê, indulà che a consumin plui droghe che le Americhe dal nord cun dut il Canada e le Cine metûts dongje l'ultin siopero dai minadôrs di cualchi mês indaûr dopo le muart di cualchi disine di minadôrs par mancjance di sisteme di sigurece al é stât sospês in tic e tac a pene che il paron de miniêre al à dite che se no tornavin a vôre al varès fat vignî i operaris cinês e a saressin ducj stâts licenziâts.
Chel paron, al jere Abramoviç, il miliardari rus che al sta in Inghiltere e che al é soredut cognossût par vie che al à comprât le scuâdre dal Chelsea e che cualchi dí prime al si viodeve sui gjornâi in tune foto indulà che ,crot come un vierm, al muardeve il cûl de so segretarie che par fuarce, a no podeve sei viestide. I sanguinaris a mangjin le cjar crude.
Atents ae finâl dal video!



Per colmare le ore di aereo, mi prendo sempre un libro all'aeroporto. Questa volta il libro é durato più del solito perché aveva più di 700 pagine. Si tratta del libro di Sabag-Montefiore sulla vita di Stalin prima che arrivi al potere. L'autore forse perché esce da Cambridge, cerca di essere il più neutro e obiettivo possibile ma come dice lui riferendosi a Stalin, bisogna stare attenti sia ai pro che ai contro e forse alcuni diranno che essendo ebbreo, voleva di sicuro anche lui avere una rivincita.
Il libro, incomincia male quando dice che i georgiani sembrano molto agli italiani perché, come tutti all'estero, pensa che gli italiani siano tutti siciliani, piccolotti, vendicativi, gelosi, mafiosi e via via.
Per il resto, per scrivere il libro, si é documentato. Molto. L'elenco dei libri in inglese, russo e francese che ho contato passa i 300 ma sopratutto, s'é recato in Russia e in Georgia per cercare testimonianze e cercare negli archivi trovando dei documenti inediti. Il libro si legge molto facilmente anche se con tutti i nomi russi che cita, bisogna spesso tornare indietro per controllare i personaggi.
Il libro, é già destinato a un film ed é stato tradotto in 27 lingue. Io l'ho letto in francese.
Certo che una vita avventurosa come quella di Stalin, é eccezzionale e se prendiamo le vite di Hitler e Mussolini e le mettiamo insieme, non arriviamo ancora a sorpassare l'orrore, il cinismo, la cattiveria, la superbia e tutti i vizi, i difetti, le stragi e gli olocausti che ne sono scaturiti.
Possiamo solo dire che solo un mostro poteva vincere un'altro mostro ed é cosí che é successo.
Se guardiamo i libri di storia, tutti sono convinti che sono gli alleati ad aver vinto la guerra del 40.
Se invece guardiamo le statistiche, vediamo che la distruzione dell'armata tedesca é dovuta all'ottanta per cento al sacrificio del popolo russo. Se poi guardiamo le perdite subite dagli alleati
arrivano al massimo 1,5% di morti della popolazione per i francesi mentre per i russi fu più alta del 20%. Se poi, prendiamo in conto anche i 28 milioni trucidati, deportati ed eliminati da Stalin, possiamo finalmente capire il perché ci sia ancora oggi in ogni famiglia russa l'amarezza di aver perso almeno un membro della famiglia in guerre o deportazione. Ad ogni pagina del libro, ci si rende conto che più si va avanti e più si scopre quanto noi l'abbiamo scampata bella di aver soltanto vuto a che fare con un pagliaccetto da operetta ma anche quanto i nostri eroi possano sembrare insignificanti di fronte a tali esempi.Beninteso, alla fine del libro, si rimane con l'amaro in bocca.
E all'ultima pagina che si capisce che adesso che Stalin arriverà al potere, coi suoi complessi di inferiorità ed il suo passato di bandito, assassino e terrorista,sarà meglio evitare di contraddirlo.
Neanche i suoi studi in seminario non serviranno ad ottenere pietà, anzi, meglio evitare di parlarne per non perdere la vita. Meglio evitare di farsi vedere. Meglio sparire nel vuoto, nel niente. Incominciare già all'asilo ad insegnare ai bambini a non avere iniziative perché a dodici anni potrebbero già essere fucilati. Solo obbedire. Ma senza zelo perché potrebbe esser preso male.
Dopo settant'anni di un regime cosí, forse potremo capire il perché, ancora oggi, il più grande passatempo del russo medio é di ubriacarsi per non pensarci troppo. Il perché le donne non vogliono più aver bambini se rimangono in Russia. Il perché, gli scioperi fatti in Italia per poter guardare la partita dei mondiali, possa far sghignazzare i russi mentre si imbevono della loro realtà. L'ultimo sciopero in Russia é stato schiacciato in due parole: Se non tornate al lavoro, facciamo venire gli operai dalla Cina e perdete il posto. Gli scioperanti venivano di perdere dei colleghi in una miniera per via delle scarse misure di sicurezza. Il padrone della miniera era Abramovic, il miliardario che ha comperato il Chelsea e che nello stesso momento figurava sui giornali con una foto mentre morsicava il culo nudo della sua segretaria.

Nessun commento: