I miei Video clips furlans

Loading...

23 lug 2010

Cjicolate Vernost / Cioccolato e cultura



La cualitât de cjicolate seont i cognossidôrs a si misure in tal parcentagjo dal cacao ma seont lis feminis e i fruts, che su chiste tiere a contin di plui, al sarès invezit tal parcentagjo dal sucar.
 In Americhe e in Ingletere il sucar al é il ré dal cumierç e alore lis feminisi e i fruts a si misurin plui in largjece che in altece che tar chei altris paîs. Dome in Friûl, paîs de misure, de int serie, di polente e luanie, di vin e di frico che dome le frice a sorpasse juste prime di un pater noster par vie des aves mariis... in te cjicolate, a nondé sucar e, che o sêpi jo, a nondé nancje cacao ! 
Bisugnarès duncje che cualchidun al si svêi par meti sù une vere cjicolaterie par murî di fan parcé che nissun i al comprarà a part i turiscj di Lignan e di Grado, che no vegnin mai d'unvier cuant che le cjicolate a và miôr di vendi.A mancul che un Illy, une dî o chê altre al si meti a zontâlu cul café...
 Insomis, us disarès che in Belgjo indulà che prime dal 1900 al jere considerât il secont paîs plui industrializât dal mont dopo de Inghiltere, le cjicolate a si faseve dapardut e alore a é nassude le cjicolate belghe. Nêre come il cjarvon di Marcinelle, a scuignive no vê masse blancjis porcariis drenti come il  sucar e il lat in polvar. Ma fin cumó, nissun nol veve olsât a lâ plui in là dal 87% di cacao. Dome jo lu ai fat. Cul gnô dîs in frice o scuignivi vê ancje un dîs in cjicolate ma intindinsi, dome par cerçâlu e alore lu ai cerçât.
 Al si clame Vernost Kacestvu. Al ven de Russie e al rive ae astronomiche percentuâl (Se us poe miôr) di 99% di cacao. Si viôt benissim che i rus, che a son piês dai furlans pal bevi ma che cul âlt parcentagjo di bielis fricis che an a scuignivin meti sù ne cjicolaterie che a fasedi miôr di dutis e alore cemût îse chiste cjicolate? A 99% di cacao e un par cent di spongje di cacao a nol pues sei che plui nêri che il cjarvon di Marcinelle cun dut il funerâl dai 136 talians muarts par tirâlu fûr ven a stâ il Vernost clamât ancje VK e al cji lee tant in bocje che par parâlu jù a tu scuens bevi alc. Furbos i rus. Dutis lis scûsis a son buinis par fâ bevi ma tal paîs indulà che te medie ete il té al jere inmó  le monede nazionâl siberiane, a no si bêf dome vodka, massime cu lis feminis che, us siguri, a no an pôre dai vuestris dincj marons se o i fasês une bocje da ridi prime di fâur un compliment ae ore dal te. 

Glossari
Cognossidôr = Tirât dal inglês connoisseurs come lôr lu an tirât dal francês connaisseurs e che nol bisugne vê pôre di adotâ par no fâ come ducj i talianots e disi esperts in cjicolate o in gastronomie o bongustârs che al và ben dome par cjacarâ cui vescufs o i napolitans se a deventin presidents.
Parcentagjo = O percentegjo. Gnove peraule plui furlane che percentuâl che i talianots universitaris a fasaressin ben di adotâ par no fâ crodin che plui a van a scuele e mancul a  capissin il furlan.
Nondé = Vecje contrazion aromai adotade par simpri in ducj i manuâi al di fûr des bibiis uficiâls par dî  no 'nd é che nissun al sà scrivi seben a si dopre ogni dí.
Se ti poe = Espression poetiche che và di mode e a ven de literadure personâl doprade par fâ rimis tes cjançons invezit da dî educatamentri a scuele s'a ti plâs, s'a ti và, e volgarmentri in strade se ti caghe, se ti sbore e vie indenant:-)

Voltaduris = Traduzions dal furlan cence pôre di scartâ lis regulis. Baste che si cjacari de stesse robe massime tar chest blog.







Secondo i buongustai, il cioccolato di qualità si misura con la percentuale di cacao ma secondo i bambini e la maggioranza delle donne, si misura nella percentuale dello zucchero.
Allora, la vecchia Inghilterra prima e la nuova poi, prima di diventare esperti in commercio all'americana per poter meglio misurar la gente s'é messa a misurarla anche in larghezza e profondità in più dell'altezza ed hanno commercializzato il cioccolato con la più bassa percentuale di cacao!
In Friuli invece, paese più misurato di tutti, a parte qualche scarto con la polenta e il frico, il vino e il sesso, le ave marie e i paternoster, nel cioccolato, non c'é zucchero e, che io sappia, non c'é neanche cacao. Allora cosa c'é? Niente, appunto, bisognerebbe che qualcuno si metta a far cioccolato come Illy ha fatto col caffé. Cioé, mai cercar di vendere in Friuli dove mai nessuno si fida del vicino ma vendere nel resto del mondo dove ci si fida solo della qualità dal momento che  la pubblicità é sufficente.
Tutto ció per dire che in Belgio, paese che prima del 1900, senza pubblicità era il secondo paese più industrializzato del mondo dopo l'Inghilterra, il cioccolato si faceva dappertutto come la birra, e allora, per forza, alla birra più bianca, anche il cioccolato più nero. Anzi nero come il carbone di Marcinelle che più nero non si puó.
Si, si puó. Con tutti i miei dieci in condotta mi meritavo anche un dieci in cioccolato. Fin'ora il cioccolato più nero che avevo trovato in Belgio aveva 87% di cacao e il resto rimaneva in polvere bianca dove lo zucchero ed il latte erano le polveri più riconoscibili.Ho dunque dovuto provare una sensazione più forte, quella della polvere di cocaina non m'interessava e allora sono arrivato al cioccolato con 99% di cacao. Cosa inverosimile perché per tener insieme il cacao in polvere in un quadrettino compatto, l'un per cento che rimane non poteva essere che burro di cacao. E cosí cosa succede? Che il cioccolato ti lega in bocca come un caco verde. Chi non avesse provato un caco verde, posso dire che se non bevi subito qualcosa, non lo sai inghiottire né sputare ed é appunto quello che si deve fare: Bere!
 Peró la sensazione é forte, l'amarognolo del cacao che ti blocca la gola si disfa poco a poco con quello che bevi. Cosa si beve? Ci sono i vini consigliati dagli enologi che sono spesso dei moscati o  i vini bianchi liquorosi ma non seguite i loro consigli perché é meglio per il gusto del cioccolato bere qualcosa di più neutro e per la linea, di meno alcolico.
In Russia, nel paese dove tutte le scuse son buone per bere, non si beve solo vodka e non si mangia solo male. Nel paese dove ancora nel medio evo il té era la moneta nazionale siberiana, hanno creato questo cioccolato per fare meglio di tutti e cioé, per convincere gli uomini a sorridere alle donne senza aver paura di mostrare i denti bruni di cacao quando si siedono con le donne all'ora del te. Inutile dire che l'alta percentuale di belle donne bionde che inquina la Russia incide poco coi denti bruni e si finisce per apprezzare e godere degli uni e delle altre.
Meglio di cosí non si puó e più nero del Vernost Kacestvu non si arriva. La confezione é stata disegnata dal designer Art Lebedev che come il cioccolato, invece di avere un nome americano ha un nome impossibile da ricordare ma che comunque bisogna conoscere.





5 commenti:

patrizia ha detto...

mandi jaio
ancje in friul
si cjate le cjocolate al 99%
le ài comprade (4 stechis)
e le ài mangjade dute jò
al mio omp le à dome cercjade.
sì, e jè mareose
ma dopo si fas le abitudine
e si le mangje vulintir.
pecjat che non d'ài plui.
p.s. jò o soi astemie o bef dome aghe.

maman e bon fin di setemane.

pat

Jaio Furlanâr ha detto...

Dimi indulà cjatâlu che cussí o voi a comprâlu cuant chi passi di là e po al pues siervî a di chei che passaran par achi tal blog tai siecui a vignî:-)
Pecjât che no lu savevi prime, mi varès plasût di plui fâ piruetis par un furlan su ches post.

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio,
ti ripuarti il scrit ca mi veve mandât un amì, une sorte di simposio su le Čhocolate:
"Vi sono ottimi cioccolati in commercio, alcuni prodotti da artigiani minimi, altri da realtà più grandi ma non per questo meno qualificate.
Partiamo dal presupposto che non ho il dogma del "piccolo è bello": nel caso del cioccolato c'è da dire che, se i piccoli produttori hanno la passione e la cura per il procedimento, i produttori più grandi hanno la possibilità di acquistare materie prime di miglior livello (perché operano sul posto) e dispongono di macchinari che evitano quelle piccole sbavature che possono molto compromettere la qualità del prodotto.
Per darti un'idea, basta 1,5° di extra temperatura nello scioglimento della massa di cacao per provocare una forte perdita di profumi: alle volte, in un laboratorio artigianale basta chiudere due finestre e la frittata è fatta.
Io ho la venerazione per il cioccolato Domori, in particolare per i cru venezuelani, speziati e con un pressoché unico retrogusto di ricotta che arrotonda la lingua.
Però quando non trovo la mia droga, trovo che la barretta di cioccolato Grandi Cru di Lindt, varietà Ghana, sia decisamente buona e ad un prezzo conveniente."

Cussì ti segnâli che Illy, tramite internet, al vênt ancje Čhocolate
"Gruppo illy è la holding della famiglia Illy che oggi, oltre a illycaffè, controlla Domori, azienda di
cioccolato di alta qualità".
In chest periodi, però, tal sît Illy Shop a no vîot la Čhocolate, forsit propite par vie dal cjalt ma le vevi viodude tor Nodâl.

Jaio Furlanâr ha detto...

Interessant di savê che ancje Illy al matee cu le cjicolate. Si, o crôt che al sedi par vie de temperature, i artigjans a vendin dome le cjicolate sul pues dulà che le fasin e al é plui facil di tignîle sot control fin cuant ch'a é vendude. Ancje la Ferrero, d'estât a no si cjate.
Mandi

patrizia ha detto...

a ri mandi
le vevi comprade al grossmarket,
su le statal udin gurize, a pradaman.
ma il grossmarket al è stat siarat
a nadal da l'an pasat
dopo che i dipendents e jerin las sui cops dal capanon par proteste.
e jere une une ciocolate industrial un non di chei grues,
la Lindt Excellence 99%

chiste:

http://www.ciao.it/Lindt_Excellence_99__234998

mi plasares tornà a mangjale :-) ;-)