I miei Video clips furlans

Loading...

04 giu 2010

Storie vere / Storia vera


O cognossês di sigûr Charles Perrault par vie des sôs flabis de Biele indurmidide o di Capucet ros pai fruts ma o no cognossês so fradi Claude Perrault che al é chel ch'al jere stât sielt pal ré sorêli (Vigji XIV) al puest dal Bernini par rifâ le façade dal Louvre di Parigji. A si dîs  che il re che in chê volte al veve 27 agns, al veve ricevût il Bernin come un princip. No vevial scuignût domandâ le permission al pape par podê vêlu? Ma capriçôs e forsit ancje ignorant e un tininin vendicatîf par vê scuignût spietâ che il cardinâl Mazarin (Un talian) al mori par podê regnâ, al voleve mostrâ che a Parigji a si podeve ancje fâ miôr che a Rome.
 Cussí al veve dât a Claude Perrault il lavôr dal Louvre e al Bernin al veve comandât dome un ritrat in marmul. Daspó, come che il ritrat a no i plaseve, a lu veve fat meti in bande. Di lí a dî che le influence taliane su le France tal mont dal art a jere finide a nol mancjave che un pas.E il Perrault al si é savût plui tart, a nol jere ni architet ni scultôr ma un miedi che al veve ricevût l'ordin dal re, gracie a so fradi Charles, che i veve fat fintramai i disegns e che al jere conseiir di Colbert minstri dal re, viodêt ce storie!

Chest par dî, che il ré Sorêli, al é chel che al si é fat fâ plui ritrats. Le sô vanitât a jere cognossude ma ancje i soi capricis e par chest, a no si rive simpri a ricognossi il re seont i ritrats che a son stâts fats. Di fat, Ce che a si viôt tai ritrats, a é le stature imponente che i pitôrs, di sigûr su ordenazion, a scugnivin dai e par chest al é stât clamât ancje Louis le Grand. Ma di fat, seont le armadure reâl fate a Vignêsie che a si cjate ancjemó a Versailles, il re al faseve 1m70, nuie di viodi cul zar Piêri il grant che al faseve sui doi metros e che al é chel che par fâ sù i palaçs di san Pieriburg al à fat vignî ducj i artiscj talians che chei âltris rès a no volevin plui .
Seont il museu de cjicolate di Bruxelles, Il re Sorêli, al é stât ancje chel che al à metût di mode dal cacau in France e po tal rest de Europe. Duncje a scugnivin rapresentâ cun tune statue realiste il re che al si faseve servî une tace di cjicolate. E cussí al é stât fat gracie a Toni (Antoine) Benoist. Di fat, tal 1703, cuant che il re al veve 65 agns, a no i interessave plui di mostrâsi plui biel di ce che al jere e al veve acetât di fâsi fâ cjapâ il stamp de sô muse cul zes.
Daspó, il stampist (Toni Benoist)  al veve profitât par vendi il ritrat di cere a ducj chei che lu volevin.Ma cu le cere a bisugne stâ atents e l'unic ritrat in cere dal nestri Vigji Sorêli che al é rivât fint a nô al é il profîl che mi à siervît par ricomponi il Re Sorêli, pal gno client. Cumó o savês il parcé che o jeri a Parigji il mês passât.
Nicolas Boileau (Scritôr e poete satiric) a nol podeve ameti che Claude Perrault al sedi stât promovût architet. Cun di plui al criticave ancje so fradi.
Al veve une maniêre cussí crudêl e acide di fâ critichis che so fradi Charles, par evitâ lis critichis di Boileau al veve fat publicâ lis flabis cul non di so fi.
Juste une che mi plâs di Boileau : Un mone al cjate simpri un plui mone di lui par amirâlu.
E dal Perrault al diseve:
Oui, j’ai dit dans mes vers qu’un célèbre assassin,
Laissant de Galien la science infertile,
D’ignorant médecin devint maçon habile :
Mais de parler de vous je n’eus jamais dessein,
Perrault ; ma muse est trop correcte :
Vous êtes, je l’avoue, ignorant médecin,
Mais non pas habile architecte


Si, o ai dite tai miei viers che un celebre sassin
Lassant de bande le sience infertil di Galian
Da ignorant miedi al deventa un bon muradôr
Ma par cjacarâ di vô no ai mai vût voe
Perrault, la mê muse a é masse oneste
O sês, o scuen dî, miedi ignorant
Ma nuie bon architet.

PS:- Notait cemût che il francês al somee al furlan.
     - Colbert al é il prin a vê capît che par rifâ lis financis al bisugne esportâ plui di ce che al si impuarte.Alore al dave le prioritât ae produzion francês e al faseve vignî i plui bogns artigjans dal forest. Cussí, Vignesie e mandave dopo i sicaris a copâ i artigjans emigrâts in France!


Chi non conosce la storia di cappuccetto rosso o la bella addormentata, il gatto con gli stivali ecc.di Charles Perrault? Ma chi conosce suo fratello Claude ? Grazie a Charles, braccio destro di Colbert, il ré Luigi XIV detto il ré sole, invece di dar l'ordine al Bernini, che aveva fatto venire apposta da Roma, lo diede a Claude Perrault, dottore in medicina, che fino là, aveva solo incominciato a tradurre Vitruvio.
Si dice che perfino i suoi disegni fossero stati fatti da Charles. Si dice anche che Nicolas Boileau, critico, satirico, poeta e scrittore non amasse nessuno dei due fratelli ed é cosí che Charles, per paura delle critiche di Boisleau, pubblicó le sue fiabe sotto il nome di suo figlio.
Tutto ció per parlare del Re Sole che é il re che si é fatto fare più ritratti in Francia ed infatti, come premio di consolazione, il Bernini ricevette l'ordine di fare il suo busto.
Capriccioso e forse un po ignorante e permaloso, il re che era rimasto nell'ombra del Cardinale Mazzarini per 23 anni, voleva dimostrare che in Francia si puó fare anche meglio che a Roma. Da quel momento, si dice che in Francia, l'influenza italiana nelle arti cominció a declinare. Ma cosa potrebbe essere successo se il re non fosse stato influenzato dal suo ministro Colbert?
Il re era considerato come un dio e perció tutto quello che il re faceva o voleva...
Il re amava la cioccolata. Allora tutta la borghesia s'é inventata l'ora della cioccolata mentre a Londra si celebrava l'ora del té. Il re era chiamato anche Louis le Grand ma secondo l'armatura reale fatta a Venezia che si trova ancora a Versailles, il re faceva solo 1m70.
Con lo zar Pietro il Grande che faceva sui 2 metri, il ré Luigi XIV, é rimasto solo il re sole.Forse perché abbagliava troppo.
Nei ritratti, non lo si riconosce sempre perché i pittori forse per paura o per far piacere al re, si limitavano a fargli piacere. Quello che si vede spesso é il suo naso lungo che anche volendo non si poteva accorciare troppoAllora mentre si accorciava il naso si allungava il corpo e la sua statura, era invece sempre esagerata.
Al museo della cioccolata di Bruxelles, si voleva ricordare questo re ed é grazie ad Antoine Benoist che ci é entrato. Naturalmente, ci sono anch'io per qualche cosa. Per questo ero andato a Parigi per vedere il profilo fatto da Benoist nel 1703 dopo aver preso lo stampo del viso del re.
In quell'anno il re aveva 65 anni e di sicuro non gli interessava più di essere più bello di quello che era. Voleva solo dare in regalo il suo ritratto di cera. Benoist peró, con lo stampo ne fece altri esemplari e quello che vedete é uno di loro. L'unico che sia veramente fedele al re Sole.
Sono andato a Parigi per vederlo e per poi ricostruire il viso del re e questo é il risultato.
Passando
Boileau ne ha dette di tutti i colori ma quella che mi piace di più é questa:
Un idiota troverà sempre uno più idiota di lui per applaudirlo.
Poi su Claude é veramente micidiale:
Si, ho detto nei miei versi che un celebre assassino
Lasciando dal Galeno la scienza infertile
Di ignorante dottore diventó buon muratore
Ma di parlare di voi no ebbi mai l'intenzione
Perrault : La mia musa é troppo perbene
siete, lo ammetto, ignorante dottore
ma non un abile architetto.

5 commenti:

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio,
soi dal dut amirade dal manichin dal Re Sole, genius di un Jaio!
Mi soi pensade dal film dal 1966, di Roberto Rosellini, "LA PRESA DEL POTERE DA PARTE DI LUIGI XIV", dolà ca si lu viodeve ancje sence paruche.
Mi plasarès viodi cussì ancje il to manichin.
O ai cjatât un blog dolà che le autore a conte benon dal film e a son une vore di fotofrafîs

http://nonsoloproust.splinder.com
/post/17354989

Jaio Furlanâr ha detto...

Oilà Done Bete,
Cuant che il Vigji al é lâs sù al veve pôc plui che 20 agns. A sol varès podût lâ sù se il cardinâl Mazzarini a nol fos muart di maladie.Mazzarini al veve cjapât il podê dopo le muart dal pâri che a lu veve fat vignî parcé che al veve un grum di talents par negoziâ.Daspó, al si dîs che al vedi vût relazions cu le regjine e che Vigji XIV a nol sarès âltri che so fi. Dopo di Mazarin, al é lât sù Colbert gracie a une racomandazion di Mazarin, juste une dí prime di murî. Colbert al jere chel che al si ocupave de fortune di Mazarin che, al si dîs, al jere deventât plui sior che il re. Al é Colbert che al à tacât a meti tal cjâf al re e ai francês, che al bisugnave favoregjâ i prodots francês e pusibilmentri, sabotâ chei stranîrs.Chiste regule a jé ancjemó valide al dí di vuê.
Pal manichin cence peruque, imagjine di viodi le mê côce, al é compagn:-) Dutcâs no sai plui fâ fotos parcé che al é partît jar par lâ dal sartôr.
O larai invezit tal museu a pene che al sarà pront...Ma o ai di fâ ancjemó une cameriêre che a siervís le cjicolate al re:-)
Mandi

Anonimo ha detto...

Scuse Jaio, quanc che tu as finit cun che camarele, me imprestitu? Mandi, storic/arteografic/scritor!
Frank

Jaio Furlanâr ha detto...

Frank, no crôt che tu sedis plui mone di me:-)(Viôt ce che al diseve Boileau)
O pues imprestâti un martiel o un pinel ma le to pene a é miôr de mê e tu pues stâ cence le mê camarele. Mandi

Anonimo ha detto...

Buona domenica Jaiò :-)
chiassà se sei stato anche a Vezio...
capucine