I miei Video clips furlans

Loading...

28 giu 2010

L'om di açâl / L'uomo d'acciaio


L'apoteôs de vuere, al é il titul di chest teribil cuâdri di Basili Vereschaghin fat tal 1871 e dedeât a ducj i conquistadôrs dal passât, dal presint e dal futûr. Seben le so opare e le so vite a sedin fûr dal normâl o ai voe di dî alcaltri. Chest cuâdri larc plui di doi metros che o ai viodût te Tretyakov Galery di Moscje, a mi veve ribaltât le zornade seben che tar chel museu o vevi viodût un frac di grandis oparis in chel dí.
Daspó, le vite a continue e a si dismentee. O scuen alore tirâ fûr une siore : Berta Von Stuttner che jê, cuant che a à viodût chest cuâdri tai agns 1900 in tune mostre di pitôrs rùs a Viene a é stade cussí sdarnade che d'in chê dí, e à decidût di dedeâ dute le sô vite par lotâ cuintri lis vueris.
Ancje le so vite a sarès di contâ ma invezit o stoi drenti tal sogjet par dî che a jere ancje le segretarie di Alfred Nobel che inamorât di jê le veve fate lâ a Parigji indulà che Victor Hugo a lu veve bateât il vagabont plui sior de Europe. E al é cussí che plui tart i à fat vê indiretamenti un dai prins prêsits Nobel de pâs.
Ducj e trê a vevin alc in comun, a cjacaravin il rus e a vevin stât tal Caucaso. Il prin parcé che al jere rus, le seconde parcé che a jere di une famee aristocratiche indulà che il rus al jere impuartant da cognossi, e po a jere lade a vivi tal Caucaso cul so om, il tierç parce che nol jere cognossût dome par vie che al veve inventât le dinamite ma parcé che al jere cun Rothschield, un dai prins produtôrs di petrolio dal Caucaso che in chei agns al fornive plui de metât dal petrolio tal mont.
Ma us zonti inmó un vêr caucasian, un che come Maomet prime di deventâ il plui sant dai sants al jere un bandît, un lâri, un rapinadôr,un assasin, e vuê a si disarès ancje un pedofilo e no dome che in plui di sfondâ lis bancjis cu le so bande al ricatave ducj i produtôrs di petrolio.
Se chei a no paiavin, tal indoman a vevin le fabriche incendiade o ben i operaris e lavin in siopero. Chel bandît al si clamave Djugasvili, e come il president Sachasvili di vuê al jere un georgian che vincj agns dopo, cuant che al é deventât paron de Russie al si faseve clamâ Stalin che in rus al volarès dî l'om di açâr.
L'iomo d'acciaio a 23 anni

L'apoteosi della guerra é il titolo di questo cuadro che se mi ricordo bene fa più di due metri di larghezza. E dedicato a tutti i conquistatori gia vissuti, esistenti o a venire dal suo autore Basilio Vereshchaghin che lo dipinse nel 1871. Sebbene la sua opera e la sua vita siano veramente eccezzionali vi parleró invece della reazione di una donna, Berta von Stuttner che vide questo quadro ben prima di me e ne fu scossa molto di più poiché da quel giorno decise di dedicare la sua vita a lottare contro le guerre. Sebbene di nobile famiglia, anche lei ha avuto una vita molto interessante e per un periodo, fu la segretaria e forse amante del vagabondo più ricco d’Europa (Secondo Victor Hugo) Alfredo Nobel che poi, indirettamente, le fece guadagnare uno dei primi premi Nobel per la pace. A questo punto mentre lei coi soldi ricevuti intensificava i suoi sforzi per la pace, filo su Nobel che con l'invenzione della dinamite guadagnó certo molti soldi ma non quanto con la produzione di petrolio nel Caucaso, quando con i Rothschield, si occupave di fornire più della metà del petrolio prodotto nel mondo a quell'epoca.
Qua, faccio entrare l'uomo d'acciaio cosí autochiamato più tardi ma che nella stessa epoca, dall’età di 20 anni fino ai 35 era un bandito temutissimo che la polizia dello zar, catturava e riprendeva almeno quante volte lui scappava e rievadeva per continuare gli assalti alle banche, le estorsioni, gli assassinii e che i petrolieri per non aver scioperi o le fabbriche bruciate, pagavano fior di quatrini. Questo fenomeno lo vedete in una foto dell'epoca.Si direbbe un casanova ma era ferocissimo, cinico, e senza scrupoli e che dopo aver fatto morire la moglie di stenti in poco più di un anno di matrimonio ebbe anche due bambini con una tredicenne. All'epoca si faceva chiamare Sosso ma in verità si chiamava Djugasvili come molti Svili della Georgia tra i quali Sachasvili, il presidente attuale.Per venti anni, i nomignoli e sopranomi cambiarono ogni volta che voleva far perdere le sue tracce alla polizia segreta dello zar, che in quell'epoca era la più efficace del mondo. Poi finalmente prese il nome di Uomo d'acciaio che in russo diventa Stalin.

Basilio Vereshchaghin
Berta von Stuttner

Nessun commento: