I miei Video clips furlans

Loading...

02 giu 2010

Torrevieja


Le storie locâl a si drece dome sul sâl e sul mâr. Cualchi talian vignût dal ream di Napoli al timp dai Borbons e an lassât il lôr non in tune strade o in tune place. Nissun furlan, ancjemó . Ma s’o sês stâts tai alpins, il 24 di avrîl o podês lâ ae sfilade dai veterans jenfri i spagnûi, i inglês, i olandês e vie vie.
Pal rest, se si cjale lis cjasis, a son pôcjis chês che a àn plui di cent agns. Di fat, no ‘nd é nuie di viodi. Come a Lignan, a si và par vie dal mâr ma achi ancje par vie de temperadure e dal sorêli presints dut l’an. I lâcs salâts dal interni a siervissin a fâ il sâl da plui di 1000 agns. ma gracie ai lâcs salâts al si cree un microclime che al fâs sopuartâ miôr i frêts e i cjâlts par vie dal sâl che al tire le umiditât dal aiar e cun chest, il clime al é un dai plui dôlçs dal mont e al fâs un grum di ben a chei che a àn i reumatismos o artrite o l’asme…Dal rest, a si disarès che ducj i pensionâts dal nord Europe a son lí a scjaldâsi i vuès seben no ai viodût in nissune cjase il riscjaldament ancje se al esist.
Cun 325 dîs di sorêli ad an, e plui di 19° di medie anuâl, un grum di int a dopre dome il scjaldin dal bagno.
Lis plois, a rivin massime in otûbar ma cuant che a rivin, lis tradis a deventin flums parce che le vile a é cence tombins e cence gornis. Par fortune a si svueidin in tic e tac a pene che il sorêli al torne e al torne amancul 6 oris in dí.
Le nature a é plui che mediteranee, a si disarès africane. Alí, i arbui des stradis e dai parcs a son lis palmis, i pins e fintramai baobabs.Lis cîsis di ibiscus e abutilon che si viôt dapardut, a dan une arie esotiche ancje se un grum di int a preferís di vê un curtîl piastrelât che di vê un zardin. Chest, forsit, parce che i trê cuarts des cjasis, come a Lignan, a son dopradis dome in te stagjon turistiche. A chest proposit, o fasarês come me : Invezit di lâ in albergo, o fitais un apartament o une vilute che, par 250 ae setemane o podês lâ in 4 o sîs. Alà, dut al é fat par vivi di fûr e nissune cjase a é cence une terace e scuâsit simpri, i tets a son doprâts par fâ un solarium o un zardin.
Da l’aeropuart di Elche, dongje Alicante, a si met une orute par lâ a Torrevieja. Al esist un grum di pusibilitâts ma al bisugne stâ atents di no rivâ masse tart di sere o masse adore di dí.

A Torrevieja é successo più in questi ultimi trent’anni che nei mille anni precedenti. Questo, si vede viaggiandoci dentro. Praticamente, é una città come Lignano ma in più grande. Solo case nuove che in maggioranza sono vuote al di fuori della stagione turistica. Da più di mille anni, si continua a produrre il sale dalle lagune salate dell’interno ma da trent’anni s’é scoperto che contribuiscono ad asciugare l’aria e a produrre un microclima che dà in media annuale 19.5 gradi centigradi con un minimo di 6 ore di sole al giorno per 325 giorni all’anno. Questo é anche eccellente per quelli che soffrono di artrosi, reumatismi e asma. Allora si costruisce in grande e in piccolo. Villette a schiera per i pensionati
Inglesi, olandesi, tedeschi e altri nordici modesti e villotte e castelli per i nuovi russi o ricchi di ogni provenienza. L’Italia, scoperta dai primi turisti inglesi nel 700 é, da un bel pezzo, diventata troppo cara per quelli che cercano solo sole e mare e troppo pretenziosa per quelli che cercano di più. Allora tutti a Torrevieja, o quasi. Lignano e Grado messe insieme con Rimini non attirano più i tedeschi di prima e per i polacchi, cechi, slovacchi e ungheresi, non fanno caso alle strade senza tombini e le case senza grondaie, tanto, piove poco e quasi mai durante le vacanze.
Eppoi, a Torrevieja il mediterraneo é ancora più africano che in Sicilia. Lo si vede nelle piante che adornano i giardini e le strade, ci sono perfino i baobab. Nessuno quasi và in albergo perché costa di meno l’affitto di una casa ammobiliata. Niente tasse di soggiorno e niente spiagge da pagare. Niente lungomare per privileggiati. Dalla strada al mare c’é solo qualche metro su una lunghezza di 15km.
Lingue parlate ? Tutte. O quasi. Sopratutto l’inglese e il valenziano ma anche lo spagnolo ed il russo.
Pochissimi gli italiani sebbene alcune strade e piazze siano dedicate ai napoletani emigrati a Torrevieja al tempo dei Borboni.

1 commento:

frank spada ha detto...

Sì Jaio, complimenti per l'interessante servizio fotografico, ma quanc cal pluf? Se un nol sa nadà... glu-glu-glu-glu e mandi, veh!