I miei Video clips furlans

Loading...

22 lug 2010

Arconati Visconti di Gaasbeek

Un grum a no san che chest biel cjistiel di Gaasbeek al jere di proprietât di une famee taliane e che Paolo Arconati Visconti le à vude in ereditât cun altris proprietâts in Belgjo tal1797. Ma seben che il Paolo al sedi fintramai deventât par cualchi mês ancje il syndic di Bruxelles (Forsit par vie che al possedeve ancje il plui biel palaç de Grand Place di Bruxelles, le uniche rôbe che al vedi fat, a é une monade: un arc di trionf fat sù in onôr di Napoleon te so proprietât di Gaasbeek.
 Daspo dôs gjenerazions, le ûltime dissendent Marie Peyrat Arconati Visconti ('te foto), no à vût fruts e alore prime di murî tal 1921 e à lassât il cjistiel al guviern di Belgjiche e lis plui bielis sculturis e cuâdris al Museu dal Louvre indulà che a son in tune sale clamade apont la sale Arconati Visconti.

A é une biele escursion che o fâs ogni vôlte che o ai ospits in cjase. O ai discuviert cussí che il steme de Alfa Romeo al ven de stesse famee e o podês ricognossi achi scolpît tal len di rovar un dai madracs.clamât ancje biscione. Vuê il cjisciel al si cjate sot dal control dai fiamingos e chest, diu nus vuardi, se o lais lí cence cjacarâ le lôr lenghe al somee che no sedis i benvignûts. I libris e i depliants a son scuâsit dome in nerlandês e se o lais tal ristorant ae entrade, al é miôr armâsi di pazieze par sei siervîts dome dôs oris dopo ancje se nondé int. Mai viodût int cussí mone.
Gaasbeek é un borghetto vicino a Bruxelles ma in area fiamminga. Ma ció vuol dire che ci andate in meno di mezz'ora ed é una bella escursione quando avete già visto tutto a Bruxelles.La visita si fa solo con una guida per via che non vogliono rischiare danni ai quadri, mobili ed oggetti. Durata, circa meno di un'ora per il castello ma potete rimanere anche tutta la giornata nella foresta e nei prati della proprietà. Si scopre cosí che dal 1797 il proprietario del castello era la famiglia Arconati Visconti e che l’ultima discendente, Maria Peyrat ((Nella foto) non avendo avuto figli, fece dono del castello allo stato prima di morire all'età di 84 anni nel 1923.
 Dettagli curiosi:
-Il comune di Bruxelles rifiutó il regalo per via che gli sarebbe costato troppo caro di mantenerlo…
- Lo stemma della famiglia che ho trovato scolpito nel rovere di una colonna all’interno della biblioteca, é formato da due biscioni invece del singolo biscione dello stemma dei Visconti che poi si trova anche in Germania, Francia, Polonia, Milano e Veneto e nello  stemma dell’Alfa Romeo.

Se visitate il castello, meglio portare i vostri panini per fare un pic nic perché il ristorante fiammingo non é veramente da raccomandare né per i piatti mal serviti, né per l'attesa che secondo la lingua che parlate, puó durare anche due ore.Difatti, sembra che tutti i fiamminghi stiano diventando tanto nazionalisti da guardar male anche i turisti che non parlano la loro madrelingua.
Esempio: i libri e i depliants sono quasi tutti solo in olandese.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

vuoi dire che se vado a Bruxelles mi tocca imparare l'olandese?
allora prima vado in Olanda!
;-)
Chapù

Jaio Furlanâr ha detto...

No, prima vieni da me che cosí ti faccio da cicerone

Giulia ha detto...

Castello, foresta e prati...tre peraules che i adori...cuisà tropes fotos da fa poi!