I miei Video clips furlans

Loading...

26 lug 2010

Week end

Se n'é andata stamattina la merletta che avevo trovato ferita sabato nel laboratorio. L'avevo messa in una gabbia ed avevamo trascorso il WE insieme. Sembrava pronta a passare il resto della sua vita con me con un'ala fuori uso. Invece se n'é andata stamattina dalla porta che avevo lasciata aperta. Difatti era meno invalida di quanto sembrasse. Mi resta mezzo chilo di pâté di vermi e insetti. Lo daró ai piccioni o alle cinciallegre.Almeno che la gatta non la riprenda di nuovo...

A si é sindilade le mierle chi vevi cjatât sabide paralizade di pôre tal laboratori. O le vevi mitude al ripâr de gjate in tune gabie cjatade in cjase. A someave pronte a stâ cun me pal rest de sô vite cun tune svuale feride. Invezit, dopo un WE di polse  vuê di buinore le ai viodude saltâ fûr de gabie, chi vevi lassâde vierte, e svulâ vie. Si viôt che no jere propite tant invalide. Al mi reste mieç Kg di pâté fat di vierms e insets. Lu darai ai colombs e aes parussulis sperant che le gjate a no torni a puartâme dongje...

4 commenti:

DoneBete ha detto...

Ce biele storie, Jaio, tu che tu passis il WE cu le mierlute, a samee une conte a la Sepulveda "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare" cuissà che le gjate a no vedi organizât le fughe!

Jo, dopo tajât la jarbe tal zardin o ai cjatât un scarabeo di ceramiche e, sot il figâr, une monetine di 20 centesism, dal 1940 Vit. Em III, conservade perfete.
O ai une idee: ca sedin un copie di chêchis (gazze ladre) ca van in zir a fa robariis e dopo a mi li puartin a mì.

Mandi

Jaio Furlanâr ha detto...

Ondai a pene sintude une su lis chechis: Un nôno che al veve rimproverât ai soi nevôts di vê robât ducj i clauts ch'al veve te rimesse.
Finche ae fin dal estât al à scuviert che il nît des chechis che al jere colât dopo di un temporâl, al jere fat di clauts e di jerbe:-)

DoneBete ha detto...

Ben, biele che dai clauts!
Lis primis chechis o ai scomenzât a vidiolis 20 agns fa. Le prime a jere une ca ere entrade in cjase e a si moveve senze nissune pore di no. Dopo, co eri lade sul lavadôr fûr cjase, je mi è montade sul cjâf a becotami il fermai co vevi tai cjavei. Al jere lusînt ma di che strade a mi à dat ancje cualchi colp su la crodie. O ai fat a timp a clamà mio nevôt ca l'à rivât a fami le foto.
In cjase a contavin da le cheche di un on ca si clamave Diamante, e je a blestemave come il so paron, ma a veve fat la fin di la a murì tal pignat da la polente.
Mandi.

Jaio Furlanâr ha detto...

Lis chechis a son daûr a moltiplicâsi plui che mai in dute le Europe. Achi da nô a no si cjate scuasit plui i passars parcé che lis chechis a son cussí furbis che a pene che a viodin i passars, a van a viodi indulà che a an il nît per robâ i ûs. Daspó, seben a son individuaistis, a son buinis di metissi in doi o in trê par fâ cuintri a un cjian o un gjat.E an pôre dome dai cuarvs ma no tant. O ai bielzà viodût une cheche che a provocave il cuarv e cussí, tant che i faseve cuintri, le seconde cheche i veve puartât vie il formadi:-) L'ûltime cheche chi ai cjatât a é stade piturade in tun cuâdri dai antîcs fiamingos( 1300)
Nô o vin vût invezit un colomp che al si jere mitût a vignî in cjase e al si lassave cjapâ come nuie. Al é restât trê dîs e po al è sparît.
Mandi o voi a mangjâ (Pès, no ucei:-)