I miei Video clips furlans

Loading...

04 lug 2010

Il dîs in frice / Il dieci in condotta



No ai fat inmó nissune piture e nissune cjançon sule frice. Bisugne dî che cun dut ce che andé (a nd’é) sul web o ai simpri pôre di colâ tal porno.
Daspó, bisugne ch’o disi ancje chi soi stât tirât sù dai prêdis. Da lôr,le frice no jere le materie principâl che a si studiave a scuele ma le mê curiositât naturâl mi à fat meti drenti il nâs prime di meti alcaltri.
Insomis, subite dopo le prime palpade clandestine sot de cotule de vicine fate par ridi o par fâ il mone, jo come ducj, o scuignivi metimi a cirî chê che no veve pôre di fâ sacrilegjos. Bisugne dî che  in chê vôlte, lis mulis a jerin come lis muiniis e a lavin ator cun trê pâr di mudandis dôs cotulis sot e trê cotulis sôre. Insomis, a no molavin le frice che dopo sei maridadis o ben dome dopo mil ave mariis, salveregjinis, credos massedâts aes litaniis, preieris, ûs di pasche, dominus tecum imparâts a dutrine e folc cji trai e và sul ostie arlechin e colombine che ti vegni un colp te rime J.
Duncje, o ai scuignût menâ il cîl e le tiare par podê sodisfâ le mê curiositât parcé che fin ae etât de crucifission, o mi sintivi masse mone par fâ il serio.
Fortune che,  te deum laudamus, o soi lât a stâ tal forest, indulà che le religjon a no jere rivade inmó a fâ crodi che une taconade, di bessôl o in compagnie al jere simpri un pecjât mortâl.
 Alà, pal sès, a no si faseve tantis storiis. Li, al podeve sucedi che le mâri a mandave il frut a balâ e dopo vêlu petenât e profumât, a i dave ancje il salam da meti in te sachete...
-Cussí a tu pues fâlu sintî a chês mulis tant che tu  balis! E zontave:-)
 Dai salams cussí, no vevi nuie bisugne parce che o jeri avonde salam di bessôl e che lis mulis a capivin distès che se alc al si moveve alà in bas a jere ore di lâ fûr par viodi ce che al podeve sucedi sôre lis sustis di un jet di fortune.
Finalmentri, dopo un grum di scussadis di zenôi e comedons, cuant che i soi colât su chê buine, o ai capît che a sarès stade le ûltime e seben che no sedi fat di len, o soi rivât a tignî peraule.
Ma chel ch’al sà che al mi plâs di massedâ le poesie dal Baffo cu lis mans te arzile, a nol sarà di sigûr scandalizât se par rispuindi al Zorç le Moschete e par onorâ lis feminis o varès cirût di vê un dîs in frice ancje jo. Il baffo al diseve che il signôr al varès vût di fânus nassi cun  dôs bighis. Cussí, dissal, se cji mole chê par denant amancul a ti tire chê altre par daûr.
E alore, in onôr di chel che no i và di cirî masse cuant che  al é di presse o ai mitût il cûl, lis tetis e le frice tal stès puest. Prime in disegn, daspó in vasut e finalmentri in monument.



Per Giorgio Baffo, poeta barone veneziano, dio ci ha fatti male. Avrebbe potuto farci con un sesso davanti e uno dietro, cosí, a parte il fatto che se uno ti molla, ti puoi servire dell’altro, potresti facilmente fare la fetta di salame di un eccitante panino. Con lo stesso spirito pensavo a come si potrebbe moltiplicare il piacere nei nostri rapporti con le donne ed ho fatto questo disegno col PC. Immaginate già le nuove mutandine string ? Neanche io. Sono troppo occupato ad immaginare quanto il piacere potrebbe essere intenso se le tre zone erogene principali fossero disposte tutte insieme. Prima di tutto, non si dovrebbe cercare tanto per trovarle. Poi, le donne potrebbero, anche con l’uomo più innocente o ignorante, trovare il piacere che cerca con la zona che più le piace senza dover dare spiegazioni all’uomo che del resto, troppo occupato con se stesso, non capirebbe niente. Naturalmente, se l’uomo avesse due sessi, non si puó discriminare la donna e l’immagine che vedete, dovete credermi, é il di dietro. Comunque, se l’avanti é lo stesso, bisognerà decidere come chiamarli stando al fatto che non ho ancora deciso se la donna avrà anche due facce. Nel frattempo mi godo il piacere di immaginare quanto sarebbe interessante di sentire i seni e le chiappe di dietro tra le mani mentre si stringe contro di sé le due tette del davanti giusto lí nel nuovo vado-e-vengo che si trova nell’interstizio…
Sarà il mio prossimo vaso per caso prima di farne uno monumentale di due metri che é già venduto prima che l’argilla abbia preso la forma.
Il prossimo, lo dedicheró ai gay…Almeno che sia per le lesbiche, poiché il davanti e il di dietro  saranno di sesso differente, ciascuno troverà il suo punto di riferimento. Grazie Giorgio Baffo.

5 commenti:

DoneBete ha detto...

Mandi Jaio,
mi soi pensade da l’Artemide Eresia ... conservata nel museo Archeologico di Napoli, una replica romana in alabastro della statua del santuario di Efeso, simbolo di fertilità e di forza vitale, ben espresse dalle numerose file di mammelle pendule, alle quali fanno da contraltare i poderosi scroti dei tori sacrificati. La dea dai molti seni ha un grande ascendente sugli uomini e sugli dei, infatti sia gli uni che gli altri la cercano e la desiderano e lei può ottenere tutto ciò che vuole. Le donne la guardano viceversa con stupore ed invidia per l’autorità ed il potere che possiede. Al suo cospetto le mani vogliose dell’uomo rimangono incerte su quale seno afferrare e finisce per stringerli tutti assieme appassionatamente, rischiando di soffocarne qualcuno.

http://www.guidecampania.com/
seno/foto/007__ARTE.JPG

Anonimo ha detto...

Baste che nol si scjafôi di bessôl cun tante passion:-)

frank spada ha detto...

Da corvat a scusson a mi sta ben, ma cumò no l'ha di svoli vie, eh, sior Jaio.
Mandi

Anonimo ha detto...

non oso immaginare come possano diventare i seni...
Chapucine

Jaio Furlanâr ha detto...

...Appunto, sto cercando un modello con le tette nel culo...O il culo al posto delle tette, non só più:-)